Connect with us

News

Cattedrali della cultura 3D con Alessio Boni su Sky Arte

presentazione del progetto in onda a gennaio sul canale dedicato all'arte della piattaforma satellitare

Pubblicato

il

presentazione del progetto in onda a gennaio sul canale dedicato all'arte della piattaforma satellitare
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 {module Banner sotto articoli}

L’idea è stata di Wim Wenders, regista cinematografico, critico, fotografo, Palma d’Oro a Cannes nel 1984 e Leone d’oro alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1995: un’idea maturata dalla domanda “Se gli edifici potessero parlare, cosa direbbero di noi?”.

Wenders ha provato a porsi, e a far porre  i registi, dinanzi a dei capolavori architettonici, per scoprire  i loro segreti e ‘la loro anima’. Ed ha scelto sei monumenti europei ed americani tra i più celebrati nell’ambito dell’architettura contemporanea.

Si parte dalla Filarmonica di Berlino ‘raccontata’ da lui stesso, Wim Wenders: una struttura pentagonale ideata da Hans Scharoun nel 1963 per i celeberrimi Berliner Philarmoniker rimasti senza sede dopo la guerra, con l’orchestra per la prima volta al centro della sala, in prospettiva radiale, coperta a tendone (donde il soprannome ‘Circo Karajani’, circo del direttore von Karajan) con pareti inclinate e casse acustiche piramidali sul tetto.

Cattedrali della cultura 3D

Invece il Centro Culturale George Pompidou di Parigi sarà commentato da Karim Aïnouz, essendo considerato una sorta di carta della modernità architettonica: fu edificato nel 1977 dallo Studio Piano-Franchini-Rogers (quindi anche da un celeberrimo architetto italiano) per le collezioni d’arte contemporanea, la fotografia, il design e le ricerche acustiche (ICRAM, struttura aggiunta da Renzo Piano nel 2000), e coi suoi colori, ossatura e tubature in vista come in una anatomia secentesca, è divenuto un simbolo della società meccanicizzata.

Quanto al regista austriaco Michael Glawogger, dirà la sua sulla Biblioteca Nazionale Russa di S.Pietroburgo, nata con Caterina II e tale idealmente imasta, nella pesantezza del suo colonnato circolare, palladiano o neoclassico che sia.

Cattedrali della cultura 3D: Carcere di Holden

Del Carcere Norvegese di Halden, ‘il carcere più umano che esista’, il ‘carcere a cinque stelle’ immerso nel verde, dove non ci sono sbarre ma doccia, televisore e bagno in camera, dove si esce al massimo dopo venti anni, ne parlerà Michael Madsen.

Il Teatro dell’Opera di Oslo, analizzato da Margareth Olim è stato commissionato dalla Fondazione Mies van der Rohe di Barcellona: e bisogna proprio dire che in esso rivivono in pieno l’estetica, il vivo senso naturalistico e la volontà di unione inscindibile di uomo e natura del grande architetto tedesco. La ‘parete’, ossia la fronte, è un piano inclinato verso il fiordo che declina dolcemente verso l’acqua, il cui mormorìo si accorda la finalità dell’edificio. Esso  porta idealmente il nome dell’Italia, ricoperto com’è di lastre di marmo di Carrara, quello amato da Michelangelo.

Il commento infine della vertiginosa architettura del Salk Institute di La Jolla in California (1965), ideata dall’oriundo israeliano Louis I. Kann come sede degli istituti per le ricerche biologiche, con l’articolazione geometrica delle torri, la nudità delle strutture, l’astratta immobilità  un po’ funerea del corso d’acqua esterno sfociante nel Pacifico, sarà quello dell’attore  e regista Robert Redford (con foto Lachmann).

L’intera serie progettuale è prodotta da Neue Road Movies con le ultime tecnologie 3D, ed è stata presentata quest’anno al Festival del Cinema di Berlino e al Biografilm Festival di Bologna. Essa come già detto andrà in onda in anteprima esclusiva su Sky 3D e su Sky Arte HD, dal 17 gennaio per tre sabati consecutivi: in febbraio poi passerà al cinema, con un’uscita-evento in 3D di tre dei sei episodi, la Filarmonica di Berlino, il Carcere di Halden, il Centre Pompidou, distribuiti da Wonder Pictures – Unipol Biografilm Collection.
  Intanto l’8 dicembre, in Sala Petrassi al Parco della Musica, l’attore Alessio Boni ha presentato per l’Italia tutta la serie prodotta da Neue Road Movies, di cui egli introdurrà i singoli episodi del progetto anticipando in certo modo le particolari visuali dei registi sull’edificio da loro trascelto, ed essendo comunque egli voce narrante dei tre episodi che in febbraio approderanno al cinema. E’ sua anche la presentazione della “Cattedrale italiana”, ossia il Parco della Musica ideato da Renzo Piano e inaugurato il 21 aprile 2002, di cui – con regìa di Piero Messina aiuto regista di Paolo Sorrentino per “La grande bellezza” – verranno mostrati gli aspetti più imponenti, quali le tre strutture degli auditorium simmetriche alla maggior Sala S.Cecilia, gli annessi interni, la spettacolare Cavea esterna ed i Giardini Pensili.

A proposito di  questo progetto, che si aggiunge alle altre grandi produzioni recenti di Sky 3D, “La Canonizzazione dei due Papi” e i “Musei Vaticani 3D”, Wim Wenders – ritenendo  che il 3D sia un enorme passo in avanti nella tecnologia dei documentari – afferma con orgoglio che con esso “si potrebbe davvero portare l’intero genere umano ad un nuovo livello”.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

E’ morto Franco Battiato, il cantautore aveva 76 anni ed era malato da tempo

18 maggio 2021, è morto Franco Battiato dopo una carriera durata oltre 50 anni. L'artista aveva 76 anni, si è spento nella sua casa di Milo.

Pubblicato

il

Franco Battiato morto
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi, 18 maggio 2021, è morto il maestro Franco Battiato, genio indiscusso della musica italiana, in attività da oltre 50 anni. Battiato si è spento a seguito di una lunga malattia, nella sua residenza di Milo all’età di 76 anni. Era nato a Jonia il 23 marzo del 1945.

Dopo la frattura al femore e al bacino subita il 3 novembre 2017 proprio a Milo, a causa di un incidente domestico, il maestro non si era più mostrato in pubblico, se non saltuariamente attraverso i social.

La famiglia ha confermato che i funerali si svolgeranno in forma privata.

Franco Battiato è morto: l’esordio a Milano, il cinema, la pittura

Il primo contratto discografico di Franco Battiato gli fu procurato da un caro amico dell’artista: Giorgio Gaber. Sempre insieme a Gaber, che nel 1967 conduceva Diamoci del tu con Caterina Caselli, Battiato appare per la prima volta in televisione, proprio sul secondo canale RAI per la trasmissione Diamoci del tu.

Tuttavia, nel corso della sua lunghissima carriera, durata oltre 50 anni, Battiato non si è limitato alla musica. Il poliedrico artista, difficile definirlo altrimenti, ha prodotto infatti anche opere per il cinema: i film Perduto Amor, Musikante, Niente è come sembra. Ma anche diversi quadri ed opere pittoriche.

Inoltre, tra novembre 2012 e marzo 2013 si è persino cimentato con una breve esperienza in politica, in qualità di assessore al turismo della Regione Sicilia.

Franco Battiato morto

Il successo: La cura, Centro di gravità permanente

Però, è senza dubbio con la musica che Franco Battiato si è espresso con maggior vigore e impegno.

E’ quasi impossibile incasellare l’artista in un unico genere musicale. Dal Pop al Progressive Rock, agli esperimenti di musica leggera e canzone d’autore. In seguito, il cantautore ha spaziato anche nel genere della musica etnica ed elettronica, e della musica lirica. 

Inoltre, nei suoi testi, Battiato non ha mai celato una profonda passione per l’esoterismo e la filosofia, in particolare orientale; una passione evidente in brani celebri come La cura e Centro di Gravità Permanente, ma forse ancora di più in altri meno conosciuti al grande pubblico.

Canzoni come L’ombra della luce, contenuta nell’album Come un cammello in una grondaia (1991), nel quale l’artista si ispira agli scritti di un filosofo orientale del XII secolo: Al-Biruni; o il brano Tao, estratto dall’album L’ombrello e la macchina da cucire (1995), nel quale Battiato si riferisce direttamente alla religione Taoista.

Il suo ultimo disco è pubblicato nel 2019, con il titolo Torneremo ancora.  Le tracce contenute nella raccolta sono versioni alternative dei suoi brani più famosi, e un inedito omonimo dell’album: Torneremo ancora.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Stasera in tv 18 maggio – Tutti i programmi in onda

Stasera in tv 18 maggio 2021. In onda la triade dell'informazione del martedì: #Cartabianca su Rai 3, Fuori dal coro su Rete 4 e Di Martedì su La7.

Pubblicato

il

Stasera in tv 18 maggio 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stasera in tv 18 maggio 2021. I programmi proposti questa sera sono, come sempre, di vario genere. Da Un’ora sola vi vorrei, show comico di Enrico Brignano su Rai 2, a #Cartabianca, Fuori dal coro e Di Martedì su Rai 3, Rete 4 e La7. Italia 1, invece, trasmette Le Iene show. Di seguito tutta la programmazione prevista per stasera sulle reti pubbliche, private, digitali e satellitari. 

Stasera in tv 18 maggio – Programmazione Rai

Rai 1 propone un film-tv in replica de Il commissario Montalbano, in onda alle 21.20. Il film è estratto dalla stagione 2011, e si intitola La danza del gabbiano. Proprio mentre sta per andare in vacanza con Livia, Montalbano scopre che Fazio, storico amico e collega, è scomparso. Da quando è stato ferito, il commissario si è fatto più cupo e negativo, disilluso. Questa volta sarà messo a dura prova più che mai, mentre indaga studiando gli ultimi “pizzini” scritti da Fazio.

Rai 2, poi, trasmette Un’ora sola vi vorrei alle 21.20, one man show di Enrico Brignano. Come da titolo, il programma dura appena un’ora, nella quale il comico romano propone monologhi, musica e parodie.

Invece, su Rai 3 è in onda #cartabianca, talk di Bianca Berlinguer, a partire dalle 21.20. Al consueto appuntamento del martedì con #cartabianca partecipano ospiti in studio o in collegamento ogni sera, per trattare argomenti di stringente attualità, mediati dalla conduttrice.

Stasera in tv 18 maggio

Stasera in tv 18 maggio – Programmazione Mediaset

Su Rete 4 Mario Giordano conduce Fuori dal Coro alle 21.25. Il talk non si limita a presentare ospiti e proporre dibattiti su temi d’attualità. Infatti, il conduttore Mario Giordano imprime al programma uno stile più teatrale. 

Invece, Canale 5 trasmette in prima visione televisiva alle 21.46 il film Ricomincio da me (titolo in lingua originale Second Act)Maya Vargas lavora come addetta alle vendite presso una catena di supermercati, ma non è più soddisfatta delle sue mansioni da tempo. Così, quando una sua amica le scrive un curriculum falso per farla assumere presso un’azienda prestigiosa, accetta immediatamente.

Infine, Le Iene Show è in onda su Italia 1 alle 21.20. Tra i temi trattati nel corso della puntata, il riaccendersi delle ostilità tra Israele e la Palestina, e il caso di Alex Schwazer, atleta al quale è nuovamente vietata la partecipazione alle Olimpiadi; nonostante per la giustizia ordinaria il suo caso sia stato già chiuso. per la giustizia sportiva, invece, è ancora colpevole.

La programmazione di La7, TV8 e NOVE

Il talk d’attualità politica ed economica Di Martedì è in onda su La 7 alle 21.25. Conduce, come di consueto, Giovanni Floris, che accoglie in studio o presenta in collegamento ospiti di stampo internazionale per discutere delle vicende della settimana appena trascorsa.

TV8 propone una nuova puntata di Italia’s Got Talent – Best Of, dalle 21.30. I momenti più memorabili dell’edizione appena trascorsa sono racchiusi in una puntata. Non mancano audizioni, Golden buzzer, estratti dalla finale e tanto altro.

Infine, alle 21.25 su NOVE è proposto The italian job, film del 2003 con Mark Wahlberg, Charlize Theron, Jason Statham, Edward Norton. Una banda di esperti rapinatori mette a segno un colpo memorabile, e trafuga una cassaforte ricolma di lingotti d’oro da una banca di Venezia. Tuttavia, uno di loro ha in progetto di tradire gli altri, ucciderli e tenere il bottino tutto per sè.

Stasera in tv 18 maggio

Stasera in tv 18 maggio – I film in onda su Sky Cinema

Infine, vi proponiamo due film in onda sui canali satellitari di Sky Cinema.

Su Sky Cinema Canale 305 va in onda Spider Man Far from home, seconda pellicola prodotta dai Marvel Studios dedicata al supereroe arrampica muri. Dopo gli eventi di Avengers Endgame, Peter Parker è scosso per la scomparsa del suo mentore: Tony Stark, Alias Iron Man. Tuttavia, prima di morire Stark aveva lasciato scritto che fosse proprio Parker, Spider Man, a ereditare il suo ruolo di Avengers.

Invece, Sky Cinema Canale 302 propone il cult drammatico Il miglio verde. La tragica storia di un condannato a morte, John Coffey, dotato di poteri in grado di guarire le persone e liberarle “del male” che li opprime…

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Motor Trend Mag con Maddalena Corvaglia dal 17 maggio

ll nuovo programma di informazione sulle due e quattro ruote è condotto ogni giorno da Maddalena Corvaglia.

Pubblicato

il

Motor Trend Mag Maddalena Corvaglia
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Su Motor Trend canale 59 Maddalena Corvaglia è alla guida diMotor Trend Mag. Si tratta del primo magazine d’informazione quotidiana sui motori realizzato dal canale del gruppo Discovery dedicato alle due ed alle quattro ruote. Il programma è in prima tv assoluta con i nuovi episodi dal 17 maggio, dal lunedì al venerdì alle 12:30.

Motor Trend Mag

Motor Trend Mag con Maddalena Corvaglia dal 17 maggio

Prodotto da LaPresse per Discovery “Motor Trend Mag” racconta il meglio delle notizie legate al mondo delle automobili e delle moto in un appuntamento quotidiano veloce e scattante. Secondo i ritmi dell’universo dedicato a questo tipo di sport.

La Corvaglia è stata scelta perchè è uno storica appassionata ed esperta di motori. L’ex velina di Striscia la notizia è da sola alla guida del magazine che, nel corso delle puntate, spazia tra diverse macro tematiche dell’universo delle due e quattro ruote. Si va dalle ultime tecnologie alla svolta green, dalla customizzazione ai test drive, da eventi e raduni al mondo delle corse.

Il programma riporta la Corvaglia sul piccolo schermo nel ruolo di conduttrice.

Motor History

Non manca neppure una sezione del programma dedicata al motor history. In questo contesto ci sono approfondimenti su icone storiche e miti al volante. E si possono rivivere i momenti più significativi e le corse al cardiopalma che sono entrate oramai nella Storia. Inoltre, grazie all’archivio multimediale LaPresse-Associated Press, ogni giorno il flash magazine darà notizie sui nuovi modelli di auto in uscita.

Insomma un programma che vuole unire il presente al passato con un occhio attento anche al futuro, anticipandone le maggiori novità.

Una nuova vetrina di intrattenimento e informazione sul mondo dei motori. Maddalena Corvaglia la racconta in un’ottica trasversale, con la competenza di una donna in un settore prevalentemente dedicato al pubblico maschile.

Motor Trend Mag è prodotto da LaPresse per Discovery Italia.

Motor Trend è visibile al Canale 59 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 418 e Tivùsat Canale 59.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it