Connect with us

Recensioni

L’Oriana, la recensione

Marida Caterini

Pubblicato

il

 E’ L’Oriana, la miniserie di cui Rai1 ha trasmesso, lunedì sera, la prima delle due puntate. Nessuna delusione: sussistevano tutte le premesse per prevedere un risultato non all’altezza della figura della grande giornalista e scrittrice. E certamente la stessa Fallaci non avrebbe gradito che la sua vita professionale e privata fosse affrontata in una maniera talmente superficiale e straripante di banalità.

Innanzitutto riesce poco comprensibile la scelta di Vittoria Puccini come interprete della Fallaci. Nessuna somiglianza e neppure il trucco è riuscito minimamente a evocarne una.  Due persone distanti anni luce, con la Puccini che, purtroppo, si sforza di recitare ma non riesce a liberarsi dello spettro di Elisa di Rivombrosa.

{module Google richiamo interno} E della Fallaci in questa fiction non c’è neppure l’ombra. Completamente assente quell’aspetto un po’ cinico e spregiudicato che ne caratterizzava la personalità e la rendeva unica. Le frasi pronunciate dalla Puccini apparivano assolutamente slegate dal contesto della sua avventura umana. E spesso si aveva persino la sensazione che si stesse per scivolare nella telenovela.

Le atmosfere sembrano finte anche se la ricostruzione degli anni in cui si svolge la vicenda, ha qualche minima aderenza alla realtà. La sceneggiatura procede a scatti, quasi a singhiozzo, si sofferma a volte su elementi del tutto insignificanti e ne trascura, invece, i più significativi, in un crescendo di superficialità che avrebbe colpito al cuore la vera Fallaci, se fosse stata viva.

 Anche le scene di guerra non sono risultate credibili: spesso la Puccini vestita con la tuta mimetica appariva una sorta di Barbie al fronte. E dire che, questa volta, si è fatta un’eccezione alla spending review e qualche dispendio economico è stato pure fatto per la realizzazione della miniserie.

La prima delle due puntate ha avuto come palcoscenico di guerra, prevalentemente, il Vietnam. Ma, nella fiction, i ricordi della Fallaci oramai anziana non sono mai stati lineari: hanno abbracciato le varie epoche della sua vita in un insieme di flash back, spesso confusi, tra i quali, soprattutto il pubblico più giovane si orientava a fatica.

Infine: si è fatto ricorso al solito espediente dejà vu e troppo sfruttato  dalla fiction italiana: far raccontare al protagonista in età già avanzata la sua vita, attraverso ricordi che vanno indietro nel tempo.

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni critico televisivo de Il Giornale d’Italia con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama. Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino, Il Giornale. Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione, organizzato dall’Università La Sapienza di Roma. Ha vinto il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. É stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana, un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Ultime news Sanremo 2021

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it