Mamma che Riccanza! seconda puntata su MTV


Mamma che Riccanza! seconda puntata su MTV. Continua lo spin off del programma madre Riccanza con protagoniste quattro giovani madri belle, straricche e glamour


Questa sera, martedì 20 marzo, alle 22.50 su MTV (in esclusiva su Sky al canale 133), andrà in onda la seconda puntata di “Mamma che Riccanza!”, il docu-reality dedicato alle vite di quattro ricche e glamour mamme italiane.

Si tratta dello spin-off di “#Riccanza” che racconta le storie di 4 donne di età compresa tra i 30 e i 45 anni provenienti da città diverse, ma con in comune il fatto di essere mamme, ricche e glamour.

Attraverso il programma, infatti, il pubblico conoscerà i vari aspetti delle loro vite: la famiglia, i figli, gli amici, il lavoro, le passioni, le aspirazioni e i progetti. Il tutto descritto con lo stile proprio del docu-reality e l’ironia che contraddistingue le produzioni di MTV.

Mamma che Riccanza! | le protagoniste

 KATIA PEDROTTI, la mamma principessa – Figlia di imprenditori valtellinesi e moglie di Ascanio Pacelli, club manager di uno dei più importanti golf club d’Italia, conosciuto durante la quarta edizione del Grande Fratello, nel 2004. Vivono a Roma e hanno due figli: Matilda (10 anni) e Tancredi (4 anni). A casa, Katia ha due cabine armadio: una per le scarpe e una per i vestiti. Katia sembra dedicare molte energie al suo profilo Instagram, dove si definisce “moglie, mamma e sognatrice certificata” e condivide selfie, foto con gli amici e la famiglia, mostrando sempre grandi sorrisi e gioia.

NATASHA SLATER, la mamma PR – Vive a Milano dove è una dell’imprenditrici londinesi più conosciute della città e ha una figlia Lola, di 11 anni. Oltre ad essere una party harder, Natasha è anche una mamma e una donna in carriera: ha infatti fondato la sua agenzia di Pubbliche Relazione, Eventi e Talent Booking, Natasha Slater. Nel suo lavoro unisce passione e divertimento, moda e nightlife. Ha iniziato con la sua linea d’abbigliamento a Londra ed è arrivata a lavorare per Dolce&Gabbana, curandone gli eventi; ha fondato poi il PWP (PunksWearPrada), uno dei party più fashion della vita notturna milanese. Oggi si dedica alla sua agenzia di comunicazione ed eventi, che vanta tra i suoi clienti i più importanti e famosi brand di moda, lusso e lifestyle del panorama internazionale.

 NOEMI MONTANARO, la mamma artista – Artista e performer, ha una figlia, Cecile Zaffiro, di 4 anni. Vive a Napoli in un palazzo di proprietà della madre, marchesa appartenente all’aristocrazia borbonica. Lì crea le sue opere d’arte e custodisce la sua preziosa collezione di gioielli. Unisce la sua passione per i viaggi e l’arte, seguendo le più importanti manifestazioni artistiche in giro per il mondo ed è proprio così che ha conosciuto il suo attuale “toy boy”. Ama lo sport, soprattutto fare pole dance ed equitazione. Casadei, Dior ed Esposito sono i suoi marchi preferiti, ma adora anche le borse di lusso del suo brand personale.

SABRINA FERRARA, la mamma in carriera – Imprenditrice romana, ha una figlia di 4 anni, Ludovica. Vive in una casa hollywoodiana di 500 mq e ha una cabina armadio con 200 borse e 450 paia di scarpe per stagione, tutto ovviamente griffato. È proprietaria di una “luxury boutique chihuahua” riservata ad una clientela Vip. Amante del lusso, dello shopping e dell’estetica, indossa i tacchi anche in casa e frequenta solo eventi top come cocktail party di Chanel ed Hermes. Sta da 8 anni con Samuel, marito caraibico che ama e con cui adora trascorrere il mese di agosto nella loro villa con piscina in Sardegna.

Mamma che Riccanza! dove vederlo | streaming

La puntata sarà disponibile anche su Sky On Demand, Sky Go e Now Tv.

Per news e curiosità sullo show e per vedere estratti video delle puntate c’è il sito www.mtv.it/riccanza.it



0 Replies to “Mamma che Riccanza! seconda puntata su MTV”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*