Revolution con il Trio Medusa: Italiani popolo di furbetti?

l'argomento di cui si occupa questa sera il programma condotto da Arianna Ciampoli


Nella quarta puntata, intitolata “Ladri di sogni”, Arianna Ciampoli ospita Giuseppe Cimarosa, nipote di Matteo Messina Denaro, capomafia latitante; Raphael Rossi che si è ribellato alla corruzione; Piero Di Caterina, l’imprenditore che ha denunciato la corruzione della politica milanese; i giornalisti Marco Lillo e Lirio Abbate, che hanno denunciato il sistema di Mafia Capitale; Maarten Veeger, corrispondente in Italia per la televisione olandese; l’economista Marco Ponti.

{module Google richiamo interno} Ma i rivoluzionari hanno anche volti differenti. Tra questi Leonardo Antognetti un ragazzo marchigiano che ha trovato, e restituito, un portafogli con 7.000 euro; Maurice Reverberi, creatore di “Alla ricerca della legalità perduta”, il gioco di ruolo che mette dei fronte onesti e corrotti.

E, guest star della puntata,  sarà il Trio Medusa. Il reportage di Antonio Soviero  ci porterà a Bologna, in diretta con Don Luigi Ciotti e la veglia di Libera.

L’Allarme rosso di Alessandro Sortino indagherà su decenni di inefficace (e sospetta?) indignazione degli italiani.

Chi sono i peggiori?

quelli che rubano nei supermercati

quelli che fingono incidenti per truffare l’assicurazione

quelli che non pagano le tasse

quelli che gonfiano le note spese

quelli che scaricano la musica sulla rete

quelli che falsificano gli oggetti firmati

quelli che organizzano truffe agli anziani

quelli che prestano soldi a tassi altissimi

quelli che non pagano il biglietto dell’autobus

Ogni settimana il programma punta l’attenzione su temi di attualità e li affronta anche in maniera anti- convenzionale. Il contributo degli ospiti in studio, funzionali alle tematiche trattate, riesce a fornire una visione più completa grazie anche ai servizi realizzati.

 Revolution è in onda su Tv2000 dallo scorso febbraio.
.



0 Replies to “Revolution con il Trio Medusa: Italiani popolo di furbetti?”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*