Vuoi scommettere? la conferenza stampa del varietà condotto da Michelle Hunziker


La conferenza stampa del nuovo varietà di Canale5 condotto da Michelle Hunziker con Aurora Ramazzotti nel ruolo di inviata per le prove esterne. Tutte le dichiarazioni degli intervenuti.


Milano. Si tiene, questa mattina, la conferenza stampa di presentazione del programma Vuoi scommettere? in onda a partire da giovedì 17 maggio su Canale 5 in prima serata. Al timone Michelle Hunziker con la figlia Aurora Ramazzotti nelle vesti di inviata per le prove che si svolgono in esterna.  Scopriamo quali sono le differenze del nuovo varietà con le edizioni del passato andate in onda sulle reti Rai. Vuoi scommettere? è ispirato al format tedesco “Wetten, dass..?”

Seguite con noi la conferenza e le dichiarazioni dei presenti.

“Sono contento di avere con me Michelle e Aurora” esordisce così il direttore di Canale5 Giancarlo Scheri. “Iniziamo giovedì 17 maggio, questo grande evento ci accompagnerà per cinque puntate verso i mondiali che abbiamo in esclusiva. La stessa Michelle lo ha condotto in Germania, con punte del 40%. Abbiamo preso questo formato, adattandolo al nostro pubblico”.

Il referente dI Magnolia racconta di aver acquisito i diritti internazionali, c’è stato un grandissimo lavoro di pre-produzione. Lo realizziamo allo Studio5. Aurora è perfetta nel suo ruolo, Michelle è bravissima e impeccabile e i concorrenti sono agguerritissimi. Chiudo con un saluto a Fabrizio Frizzi perché eravamo amici e ne avevamo parlato e nella sua generosità, era contento di questa proposta. 
Prende la parola la Hunziker: “sono molto felice perché sin da piccola lo guardavo quando andava in onda una volta al mese. Era un prodotto che riuniva le famiglie un po’ come il nostro Sanremo. Quando Mediaset mi ha chiamata dicendomi: abbiamo pensato di fare Scommettiamo che? Io ne sono stata entusiasta. Entrando nello Studio Fellini era esattamente come lo immaginavo. 
Il quid in più è proprio quel divano con gente dello spettacolo e dello sport che si divertono. 
A questo si è aggiunta la proposta di Giorgio Restelli di farmi accompagnare nella conduzione da mia figlia. Io volevo sdoganare questo cliché dei figli d’arte. L’unica scommessa che son sicura vinceremo è Auri. Una mamma non dovrebbe dirlo, ma io mi sento di farlo”

Le fa eco la Ramazzotti: “sto considerando con tutta l’umiltà possibile questo pregiudizio verso i figli d’arte. La scommessa mia personale è far capire che questa è davvero la mia passione. Anche se sono cresciuta  nell’ambiente dello spettacolo, lo stimo, lo guardo dal basso verso l’alto. Sono felice di potermi mettere in gioco avendo accanto mia madre, non poteva essere diversamente”. 

 Continua il regista Roberto Cenci: “a prescindere dal fattore tecnico, c’è un affetto. Aurora ha un’ironia davanti allo schermo non indifferente per la sua età e su Michelle non si può dire nulla (lo dice in senso positivo). Raramente ho visto degli ospiti mettersi così in gioco”. 
La Hunziker rivela come nella seconda puntata ci fosse un pegno da pagare e a un tratto anche Pippo Baudo ha iniziato a twerkare (un ballo elegante), si è creato un vero e proprio clima famigliare.

Assistiamo a un breve rvm.

Partono le domande

Era stata lanciata la news che per la prima volta un programma di tale portata sarebbe stato condotto da una donna da sola…quando avete optato per Aurora?
In realtà Aurora entra in campo nei collegamenti in esterna. E ci tiene a specificare la Hunziker: “io non ho mai avvertito la necessità di condurre da sola e poi penso che sarebbe pesantissimo se ci fossi solo io. A me piace interagire con gli ospiti e poi dietro a Vuoi scommettere? c’è una squadra tecnica enorme”.
Come mai avete scelto di cambiare il titolo rispetto a Scommettiamo che?
La nostra versione è quella del formato tedesco, il titolo lo abbiamo mutuato da quella americana.
Come mai avete deciso di spostare la messa in onda rispetto a quella annunciata per lunedì 7?
Abbiamo valutato la visibilità che Canale5 e tutta Mediaset avranno verso i Mondiali.
Michelle, com’è avvenuto a Sanremo, avrà modo di affrontare anche argomenti legati al sociale?
Quando mi hanno chiesto di condurre Vuoi scommettere?, ho pensato subito che fosse doveroso portare una scommessa anche sul piano sociale. Noi ci stiamo battendo con Doppia Difesa perché entri in atto la legge codice rosso quando una donna denuncia. Chiederemo a tutti i leader politici di sottoscrivere un impegno per farla passare nel momento in cui ci sarà un governo. La risposta è stata incredibile, il primo a sottoscrivere è stato Matteo Salvini e a ruota tutti gli altri. Ogni puntata faremo vedere un incontro coi leader di partito
Michelle rifarebbe Sanremo?
Sì, col permesso della mia azienda senz’altro.
Aurora rifarà il daily di X-Factor?
No
E la Hunziker col sorriso materno aggiunge: “adesso hai firmato il contratto con Mediaset”.

È prevista una seconda stagione?

Scheri: puntiamo molto su questo prodotto, quando decidiamo di investire con questa portata, ci auguriamo duri a lungo. Dipenderà certo dalla risposta.  La nostra ambizione è di offrire degli auto-prodotti pensati per il pubblico.
Avete pensato di invitare Eros Ramazzotti?
M. Hunziker: mi piacerebbe, ma non oso chiederglielo. Stiamo parlando di una categoria di cantanti come Baglioni sempre impegnati nei tour.
A. Ramazzotti: fa parte di quella generazione di artisti che fa fatica a cucirsi certe dinamiche televisive. Non è il classico da ospitata, gli piace guardarla.
Aurora, che consiglio le dà Eros ed è contento di quest’esperienza?
C’è sempre il genitore un po’ più severo, che ti sta dietro e bacchetta e quello che ti lascia un po’ più libera. Michelle mi ha sempre indirizzata; lui si inserisce nel momento in cui vede che c’è necessità di un suo supporto. Ovviamente papà è il mio fan numero uno.
Abbiamo visto nella clip molti sportivi
M. Hunziker: sì Tomba e Castrogiovanni e andando avanti nelle puntate vedremo chi invitare; gli ospiti sono molto bilanciati.
Qual è la vostra scommessa di share?
G. Scheri: non voglio pagare penitenza per cui non scommetto.
Ad Aurora e Michelle: cosa vi piace di più e cosa vi fa innervosire della vostra partner?
A. Ramazzotti: lei è naturale anche in tv. È giocherellona. Il punto negativo non lo so ancora, essendo inviata non abbiamo ancora lavorato letteralmente fianco a fianco. È ancora tutto rosa e fiori, aspettiamo la fine di quest’edizione (scherza)
M. Hunziker: a noi sembra di giocare in questo momento, effettivamente dovremo farlo di più per scoprire i “dark side”. La mia manager mi ha detto: non ti permettere di far la mamma, trattala come collega”. Siamo naturali così, vedremo come sarà.
Al direttore: la Rai ha ripescato la Corrida, voi questo show del 1981. Come mai la tv generalista si rivolge al passato?
Io credo che dobbiamo offrire prodotti ben fatti, sempre più pensati per il pubblico. Questo show lo realizziamo come uno show di questi anni. Accade anche nelle altre arti, le idee sono universali, il linguaggio che viene usato per darne vita deve essere al passo coi tempi.

Michelle, che differenza ci sarà rispetto al pubblico tedesco secondo lei?

Credo stia nel ritmo, in Germania entrava un personaggio internazionale soltanto (del calibro di Tom Cruise), poi il concorrente e si passava all’altro ospite.
Oggi non funzionerebbe più. Noi abbiamo lavorato moltissimo sul clima, come se si fosse a casa. Abbiamo puntato sull’energia degli ospiti che credo arrivi a casa.
Aurora, sua madre è molto impegnata nel sociale se si pensa a Doppia Difesa, quanto le ha trasmesso?
Sono cresciuta con quest’iniziativa che porta avanti da dieci anni. Se posso aiutarla sono la prima tanto più ora che ho ventun anni. Ci sono un tempo e un’età per tutto.
La conferenza stampa termina qui. Appuntamento al 17 maggio, in prime time su Canale5.


0 Replies to “Vuoi scommettere? la conferenza stampa del varietà condotto da Michelle Hunziker”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*