Connect with us

News

Sanremo 2019 | Diretta conferenza stampa 4 febbraio 2019 | Riccardo Cocciante tra gli ospiti

Sanremo 2019 | Diretta conferenza stampa 4 febbraio 2019 | Riccardo Cocciante tra gli ospiti. L'incontro con la stampa alla vigilia del debutto, con le ultime sullo spettacolo e sui cantanti in gara. Riccardo Cocciante, Tom Walker, Luis Fonsi, Serena Rossi e Laura Chiatti annunciati come ospiti
Alessandro De Benedictis

Pubblicato

il

Sanremo 2019 | Diretta conferenza stampa 4 febbraio 2019 | Riccardo Cocciante tra gli ospiti. L'incontro con la stampa alla vigilia del debutto, con le ultime sullo spettacolo e sui cantanti in gara. Riccardo Cocciante, Tom Walker, Luis Fonsi, Serena Rossi e Laura Chiatti annunciati come ospiti
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Di Sanremo 2019, finora, conosciamo gli ingredienti fondamentali – impostazione generale, conduttori, cantanti, gran parte degli ospiti, meccanismo e le collaborazioni dei duetti – ma non sappiamo ancora cosa aspettarci nel dettaglio.

Claudio Baglioni ha detto di aver voluto continuare sulla strada dello scorso anno, mettendo al centro le canzoni e gli artisti. Per quanto riguarda gli ospiti, ha ribadito di non volere a tutti i costi personaggi stranieri, magari di fama ma incapaci di partecipare regalando qualcosa di rilevante allo show.

D’altro canto, si è anche definito “il dirottatore artistico del Festival”, lasciando trasparire la volontà di portare Sanremo 2019 in terreni inusuali. I suoi compagni di viaggio saranno gli imprevedibili Claudio Bisio e Virginia Raffaele, decisi a movimentare lo spettacolo con le loro trovate ancora top secret.

Seguiamo in diretta la conferenza stampa della vigilia per carpire tutte le novità ed eventuali sorprese dell’ultimo minuto.

Prende la parola per primo il Sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri: “Posso dire che è già un Festival da record, con la città praticamente sold-out già da oggi. Un momento di grandissima attenzione per la nostra città e per tutto il paese. Con RaiPubblicità stiamo facendo il massimo per animare la città, sopratuttto a Santa Tecla, ma non solo”. Chiude ricordando che i fiori saranno protagonisti durante tutte le serate e ringraziando chi sta lavorando all’evento.

La Direttrice di Rai1, Teresa de Santis: “Ho fatto tantissimi Festival e questo è il primo da Direttrice. Appena insediata, mi trovo subito a dover gestire un asset strategico della Rai e ci tengo a sottolineare che già ora abbiamo superato di gran lunga la raccolta pubblicitaria dello scorso anno, di svariati milioni.
Ho eriditato con gioia questo festival dai colleghi che mi hanno preceduto e a cui va riconosciuto il lavoro fatto. Si è parlato di screzi tra me e Baglioni ma non ci sono mai stati, tra noi c’è molto amicizia.

Il lavoro di Claudio è di grandissima importanza: è un suo merito l’aver riportato tutto alla musica italiana, raccogliendo tutte le suggestioni della storia musicale del nostro paese. Si parla sempre di ospiti stranieri, ma dobbiamo considerare che anche i nostri artisti sono star internazionali. Si è parlato di Festival sovranista, ma io direi che è semplicemente un Festival con un’identità precisa. La scelta quest’anno è stata coraggiosa, perché sono stati scelti non solo i classici prodotti sanremesi ma anche prodotti artistici dei frontiera.

Il conflitto di interessi tirato in ballo per Baglioni è un tema molto vago. Per quella che è la mia esperienza, la produzione musicale e culturale vive anche di contiugità. La nostra industria culturale non è particolarmente sviluppata da questo punto di vista e per certi versi è costretta a mettere in conto certe contiguità per realizzare uno spettacolo all’altezza. Spesso, per portare un artista fortemente voluto, si è costretti a percorrere la strada della contiguità. L’importante è che sia tutto trasparente e che si abbia la certezza di un prodotto all’altezza. D’altronde, è anche normale che Claudio Baglioni abbia rapporti stretti con entità impegnate nel suo campo. E poi non credo che Baglioni voglia rovinare la sua grande carriera per fare macchinazioni”.

Claudio Fasulo, Vicedirettore di Rai1 e responsabile di Sanremo 2019: “Questo è il più grande show prodotto da un’azienda pubblica europea. In 5 giorni almeno 27 ore di dirette, con 263 artisti ospitati sul palco. È il motore della nostra azienda, ma è anche il motore della discigrafia italiana.
Intanto, Primafestival viaggia su una media di più di 4milioni di telespettatori, in ascesa rispetto allo scorso anno. E anche il Dopofestival sarà particolarmente illuminato, ricco e coinvolgente. Mentre, Forte Santa Tecla sarà il cuore digitale di questo Festival.

La Giuria d’Onore, in azione il venerdì e il sabato sarà composta da: Mauro Pagani (Presidente), Ferzan Ozpetek,  Camila Raznovich, Claudia Pandolfi, Elena Sofia Ricci, Beppe Severgnini, Serena Dandini e Joe Bastianich.

Il Direttore Artistico Claudio Baglioni: “Sono qua per la seconda volta e come tutte le seconde volte ripeto che ‘errare è umano e perserverare è artistico’. Dopo sette ‘no’ detti quando hanno provato a coinvolgermi in questi due anni, per la seconda volta ho accantonato i miei progetti (compreso un disco che vegeta in un limbo).
L’anno scorso è stata difficile, ma come tutti i gran premi della montagna, quando sei arrivato su ricordi solo le discese. Anche questa volte ci sono state le salite aspre, ma quello che mi anima è la possibilità di circondarmi della mia squadra, il pensiero di vederci come servitori del festival e di cercare di curarlo come una creatura fragile, perché si basa sulla canzone, un’entità fragile.

La canzone italiana è ricca di memoria ed onori, ha viaggiato il mondo e per questo il Festival è internazionale già di suo conto. L’anno scorso era il festival che doveva portare l’immaginazione – non avremo mai immaginato il gradimento che poi è arrivato – cercare di portare sul palco una mostra della canzone che potesse essere fruita come un film. Fu tolta l’eliminazione, che sembrava indispensabile, invece non se ne è accorto nessuno ed ha contribuito a creare un clima molto bello. La mia missione sarebbe quella di avvicinare anche i recalcitranti alla partecipazione, per poter parlare ad un pubblico vastisismo.

Anche quest’anno non ci saranno cover, perché insensato e contraddittorio per degli artisti in gara con le proprie creazioni. Le canzoni dureranno un po’ di più e sarà un Festival molto simile a quello dello scorso anno. Vorrei continuasse ad essere popolar-nazionale. L’internazionalità è già nel nostro festival e negli ospiti – come Andrea e Matteo Bocelli – che sono già internazionali.
Riccardo Cocciante, inoltre, è l’ultimo che si è aggiunto alla lista dei grandi artisti che parteciperanno (nella seconda serata) e le nostre porte sono ancora aperte. La canzone è una testa d’ariete per far entrare la musica nel cuore della gente.

Dovrebbe essere il festival dell’armonia. Abbiamo avuto momenti poco armonici, ma l’armonia non è un dato di partenza, bensì una conquista. Come nell’armonia della musica, sui contrasti si lavora fino ad armonizzare tutto. Si inseguono anche delle suggestioni. Come quella del numero 69, che ricorda il simbolo dell’yin&yang, l’armonia tra i contrasti.

Il palco dell’Ariston non è mai stato così grande, abbiamo rubato ogni centimetro al teatro. Ci sarà una macchina spettacolare illuminotecnica mai vista e la scenografia di Francesca Montinaro è stata seguita seguendo l’idea dell’onda.

La dotazione di ripresa in mano a Duccio Forzano, inoltre, è la più grande di sempre.
Duccio Forzano: “Avremo 12 telecamere (8 delle quali speciali e controllate in remoto). Il software madrix usato per l’illuminotecnica è una novità assoluta che regalerà sorprese per quanto riguarda l’estetica. E ci sara anche quest’anno una steadycam“.

Claudio Baglioni: “La parte più complessa del mio percorso forse è teminata. Io sono felice e soddisfatto per il lavoro fatto in sede di selezione – insieme a Claudio Fasulo e Duccio Forzano – con le scelte cadute su artisti in grado di fornire una fotografia reale della musica corrente.

La parte più tradizionale sarà colmata con una serie di duetti con gli ospiti. Volevamo coprire uno spettro molto largo, in grado di appassionare i diversi pubblici. Ho svolto il lavoro consapevole che mi sarei fatto 24 amici avendo contro al contempo il risentimento di tanti altri. Tutte le commissioni sono fallibili. Ma il Festival è più importante di tutti noi.

In chiusura esprime la speranza – richiamando la polemica sui migranti – che si mettano da parte certe tensioni, in grado solo di sabotare la riuscita serena dello show e tutto il grande lavoro fatto, senza portare nulla di buono.

Virginia Raffaele: “Non vorrei essere banale, però non si può non dire che per me è un regalo essere qui e spero di essere all’altezza. Lo scorso anno ho partecipato per 10 minuti, quest’anno devo fare 25 ore di diretta e spero di divertirvi”.

Poi scherza ripetutamente con Claudio Baglioni, su come è stata coinvolta, sulla passione della madre per il cantautore romano.

Claudio Bisio: “Sono contentissimo di essere qui, ringrazio la Rai e Claudio Baglioni – che mi ha chiamato in tempi non sospetti, dimostrando di volermi fortemente – e Virginia Raffaele, con cui finalmente ci siamo incontrati. Mi sento teso, non pensavo fosse così Sanremo. L’anno prossimo festeggerò i 40 anni di carriera, però una cosa così non mi era mai capitata. Non vedo l’ora di andare sul palco dopo tanto lavoro.

Le canzoni sono varie e bellissime e noi proveremo a lavorarci intorno con tutto il garbo possibile. Non mi snaturerò: Sanremo deve vincere su tutti noi, ma io cercherò di non snaturarmi e di portare me stesso sul palco con il massimo rispetto e un linguaggio consono”.

Le domande dei giornalisti.

Alla fine di ciascuna serata sapremo le classifiche? Sentiremo più musica o ci sarà un continuo rimando alla politica? Mi aspetto qualcosa soprattutto da Bisio.

Claudio Bisio: “Dico ufficialmente non parlerò di migranti, né della crisi in Venezuela, né del buco dell’ozono o della Juve. Di niente”.

Claudio Baglioni: “L’anno passato mi chiesero di fare il Festival. Sono un musicista e ho cercato di fare del mio meglio per mettermi a disposizione. ‘Se lo fate fare a me non ci sarà tutta la parte strettamente di costume e di spettacolo’, dissi. Mi sento di ribadirlo anche quest’anno. Nella parte di intrattenimento spero prevarranno la leggerezza e l’ironia, non sarà un Festival politico.

Baglioni duetterà con il suo repertorio?

Claudio Baglioni: “Non duetterò con altri su mie canzoni, come invece è stato fatto lo scorso anno (tra l’altro su richiesta degli ospiti stessi). Ma tre delle serate saranno aperte da mie canzoni in una versione basata sul concetto del colossal. Sarano congegnate da Giuliano Peparini. Per quanto mi riguarda, canterò canzoni di altri.

Come pensare il probelma degli NCC, che potrebbero fare delle dimostrazioni sul palco?

Claudio Baglioni: “Sanremo sembra il luogo salvifico in cui tutte le cause e i problemi del mondo dovrebbero essere affrontati. Una cosa in cui credo poco. Ho ricevuto una cinquantina di richieste da associazioni varie, ma credo che certi temi vadano affrontati in altre sedi. Al costo di sembrare antipatico, questo è il Festival della canzone e non credo possa esserci spazio per questioni così”.

Quali sono le canzoni delgi altri che canterete? Si è parlato di un Festival non autarchico, ma è evidente che sarà italo-centrico. Non ci saranno ospiti stranieri?

Claudio Baglioni: “Ci saranno Tom Walker e Luis Fonsi. Il discorso è questo: alcuni anni fa la situazione discografica permetteva agli artisti sranieri di venire e fare promozione direttamente sul palco, accettando compensi inferiori perché compensati dalla vendita di dischi. Ora ciò non accade più e la Rai dovrebbe strapagare questi personaggi. Noi stiamo facendo un Festival che guardi ai costi, però non credo che sia una diminutio. Al posto di avere un gruppettino dell’ultimo momento, che viene e posta un francobollino, in playback, senza dare la possibilità di interagire, di costruire intorno una storia, preferiamo i nostri grandi artisti.

La prima sera ci saranno Matteo e Andrea Bocelli con cui canterò “Il mare calmo della sera”, il pezzo con il quale Andrea vinse Sanremo. Ci satà anche un momento di nepotismo: Andrea lascerà il testimone a suo figlio, che continuerà la sua carreira.
La prima sera ci sarà anche Giorgia. Poi, Claudio Santamaria e verrà a trovarci Pierfrancesco Favino, che si esibirà con Virginia Raffaele.

Serena Rossi canterà “Almeno tu nell’universo”? Con Laura Chiatti cosa si farà? A Bisio e Raffaele: siete davvero emozionati? Cosa farete sul palco? Una canzone del Festival a cui siete legati?

Claudio Baglioni: “Confermo che canterò ‘Almeno tu nell’universo’ con Serena Rossi. Sono stato l’autore di cinque pezzi del primo disco di Mia Maritni e voglio partecipare a questo ricordo.

Virginia Raffaele: “L’emozione c’è sempre. Per quanto mi riguarda, in questo ruolo anche di responsabilità è una prima volta. Cercherò di alternare conduzione e intrattenimento. Ma quest’anno non porterò maschere, perché Claudio ha chiamato me e ci metterò la mia di faccia. Ci saranno cose inedite. Ad esempio, ho pensato ad un numero con Pierfrancesco Favino e sono molto contenta ed emozionata di essere riuscita a portarlo in scaletta.
La mia canzone del Festival è “Perdere l’amore”, a cui sono legati ricordi particolari di quel momento.

Claudio Bisio: “La mia canzone è ‘La terra dei cachi'”

In queste cinque serate ci sarà un momento per Genova?
Clauio Bisio: “Forse sì, ma ancora non sappiamo”.

Le cifre del contratto dei Baglioni. Si era detto di 700mila euro, poi di 580mila, da parte della Rai. A calmierare il prezzo c’è stato l’intervento di una terza entità, come TIM?

Claudio Fasulo: “Nessun intervento. TIM fa le sue scelte di investimenti e non ci sono vasi comunicanti con noi. La cifra per Baglioni è la stessa dello scorso anno”.

Al Sindaco di Sanremo: è il momento di progettare un palazzetto più grande, dedicato al Festival per renderlo un evento ancora più internazionale e non pagare un affitto molto alto?

Alberto Biancheri: “Un progetto preventivo del palafestival è stato già fatto. Abbiamo dovuto prima dedicarci ad altri lavori più urgenti che apsettavano da decenni. Ma chiunque si troverà ad amministrare nei prossimi anni di sicuro dovrà occuparsi del palazzetto.

Bisio, da 69 anni il festival racconta il paese. Tu come lo vedi?

Claudio Bisio: “Dico solo che sono italiano, sono fiero di esserlo e basta. Credo nell’Italia e negli italiani”.

Si è parlato di un Festival virtuoso nei conti e nella raccolta pubblciitaria. La Direttrice ci può dire di più?

Teresa De Santis: “Non vorrei rovinare la sorpresa ai colleghi che a Santa Tecla ne parleranno dettagliatamente. C’è da dire che Sanremo ormai coinvolge luoghi ed eventi disparati. La raccolta pubblicitaria viaggia al momento tra i 28 e i 29 milioni, almeno 3 più dello scorso anno.
Nella media, a Sanremo si recuperano tra 800mila euro a 1 milione. Ma sono calcoli che si faranno alla fine: ad esempio, Cocciante non era previsto tra gli ospiti ed è un costo dell’ultimo momento, com’è probabile ce ne saranno altri.

Ci tengo a sottolineare che alcuni grandi ospiti verranno addirittura a titolo nominale, a cifre inferiori ai rimborsi spese. Sta tutto nella capacità di Claudio Baglioni di coinvolgere i colleghi. Il Festival costa molto meno di qualche anno fa.

Dopo giorni di plemiche è arrivato il momento della chiarezza. Questa famosa clausola di trasparenza, esiste? Con gli altri c’era? Vedere un’azienda come la Rai che appalta ad un’azienda esterna è normale?

Teresa De Santis: “Rispondo dell’aspetto artistico, perché è il primo dovere di un Direttore. Nelle trattative specifiche, io non ci entro perché se ne occupano altre risorse aziendali. Esiste una clausola di trasparenza, di cui dovrebbero parlare proprio i responsabili dei quelle questioni. So per certo che l’azienda non è portata ad adagiarsi a facili deroghe, perché sottoposta a controlli continui ed ha sempre gli occhi puntati addosso”.

Claudio Fasulo: “La clausola c’è ed è stata rispettata e il contratto è in linea con quello degli altri conduttori. Per avere un Direttore Artistico competente ci vuole un Direttore con esperienza. Questa azienda non ha appaltato nulla all’esterno, noi stiamo facendo un lavoro basato sulla qualità del lavoro. Sfido chiunque dei presenti ad ignorare la presenza anche solo di alcuni degli artisti che saliranno sul palco. Tra l’altro, ad esempio, il primo ospite a cui stiamo dando molto spazio sarà Bocelli, che con questa storia non c’entra nulla”.

La conferenza stampa finisce qui.

 

 

 

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Le Iene Alessia Marcuzzi salta la puntata del 13 aprile 2021

Alessia Marcuzzi salta l'appuntamento di martedì 13 aprile con la conduzione de Le Iene Show. Suo marito è risultato positivo al Covid.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Le Iene Alessia Marcuzzi
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alessia Marcuzzi salta l’appuntamento del 13 aprile 2021 con Le Iene Show su Italia 1. Lo ha annunciato la conduttrice stessa per mezzo di una storia pubblicata su Instagram. 

Le Iene Alessia Marcuzzi, di nuovo in quarantena

La conduttrice de Le Iene Show Alessia Marcuzzi ha reso pubblica in una storia sul social Instagram la notizia: non sarà presente nel corso della puntata del 13 aprile 2021. Come ha scritto lei stessa, infatti: “Purtroppo mio marito la scorsa settimana è risultato positivo al tampone molecolare. Ovviamente si è subito auto isolato e per ora sta bene.”.

Anche la Marcuzzi, intanto, sta bene, e ha rassicurato i fan della trasmissione aggiungendo che: “Io sono fortunatamente risultata negativa (ho già effettuato due tamponi molecolari). Ma come da protocollo sono cautelativamente in casa in attesa di ulteriori controlli. Con molto dispiacere, a tutela delle persone che mi stanno accanto, e per rispetto della prassi, non potrò essere presente a Le Iene che comunque seguirò da casa. Un bacio a tutti”.

Alessia Marcuzzi era già stata assente in passato dalla trasmissione, precisamente a ottobre 2020. In quell’occasione, però, era stato un suo tampone rapido a risultare positivo. Sta di fatto che, comunque, per il momento la Marcuzzi è dovuta tornare in quarantena, nel pieno rispetto della normativa per il contenimento del Covid. Perciò, Nicola Savino resta “solo” alla conduzione del programma; ovviamente, in compagnia delle voci dei membri della Gialappa’s Band.

Le anticipazioni per la puntata del 13 aprile

Intanto, sono già state pubblicate le prime anticipazioni per uno dei servizii in onda nella puntata de Le Iene Show di martedì 13 aprile.

Un operaio dell’azienda ArcelorMittal è stato licenziato dopo aver condiviso sul suo account Facebook privato un invito ai colleghi. Nel post l’uomo aveva condiviso un invito a vedere la serie “Svegliati amore mio”; nota per aver riportato all’attenzione del pubblico e dei media i rischi dell’inquinamento ambientale per la salute dei cittadini. I vertici dell’acciaieria non avrebbero apprezzato il gesto, che ha portato al licenziamento dell’operaio; giustificato, a loro dire, dai “contenuti denigratori e altamente lesivi dell’immagine dell’azienda.” presenti nel post.  Il servizio è a cura della Iena Alessandro Di Sarno. 

L’autore del servizio ha cercato di contattare in merito il responsabile delle risorse umane dell’azienda: Arturo Ferrucci. Che, pare, si sarebbe negato ai microfoni delle Iene in più occasioni. Così, il videomessaggio che la Iena Di Sarno avrebbe voluto mostrare al responsabile, è stato proiettato sulla facciata dell’azienda tarantina. 

Nel videomessaggio, è Ricky Tognazzi, uno dei registi e sceneggiatori di Svegliati amore mio, ad esporsi in difesa dell’operaio.Meglio mettere al rogo il film che mandare per stracci una persona, un uomo con famiglia e figli. Arrestateci tutti, arrestate noi, fermateci. Siamo dei potenziali terroristi che abbiamo causato, in qualche modo, il licenziamento di un povero operaio. Grazie ArcelorMittal per aver fatto quello che la censura non è riuscita a fare in cent’anni”. afferma Tognazzi.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Report Lo sterco del diavolo questa sera su Rai 3, gli altri servizi

Le inchieste e i reportage di cui si occupa Sigfrido Ranucci nel corso della puntata. In primis gli scandali in Vaticano.
Stefano Della Felce

Pubblicato

il

Report Lo sterco del diavolo
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Report propone oggi l’inchiesta dal titolo Lo sterco del diavolo. Va in onda lunedì 12 aprile alle 21.30 su Rai3 e su RaiPlay. Al timone come al solito Sigfrido Ranucci che promette rivelazioni esplosive.

Report Lo sterco del diavolo questa sera su Rai 3

Report riparte con l’inchiesta esclusiva “Lo sterco del diavolo” di Giorgio Mottola con la collaborazione di Norma Ferrara e Giulia Sabella.

Il reportage documenta come gli scandali all’ombra del Cupolone non si fermano nemmeno davanti ai Santi. Da anni Papa Francesco ha avviato una battaglia interna al Vaticano per portare trasparenza nei conti della Santa Sede. Ma la resistenza interna continua a essere forte: troppi sono gli interessi finanziari in ballo.

Questa sera viene raccolta una denuncia inedita dalla trasmissione. All’interno della Congregazione per le cause dei santi, la commissione vaticana che gestisce i processi di canonizzazione, un alto funzionario avrebbe chiesto una tangente per avviare il processo di beatificazione di un candidato molto noto e amato.

Una vicenda avvenuta mentre il prefetto della Congregazione per le cause dei santi era il cardinale Giovanni Angelo Becciu, l’ex sostituto della Segreteria di Stato dimessosi lo scorso settembre dopo le accuse di peculato.

Con documenti inediti e testimonianze esclusive Report ricostruirà gli investimenti finanziari realizzati dalla Segreteria di Stato negli ultimi anni.

A partire dall’acquisto degli ex magazzini Harrod’s di Londra, un palazzo costato al Vaticano oltre 400 milioni di euro e che oggi varrebbe non più di 290 milioni. Dietro agli investimenti opachi fatti con i soldi dei fedeli, si nasconderebbero uomini d’affari spregiudicati, faccendieri, religiosi corrotti e una guerra all’interno dei servizi segreti italiani.

Gli altri servizi

Tra gli altri servizi: Il triangolo della censura con una discussione e un approccio sul mancato aggiornamento del piano pandemico.

Si chiude con Sputnik il vaccino che viene dal freddo. 

Efficacia dichiarata altissima (92%), prezzo contenuto (10 dollari a dose), scarsi effetti collaterali, queste le caratteristiche del vaccino. Mentre in Europa mancano i vaccini e le dosi arrivano con al rallentatore, tutti parlano di Sputnik V. Il siero russo però in Europa non arriva e la sua autorizzazione si sta trasformando in un giallo.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Reazione a catena 2021 con Marco Liorni ecco quando inizia

Tutte le notizie sulla nuova edizione del gioco condotto ancora una volta su Rai 1 da Marco Liorni. Come partecipare.
Serena Angelucci

Pubblicato

il

Marco Liorni 2021 Reazione a catena
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Arriva Reazione a catena con l’edizione del 2021. Il programma di giochi e connessioni sulla lingua italiana, riprende il proprio posto nel palinsesto estivo di Rai 1. Sarà presente sempre nella fascia preserale della prima rete e prende il posto di L’Eredità condotto da Flavio Insinna.

Reazione a catena 2021 con Marco Liorni

Intanto, per il terzo anno consecutivo è confermata la presenza, al timone del programma, di Marco Liorni. Il conduttore è attualmente padrone di casa del contenitore del day time pomeridiano di Rai 1 Italia Si. Per un determinato periodo sarà presente contemporaneamente nei appuntamenti. E quindi in onda tutti i giorni, visto che Reazione a catena, così come L’Eredità non si ferma nel fine settimana e va avanti sette giorni su sette.

Il quiz è nato nel 2007 e fino al 2009 il quiz è stato condotto da Pupo. Successivamente ne ha preso il posto dal 2010 al 2013, Pino Insegno. E’ stata la volta, poi, dal 2014 al 2017 di Amadeus. Per un solo anno, nel 2018, è arrivato Gabriele Corsi. Infine, dal 2019 Marco Liorni ne ha preso il timone.

Il format è un susseguirsi di giochi tutti legati alla lingua italiana che ricorda molto La settimana Enigmistica. In tutti i giochi i concorrenti devono scoprire assonanze tra parole e frasi con lo scopo di completare una “catena di parole”, in base a significati comuni, proverbi, aforismi, titoli di film o di libri e così via. Si tratta de Le catene musicali, Una tira l’altra e L’Ultima catena.

Il programma richiede dunque ai concorrenti una buona cultura generale ed una valida padronanza della lingua italiana. Il gioco più importante è L’intesa vincente che decreta il vincitore della puntata.

Come partecipare

Ecco come partecipare ai casting e quello che dice il regolamento Rai

A partire dall’8 febbraio 2021, tutti gli aspiranti concorrenti al programma potranno candidarsi al provino di Reazione a Catena solo attraverso il portale del Casting Rai www.rai.it/raicasting, previa iscrizione al sito, compilando l’apposito form di iscrizione.

Durante la fase di iscrizione, a ciascun candidato verrà chiesto di scegliere il nome della propria squadra. O, qualora fosse già stata denominata e individuata in precedenza da un componente della squadra stessa, di indicare l’esatta denominazione della squadra di appartenenza, composta
da tre unità.

Quando inizia Reazione a catena 2021

La data di inizio confermata a meno di ulteriori slittamenti, è il 7 giugno 2021. Il programma resta in onda fino al 26 settembre. Per poi cedere il posto di nuovo a L’Eredità di Flavio Insinna.

Nella prima puntata torna la squadra che deteneva in titolo di campione nell’ultima puntata andata in onda nel settembre 2020. Si tratta delle Ricongiunte, ovvero Giulia Rita e Donata, tre amiche alle quali era toccato il compito di battere I tre alla seconda che sono stati presenti per ben 26 puntate all’interno del programma.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it