Connect with us

News

Giass, l’ultima puntata

tutti gli sketch del nuovo programma di Antonio Ricci
Irene Natali

Pubblicato

il

tutti gli sketch del nuovo programma di Antonio Ricci
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 Dopo la sigla con i conduttori sulle note di Com’è bello far l’amore, è Gerry Scotti ad aprire le danze. I padroni di casa ne ripercorrono ironicamente la carriera, dalla radio alla tv; l’esordio è stato su Italia Uno. Secondo Paolo, quando Scotti ha iniziato su Italia Uno, la rete giovane Mediaset è diventata Rete Quattro. Scotti invece confessa una sua scoperta dell’ultimo minuto: era convinto che per fare i Cugini Merda servisse la giacca marrone, e invece stasera ha capito che basta la faccia.

Salutato Scotti, si parte con i comportamenti del capitale umano di Nord, Centro e Sud. Stavolta le persone sono alle prese con un agente che chiede loro di guardare per un attimo un ragazzo fermato. L’aspetto grottesco della candid è che tutti gli italiani coinvolti, quando il ragazzo chiede di essere lasciato andare perché non vuole finire in prigione, sghignazzano. Uno addirittura lo tranquillizza: “Non ci va nessuno in galera in Italia, ci vai  tu?”

Il primo comico ad esibirsi è Cristiano Militello, per il centro: cartelli stradali, cartelli di negozi e di ristoranti toscani.

Un brano della Rimbamband ed entra Pino Campagna per il Sud: il figlio vuole parlargli solo via Facebook, però ignora la sua richiesta d’amicizia. Il figlio si definisce ragazzo multimediale”, il padre rissume il concetto dandogli del “ricchione”.

Dopo la presentazione della giura, ecco Debora Villa da Milano. La comica vuole sfatare una serie di luoghi comuni sulle donne: non è vero che quelle che fanno sesso sono isteriche. E sia chiaro che il principe azzurro non esiste, perché uno che si presenta in leggins blu è gay (questa battuta l’avevamo già sentita a X Love).

Primo servizio sulle eccellenze italiane, le Sorelle d’Italia : Cristina e Benedetta Parodi, Milly e Gabriella Carlucci, Loredana e Raffaella Lecciso.

Seguono le eccellenze delle feste paesane. 

Prima votazione: il Sud passa in testa. Collegamento con Pino Caruso: “Fummo cacciati dal Paradiso Terrestre per una mela. E poi dicono che la frutta fa bene”.

Da Roma, Sabrina Ferilli-Virginia Raffaele in giro per la capitale.

Primo blocco pubblicitario.

Si rientra in studio con la band che rivisita Nilla Pizzi. Luca, Paolo e Scotti parlano della tv: una volta ha insegnato agli italiani a leggere, poi nel 2000 con il Grande Fratello ha insegnato loro che leggere non è poi così importante.

Viena lanciata una nuova fiction con i conduttori, Enrico Silvestrin e Giorgia Surina sugli indipendentisti veneti: Squadra Anti VenetoOperazione Mona. L’ispirazione di questa “squadra anti-Veneto” sono chiaramente i prodotti TaoDue.

Due voci dal Sud, Bove e Limardi. Tocca poi a Marco “Baz” Bazzoni, dalla Sardegna: il problema non è la chirurgia estetica, ma i modelli. I vip sono tutti uguali perché i chirurghi si ispirano tutti agli stessi canoni, persino le anziane in spiaggia afoggiano dei seni da ragazzine.

Il capitale umano d’Italia incrocia un’avvenente ragazza che si offre come bandante: ci sono anziani che in certi momenti vivono la moglie come un inconveniente.

Seconda votazione: nella classifica generale  Nord e Sud sono a un punto di distanza, con il Nord ancora in testa.

I Cugini Merda sono andati a trovare Belén Rodriguez. I due ripercorrono i momenti topici della sua carriera,  dalla farfallina alla conduzione di Come mi vorrei. Paolo la vorrebbe a casa.

Nuova cartolina della Ferilli-Raffaele da Roma. Guest star, Luca Barbarossa; la Ferilli vuole ascoltare la sua canzone più famosa, Grazie Roma.

Si torna in studio: il signor Vismara coinvolge Luca e Paolo in un selfie, poi racconta una  barzelletta su un negromante negro.

A Giass, la Boldrini-Kessosoglu se la prende col sessismo imperante. Ci ricorda il suo lavoro all’Onu con nostalgia: in quel periodo,  la cosa più importante era la foto con i bambini “negri”.

Entra in scena il Presidente di Giass, Pino Caruso: tradire una moglie è un gesto d’amore, sennò non si conosce mai il  valore di chi si ha accanto.

Si riparte con i comici: per il centro, Andrea Perroni che imita vari cantanti.

Nino Formicola è il cieco di Milano: sono gli altri a non vedere, perché ripetono che siamo tutti uguali; c’è sempre grande imbarazzo davanti a un handicappato.

Per il Sud, Giobbe Covatta sulla condanna di Berlusconi e le parole cambiano significato: accanimento giudiziario per esempio, adesso lo dice chi viene preso con le mani nel sacco.

Prossima categoria, le Archistar, “architetti con la mente di Michelangelo e le mani di Lady Gaga”: Renzo Piano, Mario Cucinella, Massimiliano Fuksas.

Per le Arie Immortali, le flatulenze indimenticabili del cinema italiano: Ugo Tognazzi, Adolfo Celi, Alvaro Vitali.

Come in tutte le puntate precedenti, ecco ancora la categoria dei Saranno Sorrentini: Hmatt, The Pills, The Jackal.

L’ ultima votazione di Giass decreta vincitore il Nord. Ci avviamo verso la conclusione: dopo la pubblciità, gli spettatori vengono deliziati con una Debora Villa che cerca di essere sexy ballando I will survive di Donna Summer.

Vengono rilanciati alcuni servizi come quello sui religiosi canterini in tv, le giornaliste gnè gnè e i bambini sfruttati dai grandi. Nel montaggio vengono inseriti alcuni momenti della conferenza stampa in cui Ricci aveva predetto che, al termine della trasmissione, sarebbe stato mandato a quel paese da molte persone.

Il congedo dagli spettatori di Canale 5 avviene attraverso un cambio di prospettiva: le badanti venute dall’estero raccontano come si trovano in Italia, tra aspetti positivi e difficoltà incontrate. 

Giass termina dunque qui, chissà se Ricci in futuro vorrà ripetere l’esperimento.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Salotto Salemi Mediaset Play, il talk show in streaming di Giulia Salemi

A partire dal 16 aprile, Giulia Salemi conduce Salotto Salemi, un talk show in esclusiva per il servizio in streaming online Mediaset Play.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Salotto Salemi Mediaset Play
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Salotto Salemi è il nuovo talk show condotto dall’influencer Giulia Salemi, in esclusiva streaming per il servizio Mediaset Play. A partire da venerdì 16 aprile alle 19.00, la Salemi conduce per sei settimane consecutive il suo primo programma.

Salotto Salemi è prodotto da MNcomm in collaborazione con Brand On Solutions, l’area dedicata alle iniziative speciali di Mediamond, e con Naj Oleari Beauty e Mikado. Il programma è scritto da Silvia Rossi, mentre il Product Placement è a cura di Hub4Brand.

Salotto Salemi Mediaset Play, un format nato durante il lockdown

Giulia Salemi è dunque al suo esordio come conduttrice in solitaria di un programma Mediaset; probabilmente, anche in virtù del successo riscosso durante l’ultima edizione del Grande Fratello Vip, alla quale ha partecipato. La modella e influencer italo-persiana è attivissima sui social da sempre, tanto da meritare a pieni titoli la definizione di influencer. Su Instagram, la Salemi può infatti vantare oltre 1 milione e cinquecentomila followers, ma i numeri sono in continua crescita.

L’idea di Salotto Salemi nasce proprio sui social, durante il lockdown dello scorso anno. La Salemi in quell’occasione aveva organizzato uno show casalingo nel corso del quale dava consigli di make-up, cucina e salute, spesso in compagnia di amiche e amici ospiti. Il medesimo format è ora riproposto, con nuovi accorgimenti su Mediaset Play. Come avveniva sui social della Salemi, però, la conduttrice parlerà con i suoi ospiti di gossip, strappando loro confidenze e opinioni sorprendenti il più possibile. Il tutto in un clima amichevole e rilassato.

In passato, la due volte partecipante al Grande Fratello Vip ha già co-condotto due programmi televisivi; prima Ridicolousness Italia su MTV, dove lavorava insieme a Stefano Corti e Alessandro Onnis. E poi, Disconnessi on the road su Italia 1, insieme a Paola Di Benedetto e Paolo Ciavarro. 

Anteprima: gli ospiti confermati di Salotto Salemi

La prima ospite confermata di Salotto Salemi è Dayane Mello, modella e influencer. Anche la Mello ha partecipato, insieme a Giulia Salemi, all’ultima edizione del Grande Fratello Vip. 

Oltre a chiacchierare con lei, nella speranza di farle rilasciare dichiarazioni scottanti e qualche gossip in esclusiva sulla sua vita privata, la conduttrice propone alcuni beauty tips all’amica e collega. Tra una confidenza più intima e una chiacchiera, Dayane Mello fa quindi da modella di make up per la Salemi.

Tuttavia, sono molti gli ospiti vip la cui presenza è già stata confermata. Nel salotto di Giulia Salemi, nel corso di sei puntate, si avvicendano Paola di Benedetto, giovane show-girl e modella; Veronica Ferraro, una delle fashion blogger più seguite di Instagram, nonché grande amica di Chiara Ferragni.

E ancora, Gaia Zorzi, la sorella del noto influencer, anche lui ex “gieffino” Tommaso Zorzi. Inoltre, Martina Hamdy, modella, ex meteorina del TG4 e oggi presentatrice ufficiale dei programmi Meteo di Mediaset. Infine, Arianna Cirrincione, modella e influencer fidanzata con Andrea Cerioli, che ha conosciuto nel corso della trasmissione Uomini e Donne.

Si tratta, quindi, di ospiti giovani e molto noti sul panorama televisivo e sul Web, come influencer con milioni di followers sui social più diffusi come Instagram, Facebook e YouTube. 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Le Iene Alessia Marcuzzi salta la puntata del 13 aprile 2021

Alessia Marcuzzi salta l'appuntamento di martedì 13 aprile con la conduzione de Le Iene Show. Suo marito è risultato positivo al Covid.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Le Iene Alessia Marcuzzi
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alessia Marcuzzi salta l’appuntamento del 13 aprile 2021 con Le Iene Show su Italia 1. Lo ha annunciato la conduttrice stessa per mezzo di una storia pubblicata su Instagram. 

Le Iene Alessia Marcuzzi, di nuovo in quarantena

La conduttrice de Le Iene Show Alessia Marcuzzi ha reso pubblica in una storia sul social Instagram la notizia: non sarà presente nel corso della puntata del 13 aprile 2021. Come ha scritto lei stessa, infatti: “Purtroppo mio marito la scorsa settimana è risultato positivo al tampone molecolare. Ovviamente si è subito auto isolato e per ora sta bene.”.

Anche la Marcuzzi, intanto, sta bene, e ha rassicurato i fan della trasmissione aggiungendo che: “Io sono fortunatamente risultata negativa (ho già effettuato due tamponi molecolari). Ma come da protocollo sono cautelativamente in casa in attesa di ulteriori controlli. Con molto dispiacere, a tutela delle persone che mi stanno accanto, e per rispetto della prassi, non potrò essere presente a Le Iene che comunque seguirò da casa. Un bacio a tutti”.

Alessia Marcuzzi era già stata assente in passato dalla trasmissione, precisamente a ottobre 2020. In quell’occasione, però, era stato un suo tampone rapido a risultare positivo. Sta di fatto che, comunque, per il momento la Marcuzzi è dovuta tornare in quarantena, nel pieno rispetto della normativa per il contenimento del Covid. Perciò, Nicola Savino resta “solo” alla conduzione del programma; ovviamente, in compagnia delle voci dei membri della Gialappa’s Band.

Le anticipazioni per la puntata del 13 aprile

Intanto, sono già state pubblicate le prime anticipazioni per uno dei servizii in onda nella puntata de Le Iene Show di martedì 13 aprile.

Un operaio dell’azienda ArcelorMittal è stato licenziato dopo aver condiviso sul suo account Facebook privato un invito ai colleghi. Nel post l’uomo aveva condiviso un invito a vedere la serie “Svegliati amore mio”; nota per aver riportato all’attenzione del pubblico e dei media i rischi dell’inquinamento ambientale per la salute dei cittadini. I vertici dell’acciaieria non avrebbero apprezzato il gesto, che ha portato al licenziamento dell’operaio; giustificato, a loro dire, dai “contenuti denigratori e altamente lesivi dell’immagine dell’azienda.” presenti nel post.  Il servizio è a cura della Iena Alessandro Di Sarno. 

L’autore del servizio ha cercato di contattare in merito il responsabile delle risorse umane dell’azienda: Arturo Ferrucci. Che, pare, si sarebbe negato ai microfoni delle Iene in più occasioni. Così, il videomessaggio che la Iena Di Sarno avrebbe voluto mostrare al responsabile, è stato proiettato sulla facciata dell’azienda tarantina. 

Nel videomessaggio, è Ricky Tognazzi, uno dei registi e sceneggiatori di Svegliati amore mio, ad esporsi in difesa dell’operaio.Meglio mettere al rogo il film che mandare per stracci una persona, un uomo con famiglia e figli. Arrestateci tutti, arrestate noi, fermateci. Siamo dei potenziali terroristi che abbiamo causato, in qualche modo, il licenziamento di un povero operaio. Grazie ArcelorMittal per aver fatto quello che la censura non è riuscita a fare in cent’anni”. afferma Tognazzi.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Report Lo sterco del diavolo questa sera su Rai 3, gli altri servizi

Le inchieste e i reportage di cui si occupa Sigfrido Ranucci nel corso della puntata. In primis gli scandali in Vaticano.
Stefano Della Felce

Pubblicato

il

Report Lo sterco del diavolo
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Report propone oggi l’inchiesta dal titolo Lo sterco del diavolo. Va in onda lunedì 12 aprile alle 21.30 su Rai3 e su RaiPlay. Al timone come al solito Sigfrido Ranucci che promette rivelazioni esplosive.

Report Lo sterco del diavolo questa sera su Rai 3

Report riparte con l’inchiesta esclusiva “Lo sterco del diavolo” di Giorgio Mottola con la collaborazione di Norma Ferrara e Giulia Sabella.

Il reportage documenta come gli scandali all’ombra del Cupolone non si fermano nemmeno davanti ai Santi. Da anni Papa Francesco ha avviato una battaglia interna al Vaticano per portare trasparenza nei conti della Santa Sede. Ma la resistenza interna continua a essere forte: troppi sono gli interessi finanziari in ballo.

Questa sera viene raccolta una denuncia inedita dalla trasmissione. All’interno della Congregazione per le cause dei santi, la commissione vaticana che gestisce i processi di canonizzazione, un alto funzionario avrebbe chiesto una tangente per avviare il processo di beatificazione di un candidato molto noto e amato.

Una vicenda avvenuta mentre il prefetto della Congregazione per le cause dei santi era il cardinale Giovanni Angelo Becciu, l’ex sostituto della Segreteria di Stato dimessosi lo scorso settembre dopo le accuse di peculato.

Con documenti inediti e testimonianze esclusive Report ricostruirà gli investimenti finanziari realizzati dalla Segreteria di Stato negli ultimi anni.

A partire dall’acquisto degli ex magazzini Harrod’s di Londra, un palazzo costato al Vaticano oltre 400 milioni di euro e che oggi varrebbe non più di 290 milioni. Dietro agli investimenti opachi fatti con i soldi dei fedeli, si nasconderebbero uomini d’affari spregiudicati, faccendieri, religiosi corrotti e una guerra all’interno dei servizi segreti italiani.

Gli altri servizi

Tra gli altri servizi: Il triangolo della censura con una discussione e un approccio sul mancato aggiornamento del piano pandemico.

Si chiude con Sputnik il vaccino che viene dal freddo. 

Efficacia dichiarata altissima (92%), prezzo contenuto (10 dollari a dose), scarsi effetti collaterali, queste le caratteristiche del vaccino. Mentre in Europa mancano i vaccini e le dosi arrivano con al rallentatore, tutti parlano di Sputnik V. Il siero russo però in Europa non arriva e la sua autorizzazione si sta trasformando in un giallo.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it