Connect with us

Newsletter

La tv che vorrei

Marida Caterini

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I contenitori di gossip,i salotti dell’inutile declinato sotto tutte le sfaccettature, rappresentano le uniche realtà televisive nelle quali, tra l’altro gli inserzionisti pubblicitari investono perchè sono foriere di ascolti. I contenuti dei programmi vengono valutati solo in base al numero di spettatori e allo share, trascurando le devastanti conseguenze che determinati argomenti, affrontati senza le giuste competenze, possono avere sulla psiche dei telespettatori più fragili.
Questa è una tv malata di egoistico presenzialismo, di sfrontata corsa ai guadagni, di favoritismi. E’ una tv che ha distrutto senza ricostruire, demolito schemi e valori senza trovarne altri in alternativa. E’ una tv gretta e meschina che vive alla giornata, deturpa i sentimenti inquinandoli con squallida retorica, annulla i tradizionali valori rispettati da almeno sessant’anni, l’età del tubo catodico.
Questa è una tv da cancellare.

La tv che vorrei deve allestire i palinsesti in funzione delle esigenze e delle aspettative dei telespettatori, rispettandone la personalità e i valori morali. Significa “educare” una generazione di conduttori al di sopra delle parti che, nei talk show abbiano ospiti i cui interventi siano funzionali all’economia della discussione. Significa proporre salotti tv nei quali non si inseguano idee precostituite, sia in politica che negli altri settori. Occorre, insomma una convincente dialettica che catturi in maniera “onesta” l’attenzione del telespettatore.

La tv che vorrei deve liberarsi  delle solite starlette e divette del sottobosco televisivo il cui unico scopo è raccontare le proprie intemperanze sentimentali con al fianco l’ultimo dei toy boy. Personaggi femminili ma anche maschili che vivono di apparizioni televisive e di “gettoni di presenza” anche molto consistenti senza altra occupazione. Spesso si fanno accompagnare  da figli in tenerà età che sgambettano sotto i riflettori tra l’interesse apparente di chi conduce il programma. Rappresentano la materializzazione del nulla, l’inconsistenza pagata a peso d’oro.

La tv che vorrei non deve essere un ufficio di collocamento per parenti, amici degli amici, figli, nipoti, mogli, fidanzate e compagne. Tutta gente che viene impiegata senza avere nessuna competenza specifica in programmi e fiction, molte delle quali, tra l’altro, girate in famiglia. Nel senso che a scriverle, produrle, sceneggiarle, interpretarle sono proprio i componenti di una stessa famiglia. Qualche esempio? Le fiction prodotte dalla famiglia di Ricky Tognazzi, di Renato Pozzetto, di  Bud Spencer. Forse è questo il significato che la Rai dà al racconto televisivo etichettato come “fiction per famiglia”?

La tv che vorrei deve essere meno ingolfata di ospiti in promozione: personaggi dello spettacolo, del teatro, soprattutto del cinema e della musica leggera, del giornalismo, abbandonano il dorato mondo nel quale vivono, lontani dai media che snobbano, compaiono in tv  solo per reclamizzare i propri lavori. vanno ovunque, fanno il giro delle sette chiese televisive, si propongono in tutte le vesti e i ruoli più strani pur di raggiungere l’obiettivo: mandare il telespettatore a cinema, a teatro, in libreria a comprare il proprio libro. Basti pensare a Luca e Paolo che, con le loro presenze quasi ossessive, finiscono per diventare fastidiosi; Bruno Vespa, come gli attori e i registi dei cinepanettoni, compare in prossimità delle feste di fine anno per pubblicizzare l’ennesimo libro in uscita. Mai un direttore d’orchestra che reclamizzi il proprio concerto, o un tenore che pubblicizzi la propria opera, o un direttore di musei che inviti il pubblico a visitare una specifica mostra.

Bimba che piange a Ti lascio una canzone

La tv che vorrei è priva di trash e le parolacce sono bandite in ogni contesto e in ogni situazione. E’ composta da autori, conduttori che invitano Vittorio Sgarbi per la sua competenza di critico d’arte e non come fomentatore di liti e risse da suburra. E’ gestita da dirigenti che allontanano definitivamente dalle loro reti personaggi che imprecano, urlano, litigano, e richiamano al rispetto e al senso del dovere, conduttori che speculano sulla credulità dei telespettatori punendoli anche con sanzioni economiche.

La tv che vorrei deve lanciare nuove idee e sperimentare format originali senza sfruttare all’infinito prodotti consolidati dall’audience bruciandone la validità, consumandoli lentamente fino all’esaurimento.  Io canto, il programma di Gerry Scotti, proposto nella quinta edizione è crollato ai minimi storici, mentre gli infiniti sequel di fiction col trascorerre degli anni, hanno perso ogni appeal e si trascinano tra espedienti narrativi poco credibili. Si pensi a Un medico in famiglia, ai Cesaroni, alla stessa Squadra antimafia. E soprattutto, la tv che vorrei deve limitare il numero di format di importazione che, solo per venire adattati per il pubblico italiano, richiedono una pletora di autori. Un esempio? Altrimenti ci arrabbiamo, il programma flop condotto da Milly Carlucci lo scorso maggio. Ben undici autori per rivisitare il format in chiave nostrana.

La tv che vorrei deve rispettare l’infanzia e non trasformare i bambini in cloni degli adulti  sfruttandoli  per incrementare l’audience in trasmissioni non adatte alla loro età. E non si tratta solo di programmi come Io canto e Ti lascio una canzone. Si tratta di un trend che si è insinuato nei palinsesti e fa leva sull’ingenuità infantile per divertire i grandi. Restituire all’infanzia la dignità televisiva perduta è uno degli obiettivi più urgenti da raggiungere


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni critico televisivo de Il Giornale d’Italia con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama. Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino, Il Giornale. Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione, organizzato dall’Università La Sapienza di Roma. Ha vinto il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. É stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana, un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Qualche idea in più

Irene Natali

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Newsletter

I segreti del mestiere

Irene Natali

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Newsletter

Luglio 2017 è la fine dei talk show?

Irene Natali

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’ultima stagione televisiva è stata quella che, forse, ancor più delle precedenti, ne ha mostrato i molti segni di stanchezza.
Inaugurata a settembre con Politics-Tutto è politica, che nelle intenzioni avrebbe dovuto rinnovare il genere, si è invece conclusa non solo con la chiusura dello stesso Politics, ma anche de La Gabbia Open e L’Arena. Dopo mesi di confronti serrati, spesso litigi, sono caduti sul campo Gianluca Semprini, Gianluigi Paragone e Massimo Giletti: nessuno di loro tornerà alla conduzione dei propri programmi.
Una moria trasversale alle reti, alle declinazioni del genere, e persino ai risultati d’audience. A tal proposito infatti, va sottolineato che se lo share di Politics e La Gabbia languivano, quello de L’Arena insidiava e teneva testa alla domenica di Barbara D’Urso.

giletti

Negli anni i talk show si sono moltiplicati, spaziando attraverso politica, cronaca, attualità, intrattenimento. Grazie ai loro costi bassi sono state coperte prime e seconde serate, pensati i palinsesti: politici e ospiti in promozione, in studio senza compenso, hanno consentito di realizzare prodotti televisivi a budget ridotto. Ne è conseguita una pluralità di programmi presidiati a turno dagli stessi esponenti politici, opinionisti, giornalisti.
La stagione 2016-2017 ha inoltre segnato, definitivamente, il consolidamento di un nuovo trend. I segnali si erano già avuti in precedenza, ma è nei mesi scorsi che è divenuto realtà effettiva: si tratta dell’arrivo dell’intrattenimento nei talk politici. Perché se è vero che per le reti è conveniente produrli, è altrettanto vero che i risultati elettorali dimostrano quanto la contemporaneità sia caratterizzata da una forte sfiducia nei confronti dei nostri rappresentanti.

politics

In un periodo in cui i partiti, o meglio la politica in generale, hanno perso credibilità, non si può certo contare sul loro appeal per tenere i telespettatori incollati davanti allo schermo. Per ovviare al problema perciò, si è cercato di puntare sui personaggi dello spettacolo: invitandoli a dare la propria opinione, oppure riservando loro un apposito segmento per sponsorizzare i lavori in uscita.
Matrix ha persino affidato una serata a Piero Chiambretti, che si è alternato a Nicola Porro. E Bianca Berlinguer con #Cartabianca ha ottenuto il picco di ascolti con Flavio Insinna, quando il volto di Rai 1 è arrivato nello studio di Rai 3 per difendere la propria immagine dagli attacchi di Striscia la notizia. Un dato indicativo, questo.

cartabianca insinna foto2

Data la loro convenienza economica, i talk show torneranno anche nella stagione al via a settembre. Inflazionati, ne sarebbe opportuno un ripensamento: la ridefinizione dovrebbe interessare sia i contenuti che il format, per evitare l’impressione di programmi uno fotocopia dell’altro.
In questo senso va citato come virtuoso l’esempio di Nemo-Nessuno escluso. Nato come programma di approfondimento, Nemo è riuscito gradualmente a conquistare telespettatori e guadagnarsi la riconferma: pur non essendolo in senso classico, gli autori vi hanno inserito alcuni elementi del talk, grazie alla presenza di ospiti e interventi mirati.
Di certo la soluzione non può essere quella attuale, che consiste nel prolungamento a notte inoltrata per racimolare briciole di share.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it