Purchè finisca bene, bilancio finale


Considerazioni sui cinque tv movie andati in onda su Rai1


Si sono conclusi i cinque tv movie che fanno parte della collana Purchè finisca bene. Tutti sono andati in onda il lunedì in prima serata su Rai1, in una collocazione oraria molto piena di proposte alternative.

 A chiudere il ciclo La tempesta, trasmesso il 28 aprile. Il fine dei cinque telefilm era rappresentare l’Italia di oggi con uno sguardo a metà strada tra la commedia e toni più seri, fotografando le ultime realtà della società in evoluzione. Ne è scaturita un’immagine finta e stereotipata di un’Italia che non è rispondente alla realtà ma rispecchia i soliti canoni della fiction di casa nostra. Un progetto troppo ambizioso. 

A salvare, parzialmente, il prodotto, attori come Neri Marcorè che pure non ha dato il meglio di sè e Gianpaolo Morelli. I due hanno cercato di imprimere ai tv movie di cui sono stati protagonisti quella leggerezza che avrebbe dovuto rappresentare l’ingrediente principe di tutti i racconti.  La “leggerezza” c’è ma non è da intendere in maniera positiva. E’ stata leggera la sceneggiatura che in molti tratti avrebbe dovuto essere meno banale e più incisiva e originale. E’ stata leggera la recitazione di alcuni interpreti, tra cui Cristiana Capotondi e Nicole Grimaudo, è stata leggera  e stereotipata la maniera di affrontare i problemi.

Marcorè e Morelli sono stati insieme protagonisti del primo tv movie, Una Ferrari per due. In un’atmosfera da commedia degli equivoci, spesso abbastanza scontata, sono riusciti, quantomeno per la credibilità che hanno presso gli spettatori, a portare a casa un buon risultato: il 22,61% con oltre sei milioni di spettatori. Il miglior responso dell’Auditeòl dettato anche dalla curiosità dell’esordio.

Il secondo tv movie “Una coppia modello” con Sergio Assisi, Bianca Guaccero e Daniele Pecci ha cercato di mettere in evidenza le difficoltà della vita di coppia esaltando l’amicizia. Flebile sceneggiatura, recitazione appenda sufficiente. Infatti il risultato dell’Auditel evidenzia il crollo dello share al 18,55%. Gli spettatori scendono a poco più di cinque milioni.

Un marito di troppo è stato il terzo film tv, con Cristiana Capotondi. L’attrice, nel ruolo di una donna in carriera scala tutti i vertici dell’alta società ma deve fare i conti con il proprio passato. Anche questo un tema abbastanza scontato, nonostante la presenza accanto alla Capotondi di un buon cast che non è riuscito a dare una marcia in più. Gli spettatori scendono e lo share è al 17%, il più basso della collana.

In Una villa per due, torna Neri Marcorè. Nonostante la vicenda soffra di leggerezza e dei soliti amori che riemergono dal passato, lo share sale al 19%.

L’ultimo tv movie, La tempesta, andato in onda il 28 aprile, poteva apparire come un spin off di Una grande famiglia serie di Rai1 con Stefania Sandrelli e Alessandro Gassman. Torna il tema della scomparsa del protagonista. Debole l’impalcatura, lo share si abbassa: il 18,32.

Purchè finisca bene è un ciclo prodotto da Pepito produzioni di Agostino Saccà  ex direttore di Raifiction, ex direttore generale della Rai.



0 Replies to “Purchè finisca bene, bilancio finale”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*