Il Collegio 3 | 5 marzo 2019 | Matias e Gabriele a rischio esclusione dagli esami


Il Collegio 3 | 5 marzo 2019 | Matias e Gabriele a rischio esclusione dagli esami. Il quarto appuntamento è stato segnato dall'esclusione di Marilù dalla gita e dalle gravi mancanze di rispetto nei confronti della Petolicchio, per cui Gabriele e Matias rischiano la non ammissione agli esami


Il Collegio 3 è tornato martedì sera, alle 21:20 su Rai2, con la quarta puntata stagionale. La  settimana precedente era stata segnata dall’autogestione sospesa e dall’espulsione di Evan e Michael, mentre negli ultimi sette giorni gli alunni, tra le altre cose, sono andati in gita.

Nelle intenzioni del Preside Paolo Bosisio e dei docenti, l’uscita avrebbe dovuto favorire il relax in vista dello sprint per gli esami di fine anno e riportare la calma nella classe, dopo i giorni burrascosi dell’autogestione.
Per molti ragazzi, però, anche la gita si è trasformata in un’occasione per contravvenire alle regole del collegio, finendo per alimentare la severità delle punizioni.

Anche durante le lezioni, i contrasti tra alunni e professori – soprattutto con la Petrolicchio di matematica – sono andati vicini al punto di non ritorno. Vedremo con quali conseguenze per i protagonisti.

Di seguito potete ripercorrere la diretta della quarta puntata de Il Collegio 3.

Tra le lezioni per imparare l’inno del collegio e quelle fisiche, il tentativo di rimettere in riga i ragazzi non sortisce effetti granché positivi.
In classe, qualcuno dorme, altri bisticciano con i Professori, altri li sbeffeggiano con una certa strafottenza. 
Mentre le notti sono spesso piuttosto agitate…
Tra il docente di Italiano Andrea Maggi e Matias Caviglia è il momento di un confronto sull’ultimo tema realizzato. Il ragazzo ha raggiunto un 6 più che dignitoso e il professore lo esorta a continuare ad impegnarsi.
Matias dice che ha altro per la testa – dice di pensare al calcio e agli amici – poi si lascia andare al racconto delle sue difficili condizioni famigliari. Ed è in quel momento che Maggi gli consiglia di stringere i denti proprio come hanno fatto i suoi genitori durante le difficoltà.
Intanto, la Professoressa Petrolicchio organizza un gioco di matematica, mettendo in palio una pizza. La trovata anima i ragazzi che si impegnano e riescono a fare cose buone. Alla fine, i migliori risultano essere Noemi Ortona, William Carrozzo e Gabriele De Chiara, che vincono la pizza.
Nella lezione successiva, si ripropone uno scontro durissimo tra Marilù Fazzini e il Professor Maggi. Marilù ha preso 4 e mezzo al tema e non accetta il voto, dicendo di essere stata sottovalutata. La sua indisponenza cresce prima di scoppiare in una crisi di pianto.
Sua sorella Cora prova a difenderla quando fa per uscire dall’aula senza permesso, ma il suo tentativo finisce solo per far inalberare il docente.

Al termine della lezione, il Professore si ferma a parlare con Marilù. Le fa notare che spesso sua sorella parla al posto suo e lo stesso fa lei con Cora. Il loro sodalizio sembra renderle più forti – dice Maggi – ma in realtà diventa un ostacolo alla ricerca di una propria strada e di una propria identità. Alla fine, le propone di cambiare posto e la porta al primo banco.

Per i ragazzi, nel frattempo è l’ora di una lezione sulle buone maniere, comprese quelle per rapportarsi con le ragazze con galanteria.
La nuova sfida viene dal Professore di Geografia, Luca Raina: anche lui organizza un gioco a squadre, in cui gli alunni devono indovinare le risposte sulla base di alcuni indizi.
I giovani sono contenti di giocare, ma pure in questo caso le gemelle Fazzini vanno oltre il limite non appena vengono richiamate una prima volta. Per tutto il tempo insultano il Professore, lo irridono e lo mandano al diavolo.
Luca Raina sente solo un borbottìo, ma non percepisce gli insulti.
La vicenda, però, ha sviluppi dopo la fine delle lezioni, con Marilù Fazzini che continua le sue invettive e minaccia di andarsene.
Marilù viene convocata dal Preside, che le chiede spiegazioni su quanto accaduto. L’alunna prova a negare, ma alla fine il Preside dimostra di sapere già tutto nel dettglio e lei non può fare altro che ammettere.
Bosisio minaccia di non mandare le gemelle Fazzini in gita, prevista per l’indomani.
Cora annuncia che andranno via se non potranno andre in gita.
Le gemelle sono molto nervose, ma non trovano la sponda da parte delle compagne: quasi tutte provano a farle ragionare facendo notare, però, che effettivamente hanno più volte superato il limite.
Il 4 aprile del 1968, Martin Luther King venne assassinato e agli alunni viene fatta vedere l’edizione straordinaria del TG1 dell’epoca. La cerimonia funebre tocca molto i ragazzi, che si rendono protagonisti anche di riflesisoni piuttosto profonde.
Durante la cerimonia a cui li sta facendo assistere il Professor Maggi, Cora e Marilù Fazzini non riescono a non pensare alla loro situazione e si confrontano confabulando con Giulia Mannucci. Il comportamento indispettisce l’insegnante, che fa uscire di nuovo dall’aula Marilù. Rimprovera anche Giulia, che la prende male.

Prima della gita, il Professore di Inglese David Callahan propone un ulteriore gioco alla classe. Inscena i preparativi della valigia, organizzando una sfida tra ragazzi e ragazze sul nome degli oggetti da portare con sé per il viaggio. Anche in questo caso le gemelle Fazzini si dissociano dalla classe, indisponenti perché ormai convinte di non andare in gita.

La lezione successiva è di Educazione Civica, con il Professor Maggi. Si parla di Resistenza e i ragazzi vengono chiamati a leggere ad alta voce le elttere dei condannati a morte della Resistenza ai loro famigliari.
I ragazzi sono molto toccati, esprimono sentimenti e riflessioni tutt’altro che banali.
Le gemelle Fazzini, però, continuano ad essere prese soprattutto dalla questione gita.
La lezione d’arte, come al solito, si rivela coinvolgente per gli studenti. Il Professor Carnevale prova a spiegare la corrente del Surrealismo e riesce a rapire l’attenzione dei ragazzi facendoli cimentare anche con un collage. Sono contenti e fanno dei buoni lavori, lasciandosi andare a riflessioni profonde.
Le gemelle Fazzini provano una mossa in extremis: scrivono una lettera indirizzata al Preside, con cui si prendono le responsabilità.
Il Preside Bosisio la fa leggere davanti a tutti in cortile, pochi minuti prima della partenza per la gita. Tuttavia, pur dicendo di apprezzare, rimane fermo sulla sua decisione di infliggere una punizione.
Marilù non può andare in gita. A quel punto, anche Cora si tira indietro: se il Preside non cambia idea – dice – lascerà il collegio.
Cora è letteralemnte fuori di sé, non concepisce l’idea di lasciare da sola sua sorella, mostrando, effettivamente, la natura quasi simbiotica del loro rapporto.
Marilù piange ed è triste, ma prova a prenderla con un atteggiamento propositivo: “Magari mi farà bene stare un po’ da sola, non sono mai stata sola”, commenta.

I compagni, intanto, vanno in visita in una fattoria didattica e si sistemano in giacigli improvvisati nelle capanne di legno della fattoria, dove dovranno dormire sul fieno, tra l’odore degli animali e senza gli agi di un hotel.
Cora Fazzini non gradisce…

In gita, si sa, gli animi sono elettrizzati all’idea di potersi divertire tutti insieme. Quache ragazzo esagera, lanciando sassi ai cigni nel laghetto. In generale, però, il clima è festoso e sereno.
Marilù Fazzini, dal canto suo, è impegnata al Colleggio con le punizioni previste per lei. Ne risente soprattutto quando è costretta a cenare da sola, ma in generale la sta prendendo piuttosto bene e dice di provare beneficio dal silenzio in cui è immersa.

Sempre a cena, per i ragazzi in gita è l’ora di sedersi intorno al fuoco con il Professor Maggi per leggere le poesie che hanno scritto. “Nell’antichità – dice il professore – riunirsi attorno al fuoco e raccontare le storie era un momento fondamentale della quotidianità”.

Molti ragazzi colgono l’occasione per dedicare parole e rifessioni molto belle ai famigliari, per esprimere i propri tormenti esistenziali. In particolar modo, Jennifer Poni è protagonista di un momento toccante.
Il momento più coinvolgente, però, è quello in cui il Professor Maggi legge al poesia dell’assente, Marilù Fazzini. Rivolgendosi a sua sorella Cora, esprime tutta la sorpresa e l’emozione per una poesia a suo dire bellissima. Si complimenta.
Cora, finora, ha vissuto la gita senza troppi patemi legati a sua sorella, ma la sua tristezza e la sua preoccupazione sono crescenti. Marilù, invece, è contenta di come sta reagendo e dice di aver capito che può vivere senza il bisogno di avere sua sorella sempre al suo fianco.

Il risveglio muscolare del mattino seguente è traumatico per tutti.
Soprattutto Giulia non è affatto entusiasta.
Immediatamente dopo è l’ora di tornare in Collegio.
Appena arrivati, Cora corre ad abbracciare sua sorella insieme a Giulia e le raccontano la loro esperienza preistorica. Marilù racconta soddisfatta i suoi giorni di solitudine e poi legge una lettera scritta a sua sorella. Tra le righe c’è tutto l’amore per Cora e le emozioni legate al loro rapporto. Ma c’è anche un messaggio nascosto: la solitudine l’ha fatta crescere e le ha fatto capire che può stare da sola. Cora capisce ciò che vuole dire, la abbraccia, però si rabbuia per questo messaggio.
Il ritono alle lezioni è segnato dalla lezione di Matematica della Professoressa Petolicchio.
Sono tutti assonnati e distratti dal post-gita e la lezione non ingrana. Con la testa ancora in vacanza, i ragazzi rumoreggiano e Matias Caviglia arriva ad irridere pesantemente l’insegnante.

La situazione precipita nell’ora successiva, quando la Petolicchio torna in aula per una supplenza. Durante una prova di evacuazione la classe di fatto bullizza la docente.
Allora, arriva il Preside, che decide di proseguire la lezione in prima persona.

A notte fonda, i ragazzi decidono di abbandonare le camerate per andare a mettere a soqquadro l’aula. Il tutto finisce anche con una partita a calciotto in cortile. Il Sorvegliante li coglie sul fatto e annuncia dure sanzioni.

La dura presa di posizione del Preside arriva il mattino seguente. Dopo il rimprovero, i maschi vengono costretti a portare tutti i banchi in cortile per poi pulire a fondo l’aula.

Le ragazze prendono in giro i compagni maschi durante le pulizie e la punizione si trasforma in un gioco divertente per tutti.

Segue la lezione di Italiano del Professor Maggi. Una nuova sfida tra ragazzi e ragazze su ortografia e grammatica. In palio c’è una torta al cioccolato. Vincono le ragazze.
Poi si consuma un altro round tra la classe e la Professoressa Petolicchio. Gabriele De Chiara e Matias Caviglia esagerano talmente tanto che a rimproverarli sono gli stessi compagni. Fischiano a più riprese e prendono apertamente in giro la Petolicchio.
Dopo essere stati espulsi dall’aula, per loro arriva la convocazione da parte del Preside. Per loro è a rischio l’ammissione agli esami finali.

Nella classifica della settimana – in cui primeggia Nicole Rossi – i due risultano “non classificati”. Ma la punizione la conosceremo la prosisma settimana.

La quarta puntata de Il Collegio 3 finisce qui.



0 Replies to “Il Collegio 3 | 5 marzo 2019 | Matias e Gabriele a rischio esclusione dagli esami”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*