Bufera Uomini e Donne | dopo l’inganno Sara Affi Fella scaricata dai followers e dall’agenzia


Bufera Uomini e Donne | dopo l'inganno Sara Affi Fella scaricata dai followers e dall'agenzia. Un colossale imbroglio fatto alle spalle del programma di Maria De Filippi e dello stesso pubblico che segue con attenzione ogni giorno gli eventi in cui sono coinvolti tronisti e corteggiatori.


Sara Affi Fella, ex tronista ed ex concorrente di Temptation Island nel 2017, è nella bufera mediatica dove ha trascinato anche la trasmissione Uomini e Donne.

Infatti avrebbe ingannato il programma dei sentimenti di Maria De Filippi perché manteneva una relazione segreta e opportunamente nascosta con Nicola Panico, il suo ex fidanzato che era stato suo partner proprio a Temptation Island dello scorso anno.

Il rapporto tra i due era finito nel reality dal quale erano usciti separati. Invece si trattava di una vera e propria bufala perché tra i due il rapporto non era mai finito. Con questo espediente Sara Affi Fella era riuscita ad approdare di nuovo a Uomini e Donne. Ed ha fatto poi la scelta di Luigi Mastroianni a maggio del 2018.

A dimostrazione che si trattava di una vera e propria montatura, il rapporto tra la Affi Fella e Mastroianni sarebbe finito dopo solo due settimane. Qualcuno ha anche insinuato che i due non sarebbero mai stati insieme perché lei naturalmente era ancora legata a Nicola Panico.

Durante tutto il periodo in cui lei è stata a Uomini e Donne, si è vista regolarmente con il fidanzato che avrebbe usato degli espedienti per non destare alcun sospetto. E addirittura ad aiutare i due amanti clandestini sarebbero stati i genitori di lei.

Claudio della redazione di Uomini e Donne

Si dice infatti che quando Luigi Mastroianni, una sera sarebbe arrivato a sorpresa a Venafro per chiarire delle situazioni con Sara, Nicola Panico, che era presente in casa, si sarebbe nascosto in un armadio.

Quando questi fatti incresciosi sono stati resi noti, sia Maria De Filippi che tutta la redazione di Uomini e Donne sono rimasti sconcertati. La De Filippi infatti è rimasta sconvolta soprattutto quando ha saputo della complicità della famiglia. Ed ha parlato di una storia al di là dell’assurdo.

Witty TV a proposito ha pubblicato un video che conferma i sospetti. Insomma si sarebbe trattato, come ha detto Tina Cipollari, di un grande business e a farne le spese sarebbe stata proprio la trasmissione Uomini e Donne.

Durissimo il commento di Gianni Sperti. L’ex ballerino infatti ha etichettato Sara Affi Fella come una giovane pericolosissima, essendo stata in grado a soli 21 anni, di architettare un imbroglio simile e di ingannare la redazione ed il pubblico di Uomini e Donne.

E a proposito del pubblico Sperti ha sottolineato che dovrebbe smetterla di mandare avanti persone come la Affi Fella, ipocrite ed attaccate soltanto al Dio Denaro. In questo modo si consente a personaggi discutibili di guadagnare soldi grazie alla notorietà conquistata in trasmissione.

A tutte queste critiche ha risposto l’agenzia, gestita da Stefano Monte, fratello di Francesco, a cui fa capo la Affi Fella. In un comunicato hanno cercato di difendere a spada tratta la ex tronista dichiarando di conoscerla bene e di non pensare minimamente che sia dedita soltanto al business economico.

Lasciamo adesso ai nostri lettori questo interrogativo: cosa accadrà a Sara Affi Fella?

Update: Nelle ultime ore l’ex tronista ha perso oltre 300.000 follower su Instagram ed è stata costretta a disattivare temporaneamente l’account per limitare il danno.

Non solo ma, Garnier Italia ha rescisso il contratto che impegnava la Affi Fella come influencer su Instagram. Medesimo copione per quanto riguarda l’agenzia gestita da Stefano Monte. Con un comunicato ufficiale la Steve&More Consultig ha “scaricato” la giovane di Venafro.



0 Replies to “Bufera Uomini e Donne | dopo l’inganno Sara Affi Fella scaricata dai followers e dall’agenzia”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*