Il più grande pasticcere, la puntata del 17 novembre: fuori Giovanni e Kanako


Il programma di Rai 2 dedicato alla pasticceria


Si avvicina la semifinale del programma più dolce della Rai: dopo la puntata di stasera infatti, Il più grande pasticcere è uno tra Sebastiano, Debora, Mario e Lorenzo. Hanno infatti abbandonato il cooking show l’adorabile Kanako e Giovanni.

 Ricordiamo che la scorsa settimana erano stati eliminati Giusy e Corrado.

Ripercorriamo quanto avvenuto in questo ultimo appuntamento televisivo.

Sei i concorrenti rimasti in gara. La prova di oggi ha come base un prodotto semplice, ma niente è scontato come sembra. Scopriamo di cosa si tratti dopo la pubblicità: è il gelato. Il dolce da preparare è infatti lo zuccotto di gelato.

Il maestro Biasetto, con questa ricetta ha vinto i mondiali nel ’97: ne mostra perciò ai ragazzi una fetta, per far vedere come deve essere la consistenza. I pasticceri hanno a disposizione un solo accesso alla dispensa e tre ore di tempo. Un primo controllo sarà effettuato dai giudici a metà preparazione. Qualcuno, Kanako in testa, non si è mai cimentato con lo zuccotto.

Il primo a comporre il dolce è Giovanni. Ha un vantaggio: può scegliere chi bloccare per venti minuti. La penalità tocca a Mario, in quanto uno dei più forti. Incredibilmente, dall’essere in vantaggio, Giovanni si trova in affanno, rimanendo bloccato a sua volta.

Inizia l’assaggio, e lo zuccotto di Giovanni viene giudicato mediocre: ha pensato troppo alla velocità trascurando la qualità. Lorenzo commette l’errore di utilizzare la frutta, perché rimarrebbe congelata. Sebastiano presenta un dolce non all’altezza delle aspettative, mentre Kanako, pur con qualche criticità, riesce ad ottenere un buon risultato. Anche Debora, che viene da una famiglia di gelatai, lascia i giudici insoddisfatti.

Si salva Lorenzo: a rischio, Kanako e Giovanni, che si cruccia dei clienti che lo vedono sempre “abbassato” a rischiare il proprio posto nel programma.

Sebastiano, Debora, Lorenzo e Mario sono attesi da Massari per la prova in esterna. Salgono a bordo di una nave da crociera diretta a Barcellona: prepareranno la colazione per i passeggeri. Prima di mettersi all’opera, divisi in due squadre (Mario-Debora, Lorenzo-Sebastiano), i ragazzi fanno un giro per chiedere alle persone cosa amano mangiare di prima mattina. Optano per bomboloni fritti, dolci da forno vari, torte salate, pizzette, cornetti.

La cucina della nave da crociera è immensa: abituarsi non è semplice. Intanto, la notte trascorre veloce. Debora e Mario hanno qualche problema di comunicazione.

Il momento giunge. I clienti possono assaggiare il risultato di tanta fatica, per poi scegliere la propria squadra preferita. La “giuria popolare” opta per Sebastiano e Lorenzo, ma l’ultima parola spetta a Massari.

Il responso della busta viene scoperto al rientro in accademia, ed è la riconferma della scelta dei passeggeri. Contro Kanako e Giovanni dunque, sostengono la prova eliminatoria Mario e Debora. L’obiettivo comune è far fuori Debora, che non sopporta nessuno.

A ciascuno viene distribuita una scatola di un colore: all’interno, tre ingredienti di quello stesso colore. Sono frutta, verdure ed erbe aromatiche da fondere necessariamente, in un’ora e mezza di tempo con un solo accesso alla dispensa. Kanako ad esempio, ha timo, mele verdi e fagiolini, Giovanni cioccolato, pepe e olive nere, Debora mango, zafferano e peperoni gialli, Mario fragole, pomodori e peperoncino.

 

I giudici massacrano i ragazzi, rifiutandosi addirittura di assaggiare in alcuni casi. Rimproverano loro di aver portato a termine il compitino senza creare né essere in grado di uscire dagli schemi. Kanako è in lacrime, Giovanni si sente male.

I giudici decretano l’uscita proprio di Giovanni e Kanako, che lasciano così lo show. Il titolo si gioca tra Sebastiano, Lorenzo, Debora e Mario.



0 Replies to “Il più grande pasticcere, la puntata del 17 novembre: fuori Giovanni e Kanako”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*