Ciao Darwin 8 – Terre desolate | diretta 22 marzo | Trionfa il Gay pride


Va in onda la seconda puntata di Ciao Darwin 8 - Terre desolate. Nello show condotto da Paolo Bonolis e Luca Laurenti ci sarà la sfida tra Family day di Povia e Gay Pride di Vladimir Luxuria.


E’ andata in onda, alle 21.25 su Canale 5, la seconda puntata di Ciao Darwin 8 – Terre desolate, con la conduzione di Paolo Bonolis e Luca Laurenti.

L’intramontabile show, che ha esordito nel 1998, è basato sulla sfida di due squadre rappresentanti categorie umane antitetiche che affronteranno diverse prove al fine di vincere la puntata.

Questa sera tocca alla squadra del Gay Pride capitanata da Vladimir Luxuria che sfiderà la squadra del Family day del cantautore Povia.

Inoltre ci sarà una nuova madre matura che selezionerà i concorrenti che affronteranno le varie sfide.

La puntata d’esordio ha registrato il  22,37% di share, sfiorando punte di 32,37%.

Seguiamo insieme la seconda puntata:

La sigla è accompagnata dal corpo di ballo. Nel frattempo dalle scale scendono i concorrenti delle due squadre che si sfideranno durante la puntata.

Da una parte vi è la squadra del Family day guidata da Povia, dall’altra quella del Gay pride capitana da Vladimir Luxuria.

Paolo Bonolis prima di dare il via alla gara presenta Madre Natura, una ragazza russa dai capelli leggermente ricci e dal fisico statuario.

Sul più bello entra in scena Luca Laurenti vestito da capitalista cinese.  Laurenti offre un biscotto della fortuna a Madre Natura. Sul biglietto, contenuto all’interno, è riportata la seguente scritta: “Stai lontano dal cretino che proviene da Pechino!”

Si inizia con la prima sfida, quella canora. Ogni squadra canterà brani che fungeranno da bandiera sonora della squadra.

Povia ha scelto il proprio brano, I bambini fanno oh.

In contrapposizione Luxuria ha scelto What I am. L’attivista racconta che il primo gay pride è stato realizzato 50 anni fa in America , mentre il primo in Italia è stato organizzato dalla stessa Luxuria nel 1994.

Al termine della sfida il Family day ha totalizzato 130 punti, mentre il Gay pride 70 punti.

E’ il momento della seconda prova: il Genodrome. I concorrenti delle due squadre devono affrontare un percorso in esterna ricco di insidie.

Nel complesso le due squadre sembrano incontrare qualche difficoltà.

Entrambe le squadre totalizzano 20 punti, raggiungendo 150 punti per il Family day e 90 per il Gay Pride.

La macchina del tempo rappresenta la terza sfida.

Gli sfidanti si ritrovano nel mondo dell’arte, in un museo.

Vi sono alcuni personaggi storici, tra questi Leonardo Da Vinci, la Gioconda, Andy Warhol, Marilyn Monroe e la Venere di Botticelli. La Venere fu realizzata nel Quattrocento e si trova nella galleria degli Uffizi a Firenze.

Si passa ad altri due artisti: Arcimboldo che rappresentava nature morte e Pablo Picasso, pittore cubista.

I concorrenti, stringendo una mela tra le ginocchia, dovranno seguire un percorso al fine di raggiungere il cestino dove andrà depositata la mela.

Dopodichè si ritrovano nell’atelier di Van Gogh. Vengono nominati altri artisti tra i quali Botero, Frida Khalo e Giotto.

La coppia sfidante deve ora gonfiare dei palloncini sedendosi ripetutamente su un gonfiatore a pedale.

Segue la corsa dei sacchi fino allo studio. Arriva per primo il membro del Gay pride.  Nonostante le voci stridule e a tratti fastidiose degli sfidanti, la prova si è rivelata allegra.

Passa in vantaggio il Gay Pride con 340 punti rispetto ai 320 del Family Day.

Si rientra dalla pubblicità con lo scambio di opinioni tra le squadre. Povia cita la Costituzione nell’articolo in cui la Repubblica riconosce la famiglia come società naturale. Luxuria ribatte che la famiglia è dove c’è amore.

Durante il confronto emergono delle ovvietà, che la famiglia è quella composta da un uomo ed una donna. Sul tema bambini, interviene Paolo Bonolis spiegando, tra le righe, che anche due uomini o due donne possono crescere un figlio.

I due capisquadra hanno un solo punto in comune: sono contrari alla pratica dell‘utero in affitto.

Torna in vantaggio la squadra del Family day con 437 voti contro i 423 del Gay pride.

E’ giunto il momento della prova coraggio: il protagonista sarà il maiale selvatico. Luca Laurenti, in versione Peppa Pig, vuole rappresentare l’animale in chiave ironica.

I concorrenti devono affrontare una mandria di suini i quali non hanno famigliarità con gli umani e possono rivelarsi pericolosi.

Durante la prova a tempo, dovranno cercare tra gli animali la chiave che permetterà loro di uscire dal recinto.

La prova è vinta dal Family Day che guadagna 100 punti. Attualmente il Family Day ha raggiunto 637 voti contro i 523 del Gay pride.

E’ il giunto il momento più atteso dai telespettatori: Il Defilè. Sul tema eleganza di giorno, il look family day è decisamente più sobrio e noioso di quello del gay pride.

Sul tema eleganza di sera, il look del gay pride è più stravagante.

Povia e Luxuria propongono il look da discoteca. Vladimir indossa delle grandi ali nere.

Lo step successivo è l’intimo maschile. Il membro del gay pride indossa un mantello color arcobaleno con un tanga quasi invisibile.

Nella sfilata di intimo femminile, la donna che rappresenta il gay pride indossa un body di pelle.

Il Family day raggiunge i 710 voti contro 650 del gay pride.

Entra in studio Nino, un cassonetto, che rappresenta la spazzatura creata da Bonolis. Dentro vi entra Federico Moccia che viene “divoratodal cassonetto.

Sono le 00.30 e ci si avvia alla conclusione con la prova finale: I cilindroni. Per ogni risposta corretta verrà aggiunta una tacca d’acqua all’avversario, per ogni risposta sbagliata verrà riempito il proprio cilindrone.

Essendo il Gay pride in svantaggio inizia la sfida con già una tacca d’acqua.

Dall’esito della prova, la puntata è vinta dal Gay pride.

Termina così’ la seconda puntata di Ciao darwin 8 – Terre desolate. Appuntamento a venerdì prossimo, 30 marzo, con la sfida tra il mondo delle cime ed il mondo delle rape.



One Reply to “Ciao Darwin 8 – Terre desolate | diretta 22 marzo | Trionfa il Gay pride”

  • Avatar

    Ari Anna

    Non sopporto quando fanno i “giochi” con gli animali! I maiali non fanno niente!!! Non sono agressivi!! Quel piccolo maialino che piange ogni volta che lo prendono in mano, èha pauraaa!!!!!
    Gli umani sono pericolosi!!! E’ ora di smetterla con questi pregiudizi! Gli animali non sono giocattoli! Non metto parola sulle donne che mostrano perfino il fegato! Grottesco !!

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*