Razzi Vostri | 25 giugno 2018 | prima puntata in diretta


Debutta questa sera su Nove la striscia quotidiana Razzi Vostri, con protagonista Antonio Razzi.


In onda dal lunedì al venerdì alle 21.20, ad affiancare l’ex senatore nel suo programma, ci sarà il comico Saverio Raimondo.

Seguiamo la prima puntata in diretta.

Ad aprire la puntata è proprio Saverio Raimondo, che entra in scena per preparare il pubblico: il compito è quello di annunciare Antonio Razzi. Siamo davanti a un discorso istituzionale: “Visti i sondaggi, possiamo dire che l’Italia è un paese ignorante, razzista e fascista. Ma ha anche dei difetti: i politici sono la minoranza più discriminata in Italia”. Sono infatti meno degli immigrati, e pure meno dei rom: li discriminano proprio gli elettori, una platea composta da persone con i peggiori difetti e capi d’imputazione.
Viene così introdotto Antonio Razzi: scimmiottando Giuseppe Conte e Luigi Di Maio, con cui Raimondo ha una notevole somiglianza fisica, la spalla sbaglia a fornire gli appunti.
Entrato in scena, da sopra il palco, Razzi apre gesticolando: “Accadde domani, nel 1963, John Kennedy pronunciò la famosa frase…”; Raimondo gli fa notare che sembra posseduto. Gli strafalcioni linguistici e storici proseguono, all’insegna di eventi accaduti il 25 giugno: tra le tante farneticazioni, con Raimondo che lo interrompe per correggerlo, è praticamente impossibile pronunciare il titolo Somewhere over the rainbow.

Conclusa la conferenza stampa, mentre si sente la folla che applaude, Razzi e Raimondo si ritirano nelle private stanze per decidere la strategia comunicativa: il comico tenta di insegnare il congiuntivo. L’altro gli risponde che è proprio per questo che è stato assunto Raimondo: scrivergli i congiuntivi.
Ascoltiamo così una delle perle di Razzi: “A cattivo lavoratore, ogni zappa fa dolore”, summa della saggezza popolare incarnata dal leader sgrammaticato.
Dandogli del “grande statista”, Raimondo si rivolge al pubblico: “Ricordatevi che l’avete votato voi, e per ben tre volte: assumetevi le vostre responsabilità”. E naturalmente, ciascuno si faccia i “Razzi propri”.

Nella confusione che impera, l’invito è a non lasciare Razzi solo perché, come detto in apertura di puntata, anche ora che è fuori dalla politica, ha comunque un mutuo da pagare. Anzi, a dire il vero, i mutui sono due.
La striscia si conclude dopo soli 10 minuti, prevista invece della durata di 15 nella guida tv. L’appuntamento è domani alla stessa ora.



0 Replies to “Razzi Vostri | 25 giugno 2018 | prima puntata in diretta”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*