x

Connect with us

x

Recensioni

Rocco Chinnici film tv, la recensione

La recensione del tv movie, andato in onda su Rai 1 e dedicato al giudice Rocco Chinnici interpretato da Sergio Castellitto

Pubblicato

il

La recensione del tv movie, andato in onda su Rai 1 e dedicato al giudice Rocco Chinnici interpretato da Sergio Castellitto
Condividi su

Nel ruolo del giudice, trucidato dalla mafia il 29 luglio del 1983, c’è Sergio Castellitto che ha fatto appello alla sua consumata arte d’attore per rendere credibile la sua interpretazione. E vi è in buona parte riuscito. Peccato, però, che sia alquanto inflazionato in ruoli di personaggi positivi realmente esistiti, morti per difendere la legalità. Solo due anni fa i telespettatori lo hanno visto in Il sindaco pescatore, fiction incentrata su Angelo Vassallo, primo cittadino di Pollica, piccolo centro del salernitano, ucciso per aver messo in pratica, per la prima volta, la politica della difesa del territorio. La speranza è duplice: che non diventi un nuovo “Beppe Fiorello”, alquanto consunto nell’interpretazione di storie edificanti, e che le case di produzione si accorgano dell’esistenza di altri attori, magari meno noti, ma non certo di minor bravura.

Tratto dal libro di Caterina Chinnici, il tv movie ha proposto la figlia del giudice come co- protagonista lasciando quasi in secondo piano il resto della famiglia. Al figlio maschio sono state dedicate poche scene. Nella prima, è ancora un bambino e non vuole andare a scuola perchè i compagni offendono il padre, nella seconda, oramai adulto, tarda a tornare a casa e il padre, temendo per la sua vita, lo fa cercare. Caterina Chinnici ha il volto di Cristiana dell’Anna, la Patrizia di Gomorra- la serie. L’attrice offre un’interpretazione solo accettabile, spesso alquanto prevedibile e fredda, nonostante le atmosfere emozionali. La sua presenza, ridondante, domina dall’inizio alla fine attraverso una sceneggiatura che pure ha mostrato dei limiti.

Innanzitutto i frequenti flash back spesso limitavano la linearità temporale degli eventi: un vezzo troppo caro a Rai Fiction che ne fa, oramai, un uso smodato. Inoltre è stata concentrata in sole due ore, una vicenda piena di implicazioni e di fatti collaterali,cercando di semplificare il lavoro di Rocco Chinnici ad una essenzialità spesso troppo scarna.

La ricostruzione dell’epoca è stata più precisa, soprattutto per quanto riguarda le sedi istituzionali dove si riunivano i magistrati. Gli esterni hanno sofferto del consueto limite della fiction made in Italy: limitarsi a proporre una sorta di cartolina illustrata dei luoghi in cui avvengono gli eventi. Le motivazioni sono esclusivamente economiche finalizzate al contenimento dei costi di produzione. Ancora una volta Palermo è rimasta sullo sfondo, intrappolata in immagini stereotipate e dejà vu.

Infine un’osservazione sui costumi: abbiamo visto Chinnici- Castellitto indossare quasi sempre un completo bianco. La figlia e la madre, nella parte finale erano vestite esclusivamente di nero. Come se il bianco fosse simbolo di legalità e giustizia e il nero rappresentasse il male e la morte

Finale emotivamente coinvolgente con la figura del padre scomparso che Caterina Chinnici continua a vedere accanto a sé nella tenuta di campagna tanto cara alla famiglia.


Condividi su

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni critico televisivo de Il Giornale d’Italia con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama. Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino, Il Giornale. Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione, organizzato dall’Università La Sapienza di Roma. Ha vinto il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. É stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana, un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

ARCHIVIO

Maggio 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it