The Voice 3, la finale vissuta in studio


Il racconto dell'ultima puntata del talent show di Rai2 direttamente dallo studio.


 A poco più di un’ora dall’inizio della finale c’è molta folla davanti agli studi milanesi di via Mecenate che attende di entrare, eppure quando la trasmissione prende il via il clima è ancora piuttosto freddo e tutto da scaldare. Gli unici ad agitarsi e a farsi sentire sono i familiari dei concorrenti, sparsi nei diversi settori degli spalti. Tra questi il fratello di Roberta, nostro vicino di posto, che ha comprensibilmente vissuto la serata con grande partecipazione e ci ha confidato anche la presenza tra il pubblico del Sindaco del loro paese, che ha voluto dare direttamente il proprio sostegno alla concittadina. 

L’entusiasmo iniziale è tutto per la star internazionale Ariana Grande che poco prima delle 21 registra la performance solista del suo ultimo singolo One Last Time. I fan che sono stati sistemati ai piedi del palcoscenico la accolgono con urla e palloncini, e la ragazza sembra apprezzare molto il benvenuto.

Subito dopo il conduttore Federico Russo ci introduce nel vivo della puntata con le esibizioni dei finalisti. Dal vivo l’impressione che il programma manchi di ritmo e dinamicità è addirittura amplificata. La prima eliminazione arriva dopo più di 2 ore dall’inizio della gara e dover abbandonare la competizione è Thomas. Il coach Noemi, così, anche quest’anno è arrivata ultima con il proprio pupillo. Forse per lei è arrivato il momento di lasciare la poltrona rossa.

Ariana Grande The Voice

Le performance dei concorrenti sono state tutte buone, almeno dal punto di vista vocale, se si fa eccezione per il duetto tra Fabio Curto e i Facchinetti sulle note de Il mondo. Il componente dei Pooh non ci ha risparmiato nemmeno questa volta le sue urla, talvolta anche fuori intonazione. Quasi per osmosi anche Fabio sembra aver assunto il timbro vocale del suo coach: una scena inquietante.

Proprio l’artista calabrese è il più applaudito durante tutta la puntata, e questo non ha fatto altro che alimentare la nostra convinzione che sarebbe stato lui a vincere, come già avevamo pronosticato qualche giorno fa.

L’arrivo di Tiziano Ferro per un medley dei suoi successi con i finalisti di The Voice risolleva per 4 minuti circa il livello artistico della serata, ma non basta a dare sprint ad una puntata dagli esiti prevedibili e decisamente monocorde. E’ mancata personalità, e tutti e 4 i finalisti sono sembrati ai nostri occhi degli outsider: ai tempi delle blind mai avremmo immaginato di trovare sul palco della finale questi ragazzi.

Il clima in studio inizia a scaldarsi verso la fine, nel momento in cui Roberta e Fabio si esibiscono per l’ultima prova prima del verdetto. La standing ovation che fa seguito alla performance di Fabio è l’avvisaglia ormai inequivocabile di quello che sarebbe successo da lì a pochi minuti. A vincere l’edizione forse più anonima nella storia dei talent show è Fabio Curto.

Qui la diretta della puntata.



0 Replies to “The Voice 3, la finale vissuta in studio”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*