La pista: la 1 puntata minuto per minuto


Tutte le fasi dello9 show, le esibizioni e i commenti della giuria


21.18La Pista ha inizio con la sigla corale ballata sulle note di Dirty Dancing. Insinna tende subito a precisare che non si tratta di un talent, ma di uno show. E seppure fosse un talent che male ci sarebbe? Mica fare talent è dispregiativo.

21.20Insinna continua a dire che La Pista non è un talent, è uno spettacolo di passioni. Oh, lo dice lui!!! Dopo presenta i giurati: la prima ad essere inquadrata e citata è Claudia Gerini, bellissima ed elegantissima, poi è la volta di Rita Pavone (ma non si era ritirata dalle scene?), dulcis in fundo, il Maestro, come lo chiama Insinna, perché lui è stato un suo allievo in Accademia, Gigi Proietti.

La Giuria

21.23 – La prima squadra in gara, i Virality. Li vediamo in un rvm mentre stanno facendole prove. L’impatto con Amii Stewart è bellissimo. Ha scelto di cantare e ballare con loro, Happy.

21.33 – Tutti si prendono sul serio. Manca la linea comico-ironica di Tale e Quale Show. La Pavone attacca un pistolotto che lei è sopravvissuta dai tempi di Studio Uno. Si è giocata una carta importante rivelatasi vincente. Buon per lei.

21.35 – Eccoci dietro le quinte de La Pista, dopo l’esibizione. Uno dei ragazzi, Sergio, con i capelli a cresta, tiene fortemente a precisare che è un fan scatenato della Stewart da quando aveva 8 anni. E che volete fa? So’ ragazzi.

I Virality a La Pista

21.39 – Seconda squadra in gara, Gli Adrenalina. Per loro Massimo Lopez. Si esibiscono con Tu vuò fà l’americano. Lopez omaggia Totò in chiave moderna, con un remix tutta dance. Bravi.

Adrenalina a La pista

21.40 – Terza squadra in gara, I Bad Boys con Paola Iezzi. Insinna ripropone il suo debutto sanremese con Chiara, ma adesso Paola è solo Paola e basta.

21.53Paola con un look completo, giacca e pantalone bianchi, canta Vogue di Madonna. Ammette, nella scelta della canzone, di avere un legame con la popstar. Peccato però che non canta come lei e sulla sua esibizione bisognerebbe stendere un velo pietoso. Ovviamente per tutti è brava… Pinocchio è in agguato.

22.01 – Pinocchio è sempre in agguato. E’ tutto un complimento. Insinna considera i Bad Boys come “pezzi di pane di Altamura”, vista la provenienza. La battuta la possono capire più di tutti i pugliesi.

167 Scampia a La pista

22.09 – Quarta squadra a scendere in campo: le 167 Scampia con Dario Bandiera. Esibizione particolare con lui in pigiama su un letto, in attesa della sua lei. Propone la canzone Banane e lamponi di Gianni Morandi.

22.10 – Commovente il momento quando Insinna ricorda il suo papà dicendo che l’unica volta che gli ha disubbidito è stato quando ha preso la decisione di intraprendere la carriera di attore. A Scampia serie difficoltà per chi vuole fare il ballerino. Ad esempio la famiglia di Antonino non accetta che il figlio faccia questa professione.

22.25 – Quinta squadra a scendere in campo: LECCEzione con Sabrina Salerno, bellissima e sempre in forma, che ha scelto la canzone Born to be alive di Patrick Hernandez. La soubrette, subito dopo l’esibizione, non nasconde che vuole vincere la puntata.

22.43 – Sesta squadra in gara: I Con – Fusione, abbinati a Cristel Carrisi, che si presenta con un mini abito in lamé. Insinna, nel presentarla, ci ricorda di chi è figlia. Ma si vede. La somiglianza con Romina Power è spiccicata. Meglio così. Una somiglianza con Al Bano non le avrebbe giovato.

22.48Cristel con la squadra si esibisce con la canzone Ma che freddo fa di Nada. Si rende un po’ antipatica, per come si atteggia e balla.

22.51Rita Pavone fa notare garbatamente che questi ragazzi, ballando, le hanno ricordato perché scopiazzato il suo Geghegè, ballo in voga nei favolosi anni ’60.

22.59 – Settima squadra in gara: Le Tacco 10, abbinate a Tony Hadley, ex Spandau Ballet. Propone con la squadra Crazy Little Thing Called Love.

I Tacco 10 a La pista

23.07Proietti si lancia andare al romanesco. Insinna cerca di capire e spiccicare qualche parola in inglese ma alla romana con Hadley. Suscita ilarità da parte del pubblico perché Hadley continua a parlare ma Insinna non lo capisce. Ma ecco che finalmente il traduttore corre in aiuto del presentatore.

23.14Claudia Gerini viene colpita dalla sindrome di Hadley e commette un piccolo incidente. Si comporta in tutto e per tutto come una fan: non resiste e si fa una foto con Tony Hadley. E’ sua fan da giovanissima e ricorda di aver dato il suo primo bacio ad un concerto proprio degli Spandau.

23.17 – Ottava squadra a scendere in campo: I Cosmo P con Antonino. Lui come brano, per far esibire la squadra, sceglie Ho in mente te. Una ragazza che è sembrata perplessa, ammette che Antonino non rispecchia la squadra come stile.

23.20 – Ecco l’esibizione di Antonino. Brutta. Ma Rita Pavone trova i ragazzi molto newyorkesi. Bah, vai a capire…

23.25Proietti non si sofferma molto sull’esibizione, ammette che non gli è piaciuta e racconta, per sdrammatizzare il tutto, la barzelletta sul gufo scambiato per un pappagallo. Risate da parte di tutti: quella che spicca di più è quella della Pavone.

23.35 – Si vota. La Gerini attribuisce 10 punti a Paola Iezzi (ma è matta?) e 12 ai Cosmo P.

23.40 – I Virality vincono solo con il voto della giuria.

23.43 – Vincitori della prima puntata de La Pista ex aequo i Cosmo P e 167 Scampia, tra giuria e pubblico, che boccia clamorosamente i Con – Fusione, piazzatisi ultimi.

Questa è stata la puntata de La Pista. Sarà piaciuta? Anche se Insinna, con la sua bravura e la sua comicità ce l’ha messa tutta, difficilmente questo programma potrà uguagliare Tale e Quale Show, anche se lo ricorda. Gli ascolti ci daranno ragione o torto. Non ci resta che aspettare che ne pensi il pubblico.                                          

  



0 Replies to “La pista: la 1 puntata minuto per minuto”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*