Da mezzobuste a conduttrici: il flop della Parodi e della Berlinguer


Da mezzobuste a conduttrici: il flop della Parodi e della Berlinguer. Analisi di ex mezzobusti che si sono messi alla prova come conduttori con alterne vicende


Passare da mezzobusto a conduttore in piedi, che cammina su e giù per uno studio tv, che gesticola e tiene in mano una cartellina con la scaletta, non è da tutti. E soprattutto non è facile riuscirci.

Ci sono riusciti Bruno Vespa (andando indietro nel tempo quando conduceva il telegiornale), Enrico Mentana e Lilli Gruber: tre icone dei talk show di successo. Seppure non agli stessi livelli dei magnifici tre, ci sono riuscite anche due telegiornaliste di Mediaset, Alessandra Viero e Mikaela Calcagno.

Duilio Gianmaria

La prima è passata dall’edizione di pranzo di Studio Aperto alla co-conduzione di Quarto Grado a fianco di Gianluigi Nuzzi. La seconda ha condotto per diverse stagioni L’Arena Premium commentando il dopo partita del campionato di calcio per poi tornare al tiggì di Sport Mediaset su Italia 1.

Dal Tg1 Duilio Giammaria (ormai fisso in conduzione di Petrolio), Barbara Carfagna con lo Speciale Tg1 e Alberto Matano stanno sulla rampa di lancio. Il primo dei tre ha mollato il tiggì del tutto, gli altri due ancora no.

Finora vi abbiamo elencato gli esempi di coloro che ce l’hanno fatta. Ma sul piatto basso della bilancia ci sono altri ex mezzobusto che non riescono proprio a conquistare un posto al sole tra i conduttori. Bianca Berlinguer e Cristina Parodi calzano a pennello in questo discorso. Entrambe sono super quotate, ottengono ciò che chiedono perché godono di ampi consensi all’interno dell’azienda Rai, tuttavia non riescono a bucare il video.

Diciamo la verità: da conduttrici non hanno mai conquistato a pieno i telespettatori. Mentre ,quando conducevano il Tg3 o il Tg5, andavano a gonfie vele. Erano due volti di riferimento dell’informazione in tv. Ora invece, da conduttrici, non hanno i tempi di chi questo mestiere lo fa da anni.

Cristina Parodi

Le interviste della Parodi e della Berlinguer sono interminabili, spesso annoiano, non hanno il ritmo necessario per creare quell’effetto tambureggiante che tanto piace al pubblico a casa.  Al contrario di quanto fanno in video Giovanni Floris, Massimo Giletti, Corrado Formigli, Eleonora Daniele, Paolo Del Debbio, Barbara Palombelli, Lucia Annunziata, Giovanni Minoli, Ilaria D’Amico e Maria Latella. E, ovviamente, i già citati Bruno Vespa, Enrico Mentana e Lilli Gruber.

Certo, immaginare Floris, la Daniele, Formigli, la D’Amico e Del Debbio alla conduzione di un tiggì non è facile: probabilmente anche loro avrebbero qualche difficoltà, come è accaduto a Alessandro Cecchi Paone che il Tg4 qualche anno fa ha provato a lanciare (senza successo) come conduttore dell’edizione delle 19.



0 Replies to “Da mezzobuste a conduttrici: il flop della Parodi e della Berlinguer”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*