Connect with us

News

Il tempo e la storia, la programmazione

tutte le puntate in onda nel corso dei prossimi giorni
Alessio Biondi

Pubblicato

il

tutte le puntate in onda nel corso dei prossimi giorni
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

                                                                           {module Banner sotto articoli}
“La Repubblica di Weimar” lunedì 1 settembre,
Dopo la fine della Prima guerra mondiale nella Germania, cuore dell’Europa, c’è miseria, rabbia e frustrazione. Sulle ceneri dell’impero nasce un forte desiderio di rivincita e rinnovamento, che si esprime con straordinaria energia nella breve e tragica stagione della Repubblica di Weimar, proclamata nel novembre del 1918 ma a cui si darà formale avvio qualche mese dopo.  Il 6 febbraio 1919, a Weimar, città della Turingia in pochi giorni vengono eletti il presidente della Repubblica, Friedrich Ebert e si forma il primo governo guidato da Philipp Scheidemann, ma a Berlino e nella Baviera in particolare la situazione resta molto tesa. “Secondo alcune interpretazioni – commenta lo storico Lucio Villari- Weimar fu una repubblica senza repubblicani e comunque rappresenta una speranza delusa”. La Repubblica di Weimar sopravvivrà solo quindici anni, fino all’avvento nel 1933, di Adolf Hitler, dal 30 gennaio di quell’anno Cancelliere della Germania. Un mese dopo va a fuoco il Reichstag. E il 10 maggio bruciano i libri di tanti scrittori, artisti e intellettuali che avevano arricchito Weimar e il mondo intero di idee e opere universali.

“Luigi XIV: Il Re Sole” –  martedì 2 settembre 2014
E’ stato il Re più potente d’Europa, ha dominato il ‘600 ma la strada che porta Luigi XIV ad attribuirsi il titolo di “Re Sole” non è stata facile. Luigi di Borbone nasce nel 1638 e diventa re di Francia a soli cinque anni, troppo piccolo per governare il Paese. Solo nel 1661, con la morte del cardinale Mazzarino, suo primo ministro, Luigi XIV assume il governo della nazione e sposta la sua corte nella grandiosa reggia di Versailles, segno del suo potere assoluto. Nel 1715, dopo più di 70 anni di regno, Luigi XIV muore. Ma chi è stato veramente il re Sole? Il primo monarca moderno che ha trasformato lo Stato nel motore dell’economia o l’ultimo dei re medioevali che ha reso la Francia una corte di vassalli e servitori?   A rispondere a queste domande, con Massimo Bernardini in studio il professore Francesco Perfetti per capire anche come dopo Luigi XIV e il suo seicento, arriverà in Francia l’illuminismo. “Voltaire dedica al re Sole un libro, “Il secolo di Luigi XIV” e considera il suo periodo – dice il professore Perfetti – una delle quattro età felici dello spirito umano, dopo la Grecia di Pericle ed Alessandro, la Roma di Cesare e di Augusto e la Firenze dei Medici. Sarà Napoleone a riprendere, dopo la Rivoluzione, l’idea della grandeur della Francia e della sua missione civilizzatrice nata con Luigi XIV”.

 Luigi XIV il Re Sole

 “Donne, Casa e Lavoro: Storia delle colf” – mercoledì 3 settembre 2014
Il racconto dell’Italia dalla seconda metà del Novecento ad oggi con gli occhi delle lavoratrici domestiche. Un lavoro che si svolge tra le mura di casa ma che per molto tempo ha avuto difficoltà ad essere riconosciuto come una vera e propria professione. “Il tema del lavoro domestico è importante perché per secoli, e ancora oggi – sottolinea la storica Raffaella Sarti –  molte delle persone che si spostano per lavorare, anche da un continente all’altro, trovano impiego proprio nell’ambito domestico. In questo senso la casa, che è uno spazio intimo e privato, diventa un luogo di incontro e di scambio tra gente  di diversa provenienza geografica, sociale e culturale. Inoltre – aggiunge la Professoressa Sarti – il superamento del rapporto servo – padrone è stato spesso considerato un banco di prova su cui misurare il progresso. Molti hanno pensato che la modernità avrebbe portato alla scomparsa dei lavoratori domestici e invece non è così”. Il lavoro domestico infatti negli anni si è trasformato di pari passo con la società: dalla cura e la pulizia della casa, alla figura delle balie chiamate ad accudire i bambini delle famiglie più agiate, al lavoro di oggi, delle badanti, che si occupano delle persone anziane.  

“Wiston Churchill: L’ultimo uomo dell’Impero” – giovedì  4 settembre 2014
Anticomunista convinto, strenuo difensore dell’impero britannico, nemico giurato di Hitler, oratore formidabile e persino storico riconosciuto. Winston Churchill è stato uno dei più grandi personaggio del Novecento, al quale il Tempo e la Storia dedica una puntata per ripercorrerne la storia politica e umana. Winston Leonard Spencer Churchill nasce a Woodstock, nell’Oxfordshire il 30 novembre 1874. Il 10 maggio 1940 viene nominato primo ministro del Regno Unito. Il 24 gennaio 1965 si spegne a Londra. Ai suoi funerali parteciperanno migliaia di persone. La sua ostilità verso chiunque potesse essere visto come un nemico dell’impero britannico – dice il Professore Ernesto Galli Della Loggia –  lo portò anche a definire Gandhi  uno “spregevole fachiro” mentre la sua contrarietà verso il nazionalsocialismo si manifestò fin dall’inizio. “Se Hitler invadesse l’inferno” – ebbe a dire Churchill in un celebre discorso – “farei perlomeno un’allusione favorevole al diavolo alla Camera dei Comuni”.

 Wiston Churchill

 “1989: Dopo il muro una nuova Europa” – venerdì 5 settembre 2014
La storia compiuta in venticinque anni dell’Europa di oggi, dalla caduta del muro di Berlino all’entrata nell’Ue dei paesi del blocco orientale. Il 9 novembre del 1989 con il muro, crolla la Cortina di Ferro che separava l’Europa. Dopo anni di avvicinamento, nel 2004 fanno il loro ingresso nell’Unione Europea la Repubblica Ceca, la Polonia, l’Ungheria, la Slovenia, la Slovacchia più l’Estonia, la Lettonia e la Lituania. Nel 2007 si aggiungono la Romania e la Bulgaria, nel 2013 la Croazia mentre l’Ucraina firma il 21 marzo scorso il trattato di associazione politica dell’UE. Massimo Bernardi con il professore Giovanni Sabbatucci ripercorre i passaggi più significativi di questo ultimo quarto di secolo per capire più in profondità perché la caduta del muro trascina con sé il blocco orientali dei paesi comunisti e in questo passaggio dalla dittatura alla democrazia che ruolo ha giocato la Comunità Europea.

“Riccardo Cuor di Leone: eroe o criminale di guerra?” – sabato 6 settembre 2014
Il 5 giugno del 1191 un re inglese parte per la Terra Santa con un esercito di crociati. Il suo obiettivo è riconquistare Gerusalemme e i luoghi santi della cristianità caduti in mano ai musulmani. Il suo nome è Riccardo I, re d’Inghilterra, ma per il suo coraggio in battaglia verrà ricordato come Riccardo Cuor di Leone. Nella puntata de Il Tempo e la Storia, la fase finale di questa crociata, i due anni di battaglia in Terrasanta tra l’esercito cristiano guidato da Riccardo e le armate musulmane guidate dal feroce Saladino. Due grandi comandanti che si temono, si studiano, non si affrontano mai a viso aperto mentre i loro eserciti si scontrano in una guerra che provocherà morte e distruzione e che lascerà le cose incompiute: la Terra Santa resterà fonte di conflitto.  

Golda Meir

“Golda Meir: La Signora d’Israele” –  domenica 7 settembre 2014
Il mondo la ricorda come una lady di ferro, prima ancora di Margareth Thatcher. E soprattutto come una pioniera dello stato di Israele e delle donne in politica. Golda Meir, nata in Ucraina e cresciuta negli Stati Uniti, arriva in Palestina nel maggio 1921 quando Israele non esiste ancora, convinta che la creazione di uno stato ebraico sia l’unica soluzione possibile per garantire la sicurezza degli ebrei. Quando si dimette da primo ministro, nel 1974, le sue idee sono rimaste immutate e Israele è ormai una realtà di cui il mondo deve tenere conto. Una donna di grande personalità, spiega il professore Luca Ricciardi, il personaggio più forte in Israele dopo Ben Gurion, il Presidente dell’Agenzia Ebraica di Palestina.  Tra loro – racconta ancora Riccardi – c’era un rapporto di fiducia, ma non erano amici: “è la persona più impermeabile che abbia conosciuto” ebbe a dire la Maier a proposito di Gurion. Dopo una vita dedicata alla causa sionista, alla fine degli anni ’60 Golda Meir decide di ridurre gli impegni politici per ragione di salute. Ma il tempo del riposo, per lei, è ancora lontano. Il governo Maier nasce come un semplice governo di continuità col precedente, ma presto il nuovo Primo Ministro si trova ad affrontare una delle crisi più gravi del paese. L’attentato di Settembre Nero alle Olimpiadi di Monaco nel 1972.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Romano, ma cittadino del mondo, appassionato di viaggi e sport. Lo streaming è per me indispensabile: grazie a questo strumento riesco a conciliare viaggi e lavoro. Oltre la tv amo anche il cinema classico. Colleziono libri da viaggio.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Striscia la notizia Brumotti aggredito a Roma, il più feroce attacco mai ricevuto

Brumotti aggredito a Roma. Tutte le anticipazioni sul servizio in onda il 22 aprile su Canale 5 in access prime time.
Stefano Della Felce

Pubblicato

il

Striscia la Notizia Brumotti aggressione
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Vittorio Brumotti, uno dei principali inviati di Striscia la notizia è stato brutalmente aggredito in un quartiere di Roma.La puntata in cui viene documentata l’aggressione, va in onda il 22 aprile 2021 in fascia dell’access prime time alle 20.40. su Canale 5.

Striscia la notizia Brumotti aggredito a Roma

Queste le dichiarazioni  dell’inviato dopo l’attacco di cui è stato vittima.

«Mi hanno dato calci sulla schiena e sui reni, sbattuto la faccia contro il furgone della troupe, che è stato distrutto, spaccato la bici. Il tutto condito dalle solite minacce di morte e nonostante la presenza delle forze dell’ordine, che hanno fatto il massimo per proteggermi. È stata l’aggressione più feroce che abbia mai subìto».

È ancora sotto shock l’inviato di Striscia la notizia Vittorio Brumotti, vittima di un violentissimo attacco martedì sera mentre registrava un servizio sullo spaccio al Quarticciolo, un quartiere di Roma.

Così giustifica la sua presenza al Quarticciolo, l’inviato Brumotti:

«Da tre giorni documentavo il traffico di droga al Quarticciolo in cui si spaccia a cielo aperto, lungo la strada, a due passi dal centro. Una situazione ingestibile, con pusher, sentinelle e picchiatori dietro i quali c’è una potente famiglia dell’Ndrangheta».

Striscia la notizia Brumotti

Continua la battaglia di Brumotti

E la battaglia di Brumotti, in supporto a cittadini esasperati per il dilagare della droga nelle loro comunità, continua. Nonostante ci sia, sui social, chi non perde occasione per fomentare odio nei suoi confronti. Tra questi Rubio che ha invocato “più botte” per il biker.

Pronta la risposta di Brumotti a questa provocazione:

«Chef Rubio ha giocato a rugby, ma evidentemente si è dimenticato i valori di quello sport. Io mi faccio scudo con i tanti messaggi di solidarietà che ho ricevuto dai disabili, dalle mamme e dalle persone più fragili che mi chiedono di intervenire in queste situazioni di degrado», conclude l’inviato.

Appuntamento con il servizio integrale per questa sera all’interno del Tg satirico di Antonio Ricci (Canale 5, ore 20.35).


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Isola dei Famosi 2021 anticipazioni 19 aprile: Andrea Cerioli contro Vera Gemma

Tutto ciò che accade nella decima puntata del reality condotto da Ilary Blasi. Il televoto è al momento aperto tra Beatrice e Fariba.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Isola dei Famosi 2021 anticipazioni 19 aprile Canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ecco le anticipazioni di ciò che accade nella puntata del 19 aprile de L’Isola dei famosi 2021, in onda su Canale 5. La conduttrice, innanzitutto si sofferma sugli episodi accaduti nell’ultima settimana.

Si sono verificati altri due ritiri e sono scoppiate delle liti tra i naufraghi. Ilary Blasi infine rivela l’esito del televoto tra Fariba Tehrani e Beatrice Marchetti.

Isola dei Famosi 2021 anticipazione 19 aprile Isoardi

Isola dei famosi anticipazioni 19 aprile: il ritiro di Brando Giorgi ed Elisa Isoardi

Lunedì scorso Brando Giorgi aveva conquistato il titolo di leader vincendo la prova del fuoco contro Valentina Persia. Nella puntata successiva però non si è presentato in Palapa perché ha abbandonato il reality. Ha subìto il distacco della retina ed è dovuto rientrare in Italia per ulteriori controlli.

Stessa sorte per Elisa Isoardi che si è invece mostrata al pubblico con l’occhio bendato. La conduttrice ha raccontato che le è entrato un lapillo rovente mentre stava cucinando. L’incidente ha provocato il danneggiamento della sclera, ovvero della membrana che riveste parte del bulbo oculare. I medici presenti l’hanno così esortata a lasciare il gioco per sottoporsi ad altri accertamenti.

Non sono però gli unici naufraghi ad essersi ritirati. Anche Beppe Braida la scorsa settimana è rientrato in Italia perchè il padre è stato ricoverato in ospedale. Il genitore è risultato positivo al Covid, assieme alla moglie.

Isola dei famosi 19 aprile: Andrea Cerioli contro Vera Gemma

Vera Gemma e Miryea Stabile hanno vinto l’ultima prova ricompensa che ha permesso loro di rientrare ufficialmente in gioco. Hanno infatti lasciato Playa Esperanza, dove hanno convissuto con Elisa Isoardi, per unirsi nuovamente agli altri naufraghi. Come premio hanno ricevuto dei wurstel con patatine fritte. Ma anche delle uova ed altre patate da poter cuocere nei giorni successivi.

L’ indomani  hanno deciso di dividere il banchetto solo con Beatrice Marchetti e Fariba Tehrani. Queste ultime infatti si sono unite a loro perchè non si sentono integrate con l’altro gruppo di naufraghi.

La decisione di Vera e Miryea ha però scatenato numerosi malumori tra gli altri isolani. Andrea Cerioli in particolare si è scontrato con Vera Gemma. Secondo il naufrago l’attrice avrebbe dovuto provvedere all’equa ripartizione del cibo perchè sono tutti affamati. Sostiene infatti che in casi del genere bisognerebbe mettere da parte le strategie.

Isola dei Famosi 2021 anticipazione 19 aprile Valentina Persia

Accuse di razzismo per Valentina Persia, tutti contro Paul Gascoigne,

In diretta Valentina Persia deve difendersi dalle accuse di razzismo nei confronti di Fariba Tehrani. Sui social ha infatti ricevuto duri attacchi per l’imitazione della madre di Giulia Salemi. Per gli utenti del web la Persia ha messo in evidenza alcuni aspetti caratteristici della sua cultura e delle sue origini per fini offensivi.

Per quanto riguarda Paul Gascoigne i naufraghi lo avevano riaccolto affettuosamente dopo l’infortunio alla spalla. Hanno inoltre accettato che la trasmissione gli concedesse alcuni privilegi. Negli ultimi giorni però hanno cominciato a lamentarsi. Lo accusano infatti di approfittare dell’occasione per non partecipare a nessuna attività giornaliera.

Nella puntata in onda oggi inoltre potrebbero sbarcare in Honduras gli altri naufraghi che erano già stati annunciati nelle scorse settimane.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Game of Games cambia collocazione: ecco i motivi

Il nuovo show di Simona Ventura viene temporaneamente sospeso in attesa di nuova ricollocazione a causa dei bassi ascolti.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

game of games cambia collocazione Rai 2
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Game of games, il programma condotto da Simona Ventura in prima serata su Rai 2 cambia collocazione. Dopo le tre puntate già andate in onda, delle sei previste, la Rete ha deciso di sostituire gli appuntamenti del 21 e del 28 aprile con due film. Sono rispettivamente Tutta colpa dell’amore e La risposta è nelle stelle. Ecco i motivi della scelta.

game of games cambia collocazione giochi

Game of Games cambia collocazione, le motivazioni

Dalla prossima settimana Games of games viene temporaneamente sospeso. Il nuovo format di Simona Ventura, non andrà infatti più in onda in attesa di una nuova collocazione. Secondo alcune indiscrezioni dovrebbe essere spostato al martedì al termine dello show di Enrico Brignano Un’ora sola vi vorrei, previsto il 18 maggio.

Il programma della Ventura è ispirato all’omonimo format statunitense di Ellen DeGeneres che è stato esportato in tutto il mondo. E in Italia ha debuttato su Rai 2 lo scorso 31 marzo. I protagonisti dello show sono sei personaggi del mondo dello spettacolo che si alternano nelle sfide al posto dei veri concorrenti che sono invece persone comuni.

Il Vip vincitore di ogni manche permette a chi lo ha scelto di accedere alla semifinale. Ma solo un concorrente può partecipare allo step finale, Gioco dei Giochi, dove può vincere il montepremi se riesce ad indovinare alcuni volti noti con pochi secondi a disposizione.

Lo show però non ha molto convinto i telespettatori in quanto ha registrato bassi ascolti. La Ventura ha anche risentito della presenza su Canale 5 della fiction Svegliati amore mio con Sabrina Ferilli, della soap turca Daydreamer con Can Yaman. In Rai invece ha dovuto confrontarsi con Chi l’ha visto e con Il Commissario Montalbano che continua a registrare ottimi ascolti nonostante le repliche.

Gli ascolti delle prime tre puntate

Sono sei le puntate previste per la prima edizione di Games of games. Ma la Rai ha optato per la sospensione dopo il terzo appuntamento a causa degli ascolti insufficienti.

La puntata d’esordio di Game of games del 31 marzo ha registrato 1.267.000 telespettatori con 5.1% di share. Ma negli appuntamenti successivi l’indice di gradimento è nettamente peggiorato.

La seconda invece si è fermata a 915.000 spettatori con 3.7% di share. Nell’ultima, è tornata lievemente a salire soffermandosi sui 930.000 telespettatori con 3,9 % di share. Ancora pochi, però, per assicurare al programma la permanenza in video.

Con Game of games Simona Ventura era riuscita a tornare su Rai 2 dopo l’esperienza di The Voice of Italy. Le aspettative erano tantissime sullo show che, invece, non è molto adatto alla platea italiana, come i numeri dell’Auditel hanno dimostrato.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it