Italia da stimare ad Arezzo e Bologna


Il programma va in onda nel pomeriggio festivo di Rai1 con Massimiliano Pani


La singolare coppia è oggi ad Arezzo, in viaggio tra i collezionisti della Toscana e gli espositori, gli acquirenti e i curiosi radunati nella splendida città toscana per la fiera più rinomata in Europa nel settore dell’antiquariato.

  Il fine, naturalmente, è quallo già noto dalla prime due puntate: Massimiliano Pani e Cerbelli vanno sempre alla ricerca di opere d’arte di cui forniscono una stima precisva e rincorrono i cosiddetti falsi d’autore, copie non originali,

Ma, come abbiamo già visto, il programma ha anche un altro obiettivo: vuole indicare ai telespettatori gli oggetti che nessuno riteneva preziosi, magari accantonati come “robe vecchie” in soffitte e cantine dove hanno giaciuto per anni. Questi oggetti vengono rivalutati e ad essi i due conduttori restituiscono il giusto valore di mercato.

.La quarta puntata di “Italia da stimare” in onda domenica 28 giugno su Rai1 alle 14 ci conduce a Bologna, città di grandi tradizioni antiquarie.

Massimiliano Pani e il suo partner Marco Cerbella assicurano che anche questa volta il loro sarà un viaggio affascinante. Condurranno il pubblico tra i collezionisti emiliani di antiche biciclette e andranno alla ricerca, sempre tra i collezionisti locali, dei primi strumenti di comunicazione.

I due privilegiano anche il contatto con il pubblico: infatti nella splendida città icercheranno di capire le opinioni  degli espositori, degli acquirenti che si sono ritrovati nei mercati di antiquariato di Bologna. Anche qui la coppia di conduttori, condurrà i telespettatori tra tutto quello che di antico e prezioso Bologna conserva. Indica  opere d’arte da stimare, smaschera come copie non originali, fornisce ai telespettatori alcune “dritte” per cercare gli oggetti inaspettatamente preziosi rintanati in soffitte e cantine.

Il  programma è scritto da Massimiliano Pani e Andrea Rovetta e vuole documentare le piccole e grandi manie degli italiani, il popolo appassionato de cantine e ripostigli all’insegna del motto “Non si getta mai nulla”.

Qui la recensione del programma. E qui la presentazione.



0 Replies to “Italia da stimare ad Arezzo e Bologna”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*