Connect with us

Soap e serie tv

Poldark | 22 luglio 2018 | seconda puntata: trama e recensione

Poldark | 22 luglio 2018 | seconda puntata: trama e recensione. I nuovi sviluppi e una riflessione critica sulla serie televisiva in onda da domenica 8 luglio in prime time su Canale 5.
Francesco La Rosa

Pubblicato

il

Poldark | 22 luglio 2018 | seconda puntata: trama e recensione. I nuovi sviluppi e una riflessione critica sulla serie televisiva in onda da domenica 8 luglio in prime time su Canale 5.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Poldark | I fatti salienti della seconda puntata

Ross fa ripartire la miniera che ha rilevato, ma lo zio e il cugino Francis accolgono malvolentieri la notizia perché pensano che i loro minatori possano andare a lavorare dal Capitano.

Nasce il figlio di Elisabeth e Francis: quest’ultimo è sempre più geloso del cugino, conscio del rapporto che in precedenza ha legato i due. Proprio durante il ricevimento per il battesimo per la nascita del bambino, lo zio di Ross ha un malore al cuore. L’uomo, che sa di avere vita breve, esorta il figlio a prendere in mano la situazione per evitare che la loro miniera vada in perdita nel confronto con quella di Ross, Francis però è esitante.

La gente comincia a mettere in giro voci su una presunta relazione tra Demelza e Poldark: il padre di lei lo scopre e le impone di tornare da lui, dopo che lei era scappata a causa della sua cattiva condotta di vita. Troppo tardi, però: tra la cameriera e il suo padrone nasce l’amore e, dopo una notte insieme, Ross decide di sposare Demelza che diventa così la signora Poldark.

Francis è sempre più preso dall’amicizia con George Warleggan e inizia a trascurare la moglie e la famiglia, tradendo ripetutamente Elizabeth con una prostituta e spendendo soldi al gioco.

Demelza e Poldark si sposano

Il capitano incontra il cugino e gli rivela del suo matrimonio con Demelza: tutti pensano che abbia fatto una scelta folle e che ciò gli procurerà guai. La neo sposa sente la pressione per il cambio di status: teme di non essere accettata dalla famiglia del marito e dalla società, date le sue umili origini. Il senso di inadeguatezza rimane, anche perché la donna ha paura che Ross non l’ami, ma a rinfrancare Demelza ci pensa la sorella di Ross, Verity, che va a trovarla dopo le nozze facendole capire quanto suo fratello tenga a lei.

Lo zio Charles ha un altro attacco di cuore che gli è fatale e, in punto di morte, raccomanda a Ross di tenere alto il nome dei Poldark. Demelza scopre di essere incinta ma lo confida solo a Verity, mentre Ross è in seria difficoltà a trovare nuovi fondi per la miniera a causa dello scetticismo degli investitori.

Elizabeth invita il cognato e la consorte a trascorrere il Natale nella loro nobile residenza: alla cena prendono parte anche i banchieri Warleggan, che hanno acquistato le quote di uno dei finanziatori della miniera di Ross e sono pronti a mandarlo in rovina.

La moglie del capitano teme il giudizio dei presenti, ma riesce a guadagnarsi la stima dei parenti non cedendo all’emotività. Gli sforzi dei minatori e di Ross sono premiati proprio quando le finanze stanno per esaurirsi: dopo un lungo e laborioso lavoro di scavi, viene trovato l’agognato rame: in questo modo, gli affari potranno decollare. Al termine della puntata Demelza rivela a Ross, che le confessa il suo amore, di aspettare un figlio da lui.

Demelza alla cena di Natale con i parenti del marito

Poldark | La nostra analisi

La serie inglese, basata sui romanzi di Winston Graham, si basa su uno schema non sconosciuto in letteratura e nel linguaggio delle fiction: il protagonista ritorna in patria dopo un passato periglioso e la notizia sconvolge gli stessi parenti, convinti della sua morte. Davanti a lui tutto è cambiato: ha perso l’amore, il lavoro ed è costretto a rimboccarsi le maniche per ricominciare da zero.

Ciò darà il via a tutte le vicende che ruoteranno intorno al perno della serie – il capitano Ross Poldark, e alla sua famiglia – : amori nuovi e passati, gelosie, vecchi rancori, interessi economici capaci di rovinare legami sono gli ingredienti di una storia che da un punto di vista di sceneggiatura rispetta i canoni della fiction in costume.

Di novità, quindi, non si può propriamente parlare. Il livello della recitazione degli attori è medio-alto: i dialoghi non sono lunghi, si cerca l’essenzialità che, tuttavia, in determinati passaggi sembra lasciare spazio a scambi di battute dal sapore di telenovela. Aidan Turner, nel ruolo del protagonista, incarna bene lo stereotipo dell’uomo affascinante, ma dal passato complicato, che con caparbietà cerca di riprendere in mano la sua vita aiutando anche gli altri.

L’attore inglese riesce a comunicare i tormenti interiori del nobile capitano, lo sguardo però sembra il suo punto debole: in momenti diversi della storia si mantiene uguale, a volte quasi inespressivo, e ciò rischia di compromettere la resa complessiva della sua performance.

Aidan Turner è Ross Poldark

Il personaggio più interessante e meglio riuscito è Demelza, interpretato da Eleanor Tomlinson: una giovane donna che nel giro di poco tempo da serva diventa la moglie del nobile Poldark. L’attrice è abile nel saper trasmettere al telespettatore le sue difficoltà nel cambiare vita da un momento all’altro, supportata da una notevole espressività del volto e nei movimenti del corpo, a volte goffi proprio come lo è una donna che in un attimo dal volgo è scaraventata nell’alta società del tempo.

Eleanor Tomlinson nei panni di Demelza

Ad indagare gli stati d’animo dei protagonisti sono spesso le riprese in primo piano: una scelta a cui si fa frequentemente ricorso per dare al telespettatore la possibilità di avvicinarsi ai personaggi, capire più a fondo cosa stanno pensando e cos’è che li agita o li preoccupa interiormente. La telecamera si avvicina gradualmente e cerca di cogliere umori e sensazioni: una differenza rilevante, questa, con il linguaggio delle serie nostrane.

Elizabeth (Heida Reed)

La qualità delle riprese è notevole, elevata dalla valorizzazione dei panorami della Cornovaglia che rendono la serie spettacolare: la regia sceglie, per raccordare blocchi di scene, campi lunghi o lunghissimi che mostrano tutta la bellezza dei paesaggi e anche la loro complessità, con gli alti e rocciosi promontori che cadono a picco sul mare. Il coinvolgimento sensoriale si allarga anche all’udito: la colonna sonora contribuisce a far respirare al telespettatore l’aria del tempo con uno stile classico dove spiccano i violini.

Una ripresa di un promontorio della Cornovaglia

Il prodotto britannico, tranne dunque qualche lacuna nella scrittura e nella recitazione, è complessivamente buono. Lo testimonia anche l’attenta scelta dei costumi, uno dei veri punti di forza della serie: c’è ricercatezza nel restituire il look dei nobili del tempo, ma in particolar modo nel saper descrivere concretamente l’indigenza delle classi più povere della società, abituate a indossare abiti rovinati, laceri e sporchi e a non curare a dovere, per mancanza di risorse, l’igiene personale.

I costumi dell’epoca


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nasco a Napoli nel 1989, ma la mia città è San Giorgio a Cremano, la stessa di uno dei miei miti: Massimo Troisi. Gli studi mi hanno portato a Roma, dove mi sono laureato in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione alla Sapienza. Sono giornalista pubblicista. Il varietà è il mio genere preferito, sia in tv che in radio. A ruota seguono serie tv e quiz. La mia passione è il Festival di Sanremo: da piccolo fantasticavo di cantare sul palco dell'Ariston, ora mi limito a sognare di condurlo!

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Soap e serie tv

Un Passo dal Cielo 6 Leone di Montagna – trama, cast, finale

Il leone di montagna è il terzo episodio in onda questa sera con protagonista Daniele Liotti.
Beatrice Martini

Pubblicato

il

Un passo dal cielo 6 Il leone di montagna Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un passo dal cielo 6 – I guardiani torna con l’episodio dal titolo Il Leone di montagna. La puntata va in onda su Rai 1, giovedì 15 aprile alle 21.25. Nel cast i due protagonisti principali sono Daniele Liotti e Enrico Ianniello. Gli attori nei rispettivi ruoli di Francesco Neri e Vincenzo Nappi continuano ad operare nella nuova caserma della Polizia a San Vito di Cadore. Qui lottano contro la criminalità e si ergono, soprattutto a custodi dell’ambiente che li circonda. I paesaggi, infatti sono spettacolari e incontaminati, tra i boschi, i laghi alpini e le vette delle Dolomiti.

Un passo dal cielo 6 Il leone di montagna attori

Un passo dal cielo 6 Riassunto puntate precedenti

Nella puntata di sette giorni fa, l’attenzione si era soffermata su Francesco Neri. Si era analizzato il momento particolare in cui si trovava dal punto di vista personale. Il capo della Forestale infatti non aveva ancora trovato un equilibrio tra il suo desiderio di partire e il bisogno di rimanere accanto a Vincenzo Nappi per aiutarlo. Quest’ultimo nel frattempo aveva dovuto fare i conti con le truffe di Carolina.

Un passo dal cielo 6 Il leone di montagna dove è girato

Un Passo dal Cielo 6 Leone di Montagna – trama

Una rifugiata curda incinta scompare nel nulla. Una storia d’amore tra pastori osteggiata dalle rispettive famiglie fa da sfondo a un rapimento a scopo di riscatto, o forse di vendetta per una guerra lontana.

Mentre Vincenzo e Francesco indagano sulla vicenda, Dafne si sveglia, e inizia a raccontare quello che si ricorda del suo passato. Francesco e Vincenzo vengono travolti dal suo racconto, che scioglie alcuni misteri, ma ne apre altrettanti.

Un passo dal cielo 6 Il leone di montagna finale

Il cast completo

Di seguito il cast completo della sesta stagione di Un passo dal cielo

  • Francesco Neri– Daniele Liotti
  • Vincenzo Nappi– Enrico Ianniello
  • Manuela Nappi– Giusy Buscemi
  • Carolina– Serena Iansiti
  • Huber Fabricetti– Gianmarco Pozzoli
  • Elda– Anna Dalton
  • Isabella Ferrante– Jenny De Nucci
  • Enrico Costa– Luca Chikovani
  • Giorgio– Filippo De Carli
  • Dafne– Aurora Ruffino
  • Emma Giorgi– Pilar Fogliati
  • Cristoph– Carlo Cecchi

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Soap e serie tv

Alice Nevers 13 episodi Intima convinzione e Sforzo – trama, cast, finale

Torna Alice Nevers con la tredicesima stagione e con nuove indagini che la coinvolgono in casi di cronaca nera.
Beatrice Martini

Pubblicato

il

Alice Nevers 13 Intima convinzione trama
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alice Nevers torna con la stagione numero 13 e con gli episodi i cui titoli sono Intima convinzione e Sforzo. L’appuntamento è su Giallo, canale 38 del digitale terrestre, a partire da giovedì 15 aprile per cinque giovedì consecutivi in prima serata.

Si tratta di una serie televisiva poliziesca francese trasmessa su TF1, il primo canale in terra madre per ascolti.

Alice Nevers 13 Intima convinzione dove è girato

Alice Nevers 13 – regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di René Manzor. Protagonista principale è il giudice istruttore Alice Nevers interpretata da Marine Delterme. Accanto a lei il suo fidato assistente Fred Marquand a cui dà il volto l’attore Jean Michel Tinivelli. Nel cast anche Gregori Baquet nel ruolo di Ludovic.

Le vicende sono incentrate sui casi giudiziari affrontati dal giudice istruttore Alice Nevers. Il titolo completo della serie è Alice Nevers – professione giudice che dalla quattordicesima stagione diventa semplicemente a Alice Nevers.

Lo scorso 11 gennaio 2021 TF1 ha ufficializzato la fine della serie dopo la diciassettesima stagione.

Le riprese si sono svolte in Francia, in particolare nella capitale Parigi. Molte scene sono state girate anche in Belgio.

La produzione è della Ego Productions per TF1. Il titolo originale è Alice Nevers: Le juge est une femme.

Una curiosità: ogni episodio termina con la canzone Pride interpretata dalla banda britannica Syntax.

Alice Nevers 13 Sforzo attori

Alice Nevers 13 trama episodio Intima convinzione

Dopo essere stata colpita all’addome durante un’operazione di polizia, Alice Nevers viene portata urgentemente in ospedale. Qui viene sottoposta ad un intervento chirurgico.

Tutto sembra andare per il verso giusto fino a quando il giudice donna non si sveglia dall’anestesia e dice di essere tormentata dalla visione di un cadavere. È una visione incerta sulla quale non sa dare alcuna spiegazione. Una volta tornata al lavoro 15 giorni dopo indaga con il comandante Marquand su uno strano caso. Camille Verdier esperta psichiatrica del tribunale cade improvvisamente dall’alto della scala nel Palazzo di Giustizia. Portata immediatamente in ospedale ne viene riscontrata la morte. L’autopsia rivela che è stata avvelenata. Dovrà essere Alice Nevers insieme al comandante Marquand a scoprire l’assassino e soprattutto la causa per la quale è stata uccisa.

Trama episodio Sforzo

Manon Rizzoli, la leader di una squadra di cheerleader, viene trovata senza vita su un campo da tennis. Suo padre, proprietario del complesso sportivo, è stato l’ultimo a vederla viva. Interviene Alice Nevers con tutta la sua squadra.

Si scopre così che nel complesso sportivo esisteva una stanza destinata alla preghiera. Qui c’era una foto di Manon velata. La ragazza si era convertita all’Islam.

Intanto la Nevers è ancora vittima di incubi ed ha dei dolori molto forti come conseguenza dell’operazione subita. Si reca dunque dal suo chirurgo che le prescrive morfina per il dolore.

Da parte sua Marquand accoglie nel suo appartamento l’agente di polizia Lea Delcourt. Dovrà ospitarla alcune sere a settimana. Nel frattempo è impegnato con la Nevers per scoprire chi ha voluto la morte della giovane cheerleader.

Alice Nevers 13 Sforzo finale

Alice Nevers 13 – il cast completo

Di seguito il cast della serie Alice Nevers 13 e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori

  • Marine Delterme – Alice Nevers
  • Jean-Michel Tinivelli – Fred Marquand
  • Grégori Baquet – Ludo
  • Alexandre Varga – Mathieu Brémond
  • Georges Claisse – Anton Avenberg
  • Vincent Solignac – François Avenberg
  • Jean Dell – Lemonnier
  • Anne-Charlotte Pontabry – Laurence
  • Sandy Lobry – Betty
  • Sylvie Audcoeur – Christelle Avenberg
  • Arielle Sémenoff – Hélène Kimoff
  • Laurent Olmedo – Marco Bianchi

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Soap e serie tv

Il Commissario Montalbano Salvo amato, Livia mia – trama, cast, finale

La pellicola del commissario interpretato da Luca Zingaretti torna in replica su Rai 1
Alessandro De Benedictis

Pubblicato

il

Il Commissario Montalbano episodi 2020 - Stasera Salvo amato, Livia mia
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rai 1 propone questa, in replica, Salvo amato, Livia mia che fa parte del ciclo Il Commissario Montalbano. La pellicola è la prima dopo la morte di Andrea Camilleri e dello storico regista Alberto Sironi, sostituito da Luca Zingaretti.

Il Commissario Montalbano episodi 2020 - Stasera Salvo amato, Livia mia

Il Commissario Montalbano episodi Salvo amato, Livia mia

Il caso di “Salvo amata, Livia mia” che va in onda stasera è un groviglio attorno all’omicidio della giovane Agata Cosentino. La vittima – interpretata da Federica De Benedittis – era un’amica di Livia, alias Sonia Bergamasco, compagna del Commissario, che torna a Vigata per seguire le indagini e supportare la famiglia di Agata.

Il delitto avviene nell’Archivio storico comunale. Nonostante Agata fosse un’archivista, il primo compito del Commissario Montalbano è capire cosa ci facesse lì. Tutti erano in ferie per permettere i lavori di manutenzione, l’unico ad aggirarsi negli uffici era il Direttore Antonio Cannizzaro (Rosario Lisma).
Quella che sembrava una violenza sessuale sfociata in delitto, si rivela qualcosa di più complesso.
Il Commissario insieme a Pasquale, figlio di Adelina
La vicenda di Agata si amalgama con quella di Pasquale (Fabio Costanzo), il figlio di Adelina, bloccato da un metronotte durante l’incursione furtiva in una villetta.

La sceneggiatura nasce infatti dall’intreccio di due diversi racconti di Andrea Camilleri: “Salvo amato, Livia Mia” e “Il vecchio ladro”. Un lavoro complesso, dal momento che il primo era nato in forma epistolare e raccontava le indagini de Il Commissario Montalbano condotte lontano da Vigata.

Ancora una volta, colpisce la profondità dei personaggi tratteggiati da Andrea Camilleri. A partire dalla vittima, Agata, che rivive nei flashback interpretati da Federica De Benedittis in un’articolazione crescente. Complice la figura dell’amica Caterina Giunta, cui dà il volto l’attrice Katia Greco, con la quale si scoprirà avere un rapporto inaspettato.

Insieme al personaggio di Rosario Lisma, compongono un trittico che per tutto l’episodio restituisce la complessità umana, attraverso sviluppi sì sorprendenti e audaci, ma senza forzature. Un risultato affidato solo alla scrittura che ci accompagna nella loro scoperta, replicando appieno la sensibilità della penna di Andrea Camilleri, sempre impegnato a farci comprendere le sfaccettature dell’uomo senza dare giudizi.

Il cast e la regia di Luca Zingaretti per i nuovi episodi in onda dal 9 marzo 2020

Il cast e la regia di Luca Zingaretti

Federica De Benedittis è tra le poche ospiti nel cast de Il Commissario Montalbano. Una scelta esplicita della produzione. La Direttrice di Rai Fiction Eleonora Andreatta ha spiegato: “La struttura del racconto ci ha fatto optare per la scelta di attori che lavorano in maniera corale e su più registri. Il Commissario Montalbano si caratterizza da sempre per l’alternanza tra ospiti protagonisti e lavori più corali”.

A “Salvo amato, Livia mia”, partecipa anche Roberta Giarrusso, nei panni della Signora Caruana. È un ruolo meno centrale, ma rientra appieno nel discorso corale fatto dalla Andreatta.

I nuovi episodi, però, si caratterizzano soprattutto per la regia di Luca Zingaretti. Lo storico Direttore Alberto Sironi è morto durante le riprese, ad appena qualche settimana di distanza dalla scomparsa di Andrea Camilleri. Un doppio colpo che ha segnato profondamente il cast e la produzione. Zingaretti ha poi preso in mano la regia con il supporto dei colleghi di sempre, a partire da Cesare Bocci, Peppino Mazzotta ed Angelo Russo.

Nei suoi ricordi affettuosi di Sironi, Luca Zingaretti ha detto: “Non ho fatto la mia regia. In una situazione del genere devi solo cercare di capire cosa avrebbe fatto chi ti ha preceduto”.

La regia degli episodi de Il Commissario Montalbano 2020, in effetti, non tradisce la volontà di aggiungere troppo. Semmai, dall’episodio “Salvo amato, Livia mia” appare una sospensione ancora maggiore dei tempi e dei luoghi. In alcuni passaggi, la stessa Vigata sembra assumere contorni più eterei, sfumati, di quelli a cui eravamo abituati.

 

Il Commissario Montalbano 2020

Il Commissario Montalbano 2020 – Il futuro della serie di Rai 1 dopo la morte di Andrea Camilleri e Alberto Sironi

La morte di pilastri come Andrea Camilleri e Alberto Sironi potrebbe compromettere il futuro della serie di Rai 1.

Lo ha ammesso Zingaretti, concorde con il cast storico: “Vogliamo innanzitutto celebrare questi due episodi, salutare i nostri eroi e poi riflettere. Vedere se è il caso di finirla qua oppure continuare e chiudere in bellezza con l’ultimo romanzo nella cassaforte di Sellerio. Dobbiamo vedere se andare avanti. Per quanto mi riguarda, voglio elaborare il lutto e capire se abbia senso o meno”.

Il titolo dell’ultimo romanzo custodito dall’Editore Sellerio è sconosciuto, ma dovrebbe contenere una svolta decisiva nella vita de Il Commissario Montalbano, probabilmente la sua stessa scomparsa.

Intanto, c’è la certezza di un altro episodio già pronto, girato sempre la scorsa estate. Verosimilmente, dunque, Rai 1 e Palomar hanno tenuto nel cassetto l’episodio per il gran finale del prossimo anno.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it