Adrian | fuga da Montalbano | Celentano cambia collocazione


Adrian | fuga da Montalbano | Celentano cambia collocazione. La serie animata si sposta al martedì evitare la presenza dei due tv movie con protagonista Luca Zingaretti.


Canale 5 cerca di mettere al riparo, per due settimane consecutive, il prodotto milionario. Infatti l’11 e il 18 febbraio Rai 1 manda in onda le due nuove puntate de Il Commissario Montalbano. E, come si sa, il poliziotto di Vigata, creato dalla penna di Andrea Camilleri conquista ascolti stratosferici.

Dopo il calo di ascolti della scorsa puntata, Mediaset non può permettersi un ulteriore flop. Ed allora ecco il rifugio nella serata del martedì. Adrian dovrebbe restare in questa collocazione per due settimane, nell’attesa che siano andate in onda i due tv movie tratti dai romanzi di Camilleri.

Bisogna vedere, però, se l’ex Molleggiato resta in questa collocazione anche dopo che Montalbano è andato via, oppure se torna alla primitiva serata del lunedì.

Certo, il martedì non è una serata semplice: Rai 1 propone ancora fiction, Rai 3 e La7 mandano in campo i rispettivi talk show #cartabianca e diMartedì.

C’è però da sottolineare che, ancora una volta, Canale 5 scappa da un prodotto in controprogrammazione.

Domenica sera Mediaset ha bloccato la puntata domenicale de Le iene show per non farla andare contro L’isola dei famosi spostata nella collocazione festiva dove resta anche domenica prossima.

Insomma bisognerebbe svuotare i palinsesti concorrenti per permettere ai prodotti di Cologno Monzese di andare in onda e conquistare ascolti.

Mentre questa tattica è possibile per i programmi di casa, non sempre riesce con quelli della concorrenza.



0 Replies to “Adrian | fuga da Montalbano | Celentano cambia collocazione”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*