Connect with us

News

La strada dei miracoli, la seconda puntata

Fede e religione al centro del nuovo programma di approfondimento in onda su Rete 4.
Francesco La Rosa

Pubblicato

il

Fede e religione al centro del nuovo programma di approfondimento in onda su Rete 4.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 Dopo una breve anteprima, si comincia. Nuovamente da Papa Francesco. Si parla del suo viaggio a Napoli. Safiria Leccese mostra il famosissimo video del pontefice simpaticamente “assalito” da alcune suore di clausura, rimbrottate dall’Arcivescovo partenopeo Crescenzio Sepe.  

La conduttrice si collega in diretta con il monastero delle Clarisse Cappuccine di Napoli. Parla madre Rosa, l’abbadessa. La religiosa rivela che oggi è arrivata una lettera dal Pontefice, che ha risposto ad una precedente missiva da loro inviata per intercedere presso di lui in merito alla beatificazione della fondatrice del loro ordine. Poi dice: “Vivere in clausura non significa vivere fuori dal mondo! Il Papa è rimasto sorpreso non solo dall’affetto delle mie consorelle, ma soprattutto da quello di tutta la gente di Napoli“. 

A seguire anche un’intervista all’Arcivescovo Sepe: “Quello delle monache di clausura è stato un modo simpatico e gioioso di salutare il Pontefice, che ha apprezzato il loro affetto!

Si ritorna a quanto già visto nella prima puntata, quando fu trasmesso il filmato nel quale si vedeva il Pontefice imporre le proprie mani sul capo di un uomo messicano in carrozzella. Esorcismo o no? Safiria Leccese commenta il fatto con Alba Parietti,  che  ammette: “Io non credo ai miracoli. Questo Papa ha una grande forza ed energia, che riesce a trasferire sulle persone.” 

Q

Questa sera l’attenzione è focalizzata sul passaggio della lettera scritta dall’uomo e consegnata al Papa. In questa lettera parla apertamente del suo problema, chiedendo al Pontefice di poterlo aiutare a scacciare i demoni dal suo corpo, che affliggono anche la sua famiglia. Nel dibattito Don Davide Banzato e Alessandro Meluzzi sono chiari: “Il Pontefice non ha fatto un esorcismo, ma soltanto una benedizione“.

Sul tema si esprime anche uno dei più noti esorcisti italiani, Padre Gabriele Amorth. Il sacerdote spiega che l’uomo era assalito nel suo animo da 4 demoni, capitanati da Satana. Anche lui però dice: “Bergoglio ha fatto una preghiera di liberazione. Ha sicuramente contribuito ad inziare il percorso di purificazione dell’animo di questa persona“.

Padre Pio, con i suoi miracoli, è il protagonista del secondo blocco della trasmissione. Un breve servizio ricostruisce la sua storia. Il frate beneventano è stato proclamato Santo nel 2002 da Papa Wojtyla. 

Un’ulteriore ricostruzione della vita del Santo è offerta in un servizio di Pippo Franco, inviato a San Giovanni Rotondo, dove visita alcuni tra i luoghi più significativi della vita del Santo. Poi un collegamento molto particolare: un writer sta realizzando un murales che ritrae il viso di Padre Pio, che ultimerà entro la fine della puntata. 

Dopo la pubblicità, Safiria Leccese presenta in studio due cappuccini: Padre Marciano e Padre Francesco, che vivono a San Giovanni Rotondo. Il primo ha conosciuto Padre Pio di persona negli ultimi anni della sua vita.

Il viaggio a San Giovanni Rotondo continua. Ai telespettatori viene mostrata la prima cella in cui soggiornò, dal 1918 al 1943. In questa cella fu colpito dal fenomeno della transverberazione, che gli provocò fitte e sanguinamenti al costato per tutta la sua vita.

Un’altra ospite in studio svela alcuni particolari della vita di Padre Pio: Patrizia Mastrolilli, figlia di Gaetano, fotografo ufficiale di Padre Pio. È l’occasione per mostrare delle foto inedite scattate dal padre, insieme ad alcuni piccoli video, risalenti alla morte del Santo, avvenuta il 23 settembre del 1968.

 Arriva il momento della testimonianza più importante, quella di Matteo Colella. Nel 2000 fu colpito da una meningite fulminante, che non gli lasciava alcuna speranza di sopravvivenza. Poi, durante il coma in cui era caduto, sognò di vedere un frate con un saio e una barba bianca, che gli diceva di non preoccuparsi perché sarebbe guarito. Era Padre Pio. Grazie a questo miracolo, il frate fu canonizzato. Mentre racconta la sua storia, Matteo insieme alla conduttrice si reca da un’altra parte dello studio, dove è ricostruita la cella di Padre Pio, la numero 5. 

Craig Worwick è un sensitivo inglese che dice di riuscire a vedere e parlare con gli angeli. Nel servizio viene descritto questo suo particolare dono e vengono intervistate persone che hanno avuto modo di parlare con lui. Poi Worwick arriva in studio. Dice di aver visto un angelo per la prima volta all’età di 3 anni.

Worwick arriva poi arriva in studio e viene intervistato dalla conduttice. Dice di aver visto un angelo per la prima volta all’età di 3 anni e che questo ha creato non poche difficoltà nella sua vita scolastica e familiare. Afferma che gli angeli prima appaiono come un puntino di luce per poi assumere fisionomie umane o anche animali. “Gli angeli sono sempre portatori di messaggi di speranza, danno aiuti e consigli“, dice. Il sensitivo è stato anche contattato dalla CIA per collaborare alla risoluzione di alcune misteriose sparizioni di bambini negli Stati Uniti. 

 

Worwick conclude l’intervista svelando di aver avuto una visione, prima che accadesse, dell’incidente che costò la vita nel 1997 a Lady Diana. Poi, chiama alcune persone tra il pubblico e anche Alba Parietti e Luca Giurato. Ad ognuno di loro Worwick svela cosa gli sta comunicando in quel momento il proprio angelo custode. Alba Parietti è piuttosto scettica: “Nonostante io creda agli angeli, non ho riscontrato nessuna corrispondenza tra le persone che ha visto Craig e quelle che hanno fatto parte della mia vita”.  Duro Don Davide Banzato: “Quello che ho ascoltato è completamente fuori dal catechismo della Chiesa Cattolica!.

Dopo la pubblicità, si apre l’ultimo blocco del programma. Safiria Leccese si trova in un ambiente particolare dello studio, in cui viene ricostruito il sepolcro nel quale venne deposto Gesù Cristo. E’ lo spunto per parlare della Sacra Sindone, il lenzuolo di lino che dovrebbe avere avvolto il Nazareno dopo la sua morte. Essa è custodita nel duomo di Torino.

Interviene in studio il prof. Giulio Fanti, uno dei maggiori studiosi dell’argomento, dopo una ricostruzione filmata del martirio di Gesù. Lo studioso ha portato una serie di oggetti, tra cui un manichino raffigurante il corpo di Cristo, coperto da un lenzuolo uguale alla Sindone. Fanti, che scende un po’troppo in tecnicismi non molto comprensibili da un pubblico non specialista, a conclusione afferma: “Dopo vent’anni di studi dettagliati, credo proprio che l’uomo avvolto nella Sindone sia Gesù“.

In un filmato vengono presentati i tanti interrogativi intorno alla Santa Sindone. Nell’88, il Cardinale Ballestrero rivelò che dai risultati delle analisi sul lenzuolo, effettuati con il metodo del carbonio 14, rivelavano che la Sindone fosse risalente all’età medioevale, tra il 1260 e il 1390. Secondo alcuni scienziati, il volto impresso sul lenzuolo non sarebbe altro che un dipinto risalente al periodo medioevale. 

Safiria Leccese si collega con la profesoressa Marinelli, che è della stessa opinione di Fanti. Entrambi sono dell’idea che il corpo impresso nella Sindone sia quello di Cristo. Secondo la Marinelli, la scelta del campione del lenzuolo (un piccolo angolo) sottoposto al metodo del carbonio 14 non è stata precisa ed ha influito sui risultati delle analisi. Molti, secondo la docente universitaria, gli elementi che l’hanno portata a credere che il lenzuolo sia davvero quello che ha avvolto Gesù: tra questi, la presenza di aloe e mirra e di terriccio tipico della zona mediorientale. 

Per altri ancora, la Sacra Sindone potrebbe essere in realtà un dipinto, sempre collocabile nel periodo medioevale. 

Collegamento con Torino, con la giornalista Alessandra Borgia che si trova al Museo della Sindone. Mostra la macchina fotografica che scattò la prima foto alla Sindone. Dai negativi emersero dei dettagli, in particolare del volto, fino a quel momento sconosciuti. Ciò innescò una serie di studi più specialistici sul lenzuolo. La giornalista mostra al pubblico per la prima volta alcune foto dell’epoca.

 

Intanto, i writer hanno completato il murales con il volto di Padre Pio. Sarà donato ai frati cappuccini di San Giovanni Rotondo. 

Ultimissimo contributo video, che chiude la parentesi sulla Sindone e la trasmissione. Nel dicembre 1997, si sviluppò un incendio nella Cappella della Sindone. Fortunatamente il lenzuolo si salvò dalle fiamme, anche perchè quattro anni prima fu spostato all’interno della Cattedrale di Torino, protetta da una struttura di cristallo a ulteriore protezione della teca. Il lenzuolo così rimase intatto. Venne poi spostato per ragioni di sicurezza nel palazzo arcivescovile. La domanda sorge spontanea: anche in questo caso si è trattato di un miracolo? 

“La strada dei miracoli” torna con la terza puntata martedì 29 aprile su Rete 4, sempre a partire dalle 21,15


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nasco a Napoli nel 1989, ma la mia città è San Giorgio a Cremano, la stessa di uno dei miei miti: Massimo Troisi. Gli studi mi hanno portato a Roma, dove mi sono laureato in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione alla Sapienza. Sono giornalista pubblicista. Il varietà è il mio genere preferito, sia in tv che in radio. A ruota seguono serie tv e quiz. La mia passione è il Festival di Sanremo: da piccolo fantasticavo di cantare sul palco dell'Ariston, ora mi limito a sognare di condurlo!

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Game of Games cambia collocazione: ecco i motivi

Il nuovo show di Simona Ventura viene temporaneamente sospeso in attesa di nuova ricollocazione a causa dei bassi ascolti.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

game of games cambia collocazione Rai 2
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Game of games, il programma condotto da Simona Ventura in prima serata su Rai 2 cambia collocazione. Dopo le tre puntate già andate in onda, delle sei previste, la Rete ha deciso di sostituire gli appuntamenti del 21 e del 28 aprile con due film. Sono rispettivamente Tutta colpa dell’amore e La risposta è nelle stelle. Ecco i motivi della scelta.

game of games cambia collocazione giochi

Game of Games cambia collocazione, le motivazioni

Dalla prossima settimana Games of games viene temporaneamente sospeso. Il nuovo format di Simona Ventura, non andrà infatti più in onda in attesa di una nuova collocazione. Secondo alcune indiscrezioni dovrebbe essere spostato al martedì al termine dello show di Enrico Brignano Un’ora sola vi vorrei, previsto il 18 maggio.

Il programma della Ventura è ispirato all’omonimo format statunitense di Ellen DeGeneres che è stato esportato in tutto il mondo. E in Italia ha debuttato su Rai 2 lo scorso 31 marzo. I protagonisti dello show sono sei personaggi del mondo dello spettacolo che si alternano nelle sfide al posto dei veri concorrenti che sono invece persone comuni.

Il Vip vincitore di ogni manche permette a chi lo ha scelto di accedere alla semifinale. Ma solo un concorrente può partecipare allo step finale, Gioco dei Giochi, dove può vincere il montepremi se riesce ad indovinare alcuni volti noti con pochi secondi a disposizione.

Lo show però non ha molto convinto i telespettatori in quanto ha registrato bassi ascolti. La Ventura ha anche risentito della presenza su Canale 5 della fiction Svegliati amore mio con Sabrina Ferilli, della soap turca Daydreamer con Can Yaman. In Rai invece ha dovuto confrontarsi con Chi l’ha visto e con Il Commissario Montalbano che continua a registrare ottimi ascolti nonostante le repliche.

Gli ascolti delle prime tre puntate

Sono sei le puntate previste per la prima edizione di Games of games. Ma la Rai ha optato per la sospensione dopo il terzo appuntamento a causa degli ascolti insufficienti.

La puntata d’esordio di Game of games del 31 marzo ha registrato 1.267.000 telespettatori con 5.1% di share. Ma negli appuntamenti successivi l’indice di gradimento è nettamente peggiorato.

La seconda invece si è fermata a 915.000 spettatori con 3.7% di share. Nell’ultima, è tornata lievemente a salire soffermandosi sui 930.000 telespettatori con 3,9 % di share. Ancora pochi, però, per assicurare al programma la permanenza in video.

Con Game of games Simona Ventura era riuscita a tornare su Rai 2 dopo l’esperienza di The Voice of Italy. Le aspettative erano tantissime sullo show che, invece, non è molto adatto alla platea italiana, come i numeri dell’Auditel hanno dimostrato.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Salotto Salemi Mediaset Play, il talk show in streaming di Giulia Salemi

A partire dal 16 aprile, Giulia Salemi conduce Salotto Salemi, un talk show in esclusiva per il servizio in streaming online Mediaset Play.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Salotto Salemi Mediaset Play
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Salotto Salemi è il nuovo talk show condotto dall’influencer Giulia Salemi, in esclusiva streaming per il servizio Mediaset Play. A partire da venerdì 16 aprile alle 19.00, la Salemi conduce per sei settimane consecutive il suo primo programma.

Salotto Salemi è prodotto da MNcomm in collaborazione con Brand On Solutions, l’area dedicata alle iniziative speciali di Mediamond, e con Naj Oleari Beauty e Mikado. Il programma è scritto da Silvia Rossi, mentre il Product Placement è a cura di Hub4Brand.

Salotto Salemi Mediaset Play, un format nato durante il lockdown

Giulia Salemi è dunque al suo esordio come conduttrice in solitaria di un programma Mediaset; probabilmente, anche in virtù del successo riscosso durante l’ultima edizione del Grande Fratello Vip, alla quale ha partecipato. La modella e influencer italo-persiana è attivissima sui social da sempre, tanto da meritare a pieni titoli la definizione di influencer. Su Instagram, la Salemi può infatti vantare oltre 1 milione e cinquecentomila followers, ma i numeri sono in continua crescita.

L’idea di Salotto Salemi nasce proprio sui social, durante il lockdown dello scorso anno. La Salemi in quell’occasione aveva organizzato uno show casalingo nel corso del quale dava consigli di make-up, cucina e salute, spesso in compagnia di amiche e amici ospiti. Il medesimo format è ora riproposto, con nuovi accorgimenti su Mediaset Play. Come avveniva sui social della Salemi, però, la conduttrice parlerà con i suoi ospiti di gossip, strappando loro confidenze e opinioni sorprendenti il più possibile. Il tutto in un clima amichevole e rilassato.

In passato, la due volte partecipante al Grande Fratello Vip ha già co-condotto due programmi televisivi; prima Ridicolousness Italia su MTV, dove lavorava insieme a Stefano Corti e Alessandro Onnis. E poi, Disconnessi on the road su Italia 1, insieme a Paola Di Benedetto e Paolo Ciavarro. 

Anteprima: gli ospiti confermati di Salotto Salemi

La prima ospite confermata di Salotto Salemi è Dayane Mello, modella e influencer. Anche la Mello ha partecipato, insieme a Giulia Salemi, all’ultima edizione del Grande Fratello Vip. 

Oltre a chiacchierare con lei, nella speranza di farle rilasciare dichiarazioni scottanti e qualche gossip in esclusiva sulla sua vita privata, la conduttrice propone alcuni beauty tips all’amica e collega. Tra una confidenza più intima e una chiacchiera, Dayane Mello fa quindi da modella di make up per la Salemi.

Tuttavia, sono molti gli ospiti vip la cui presenza è già stata confermata. Nel salotto di Giulia Salemi, nel corso di sei puntate, si avvicendano Paola di Benedetto, giovane show-girl e modella; Veronica Ferraro, una delle fashion blogger più seguite di Instagram, nonché grande amica di Chiara Ferragni.

E ancora, Gaia Zorzi, la sorella del noto influencer, anche lui ex “gieffino” Tommaso Zorzi. Inoltre, Martina Hamdy, modella, ex meteorina del TG4 e oggi presentatrice ufficiale dei programmi Meteo di Mediaset. Infine, Arianna Cirrincione, modella e influencer fidanzata con Andrea Cerioli, che ha conosciuto nel corso della trasmissione Uomini e Donne.

Si tratta, quindi, di ospiti giovani e molto noti sul panorama televisivo e sul Web, come influencer con milioni di followers sui social più diffusi come Instagram, Facebook e YouTube. 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Le Iene Alessia Marcuzzi salta la puntata del 13 aprile 2021

Alessia Marcuzzi salta l'appuntamento di martedì 13 aprile con la conduzione de Le Iene Show. Suo marito è risultato positivo al Covid.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Le Iene Alessia Marcuzzi
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alessia Marcuzzi salta l’appuntamento del 13 aprile 2021 con Le Iene Show su Italia 1. Lo ha annunciato la conduttrice stessa per mezzo di una storia pubblicata su Instagram. 

Le Iene Alessia Marcuzzi, di nuovo in quarantena

La conduttrice de Le Iene Show Alessia Marcuzzi ha reso pubblica in una storia sul social Instagram la notizia: non sarà presente nel corso della puntata del 13 aprile 2021. Come ha scritto lei stessa, infatti: “Purtroppo mio marito la scorsa settimana è risultato positivo al tampone molecolare. Ovviamente si è subito auto isolato e per ora sta bene.”.

Anche la Marcuzzi, intanto, sta bene, e ha rassicurato i fan della trasmissione aggiungendo che: “Io sono fortunatamente risultata negativa (ho già effettuato due tamponi molecolari). Ma come da protocollo sono cautelativamente in casa in attesa di ulteriori controlli. Con molto dispiacere, a tutela delle persone che mi stanno accanto, e per rispetto della prassi, non potrò essere presente a Le Iene che comunque seguirò da casa. Un bacio a tutti”.

Alessia Marcuzzi era già stata assente in passato dalla trasmissione, precisamente a ottobre 2020. In quell’occasione, però, era stato un suo tampone rapido a risultare positivo. Sta di fatto che, comunque, per il momento la Marcuzzi è dovuta tornare in quarantena, nel pieno rispetto della normativa per il contenimento del Covid. Perciò, Nicola Savino resta “solo” alla conduzione del programma; ovviamente, in compagnia delle voci dei membri della Gialappa’s Band.

Le anticipazioni per la puntata del 13 aprile

Intanto, sono già state pubblicate le prime anticipazioni per uno dei servizii in onda nella puntata de Le Iene Show di martedì 13 aprile.

Un operaio dell’azienda ArcelorMittal è stato licenziato dopo aver condiviso sul suo account Facebook privato un invito ai colleghi. Nel post l’uomo aveva condiviso un invito a vedere la serie “Svegliati amore mio”; nota per aver riportato all’attenzione del pubblico e dei media i rischi dell’inquinamento ambientale per la salute dei cittadini. I vertici dell’acciaieria non avrebbero apprezzato il gesto, che ha portato al licenziamento dell’operaio; giustificato, a loro dire, dai “contenuti denigratori e altamente lesivi dell’immagine dell’azienda.” presenti nel post.  Il servizio è a cura della Iena Alessandro Di Sarno. 

L’autore del servizio ha cercato di contattare in merito il responsabile delle risorse umane dell’azienda: Arturo Ferrucci. Che, pare, si sarebbe negato ai microfoni delle Iene in più occasioni. Così, il videomessaggio che la Iena Di Sarno avrebbe voluto mostrare al responsabile, è stato proiettato sulla facciata dell’azienda tarantina. 

Nel videomessaggio, è Ricky Tognazzi, uno dei registi e sceneggiatori di Svegliati amore mio, ad esporsi in difesa dell’operaio.Meglio mettere al rogo il film che mandare per stracci una persona, un uomo con famiglia e figli. Arrestateci tutti, arrestate noi, fermateci. Siamo dei potenziali terroristi che abbiamo causato, in qualche modo, il licenziamento di un povero operaio. Grazie ArcelorMittal per aver fatto quello che la censura non è riuscita a fare in cent’anni”. afferma Tognazzi.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it