Connect with us

News

Elodie al Giffoni Film Festival 2019: ecco il mio pensiero sulle quote rosa in musica

La giovane cantante, arrivata alla notorietà grazie al talent Amici, è intervenuta all'edizione 2019 del Festival del Cinema per Ragazzi di Giffoni.

Pubblicato

il

La giovane cantante, arrivata alla notorietà grazie al talent Amici, è intervenuta all'edizione 2019 del Festival del Cinema per Ragazzi di Giffoni.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’artista, uscita da Amici di Maria De Filippi, ha svelato che a un certo punto della sua vita ha deciso di smettere d’aver paura, paura del fallimento, di non essere all’altezza; lei ha deciso di vivere la sua passione – la musica – e si è lanciata oltre tutti i no ricevuti, oltre tutte le reticenze.

Perché è una donna alfa, aggredisce le cose per paura che le sfuggano, si sveglia tutti i giorni col sorriso e la voglia di fare e di fare meglio. Il titolo dell’incontro è “Donne in musica” e Roberto Pavanello Davide Poliani sottolineano come ci sia una grande tradizione a riguardo (da Billie Holiday a Billie Eilish) ma evidenziano anche il fatto che per colmare il gender gap si ricorra spesso alle quote rosa, che non sono ben viste da tutte le donne (l’obiezione è sempre: vorrei essere scelta come artista e non in quanto quota rosa). Elodie però taglia corto: sì, ci sono molto meno donne nella musica ed è discriminatorio, quindi le quote rosa sono un’opportunità da sfruttare senza arricciare il naso; se sai sfruttare l’opportunità, la gente imparerà ad apprezzarti per quello che sei, che vali.

Lei va dritta al punto ed è sempre professionale, puntuale, severa con se stessa sul lavoro. Ma questa storia che una donna che fa musica per essere credibile debba essere triste, magari un po’ bruttina, proprio non la digerisce: anche questo è discriminatorio, mentre lei se ne infischia ed è felice, orgogliosa di sé, ama il suo aspetto e i suoi vestiti. “Il mio lavoro non mi deve impedire di essere umana: compro il pane, prendo la metro e ho mal di pancia; devo vivere oltre il lavoro”.

E quando in passato lo staff intorno a lei le ha chiesto di essere più attenta alle persone e agli uomini con cui esce, se ne è infischiata: anche questo è gender gap e decisamente metterle il guinzaglio non è cosa facile! I ragazzi chiedono: c’è un futuro migliore, più paritario dietro l’angolo? La risposta è sì, ma “dovremmo essere educati ad essere liberi di poter scegliere, sempre”.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Melaverde 19 settembre in provincia di Cuneo e Forlì Cesena

Tutte le anticipazioni sulla puntata odierna del programma condotto, su Canale 5, da Ellen Hidding e Vincenzo Venuto

Pubblicato

il

Melaverde Hellen Hidding
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Melaverde torna con la puntata di domenica 19 settembre. Come al solito i due conduttori sono in giro per l’Italia alla ricerca delle eccellenze agricole e gastronomiche del nostro Paese. Dopo la tappa della scorsa settimana, ecco dove si trovano oggi Ellen Hidding e Vincenzo Venuto.

Melaverde 19 settembre in provincia di Cuneo

Questa settimana Melaverde raggiunge la Valle Maira un lembo di terra in provincia di Cuneo dove il tempo sembra essersi fermato. Pensate che è stata definita la valle più incontaminata d’Italia, infatti qui l’urbanizzazione sembra aver avuto la peggio lasciando spazio alla natura.
Pascoli, boschi, corsi d’acqua e altipiani, vengono a malapena sfiorati da piccoli borghi. Ci ricordano che l’uomo ha sempre vissuto in questa valle in modo semplice, occupandosi di allevamento e agricoltura. In questa puntata i telespettatori incontrano una famiglia che da generazioni, ogni anno, raggiunge questi pascoli a 2000 m con una mandria di Vacche di razza Piemontese.
Vedremo come curano e gestiscono un pascolo racchiuso in un anfiteatro naturale straordinario e come realizzano il più tradizionale formaggio d’alpeggio del cuneese: il Nostrale d’Alpe. Si raggiunge poi Daniel che nella sua azienda agricola di agriturismo ha recuperato antiche coltivazioni come varietà di patate quasi scomparse e molto altro.

In provincia di Forlì Cesena

Una delle parole chiave di questa puntata è “caso” o anche “fortuna”. È stato il caso infatti, o forse la fortuna a far scoprire una grotta sotto il pavimento di una antica abitazione di Sogliano al Rubicone, in provincia di Forlì Cesena, durante dei lavori di ristrutturazione.
Si tratta di un antico granaio che risale al 1400 dove all’interno sono state trovate 8 fosse. Venivano utilizzate per nascondere i propri averi, e tra questi il più importante, il cibo, durante le incursioni di banditi ed eserciti nemici. Anche il formaggio, prodotto preziosissimo al tempo, veniva nascosto in queste fosse. Quando i nemici erano passati e le fosse vennero riaperte il formaggio nascosto era diventato qualcosa di unico, molto particolare, diverso da tutti gli altri formaggi.
Così, per caso o per fortuna, nasceva 6 secoli fa il Formaggio di Fossa.
In questa puntata Melaverde racconta come nasce oggi questo formaggio a denominazione di origine protetta.
Ma si va anche alla scoperta del territorio, ricco di biodiversità zootecnica, di eccellenze gastronomiche e di ambienti naturali spesso ancora incontaminati e inaspettati.
Siamo nell’entroterra della Romagna, in provincia di Cesena. I telespettatori incontrano storici allevatori della zona di pecore ma anche di capre. Si parla del Formaggio di Fossa ma anche di un altro prodotto DOP del territorio. Storie, sapori e curiosità per una puntata piena di notizie.
Melaverde è disponibile anche su Mediaset play,

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Netflix Italia: le anticipazioni del vice presidente delle Serie Originali Tinny Andreatta

Le anticipazioni delle nuove produzioni Netflix Italia sotto la supervisione di Tinny Andreatta.

Pubblicato

il

Netflix Tinny Andreatta
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Netflix è sbarcata “coraggiosamente” in Italia, come sottolinea il vice presidente delle Serie Originali Tinny Andreatta, e sta lavorando ai primi titoli che vedremo prossimamente.

Netflix Tinny Andreatta fiction

Netflix: le dichiarazioni di Tinny Andreatta

La sfida – dice Andreatta – è raccontare il nostro Paese nel mondo in modo veritiero, anche superando la barriera linguistica. L’Italia è ancora vista come il Paese del sole, del buon cibo e degli uomini aitanti in canottiera; è apprezzata ma è raro che se ne dia un’immagine corrispondente”.

Per raccontare l’Italia con le sue luci e le sue ombre, metà giardino e metà galera come canta De Gregori, Neflix Italia ha identificato alcune linee narrative che, in estrema sintesi, sono: i temi attuali, il period e i racconti di antieroi e antieroine. “L’obiettivo è quello di uno storytelling senza tabù culturali che impediscono un racconto più comprensivo, trattando anche temi che non lo sono mai stati o sono stati rimossi” dice Andreatta che sottolinea anche l’estrema attenzione di Netflix al mondo femminile sia per le professionalità impiegate (“Oggi le donne sono solo il 10% del totale dei registi”) sia per i temi trattati.

Non a caso, uno dei progetti in sviluppo riguarda la sessualità femminile “raccontata in modo inedito ma lecito”, toccando anche il tema della maternità. Altra categoria (strategicamente) curata da Netflix Italia saranno i giovani ma anche, dice Andreatta, “i trenta-quarantenni e gli anziani che sono spesso coraggiosi e hanno tante storie da raccontare ma sono spesso esclusi dalla narrazione”.

Netflix Guida Astrologica per Cuori Infranti

Anticipazioni serie originali

Cinque le serie annunciate dalla Andreatta che si vanno ad aggiungere a quelle già comunicate in passato – come “Luna Park” (in uscita il 30 settembre), “Guida Astrologica per Cuori Infranti” (basato sull’omonimo libro di Silvia Zucca), “Strappare lungo i bordi” (la prima serie di animazione scritta e diretta da Zerocalcare), “Incastrati” (di e con Ficarra e Picone) e “Fedeltà” (ispirata al libro di Marco Missiroli, finalista al 73° Premio Strega) – e a quelle, come “Skam 5” di cui “è ancora prematuro parlare”.

L’elenco di Andreatta inizia con “Briganti”, storia di Filomena, donna coraggiosa e, se necessario, spietata nell’Italia del brigantaggio. Nell’Ottocento, precisamente nella Torino del 1844, è ambientata “Lidia Poet”: Matilda De Angelis è la prima donna avvocato in Italia cui una sentenza della Corte impedisce di esercitare la professione proprio perché donna.

Anche la protagonista di “Nemesis”, sospesa tra il giallo e il mistery, è un’avvocata: Diana, arrivata nel più prestigioso studio legale di Milano, deve difendere l’erede di una ricchissima famiglia di imprenditori dall’accusa di avere ucciso la moglie. Dal tribunale si va nel reparto psichiatrico di un ospedale con “Tutto chiede salvezza”, la storia “vera” di Daniele, un ventenne che per eccesso di sensibilità viene colto da una crisi psicotica e finisce per sette giorni in regime di Tso (Trattamento sanitario obbligatorio). In ospedale, tra medici, infermieri e improbabili compagni di stanza, Daniele viva l’esperienza più formativa della sua vita.

Conclude la lista delle anticipazioni “La vita bugiarda degli adulti”, tratta dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante e diretta da Edoardo De Angelis. Il ritratto potente e singolare del passaggio di Giovanna dall’infanzia all’adolescenza negli anni Novanta vede Valeria Golino nei panni della zia Vittoria.

Netflix Italia – conclusioni Tinny Andretta

È evidente, anche da questi pochi titoli, come siano la realtà e, forse soprattutto, la letteratura i riferimenti delle serie targate Netflix Italia: “Umberto Eco ringraziava tutti i romanzi che aveva letto, dai più grandi ai più leggeri. Anche noi ne abbiamo bisogno” dice Andreatta che sottolinea anche l’importanza, nelle produzioni che verranno, della commedia, “quella graffiante che parla della società”. Il tutto con un unico obiettivo: “Sorprendere il pubblico che è abituato a una grande offerta tradizionale. Dobbiamo capire cosa il pubblico vuole vedere, adesso e in futuro”.

Nel primo incontro con la stampa come vicedirettore delle Serie Originali Netflix Andreatta parla anche di produttori (“Non scegliamo le società di produzione ma il progetto”) e dei rapporti con loro: “C’è un tavolo aperto da un anno sulla cessione dei diritti e gli investimenti”.

A chi le chiede se, tra i titoli a cui sta lavorando, ce ne sia uno che potenzialmente possa bissare il successo planetario di prodotti come “La casa di carta” e “Lupin” (rispettivamente spagnolo e francese), Andreatta risponde: “Il successo su scala mondiale non è prevedibile. Noi facciamo storie più di nicchia e altre con l’ambizione di un pubblico più trasversale”. A volta va bene, altre meno, come nel caso di “Zero”, “che ha avuto un numero di appassionati minore di quello che ci aspettavamo e che, perciò, non avrà una seconda stagione”. Senza dimenticare che “a volte Netflix è la seconda opportunità per serie che meritano e che il sistema lineare non è stato in grado di valorizzare”. Un caso esemplare, in questo senso, è proprio quello de “La casa di carta”, flop in Spagna ma poi, su Netflix, la serie più vista al mondo.

Fonte ITALPRESS


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Ballando On the Road 2021 – tutte le tappe della nuova edizione

Torna l'appuntamento con Ballando on the road dopo lo stop per l'emergenza Covid-19.

Pubblicato

il

Ballando on the road 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ballando On the Road 2021 riapre i battenti. Dopo lo stop imposto dall’emergenza Covid, si torna a ballare con il talent itinerante ideato e voluto da Milly Carlucci.

Ballando on the road 2021 Carolyn Smith e Milly Carlucci

Ballando On the Road 2021

Dopo il clamoroso successo delle ultime stagioni (20mila ballerini, 5mila esibizioni, 200 ore di provini e migliaia di km percorsi in lungo e largo per l’Italia) il tour riparte quest’anno nella sua 6° edizione in una versione rivisitata a causa delle restrizioni Covid ancora in corso.

La prima parte del casting si è svolta virtualmente. La redazione di Ballando On the Road ha ricevuto durante l’estate le iscrizioni corredate dai video- provini che sono stati tutti visionati da Milly Carlucci e Carolyn Smith che hanno scelto coloro che parteciperanno alla fase seguente. La seconda parte della selezione avverrà in presenza in 3 tappe (nord – centro – sud) e vi parteciperanno solo le 300 unità di ballo (100 per ogni tappa) precedentemente selezionate.

Quest’anno dunque 3 tappe, 6 appuntamenti, dedicati ai ballerini di tutti gli stili e di tutte le età, con la passione per il ballo nel cuore.  Prima tappa il 18-19 settembre Treviglio, seconda tappa 25-26 settembre Catania e si termina il 2-3 ottobre a Roma.

Come sempre, insieme alla Regina del ballo in TV, l’indomabile Carolyn Smith e i Maestri di Ballando con le stelle.

Dove vederlo

I selezionati dalla tappa in presenza avranno la grande occasione di esibirsi nella “finestra” pomeridiana prevista su Rai 1, dove verranno giudicati e selezionati dalla giuria composta da Carolyn Smith; Fabio Canino e Guillermo Mariotto. Otto di loro parteciperanno al torneo “Ballando con te” in diretta il sabato sera nello show dedicato alla danza più amato della tv: Ballando con le stelle.

Per tutti gli altri talentuosi ballerini ci saranno moltissime occasioni di visibilità e professionale come già avvenuto negli anni scorsi anche grazie alla partnership il prestigioso Fini Dance Festival di New York grazie al quale ad esempio, Lorenzo Capeci, ha ottenuto un contratto di apprendistato con la Parsons Dance, prestigiosissima compagnia di danza contemporanea newyorkese. Anche quest’anno, inoltre, Milly Carlucci regala a questi giovani ballerini un’occasione straordinaria, un sogno, iscrivendosi nella categoria PRO si potrà essere valutati per diventare uno dei nuovi Maestri di Ballando con le Stelle 2021.

Ballando on the road 2021 Milly Carlucci

Ballando On the Road 2021 – Le tappe

Si parte dunque il 18-19 settembre con la tappa del Nord, Lombardia, dove il casting sarà ospitato dal Centro Commerciale Treviglio (Via Monte Grappa 31, Treviglio- BG). Il tour proseguirà in Sicilia il 25-26 settembre con la tappa del Sud a Catania, presso la sede della scuola Latin style Academy ( via Abruzzi 3, Giarre a CT -) E, per finire, la tappa del Centro che, come di consueto si svolgerà a Roma il 2-3 ottobre. Qui il casting verrà ospitato dal Maximo Shopping Centre (Via Laurentina 865)

“E’ veramente una grande emozione poter tornare ad incontrare i ballerini e gli appassionati in tutto il territorio italiano- dice Milly Carlucci -. “Sono stati due anni difficili che ci hanno tenuti distanti gli uni dagli altri, ma la comune passione per il ballo non si è mai sopita. E quindi, si ricomincia alla grande!”

Gli incontri con gli appassionati del ballo inizieranno alle ore 13.00 di ogni sabato e domenica in programma.

Milly Carlucci, la regina indiscussa del ballo in tv in ogni tappa avrà al suo fianco i grandi maestri del ballo, e una giuria di esperti guidata dalla coinvolgente e severissima Carolyn Smith. Fra i maestri partecipanti potrete incontrare: Sara Di Vaira, Anastasia Kuzmina, Simone Di Pasquale, Samuel Peron.

Il casting si svolgerà a porte chiuse ma per tutti gli appassionati l’appuntamento è sui profili social di Ballando On The Road


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it