Amici 14: i nostri giudizi sulla semifinale


Le nostre opinioni sulle performance canore dell'ottava puntata di Amici.


 Ad aprire la puntata sono stati Stash Renato Zero con un duetto sulle note di Mi vendo. La performance è risultata molto teatrale, con un Renato Zero decisamente scatenato, quasi come fosse di nuovo negli anni ’70. Una punta (o forse anche di più) di kitsch che però non ha inficiato la qualità dell’esibizione.

Briga ha duettato con Lucia Aliberti (soprano) per Once Upon A Time In The West di Ennio Morricone, un incontro artistico singolare eppure decisamente riuscito, con un Mattia Briga più convincente del solito nel momento del suo intervento rappato.

Stash ha avuto l’onore di duettare con Ricky Martin, quarto giudice della serata, in alcuni successi della popstar: She Bangs La copa de la vida. Il leader dei The Kolors è apparso a suo agio sul palco con una star del genere.

Poco convincenti Briga ed Emma in Empire State Of Mind di Jay-Z Alicia Keys. Il pezzo è apparso poco adatto alle loro corde, e il confronto con gli interpreti originali è schiacciante. Anche la stessa Emma non ha lasciato alcuna traccia dell’anima soul e della femminilità della Keys.

The Kolors hanno proposto Why Don’t You Love Me?, uno dei loro brani contenuti nel disco Out, già nei negozi di dischi. In questi mesi abbiamo ascoltato molte volte questa canzone, e anche questa sera non hanno tradito le aspettative.

Non ha entusiasmato la performance rap di Briga a metà tra italiano e spagnolo. Meglio concentrarsi sull’italiano per il momento e cercare di migliorare in questo campo.

Grandiosi i The Kolors in Another Brick In The Wall dei Pink Floyd. Un’esibizione di sicuro impatto che sottolinea ancora una volta il grande apporto che la band ha dato a questa edizione del programma, riuscendo a portare nel programma di Canale5 anche proposte musicali più importanti rispetto a quelle cui è abituato il giovanissimo pubblico del talent show.

Briga ha cantato Esistendo, pezzo già noto da mesi a chi segue la trasmissione e contenuto nel disco del rapper Never Again. Continuiamo però a pensare che il pezzo non sia all’altezza di un altro suo inedito come L’amore è qua.

Gran finale con i The Kolors e il loro omaggio a Michael Jackson sulle note di Thriller Dirty Diana. Notevole anche la presenza scenica di Stash, che in questa performance ha utilizzato il suo timbro vocale in modo alquanto simile al Re del Pop.

Appuntamento a venerdì prossimo con la finale di Amici.

Qui la diretta della semifinale.



0 Replies to “Amici 14: i nostri giudizi sulla semifinale”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*