Connect with us

News

Le Iene Show, la puntata del 21 maggio

tutti i servizi del programma di Italia Uno
Irene Natali

Pubblicato

il

tutti i servizi del programma di Italia Uno
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 I conduttori aprono salutando il pubblico dopo aver saltato la puntata di mercoledì scorso; Teo Mammucari si concede la solita battuta sulla Blasy che è bella anche vestita. Siamo al penultimo appuntamento con il programma di Italia Uno.

 Il primo servizio è di Luigi Pelazza: Traffico di immigrati verso il nord Europa. La iena documenta il viaggio di uomini libici che cercano di raggiungere i Paesi del nord passando attraverso l’Italia: il viaggio viene a costare dai 10 ai 15mila euro. I cittadini libici sono obbligati ad emigrare in questo modo perché non hanno il permesso di lasciare il proprio Paese; di solito cercano di riunirsi ai loro familiari.

I trafficanti li portano a destinazione su un furgone: più la meta è lontana, più ci sono passaggi intermedi da effettuare. Pelazza viene ingaggiato come autista da un tizio detto “L’Argentino”, che alla fine viene smascherato dalla iena e arrestato dalla polizia: rischia fino a 15 anni di carcere.

Giulio Golia ci racconta la storia di Maria, che ha dovuto lasciare il suo appartamento per via della fognatura rotta; la donna si ritrova ora a vivere in macchina da sette mesi. Il quartiere in cui è avvenuto il fatto si chiama Arghillà, a cinque minuti da Reggio Calabria, divenuto ormai La terra di nessuno. Chi non ha un’abitazione, sfoda le porte di quelle poche rimaste libere; per evitare l’occupazione abusiva, la società che le gestisce le mura.

A causa delle fognature rotte e dei cattivi odori, i bambini vengono portati spesso all’ospedale; persino le punture di zanzara diventano pericolose. Ad Arghillà la situazione di marginalità è drastica: rapine, immondizia, criminalità; in un simile contesto, il rischio che i ragazzi possano entrare in contatto con la ‘Ndrangheta è alto. Nelle palazzine, molti hanno sistemato gli appartamenti a proprie spese; alcuni hanno chiesto di essere regolarizzati, ma senza successo. Ad aggravare la situazione, il Comune è commissariato per mafia, dunque senza sindaco; pare quindi che nessuno possa assegnare un nuovo alloggio alla signora Maria.  Il problema a monte sono le fognature, ma i costi sono troppo alti per ripararle; eppure a Reggio Calabria sono stati spesi ben 13milioni di euro per un ascensore in centro.

Dopo il primo blocco pubblicitario, si torna ad Arghillà con Giulio Golia: Antonio ha occupato un immobile quando non era di nessuno (la ditta che lo costruiva è fallita e ha abbandonato i lavori), l’ha sistemato da solo e poi ha fatto richiesta di regolarizzazione.

La situazione sembrava procedere per il meglio, ma sono arrivati i vigili che potrebbero sequestrarla: pare che Antonio non abbia presentato la richiesta nei tempi previsti dalla sanatoria. Il giudice ha rifiutato la sospensione dello sfratto: Antonio e la moglie devono lasciare la casa; la loro bambina rischia di essere affidata ai servizi sociali.

In tutto ciò, l’intero palazzo è in realtà abusivo; come si può sfrattare qualcuno da un immobile che sulle carte è fantasma? Grazie all’intervento delle Iene il caso viene riconsiderato, ma casi simili sono destinati a ripetersi.

Si rientra in studio; i conduttori lanciano un nuovo servizio che alleggerisce i toni della puntata. Filippo Roma infatti, veste i panni del Moralizzatore e si occupa del matrimonio finito di Valeria Marini con Giovanni Cottone.

La missione consiste nel convincere i due a non annullare il sacro vincolo; la Marini non si dimostra molto felice alla presenza della iena.

Ancora pubblicità.

Luigi Pelazza raddoppia: Come ci succhiano i soldi dal telefonino. Navigando in rete con i supporti mobili, basta sfiorare alcuni banner pubblicitari per trovarsi abbonati a un servizio mai richiesto. Com’è possibile senza aver fornito nessun estremo per il pagamento né un consenso all’acquisto?

Pietro Giordano dell’Adiconsum spiega che le compagnie telefoniche dovrebbero controllare e bannare questo tipo di aziende. Il costo è di 5 euro a settimana, e il credito viene risucchiato.

In studio si scherza sulla baba di Conchita Wurst, vincitrice dell’Eurovision Song Contest; Ilary Blasi ha indossato la barba. In più, è pure vestita da suora: due fenomeni mediatici in uno.

Paolo Calabresi ci parla di disabilità: Chi si fa carico di Luca? In una scuola di Roma, Luca, un ragazzo disabile, non deve essere preso in braccio per essere portato a mangiare con i suoi compagni al piano inferiore. Per tutto l’anno scolastico precedente, ha dovuto mangiare da solo; quest’anno si sono fatti carico della sua situazione, gli insegnanti di sostegno con uno sforzo fisico notevole che potrebbe mettere a repentaglio la loro salute.

Matteo Viviani torna sul tema della sottrazione di minori: Come funziona il business dei bambini. Viviani intervista l’avvocato Francesco Morcavallo, ex giudice dei Tribunale dei minorenni; l’uomo porta avanti da anni una battaglia contro la facilità con cui i bambini vengono portati via dalle loro famiglie.

Gli allontanamenti dovrebbero essere effettuati solo in casi gravissimi che invece, dati alla mano, risultano una minoranza: dietro c’è l’interesse economico di chi gestisce le case famiglia.

Nella provincia di Trento ci sono veri e propri casi di conflittodi interessi: nonostante la legge lo vieti, alcuni giudici onorari del Tribunale, ricoprono ruoli di direzione di comunità per minori; l’ipotesi è quindi che si persegua l’interesse economico a discapito dell’interesse dei bambini e dei ragazzi. Raggiunto da Viviani, la Presidentessa del Tribunale dei Minori non risponde.

Eccoci all’atteso servizio di Andrea Agresti: I tassisti in rivolta. Al centro della protesta, un’applicazione che permette di avere un autista senza alcuna telefonata: il prezzo è del 20% più alto rispetto a un normale taxi, però la tariffa viene calcolata solo nel momento in cui inizia il viaggio, senza distinzioni di orario o di giorni festivi. I tassisti considerano Uber illegale, a differenza del car sharing.

Non bisogna inoltre dimenticare che i costi di una licenza sono alti, mentre con Uber si può diventare facilmente autisti. Occorrerebbe dare ai tassisti gli strumenti che permettano loro di competere alla pari con il cambiamento, ma questo spetta alla politica.

Nadia Toffa ci illustra i Blog pro anoressia,  detti pro ana: si tratta di siti tenuti da persone con disturbi alimentari che diffondono informazioni su come non assimilare cibo e calorie. Si va dal vomito, all’ingerimento di cotone bagnato con succo d’arancia al punirsi fisicamente dopo aver mangiato (il cosiddetto “binge”): la regola è che non si è mai abbastanza magri.

La Toffa parla con un signore e una donna, Monia, che le raccontano le loro esperienze: la seconda in particolare, le dice che nessuno che non si odi già riuscirebbe per esempio a vomitare, con o senza siti. Lei prende persino sei lassativi al giorno e non riesce a vedersi nuda, tanto da lavarsi a pezzi: Monia ha anche una figlia, e in gravidanza è riuscita a prendere solo cinque chili; essendo consapevole della sua malattia, teme di passare alla bimba il suo rapporto morboso con il cibo.

Ancora pubblicità.

Si rientra con un altro servizio che è un vero pungo nello stomaco: Morto durante un fermo dei carabinieri, di Mauro Casciari. Il filmato si apre con i video registrati dalle persone del quartiere in cui è avvenuto il fatto: A Firenze Riccardo Magherini, 41 anni, ha un attacco di panico, e inizia a urlare chiedendo aiuto. Intervengono i carabinieri; l’uomo muore nelle loro mani.

La versione ufficiale è decesso dovuto a un infarto causato da abuso di droga; in realtà il corpo dell’uomo si rivela poi pieno di ecchimosi e sangue. I testimoni raccontano che Riccardo era in grande stato di agitazione: nel video si sente l’uomo chiedere un’ambulanza mentre i quattro carabinieri intervenuti lo riempiono di calci; Riccardo è disperato, grida che lo stanno ammazzando.

Chiunque abbia visto la scena dalla finestra di casa sua, fornisce la stessa versione dell’episodio; naturalmente quella dell’Arma è diversa.

Seconda puntata di Non ti conosco ma ti bacio…al buio!, direttamente da X Love. Nina Palmieri fa baciare per la prima volta dei perfetti estranei dopo averli bendati.

Altro blocco pubblicitario, poi un momento leggero: Il sexy lavaggio di Enrico Lucci. In aperta campagna, in provincia di Rieti, esiste l’autolavaggio dei sogni maschili: protagoniste donne in perizoma e reggiseno, un proprietario che si premura di fornire un servizio che non sia volgare, e clienti vedovi con la moglie che li guarda da lassù. C’è pure un baldo giovane che spera si investa a favore di altre iniziative simili.

Torna Filippo Roma, alle prese con Il giallo vaticano che non piace al Papa. In occasione della canonizzazione dei due Papi Giovanni XXIII e di Giovanni Paolo II, sulla terrazza della Prefettura Vaticana è stato organizzato un ricevimento con buffet per 200 ospiti; l’evento è stato documentato da Dagospia nella sezione Cafonal.

Il Cardinale Giuseppe Versaldi, presidente della Prefettura, lo trova in contrasto con lo spirito di Bergoglio che, pare, si sia arrabbiato parecchio: l’iniziativa è stata finanziata da alcuni sponsor, ma Versaldi sostiene di non sapere chi possa essere il responsabile, pur avendo in mente alcune ipotesi.

Di fatto, il mistero sul buffet rimane.

Angelo Duro propone un altro capitolo delle Olimpiadi dell’illegalità: un iPhone a terra a Lisbona, Palermo e Valencia.

Cristiano Pasca alle prese con una medium: Parli coi morti? Ti metto alla prova! La iena conosce una sensitiva che sostiene di comunicare con i morti: rilascia regolare fattura, ma gli dice che il nonno si è ricongiunto con la cara nonna. Ma fortunatamente la donna è ancora viva e vegeta.

 La puntata si avvia alla conclusione: entra in azione il mago Sim Sala Teo.

Appuntamento a mercoledì prossimo con l’ultima puntata della stagione!


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Un giorno in pretura 2021 la Petrelluzzi racconta Raffaele Cutolo

Tutte le anticipazioni sulla puntata del programma ideato e condotto da Roberta Petrelluzzi. Protagonista Raffaele Cutolo.
Massimo Luciani

Pubblicato

il

Un giorno in pretura 2021- Roberta Petrelluzzi
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un giorno in pretura con l’edizione 2021, torna sabato 8 maggio su Rai 3. L’appuntamento con la conduttrice e ideatrice storica del programma, Roberta Petrelluzzi, è in seconda serata su Rai 3.

Un giorno in pretura 2021, La Petrelluzzi racconta Raffaele Cutolo

Nella puntata di Un giorno in Pretura in onda sabato 8 maggio, alle 24.25 su Rai 3, Roberta Petrelluzzi riproporrà la storia di Raffaele Cutolo.  Mafioso italiano, fondatore nonché capo della Nuova Camorra Organizzata, aveva due fratelli, Pasquale e Rosetta Cutolo. Anche loro hanno intrapreso una carriera criminale. In particolare Rosetta ha condiviso le sorti di Raffaele e la sua attività è stata fondamentale per le sorti  della NCO (Nuova Camorra Organizzata).

Dopo una lunga malattia, Raffaele Cutolo è morto lo scorso 17 febbraio 2021 all’età di 79 anni, essendo nato nel 1941. Da tempo era ricoverato nell’ospedale di Parma per le complicazioni legate a una polmonite. E gli erano stati negati gli arresti domiciliari.

Il re della nuova camorra organizzata ha finito i suoi giorni senza più poteri recluso in un carcere di massima sicurezza in regime di 41 bis. E muore con lui una pagina storica della criminalità napoletana. Il suo è stato l’ultimo tentativo di ingabbiare la scellerata e disordinata organizzazione camorristica in un ordine quasi militare tipico della criminalità mafiosa.

Era noto come ‘o Prufessore nonostante avesse solo una licenza elementare. Ed era figlio di un mezzadro e di una lavandaia di Ottaviano, alle falde del Vesuvio.

Il processo più significativo

Nella puntata di Un giorno in Pretura in onda sabato 8 maggio, Roberta Petrelluzzi ripropone il processo più significativo di tutta la vicenda penale di Raffaele Cutolo.  Ovvero quello per l’uccisione di Vincenzo Casillo, amico e braccio destro del boss fuori dal carcere. Un affresco che descrive in maniera mirabile la criminalità organizzata che ha sconvolto il Paese dalla metà degli anni Settanta fino alla fine degli anni Ottanta. Un processo che secondo alcuni è stato il primo tentativo riuscito di insabbiare i patti perversi tra stato e criminalità organizzata.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Concerto Primo Maggio: la risposta della Rai in merito all’intervento di Fedez

Sul caso Fedez, avvenuto durante il concerto del Primo Maggio, è intervenuto anche l'Amministratore delegato Rai Fabrizio Salini. Ecco le sue dichiarazioni.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Intervento Fedez Concerto risposta Rai 3
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In seguito a ciò che accaduto per l‘intervento di Fedez al Concerto del Primo Maggio, è arrivata la risposta da parte della Rai.

Ieri sera il rapper, prima dell’esibizione, ha cercato di puntare i riflettori sul Ddl Zan. E’ il disegno di legge contro le discriminazioni di genere. Sostiene che i ritardi della sua entrata in vigore dipendano da alcuni esponenti politici, in particolare della Lega. Ma sul palco del Primo Maggio non ha reso noti i nomi ai quali si riferiva nel discorso.

Una volta però rientrato in albergo sui suoi profili social ha pubblicato un video che in pochi minuti è diventato virale. Ha proposto la registrazione della sua telefonata con la vice direttrice di Rai 3, Ilaria Capuani.

Fedez ha tentato di denunciare il fatto che il Servizio Pubblico abbia tentato di censurare il suo monologo. Ed ha aggiunto che prima di potersi esibire con il monologo ha dovuto inoltrare alla Rai il testo per ottenere l’approvazione.

La Rai però si è subito difesa rendendo pubbliche le dichiarazioni della stessa Capuani. Sulla questione però è intervenuto anche l’Amministratore delegato Rai, Fabrizio Salini.

Intervento Fedez Concerto risposta Rai fabrizio salini

Intervento Fedez Concerto, la risposta dell’ Ad Rai Fabrizio Salini

In merito all’intervento di Fedez ecco le dichiarazioni dell’Amministratore Delegato della Rai su quanto accaduto ieri sera:

“In merito all’intervento di Fedez al Concerto del Primo Maggio, Rai3 ha spiegato di non aver mai censurato Fedez né altri artisti né di aver chiesto testi per una censura di qualsiasi tipo. Questo deve essere chiaro, senza equivoci e non accettiamo strumentalizzazioni che possano ledere la dignità aziendale e dei suoi dipendenti.

In questi tre anni ho sempre cercato in tutti i modi di garantire che in Rai fosse assicurata pluralità di voci e di opinioni perché ritengo sia il principale obiettivo della mission di Servizio pubblico. Lo testimonia la nostra programmazione tutti i giorni su tutti i canali televisivi, in radio e su RaiPlay.

Di certo in Rai non esiste e non deve esistere nessun “sistema” e se qualcuno, parlando in modo appropriato per conto e a nome della Rai, ha usato questa parola mi scuso. Su questo assicuro che sarà fatta luce con gli organizzatori del Concerto, che la Rai acquista e manda in onda fin dalla sua prima edizione, per capire come sia stato possibile soltanto ipotizzare un’aberrazione del genere e se esistano delle responsabilità aziendali.

Ringrazio profondamente tutti gli artisti che ieri si sono esibiti con performance straordinarie studiate appositamente per la Festa del lavoro, che danno lustro al Servizio Pubblico e ci hanno mostrato in modo evidente quanto l’arte sia fondamentale per la rinascita del Paese.”


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Milva è morta, scompare una delle più grandi artiste italiane

E' scomparsa una delle più grandi artiste italiane, da tempo malata. Il ricordo della Pantera di Goro nel mondo della musica e della tv.
Redazione

Pubblicato

il

Milva morta
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E’ morta a Milano Milva. Lo conferma la figlia, Martina Corgnati, spiegando che la madre era malata da tempo. La grande cantante e attrice, Ilvia Maria Biolcati, aveva 81 anni e viveva a Milano con la segretaria Edith e la figlia Martina, critica d’arte.

E’ morta Milva

Soprannominata “La Rossa” per il colore della sua chioma, Milva ha calcato i palcoscenici di tutto il mondo realizzando più di sessanta album. Nata a Goro, in Emilia Romagna, il 17 luglio 1939, nel corso della sua carriera ha partecipato 15 volte al Festival di Sanremo, un record di presenze che detiene insieme a Peppino Di Capri, Toto Cutugno e Al Bano.

Nel 2010 aveva pubblicato il terzo album scritto e prodotto per lei da Franco Battiato, intitolato ‘Non conosco nessun Patrizio’ e balzato immediatamente nella top 20 dei dischi più venduti in Italia.

Subito dopo aveva annunciato il suo addio alle scene, dopo mezzo secolo di palcoscenico. Nel 2018 era stata premiata al Festival di Sanremo: premio alla carriera ritirato dalla figlia.

Per molti è stata la «Pantera di Goro». Si è spenta ieri nella sua casa milanese dove viveva con Edith, la sua fidata segretaria, e la figlia Martina Corgnati, critica d’arte avuta con il produttore discografico Maurizio Corgnati.

La famiglia in questo momento sta organizzando l’ultimo saluto.

La carriera

Nella sua lunga carriera Milva è passata dalla canzone popolare al teatro di Giorgio Strelher. Ma anche per la musica di Franco Battiato, di Ennio Morricone, di Astor Piazzolla. Ha interpretato anche le canzoni dei grandi compositori greci, francesi, tedeschi ed è approdata sui palcoscenici di tutto il mondo.

La sua statura artistica è stata ufficialmente riconosciuta dalle Repubbliche Italiana, Francese e Tedesca, che le hanno conferito alte onorificenze.

Il 26 marzo scorso Milva, aveva anche ricevuto il vaccino contro il Coronavirus. “Io mi vaccino perché tengo alla mia vita a e alla vita altrui”, aveva scritto sulla sua pagina Facebook, “Fatelo anche voi. Abbiamo bisogno di tornare alla vita di prima, e di abbracciare i nostri cari. Tutti quanti insieme possiamo farcela a sconfiggere questo virus”.

Il ricordo di Franceschini

Così il Ministro della Cultura, Dario Franceschini, ricorda Milva nel giorno della sua scomparsa:

Milva è stata una delle interpreti più intense della canzone italiana. La sua voce ha suscitato profonde emozioni in intere generazioni. Una grande italiana, un’artista che, partita dalla sua amata terra, ha calcato i palcoscenici internazionali, rendendo globale il suo successo e portando alto il nome del suo Paese. Addio alla pantera di Goro”. 

 

FONTE: ANSA


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it