Connect with us

Recensioni

Made in Sud 2017 la recensione

Made in Sud 2017 la recensione, Made in Sud nuovo conduttore, Made in Sud gigi d'alessio, Made in Sud comici, Made in Sud fatima trotta, Made in Sud elisabetta gregoraci, Made in Sud raiplay, Made in Sud prima puntata, Made in Sud puntata 14 marzo,

Pubblicato

il

Made in Sud 2017 la recensione, Made in Sud nuovo conduttore, Made in Sud gigi d'alessio, Made in Sud comici, Made in Sud fatima trotta, Made in Sud elisabetta gregoraci, Made in Sud raiplay, Made in Sud prima puntata, Made in Sud puntata 14 marzo,
Condividi su

 {module Pubblicità dentro articolo 2}

La prima puntata di Made in Sud, andata in onda martedì 14 marzo in prima serata su Rai2, ha mostrato tutte le novità della nuova edizione. Innanzitutto la presenza di Gigi D’Alessio, al posto di Gigi e Ross, ha infuso allo show una buona dose di “comedy” e di varietà. Le parti dedicate alla musica sono state in numero maggiore grazie all’artista partenopeo che ha interpretato i suoi brani ed ha ospitato il collega Ermal Meta. In questi segmenti hanno fatto capolino le atmosfere di precedenti programmi gestiti dall’artista partenopeo su Rai 1 e Canale 5. I risultati non sono stati negativi. Ma quando il nuovo conduttore ha preteso anche di realizzare monologhi e di improvvisare un sens of humour che non gli appartiene, il tono dello show è calato. Ed è apparso subito chiaro che Made in Sud, quest’anno, è diviso in due parti: i comici da un lato e D’Alessio con il suo mondo canoro dall’altro. Non esiste ancora un filo rosso che le unisce. Ognuno ha giocato nei ruoli che gli appartengono.

In questo contesto, molte nuove parodie e imitazioni sono risultate alquanto banali e prive di incisività. Nello Iorio, ad esempio, ha proposto il Dottore, personaggio nettamente inferiore come spessore al Nonno moderno che ha interpretato nel corso delle passate edizioni.

Maria Bolignano, la mamma milf, ha insistito sui medesimi tormentoni come se il tempo non fosse trascorso. Discutibile è apparsa la parodia di don Antonio Polese il Boss delle cerimonie scomparso lo scorso dicembre. Ancor più imbarazzante la presenza della moglie in platea che sorridendo ringraziava il pubblico.

Decisamente meno coinvolgente la comicità dello show  anche in altri aspetti: non ha saputo rinnovarsi neppure nei riferimenti, pochi per la verità, all’attualità ed alla politica. 

Alcuni dei personaggi, inoltre, hanno avuto pochissimi minuti a disposizione per esprimersi, tra cui il super eroe Pigroman molto più incisivo in passato.

Un discorso a parte meritano le due conduttrici. Intanto è stato dato, giustamente, più spazio a Fatima Trotta che ha retto tutto il peso dello show con la sua presenza vivace e con una leggerezza professionale che ne mostra la raggiunta maturità artistica. Pochi, fortunatamente, i segmenti in cui è apparsa Elisabetta Gregoraci, una figura quasi di contorno, ai margini, relegata nei dialoghi con il professor Fischietti, “traduttore dal napoletano all’italiano” e in altri pochi segmenti.

Un ulteriore danno è rappresentato dalla lunghezza: tre ore sono troppe, la comicità è costretta necessariamente a diluirsi e perde di efficacia e di incisività. Bisognerebbe riportare Made in Sud allo schema originale che aveva prima di approdare alla prima serata di Rai2.

 

 


Condividi su

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni critico televisivo de Il Giornale d’Italia con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama. Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino, Il Giornale. Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione, organizzato dall’Università La Sapienza di Roma. Ha vinto il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. É stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana, un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

ARCHIVIO

Novembre 2022
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it