Connect with us

Opinioni

E’ possibile una tv senza volgarità

Cosa fare per eliminare la volgarità dalla tv

Pubblicato

il

Cosa fare per eliminare la volgarità dalla tv
Condividi su

                                                                              {module Banner sotto articoli}

La questione è quanto mai attuale ma portarla alla luce significa scoprire una dura realtà: i palinsesti sono dominati dallo strapotere della pubblicità che ne influenza i contenuti. Tutto questo accade soprattutto nei periodi di garanzia televisiva nei quali agli inserzionisti vengono assicurati ascolti alti. La costruzione dei palinsesti autunnale e primaverile segue questo criterio e per il raggiungimento dell’obbiettivo troppo spesso si ricorre a mezzi poco ortodossi. Il fine è solleticare la curiosità e il voyeurismo del pubblico e convincere chi assiste ad un determinato programma a non cambiare canale. Stabilità e fidelizzazione sono i dictat fondamentali dei dirigenti delle tv pubbliche e private e dei pubblicitari.

Oggi però bisogna fermarsi a riflettere: fino a quando si può continuare su questa strada che abbrutisce ogni forma di moralità televisiva? Guadagnare ascolti significa guadagnare soldi, con buona pace per l’azzeramento di ogni eleganza. In programmi come i reality, ad esempio, il frequente e ossessivo ricorso alle liti, agli insulti e alle discussioni, è considerato foriero di alti ascolti. Negli show di prima serata  l’imperativo unico è mantenere desta la curiosità della platea, sacrificando, se necessario, buon gusto e eleganza. Non solo, ma l’imperativo degli ascolti a tutti i costi ha costretto a nascondere, nei palinsesti delle seconde o terze serate, l’approfondimento culturale e il teatro. Salvo pochissime rare eccezioni, il prime time della tv generalista è appannaggio dell’ intrattenimento e della solita fiction edulcorata

{module Google richiamo interno}  L’aspetto educativo è un lontano ricordo della preistoria del piccolo schermo. I messaggi contenuti in molti appuntamenti televisivi inducono ad una visione della vita, della carriera e della gestione di se stessi, molto disinvolta e disinibita. I modelli presentati da alcuni reality sono emblematici in tutta la loro falsità.  Raggiungere tutto e subito, passando attraverso ogni  scorciatoia possibile è il dictat di una gioventù indebolita anche dalla lotta per la ricerca del lavoro.

Fino a qualche anno fa il piccolo schermo, attraverso giochi e quiz poteva contribuire ad arrotondare gli stipendi degli spettatori. Ma adesso non basta più: bisogna conquistare visibilità, non importa se destinata a durare solo lo spazio di un mattino. L’importante è apparire e sfruttare al meglio i passaggi televisivi. Ecco, quindi, che per stare anche un solo minuto sotto i riflettori, si è disposti ad accettare qualsiasi compromesso.

Ed ecco che la tv come altre aziende italiane, si svuota di professionalità. Si portano in video ragazzette che sanno solo mettere in bell’evidenza la propria ignoranza. Lo studio, la gavetta, l’apprendimento, sono lasciati ai rappresentanti di altre epoche. Adesso bisogna fare tutto e subito.

Questo è un modello televisivo inaccettabile. Bisogna cercare di contrastarne lo strapotere rendendo di nuovo attuali valori come la qualità e il senso di responsabilità. Tutti i fattori precedentemente analizzati, sono indice di degrado e di abbrutimento. In un simile scenario ognuno dovrebbe fare la propria parte per restituire al piccolo schermo il significato perduto. A cominciare dai politici.


Condividi su

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni critico televisivo de Il Giornale d’Italia con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama. Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino, Il Giornale. Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione, organizzato dall’Università La Sapienza di Roma. Ha vinto il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. É stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana, un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it