Connect with us

Recensioni

Estate in diretta con Marco Liorni e Barbara Capponi

La prima puntata del nuovo talk show estito con Liorni e Capponi

Pubblicato

il

La prima puntata del nuovo talk show estito con Liorni e Capponi
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 Gli argomenti sono molto più leggeri rispetto a quelli tradizionali di cui si occupava il contenitore invernale. E lo si è visto già dalla prima apparizione di Liorni, più sorridente e goliardico. Ma la lunga striscia pomeridiana, nuova di zecca, inizia subito il suo corso presentando uno dei temi vecchi e sfruttati appena la bella stagione fa capolino ” l’estate è arrivata all’improvviso, non ci sono più le mezze stagioni”. Il problema è stato affrontato nella solita obsoleta maniera: come difendersi dal gran caldo con i consigli del medico e del giornalista di turno. Consigli che sono sempre gli stessi. Da questo punto di vista ci si aspettava un approccio più originale al problema dell’afa all’improvviso.

Il secondo servizio evoca Le Iene: i falsi invalidi. Ci si occupa di un presunto cieco che, invece, ci  vede benissimo e percepisce la pensione di invalidità. Ancora un argomento scontato, su cui hanno discettato i soliti esperti in studio e in collegamento. Certo, fa sempre sensazione scoprire truffe allo Stato, ma l’approccio è lo stesso di sempre. L’unica differenza che si nota finora è lo sforzo degli autori di rinnovare il parterre degli ospiti e dei commentatori. Ma non è detto che ci riusciranno. Da sottolineare che, nel corso della lunga stagione de La vita in diretta, i cosiddetti opinionisti erano sempre gli stessi  presenti in una noiosa routine che nuoceva al contenitore. Questi due servizi sono stati gestiti da Barbara Capponi.

Quando arriva Marco Liorni, il primo servizio che propone è la vacanza low cost in costa Smeralda. Per attirare l’attenzione, si vuol far passare la notizia che la costa Smeralda, dal punto di vista economico, è  divenuta accessibile anche ai “comuni villeggianti” e non solo ai vip e ai ricchi. E anche questo è uno dei classici argomenti da estate televisiva.A commentarlo in studio persino Umberto Smaila. Ma subito dopo si devia sulle coste  più accessibili di Pescara dove si sta mettendo in pratica una nuova idea: la condivisione degli ombrelloni a basso costo, addirittura a un euro. E poi arriva il proseguimento del servizio con gli alberghi offerti ai turisti ancora a un solo euro. Insomma, argomenti accattivanti per cominciare a fidelizzare il pubblico estivo. Ma niente di così eclatante, ad eccezione della provocazione svelata da un ospite: c’è gente che per fare una vacanza o per comprare un televisiore, è disposto anche a vendere un rene. Ma subito l’argomento viene bloccato: non è estivo. Estate in diretta ha lasciato gli argomenti drammatici.

C’era da scommetterci: altro argomento è l’esame di maturità. Le paure, le ansie, le domande agli studenti. Davvero incredibile la mancanza di idee originali per allestire una striscia estiva e leggera. E per non farci mancare nulla, in continuità con il passato, ecco tra gli opinionisti il professor Crepet e le interviste ai Vip che ricordano il loro esame di maturità. A parlare è Carlo Verdone. E poi arriva la lunga chiacchierata con Riccardo Fogli che svela di aver conseguito la maturità solo cinque anni fa.

Accadde un’estate dovrebbe rappresentare la rubrica novità. E’ il segmento amarcord, invece, che rievoca quello che è accaduto in un giorno determinato del passato. E si poteva non inziiare con il 17 giugno del 1970 quando si giocò la partita “cult” Italia Germania finita 4 a 3? A questo punto parte il fiume dei ricordi, classico stile Techetechetè mentre il tuffo nel presente è rappresentato da Sandro Mazzola in collegamento che rievoca le emozioni di allora. Su questo evento-amarcord si sprecano i commenti con in studio un commentatore onnipresente dappertutto: Marino Bartoletti. Poi all’improvviso dall’amarcord si passa alla attualità di oggi con un altro servizio per niente originale: dove vanno i Vip a trascorrere le vacanze?

Insomma, da questa prima puntata, non si riscontrano grosse novità e innovazioni, come era stato annunciato. Bisogna inventare, finalmente, qualcosa di originale per fidelizzare il pubblico estivo, più distratto e meno fedele, al nuovo appuntamento di Rai1.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Esperto di storia dello spettacolo e delle tradizioni popolari. Docente, critico teatrale, scrittore e giornalista. Il mio motto è: Per aspera ad astra.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensioni

Cuori: la recensione della serie tv con Daniele Pecci e Pilar Fogliati

Analisi e riflessioni critiche sulla serie interpretata nel ruolo dei protagonisti da Daniele Pecci e Pilar Fogliati.

Pubblicato

il

Cuori recensione
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rai 1 manda in onda la prima puntata della nuova serie tv Cuori di cui noi vi proponiamo la recensione. La fiction è interpretata da Daniele PecciMatteo Martari e Pilar Fogliati nei rispettivi ruoli di Cesare CorvaraAlberto Ferrari Delia Brunello.

Cuori recensione critica

Cuori serie tv – recensione

Siamo negli anni ’60 e la serie racconta un periodo in cui la sperimentazione medica, per quanto riguarda la cardiologia, viveva una stagione di grande fervore. I medici protagonisti della serie sono tutti impegnati nel miglioramento nella sperimentazione del trapianto di cuore che, negli ultimi anni, aveva fatto molti progressi.

Il prodotto televisivo intreccia questa tematica con una storia d’amore: il triangolo fra i tre protagonisti principali Cesare CorvaraAlberto Ferrari Delia Brunello. Quest’ultima, sposata con Corvara, è a sua volta una cardiologa d’eccezione. Riesce a capire soltanto con la auscultazione le patologie da cui sono affetti i pazienti.

La dottoressa possiede quello che si chiama un “orecchio assoluto“. Ovvero riesce senza alcun ausilio a riconoscere i danni del cuore. Il triangolo sentimentale è ben costruito ed ha una propria efficacia nello svolgimento del racconto.

La serie si svolge in maniera abbastanza scattante, senza lungaggini e con ritmo veloce. É ambientata all’ospedale Le Molinette di Torino che è stato ricostruito su una superficie di 2.000 metri quadri. Oltre tutti gli ambienti, anche la sala operatoria è stata ricostruita e sono stati utilizzati gli stessi arredamenti e strumenti medici originali dell’epoca.

Uno sforzo di cui si vedono i risultati e che inserisce bene il racconto negli anni in cui tali esperimenti sul cuore venivano realizzati. Da sottolineare che tutti i cardiochirurghi ed i cardiologi interessati si muovono abbastanza bene nell’ambito di una professione che non è la loro.

Preziosa si è rivelata la consulenza di veri specialisti che hanno guidato e insegnato agli attori come potersi districare anche in una operazione a cuore aperto. Inoltre, anche se i personaggi sono inventati, sono però ispirati a veri protagonisti esistiti realmente.

I protagonisti

La recitazione ha mostrato un cast ben affiatato che è riuscito a rendere credibile ogni passaggio della serie. Tutto ciò è stato coadiuvato anche dalla sceneggiatura snella, scattante ed efficiente.

La coralità della recitazione è ben evidente e gli attori hanno ben assimilato le lezioni ricevute dai veri professionisti. Un aspetto molto importante è quello dell’emancipazione femminile. Siamo negli anni Sessanta e la protagonista, la dottoressa Delia Brunello, viene da a Houston dove ha studiato e si è specializzata.

È un vero talento ma è molto più avanti delle mode dell’epoca in Italia. Indossa minigonne e ha degli atteggiamenti spesso trasversali. Forse è un po’ poco per poter parlare di emancipazione femminile. Ma l’orecchio assoluto della dottoressa la pone al di sopra di tutti i suoi colleghi. E questo è ben evidente nello scorrere degli eventi.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Recensioni

Fino all’ultimo battito recensione della serie con Marco Bocci e Violante Placido

Analisi e riflessioni critiche sulla serie in sei puntate trasmessa da Rai 1 il giovedì in prima serata.

Pubblicato

il

Fino all'ultimo battito recensione
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rai 1 trasmette la prima puntata della serie Fino all’ultimo battito di cui vi proponiamo la recensione in anteprima. L’appuntamento è per giovedì 23 settembre alle 21:20 sulla prima rete di viale Mazzini.

Si tratta di una storia che ha come protagonista Marco Bocci nel ruolo del cardiochirurgo Diego Mancini. Accanto a lui nel cast Violante Placido, Bianca Guaccero e Loretta Goggi. Nel cast anche Fortunato Cerlino nel ruolo del boss Patruno.

Fino all'ultimo battito recensione critica

Fino all’ultimo battito recensione

Il prodotto è apparso subito come una sorta di serie strappalacrime, con una trama abbastanza scontata e ritmi notevolmente lenti.

Arriva con Fino all’ultimo battito un nuovo medical drama e un nuovo Doc che sostituisce Luca Argentero nell’attesa che arrivi la seconda serie di Doc nelle tue mani.

Tutta la storia è incentrata sui successi professionali del protagonista Diego Mancini che non riesce però ad assicurare una vita tranquilla al figlio Paolo che soffre di cardiomiopatia.

Compirà, all’inizio della storia, un errore gravissimo che avrà conseguenze e ripercussioni sulla vita personale e professionale. Farà in modo infatti che nella lista dei trapiantati risulti al primo posto suo figlio Paolo, rubando così il cuore da trapiantare ad una ragazzina di 14 anni.

A questo punto si intreccia una vicenda di criminalità organizzata con protagonista Fortunato Cerlino nel ruolo del boss Patruno. Naturalmente si fa leva sulla malattia dei bambini per suscitare nel pubblico commozione ed emozione.

La malattia dei bimbi infatti ha una lunga tradizione nella fiction italiana. Basti pensare a Braccialetti Rossi di cui Fino all’ultimo battito conserva qualche atmosfera.

Non esiste però la leggerezza sella serie di Rai 1 e la regia di Cinzia th Torrini è sempre abile e pronta a soffermarsi sulle scene più drammatiche. I primi piani dei personaggi sono infatti riproposti con insistenza continuativa.

Siamo dunque alla riproposizione di un medical drama che ha la pretesa di ispirarsi a storie realmente accadute senza però che sia una vicenda tratta da un fatto vero. Insomma una miscellanea di argomenti in cui sono inseriti anche i problemi adolescenziali per poter carpire anche questa fascia d’età, ovvero il pubblico più giovane.

Fino all'ultimo battito recensione attori

I personaggi

La fiction è stata realizzata con un dispiego di mezzi economici non indifferente. Buoni gli esterni che salvano il prodotto.

Per quanto riguarda la recitazione, la credibilità di Marco Bocci è messa a dura prova dalla mancanza di una coralità recitativa. I personaggi infatti non sono inquadrati in un contesto unico ma hanno come solo obiettivo quello di penetrare nel cuore dei telespettatori. Insomma un vero e proprio prodotto strappa audience.

Accanto a Marco Bocci, Violante Placido cerca di dare il meglio di se stessa mentre Bianca Guaccero interpreta un personaggio a metà strada tra il bene e il male. La sua recitazione è abbastanza sostenuta e non ha la credibilità di un personaggio realistico.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Recensioni

Chiamami ancora amore serie tv la recensione

Riflessioni e analisi critica della serie di Rai 1 con protagonisti Greta Scarano e Simone Liberati.

Pubblicato

il

Chiamami ancora amore recensione
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rai 1 sta trasmettendo la serie tv Chiamami ancora amore di cui di proponiamo la recensione. Il racconto televisivo è basato sulla grave crisi coniugale che ha colpito i coniugi Anna Santi e Enrico Tagliaferri, interpretati rispettivamente da Greta Scarano e Simone Liberati. Tre le puntate previste, per la regia di Gianluca Maria Tavarelli.

Chiamami ancora amore critica

Chiamami ancora amore serie tv la recensione

La storia raccontata è una vera e propria introspezione psicologica all’interno della vita della coppia protagonista. Ci si può odiare tanto dopo essersi amati in maniera totale e incondizionata? Questo il dilemma al quale cerca di dare una risposta la sceneggiatura che procede lenta e martellante sempre sullo stesso tema. Vengono poi alternati momenti in cui la coppia era felice ad altri nei quali la rottura tra di loro si era già consumata.

Il tutto nel tentativo di rendere chiaro il passaggio tra le due fasi in cui si trova la coppia: quella della pienezza sentimentale e la successiva caratterizzata da odio, rancori, risentimenti. Tutto è incentrato quasi didascalicamente su questa dicotomia: la gioia di un tempo e la sofferenza odierna. Sentimenti ai quali si cerca di dare una risposta perché sono necessariamente coinvolti anche i figli minori della coppia. E qui si apre il capitolo di una difficile infanzia e di una pre adolescenza segnata da come i bambini vedono e sopportano la situazione dei genitori.

Ingredienti ai quali si è cercato di dare il massimo risalto, con l’introduzione della figura di una psicologa (Claudia Pandolfi) a cui è delegato il difficile compito di seguire i ragazzini figli oramai di una famiglia disgregata.

La sceneggiatura si sofferma in particolare su queste tematiche ben consapevole che sono universali e di grandissima attualità. Si punta soprattutto alla immedesimazione nei personaggi, nei due coniugi che si affrontano con ira, quasi con ferocia, ma che ad un certo punto si chiedono le motivazioni di un tale inesorabile cambiamento tra di loro. Motivi che, tra l’altro, conoscono bene ma che si cerca di tenere celati al grande pubblico nell’interminabile spazio temporale di tre puntate.

Chiamami ancora amore ascolti

Analisi dei personaggi

Greta Scarano, dopo essere stata l’amante di Salvo Montalbano, si cala nel ruolo di una madre impreparata alla tormenta dei sentimenti che si è abbattuta su di lei. Cerca di essere credibile, si sforza di fornire una sufficiente prova d’attrice. Ma il risultato è al di sotto delle aspettative.

Nel corso della vicenda raccontata tenta di porsi dinanzi a se stessa ed alla fine del suo matrimonio, con una scarsa credibilità recitativa. Poco duttile nel personaggio che avrebbe avuto bisogno di una carica emotiva differente. Ma soprattutto di meno lungaggini che appesantiscono la parte finale.

Anche Simone Liberati fa del suo meglio con analoghi risultati. I due, quasi sempre in primo piano e occupando tutta la scena, appaiono come colpiti da un fato ineluttabile dinanzi al quale c’è solo da soccombere. E non per volontà di entrambi. Sotto questo punto di vista la storia appare ambigua.
Manca quel guizzo emotivo che doveva rendere meno penosa la storia arricchendola di un sentimento di speranza che, almeno nella prima puntata, è del tutto assente.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it