Il CIO ha assegnato i Giochi Olimpici a Discovery


l'accordo che regola la trasmissione degli eventi


 

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha annunciato che tutti i diritti di trasmissione televisiva e multipiattaforma per i quattro Giochi Olimpici che si svolgeranno nel periodo 2018-2024 sono stati assegnati a Discovery Communications, la casa madre di Eurosport.


L’annuncio dà il via a una partnership di lungo termine tra il più grande evento sportivo, i Giochi olimpici, e la media company leader a livello globale, Discovery Communications. Con una media di 10 canali in ciascun mercato e l’offerta sportiva online Discovery ed Eurosport offriranno una maggiore copertura a una platea ancora superiore, composta da più di 700 milioni di persone in tutta Europa.

La copertura di Discovery ed Eurosport sarà aumentata da un maggior accesso al  free-to-air e da una partnership innovativa con le emittenti e i distributori.
Il presidente del CIO Thomas Bach afferma: “È un accordo importante per Discovery e per il CIO. L’accordo garantisce un’ampia copertura dei Giochi olimpici in tutta Europa, ivi compresa la garanzia di offrire un’ampia copertura televisiva free-to-air in tutti i territori. Discovery ed Eurosport hanno inoltre espresso la volontà ad unirsi con il CIO nello sviluppo di un nuovo canale olimpico in tutta Europa”.
Discovery ha acquisito i diritti esclusivi, del valore di 1,3 miliardi di EUR, su tutte le piattaforme, inclusa la televisione free-to-air, la pay-TV, internet e la telefonia mobile in tutte le lingue dei 50 paesi e territori del continente Europeo. In linea con i requisiti del CIO e del mercato locale, Discovery si è impegnata a trasmettere almeno 200 ore dei Giochi olimpici e 100 ore del Giochi olimpici invernali sulla televisione free-to-air durante il periodo dei Giochi. Discovery concederà in sottolicenza una parte dei diritti in molti mercati europei.
 Discovery ed Eurosport avranno accesso agli emblemi olimpici e alla ricca library video olimpica e all’archivio, così da rafforzare la posizione di Eurosport come casa paneuropea degli sport olimpici. I partner hanno anche concordato di cooperare a stretto contatto per il lancio del canale olimpico del CIO.


Juan Antonio Samaranch, membro del comitato esecutivo del CIO e membro CIO delegato per i diritti televisivi afferma: “Siamo lieti di avere raggiunto questo accordo, che consentirà di avere una copertura incredibile dei Giochi olimpici e dei valori olimpici al grande pubblico d’Europa attraverso tutte le piattaforme media. Discovery ed Eurosport assicureranno l’esposizione mediatica dei Giochi olimpici attraverso i loro canali TV e piattaforme media e, ove opportuno, sottoscrivendo partnershipi di sottolicenza con altre emittenti nei vari territori. I fan delle Olimpiadi potranno godere inoltre di un’ampia diffusione delle piattaforme digitali leader a livello regionale di Eurosport”.

L’accordo riguarda i XXIII Giochi olimpici invernali di PyeongChang del 2018 e i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo 2020, nonché i Giochi olimpici del 2022 e 2024, le cui città ospitanti devono ancora essere elette.
Discovery ed Eurosport vogliono portare i Giochi olimpici a più sportivi, su più schermi come mai prima d’ora. Con una media di 10 canali TV in ciascun mercato, infrastrutture e squadre locali sul campo in tutta la regione e un patrimonio trentennale nello sviluppo di grandi personaggi e storie, Discovery ed Eurosport daranno vita al più grande evento sportivo. Oltre ai canali free-to-air e Pay TV, Eurosport Player, DPlay, Eurosport.com e Eurosport 360 garantiranno una maggiore copertura e un’esperienza coinvolgente agli appassionati.

Discovery ha acquisito I diritti in tutti gli stati Europei ad eccezione della Federazione Russa.



0 Replies to “Il CIO ha assegnato i Giochi Olimpici a Discovery”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*