Caduta libera, Gabriele Giorgio dopo la vittoria cade ai Dieci passi

Il campione di Caduta libera non riesce a superare i dieci passi come era accaduto nella puntata precedente.


Il giovane pesarese Gabriele Giorgio si era distinto nella puntata dello scorso 27 settembre. Infatti era stato il nuovo vincitore del game show condotto da Gerry Scotti nella fascia preserale di Canale 5.
Gabriele aveva già partecipato in passato al gioco delle botole e si era confrontato senza successo con il campione dei campioni Nicolò Scalfi. Ma non era mai riuscito a intaccarne il valore e la bravura. Da quei giorni è trascorso circa un anno.

Poi è accaduto l’imprevedibile: era riuscito a diventare campione. E, nella puntata del 27 settembre aveva spiazzato tutti i concorrenti arrivando al gioco finale dei Dieci passi con la somma di 165 mila euro. Un bottino di grande rilevanza che Gabriele era riuscito a conquistare tra gli applausi del pubblico.

La sua vittoria era stata particolarmente gradita al conduttore Gerry Scotti che l’aveva giustificata con queste parole: “il pubblico aveva tanta voglia di vederti vincere”.

Dopo essere stato ampiamente festeggiato all’inizio della puntata di ieri, Gabriele Giorgio ha tentato di bissare il successo il 28 settembre. Ma questa volta si è dovuto fermare: i dieci passi non gli sono riusciti. E si è fermato a tre risposte dalla conclusione. Aveva accumulato, nel corso della puntata, la somma di 85 mila euro.

Caduto nella botola, come da regolamento, torna lunedì a difendere ancora il titolo e a cercare di incrementare il montepremi.

Gabriele Giorgi è riuscito a catturare l’attenzione del pubblico di Caduta libera per le sue freddure, barzellette a sorpresa che raccontava durante ognuna delle sue presenze nel game di Canale 5.



0 Replies to “Caduta libera, Gabriele Giorgio dopo la vittoria cade ai Dieci passi”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*