Tu sì que vales | Puntata 10 novembre 2018 | Diretta


Tu sì que vales | Puntata 10 novembre 2018 | Diretta. Settimo appuntamento con lo show di Canale 5 dedicato alla scoperta dei talenti. L'ospite della serata è stato Irama. Attesa in studio anche Giulia De Lellis, la sua nuova chiacchieratissima fiamma.


Questa sera , alle 21:10 su Canale 5, andrà in onda la settima puntata stagionale di Tu sì que vales, lo show Mediaset dedicato ai talenti più eclettici e stravaganti.

Ospite della serata il cantante Irama, con un medley dei pezzi del suo album “Giovani”, già in cima alle classifiche. Attenzione anche alla presenza in studio di Giulia De Lellis, sotto i riflettori negli ultimi giorni per la love story con lo stesso Irama.

Alla conduzione Belen Rodriguez, Martin Castrogiovanni e Alessio Sakara, mentre sulle poltrone della giuria siederanno, come sempre, Maria De Filippi, Rudy Zerbi, Teo Mammuccari e Gerry Scotti. Ad Iva Zanicchi il compito di presiedere la cosiddetta giuria popolare.

Si ripete la sfida degli ascolti con Portobello, condotto da Antonella Clerici su Rai1, anche se finora Tu sì que vales ha dimostrato di non avere rivali, tanto che sabato scorso ha fatto registrare il record di ascolti.

Seguiamo insieme la diretta.

In apertura, Gerry Scotti rispetta la tradizione e chiama sul palco “Tip e Tap”, il duo di mimi che ogni settimana si cimenta in improbabili numeri di mentalismo.
Stasera sollecitano i giudici con quelle che loro chiamano “esperienze sensoriali”.
Per Rudy Zerbi – che con Tip e Tap ha un rapporto complicato – c’è una vera scossa elettrica scaricata a sorpresa dalla sua poltrona.

La prima esibizione è un numero a metà tra la illusionismo e uno spettacolo teatrale in maschera molto apprezzato dai giudici e dal pubblico. Effettivamente molto bravi.

Il secondo spazio è dedicato ai “Wolf Bar”, un quartetto impegnato in una disciplina che coniuga la danza con le trazioni alla sbarra. Atleticamente notevoli, anche se non del tutto originale. Teo Mammauccari dice che lui non è rimasto impressionato e cerca di dimostrare che anche lui alla sbarra ci sa fare.
Alla fine, convince anche Maria De Filippi a provare.

Francesco Rubini è il concorrente successivo, un 78enne impegnato a cantare “Romagna mia”.
Ovviamente, è molto stonato. Il primo dei partecipanti fatti salire sul palco solo per il gusto di poterlo mettere in ridicolo.
Finisce con Francesco che balla con tre strambe ballerine brasiliane della “Scuderia Scotti”.
Al di là del giudizio che si può dare sulla scelta in sé – ormai diventata consuetudine, non solo a Tu sì que vales – non si capsice come certe cose possano continua a far ridere.
Giudici e pubblico lo fanno comunque andare avanti per la sua simpatia.
Segue una coppia di ballerini canadesi che danza mettendo in mostra prese acrobatiche ma molto eleganti sulle note di “Chissà se lo sai” di Lucio Dalla. Sono bravissimi e fanno il pieno dei voti.

Ancora una coppia, stavolta un duo comico. Statunitense lui, svizzera lei, portano in scena un numero divertente e anche piuttosto originale.
Ottimi voti anche per loro.
Francesca e Andrea sono i genitori di una bimba che nel 2016 si è ammalata di un tumore al cervello ed è morta un anno dopo. Ora, i genitori hanno fondato un’associazione in suo onore, che prende il nome da una canzone di Tiziano Ferro: “Chicca, il sole esiste per tutti”.
Questo perché la piccola diceva sempre di voler fare qualcosa, mostrando un acarattere molto forte.
L’associazione raccoglie fondi da donare ad un istituto tumori pediatrici di Milano.
Chicca
ha contribuito alla scrittura di una canzone prima di morire, che ora verrà cantata da un coro di bambini.
“Sento che mia figlia mi ha incaricato di portare a termine una missione e io voglio farlo per lei. È un modo per sentirla viva e vicina”, dice Francesca.
Tutti i giudici sono molto commossi. Teo Mammuccari propone anche di organizzare uno spettacolo con lo scopo di raccogliere fondi da devolvere all’associazione.

Ancora acrobazie, di nuovo con dei bravissimi atleti. Per loro un punteggio di 100 da parte dle pubblico e se anche tutti i giudici si alzano per andare da loro, andranno direttamente in finale.
Si alza solo Gerry Scotti, quindi ai due rimane un ottimo punteggio ma non la certezza di andare in finale.
Tocca a Raffaele e Benito, cantanti. Si cimentano in una canzone scherzosa scritta da loro. Altro esempio di concorrenti sul palco per essere ridicolizzati.
Il numero successivo è fatto di illusioni ottiche. Quelli che sembrano un divano e due scarpe, in realtà sono tre modelle perfettamente mimetizzate grazie al body painting. Molto bello.
Ora di nuovo un atleta, un giovane che si diletta in maniera funambolica con la corda, mettendo in mostra delle figure particolarmente complesse e a velocità elevatissima.
Belen Rodriguez si cimenta con la lap dance sul palco.
È il momento di Irama, il giovane cantautore monzese vincitore dell’ultima edizione di Amici.
Canta un medley delle sue canzoni, da “Bella e rovinata” a “Non mollo mai”. E al termine dell’esibizione gli vengono consegnati un triplo disco di platino, un doppio disco di platino e un disco d’oro per i suoi singoli.
Si torna alle esibizioni con le acrobazie spericolate del trial.

L’ultima parte di Tu sì que vales inizia con i “Bottle boys”, una band di quattro ragazzi che suonano usando delle bottigle come strumenti. Ovazione e standing ovation per loro, che sono bravissimi. Ottengono il 100% di voti positivi dal pubblico.
Poi tocca a Lucky Hell, un’artista mangiaspade che spinge la sua abilità oltre i confini cui siamo abituati, aggiungendo sensualità e un’atmosfra simile a quella del burlesque.
Dopo di lei un prestigiatore spagnolo che fa cose davvero stupende con le bolle di sapone. UN tipo di esibizione vista altre volte, ma in questo caso è stata performata davvero bene.
La puntata di Tu sì que vales di questa sera finisce qui.



0 Replies to “Tu sì que vales | Puntata 10 novembre 2018 | Diretta”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*