La settimana tv 9-15 marzo | il meglio e peggio della programmazione


La settimana tv 9-15 marzo | il meglio e peggio della programmazione. Simpatici e antipatici nel gradimento dei telespettatori


Settimana tv con i soliti noti che sbancano gli ascolti. Il Commissario Montalbano (anche in replica) e Don Matteo: due eroi di Rai Fiction e dell’Italia televisiva. Due storie che non hanno niente a che vedere con le serie tv poliziesche statunitensi, anglosassoni, scandinavi e perfino francesi.

Nelle fiction di Raiuno non c’è azione e neanche una scena movimentata con sparatorie e inseguimenti spettacolari. Tra una battuta e l’altra si indaga e si scoprono i colpevoli. Don Matteo addirittura ridicolizza le forze dell’ordine perché è sempre lui che risolve il caso. Ma queste sono le fiction che piacciono al pubblico over che guarda le tv generaliste. E alla fine più che cinema si tratta di teatro.
Comincia a perdere colpi l’Isola dei Famosi e soprattutto Alessia Marcuzzi, in questa stagione non in palla come nelle precedenti edizioni. Le polemiche su fumo e droga sono diventate stucchevoli, così come liti e discussioni con Eva Henger. Forse gli autori questa volta sono naufragati.


Barbara d’Urso
invece fa il pieno di simpatia a Quinta Colonna che l’ha celebrata come una star di Hollywood, con Paolo Del Debbio in versione Fabio Fazio. Per contro ci sono programmi tv che continuano a sfoggiare volti che fanno dell’antipatia una prerogativa. A Dalla Vostra parte non ha giovato agli ascolti l’ingresso in co-conduzione di Veronica Gentili. Chissà, magari chi ha deciso di affiancarla a Maurizio Belpietro sperava che il suo modo di proporsi e di battibeccare avrebbe giovato agli ascolti. Invece l’aumento di share non c’è stato e si è dato vita a un altro mostro del piccolo schermo, tutt’altro che aggraziato. Anzi, troppo spesso fuori le righe rispetto al manuale del perfetto conduttore. Perché – oltre a parlare di continuo sopra gli altri interlocutori – non è bello per il telespettatore ascoltare a ripetizione risposte tipo “Quella lo dice a sua sorella”. D’accordo che l’atteggiamento di Vittorio Sgarbi fa perdere la bussola, tuttavia quando si decide di invitare il critico d’arte non è certo per cantare l’Ave Maria tutti assieme. Un altro volto che entra di diritto tra le antipatiche della tv è Claudia Fusani. Meno male che si tratta di un ospite e quindi non ce la dobbiamo sorbire tutti i giorni (al contrario di Veronica Gentili).

Partenza deludente per Celebrity MasterChef 2 che non ha ripetuto l’avvio della scorsa stagione. Così come non è esploso Boss in incognito su Raidue. Il secondo canale va col vento in poppa al martedì con Stasera tutto è possibile e Sbandati che divertono il pubblico a casa e presente negli studi tv.
Dopo un buon avvio è calato – proprio nelle prove finali – Sanremo Young, anche perché il programma è un ibrido tra il Festival e Ti Lascio una canzone.Solo nella finalissima ha recuperato.
Tra i talk molto bene Floris che supera l’8% di share anche nelle puntate del dopo elezioni. L’Isola trascina Supercinema al18% e affonda Fazio, che alla domenica perde colpi quando si gioca un posticipo di spessore in Serie A. Inter-Napoli in pay tv, tra Sky e Mediaset Premium, ha sfiorato il 12% per una media di 3 milioni di spettatori. Buona partenza di Storie Maledette mentre non buca il video Enrico Papi in prima serata su Tv8, nonostante la presenza nel suo game show di Valeria Marini e Cristiano Malgioglio. Buona la prima di Ballando con le Stelle, ma C’è Posta per te è un’altra cosa. Almeno per quanto riguarda gli ascolti.



0 Replies to “La settimana tv 9-15 marzo | il meglio e peggio della programmazione”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*