Boss in incognito 3: la settima puntata


Live il settimo appuntamento con Boss in incognito, il docu-reality di Rai2, condotto fuori campo da Flavio Insinna.


È andata in onda su Rai2 la settima puntata di Boss in incognito 3, condotto da Flavio Insinna. Il protagonista dell’appuntamento odierno è stato Bachisio Ledda, grande capo di Mail Express Posta & Finanza. Rivediamo insieme come è andata.

Bachisio Ledda è il grande capo di Mail Express Posta & Finanza, la società che da 18 anni offre un servizio postale privato. Da piccolo voleva fare il Papa e così è entrato in seminario ma all’età di 10 anni ha capito che non era la sua strada.

1nov boss bachisio ledda

Sposato dall’età di 20 anni, prima di separarsi dalla moglie ha perso con un incidente stradale il suo terzo figlio, l’unico maschio. Attualmente da quattro anni è accompagnato con Gioia e la sua famiglia allargata è completata dalla figlia di questa.

1nov boss gioia compagna

Il Boss in incognito questa sera si chiama Gianluca. “Papà sembri Er Monnezza” e in effetti il travestimento questa settimana è davvero perfetto. L’imprenditore ha deciso di infiltrarsi per vedere se tutto è in ordine, visto che vuole fare entrare la sua azienda in borsa nel 2017.

1nov boss gianluca

Il primo compito che dovrà svolgere Gianluca è quello di portalette; il suo tutor è Michael. Il viaggo avviene a L’Aquila, la città è ancora segnato dal tremendo terremoto. L’operaio commette due errori: inizialmente stava per andarsene al primo rifiuto e successivamente consegna la lettera prima di far firmare la ricevuta.

1nov boss portalettere

Michael si dichiara estremamente legato alla città de L’Aquila e racconta il suo ricordo della drammatica notte del 6 Aprile 2009: quando è tornato a vivere in una vera casa ha iniziato a soffrire di crisi d’ansia. Consegnare posta nel centro storico è un’impresa: niente cassette, civici assenti e case disabitate.

Grazie al “Progetto case” l’uomo ora ha un’abitazione dove dormire ma non la sente sua. Alla fine del turno decide di portare il boss in incognito a vedere come sta la sua vecchia casa popolare, quella dove visse la drammatica notte. Sembra che il tempo non sia passato, purtroppo.

1nov boss case popolari

Durante il secondo giorno Gianluca entra nel centro di postalizzazione. Josi prova a spiegare il suo lavoro di inserimento dati al boss in incognito, che però non è per nulla soddisfatto. Oltre al problema della lingua, in tutto l’ufficio quasi tutte le bilance non funzionano.

La ragazza brasiliana lavora in azienda da 6 anni e vive in Italia da 10. Vorrebbe fare dei corsi all’interno dell’azienda e ha smesso di fare la modella per l’amore verso il marito. I due si sono sposati di nascosto a causa della suocera che non accettava la storia.

1nov boss josi

Gioca a pallavvolo ed è volontaria della croce rossa ma dalle sue parole si evince che il suo matrimonio non è molto saldo. Dopo il pranzo Gianluca è alle prese con la macchina affrancatrice; il suo tutor è Francesco

“Ha sbagliato tutto perché non ha suddiviso la posta per formato”. Motivata la critica del Boss dal momento che è costretto a regolare continuamente la macchina affrancatrice. Gianluca se la cava molto bene in questa fase.

1nov boss francesco

Si entra in tipografica e il Boss in incognito è alle prese con la taglierina, la macchina che taglia la carta. L’operaio ha perso il lavoro dopo più di venti anni e grazie a questa azienda ha ritrovato lavoro a 46 anni, dopo 6 mesi di disoccupazione: “mi sentivo emarginato dalla società“.

Il figlio è al secondo anno di Scienze Motorie e Francesco ha sacrificato anche i suoi risparmi per consentirgli di studiare. L’uomo ha perso il padre a seguito di un’operazione perché gli avevano diagnosticato un tumore al cervello e invece si trattava di un ematoma: “Da 0 a 100 mi è mancato 101“.

1nov boss francesco2

Tornato in albergo Bachisio parla in videochiamata con Flavio Insinna e attraverso un piccolo enigma gli indica il numero di stanza dove ad attenderlo c’è la sua Gioia per una cena romantica a base di linguine all’astice e vino rosso.

Il giorno successivo Gianluca si affianca ad Antonio, all’interno del centro di smistamento; qui tutta la corrispondenza deve essere divisa entro le 12. Furbo come una volpe il Boss cerca di risolvere tutti i dubbi che ha sul corretto funzionamento di questa fase.

1nov boss smistamento

Arriva il momento delle confessioni. Antonio è separato da 9 anni, dopo un matrimonio lampo di quattro mesi, e anche lui in precedenza ha perso il lavoro. Attualmente ha una compagna ma non convivono: “il mio più grande sogno è avere un figlio“, ma finchè lei non troverà un lavoro non è possibile.

Ecco il momento del contatto col pubblico; Roberta la affianca allo sportello. Prima ha delle difficoltà nel decifrare la password scritta dal responsabile, poi le se inscastra un bollettino. Il problema?! Inseriva la bolletta al contrario e quindi la macchina non leggeva il codice.

1nov boss sportello

Gli inconvenienti non finiscono qui, infatti non c’è il fondo cassa per dare il resto ai clienti. Mancano 4 centesimi e il Boss risolve mettendo 1€ di tasca sua, questo scatena la reazione della dipendente che prima sbraita e poi scoppia a piangere.

1nov boss roberta pianto

Con la scusa di andare al bar, il Boss chiede di far venire in filiare il responsabile dell’agenzia. Quando torna allo sportello la donna chiede scusa e si è tranquillizzata. La donna sognava di essere mamma ma non sono venuti a causa dei problemi: “penseremo anche all’adozione“.

Quando arriva Federico, il responsabile, il Boss si toglie la parrucca e striglia a dovere il ragazzo che resta attonito. Molto più dolce e delicato invece nei confronti della dipendente a cui chiede anche di mantenere il segreto: “l’ho fatto per te“.

1nov boss boss smascherata

Fine del gioco, tutti i dipendenti sono stati convocati in sede. “Cara Josi se fossi stato un vero apprendista non avrei capito nulla“, il boss infrange il sogno della ragazza di diventare formatrice in azienda. Per farla sentire meno sola le regala i biglietti aerei per la madre.

Francesco si commuove ricordando il padre e ringrazia Bachisio per la change che gli ha dato. In cambio riceve un’appartamento per il figlio che studia a Chieti. Antonio è accusato di essere lento: “Se non fai lavorare bene quella macchina ti mando al tagliacarte a piegarti la schiena“. Sgridato, motivato ma felice perché riceve una proposta di lavoro alla fidanzata.

1nov boss antonio

Michael riceve un soggiorno in Argentina con due biglietti per una partita del River Plate. “Roberta voglio efficienza e velocità“; la donna riconosce i propri sbagli e fa capire che nei panni del boss la licenzierebbe. Fortunatamente per lei però arriva un rinnovo del contratto per un anno.

La puntata odierna termina qui, Boss in incognito 3 torna lunedì 8 febbraio con l’ultima puntata.



0 Replies to “Boss in incognito 3: la settima puntata”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*