Connect with us

Soap e serie tv

Grand Hotel, la recensione

Considerazioni e riflessioni sulla nuova serie in costume proposta da Rai1

Pubblicato

il

Considerazioni e riflessioni sulla nuova serie in costume proposta da Rai1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 Thriller e melodramma mescolati insieme, passioni e sesso, e un’aristocrazia mittleuropea di inizio Novecento che, sotto un apparente aspetto morigerato cela troppa amoralità. Si intravedono ricatti, omicidi, mancanza del pur minimo senso etico.

{module Google ads}

Tutto accade in una lussuosa struttura alberghiera situata tra le splendide montagne dell’ Alto Adige. Qui Pietro (Eugenio Franceschini) si fa assumere come cameriere per scoprire quanto è accaduto alla sorella scomparsa misteriosamente mentre lavorava proprio nell’hotel come cameriera.

Dietro questa scomparsa si cela un mondo di inganni, brutture umane, fallimenti economici, che man mano vengono alla luce. Ma nasce anche un grande e passionale amore: quello tra Pietro e Adele (Valentina Bellè) figlia della proprietaria dell’albergo.

Ingredienti scontati, dei quali si è fin troppo abusato nella fiction made in Italy. Le atmosfere melodrammatiche richiamano un altro prodotto mandato in onda la scorsa primavera su Rai1: La dama velata serie interpretata da Miriam Leone.

Ma c’è di più: innanzitutto Grand Hotel è ispirato ad una serie spagnola. E tutti i prodotti provenienti dalla penisola iberica hanno sempre insistito su tematiche familiari con misteri, grandi passioni, personaggi che, sotto una patina di onorabilità, nascondono i peggiori vizi.

Gli esempi sono molti. Grand Hotel ha però, un’altra pretesa: in qualche modo vuole richiamare nei telespettatori italiani le atmosfere di Downton Abbey. Lo si è notato soprattutto nella maniera di gestire il personale dell’albergo. La servitù anche nella serie di Rai1 cerca di partecipare alla vita dei padroni ed ha una propria autonomia nell’economia del racconto.

Naturalmente la credibilità di Downton Abbey è distante anni luce dalla approssimazione con cui invece procede la sceneggiatura della serie. La rappresentazione dell’aristocrazia dell’epoca evoca l’english drama. Bisogna dire che c’è lo sforzo di rendere verosimile la ricostruzione dell’epoca anche attraverso la molteplicità degli abiti indossati dai protagonisti.

Un discorso a parte merita la recitazione che è assolutamente  grossolana e approssimata. Lo si nota fin dalle prime battute e neppure i due protagonisti la Billè e Franceschini, sono immuni da critiche. Al contrario contribuiscono ad accrescere la scarsissima credibilità della serie.

Grand Hotel ripercorre, dunque, schemi narrativi già battuti. L’unico elemento credibile è il paesaggio nel quale è immerso il Grand Hotel. Peccato che la telecamera non lo evidenzi più frequentemente.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni critico televisivo de Il Giornale d’Italia con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama. Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino, Il Giornale. Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione, organizzato dall’Università La Sapienza di Roma. Ha vinto il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. É stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana, un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Soap e serie tv

Sissi: la serie evento presto su Canale 5

Molto presto su Canale 5 la serie tv evento sull'imperatrice d'Austria. Anche Netflix uscirà con una serie tv su Elisabetta di Baviera.

Pubblicato

il

Sissi Mediaset cover
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

‘Sissi’ presto sarà su Mediaset. Nei giorni scorsi il colosso televisivo di Cologno Monzese ha annunciato, con un comunicato stampa pubblicato sul sito ufficiale e condiviso anche sulle pagine social dell’azienda, che si è aggiudicata i diritti della nuova serie tv dedicata interamente alla vita dell’imperatrice d’Austria.

Sissi serie tv Mediaset

Sissi, Mediaset: la serie tv evento su Canale 5

Il prodotto televisivo è stato presentato presentato in anteprima fuori concorso a Canneseries, l’evento dedicato alla serialità internazionale che si tiene nella celebre località francese. Sono stati mostrati i primi due episodi della serie tedesca.

La vita dell’Imperatrice d’Austria continua ad affascinare e catalizzare l’attenzione del pubblico televisivo. Risale agli anni ‘50 la prima trilogia ispirata alla vita straordinaria, ma anche molto tormentata, di Elisabetta Amalia Eugenia di Wittelsbach, nata duchessa di Baviera e consorte di Francesco  Giuseppe d’Austria, anche regina apostolica d’Ungheria, regina di Boemia e di Croazia.

Ha vissuto libera da vincoli sociali e lontana dalle rigide etichette e protocolli delle corti mitteleuropea del XIX secolo. La sua insofferenza nei confronti della disciplina di corte a Vienna era nota, così come quella relativa alle politiche imperiali e alle condizioni di vita delle popolazioni sotto il dominio dell’impero austro-ungarico.

Nonostante ciò, Elisabetta di Baviera, imperatrice d’Austria, è rimasta nell’immaginario collettivo simbolo della monarchia asburgica. La sua vita da favola, segnata anche da tanti dolori e malattie, si è interrotta tragicamente il 10 settembre 1898, quando fu uccisa a Ginevra, in Svizzera, dall’anarchico italiano Luigi Lucheni.

Sissi in tv dopo 60 anni dalla prima trilogia

E chissà se anche questo epilogo non abbia contribuito a farla diventare un mito nell’immaginario collettivo. Dopo 60 anni quindi dalla prima uscita della trilogia di  Ernst Marischka, la storia di Sissi torna in tv. Sono due i prodotti cinematografici che narreranno in chiave 2.0 la vita dell’imperatrice. Entrambe le pellicole hanno già trovato una collocazione anche in Italia.

Prodotta dalla tv tedesca Rtl e distribuita da Beta Film, ‘Sissi’ traccerà i momenti più importanti della vita della duchessa di Baviera. Compresa quindi anche la romantica storia d’amore con l’Imperatore Francesco Giuseppe.

Sissi Mediaset nuova serie tv: i protagonisti, data uscita, location

La serie tv sarà composta da sei episodi da 45 minuti ciascuno. Ad interpretare Sissi sarà l’attrice emergente svizzero-americana Dominique Devenport. Al suo fianco Jannik Schümann nel ruolo di Franz. Nel cast ci saranno anche Désirée Nosbusch, David Korbmann, Tanja Schleiff, Paula Kober, Julia Stemberger, Pauline Rénevier e Marcus Grüsser.

I telespettatori non dovranno aspettare molto tempo per vedere sul piccolo schermo la serie ‘Sissi’. Mediaset, infatti, ha annunciato che andrà in onda su Canale 5, prossimamente. Si pensa nel 2022. In Germania la messa in onda della serie tv dedicata alla vita dell’imperatrice d’Austria (girata anche in Lettonia, Lituania, Austria ed Ungheria) dovrebbe andare in onda a fine anno.

Sissi Mediaset, anche Netflix al lavoro con una serie tv sull’imperatrice

Anche Netflix sta lavorando ad un progetto per la tv a pagamento che ne racconti la vita. Il titolo di questa nuova serie da vedere in streaming è The Empress. Attualmente in fase di produzione, si sa già che gli attori protagonisti sono Devrim Lingnau e Philip Froissant. Una serie tv che sembra proprio essere la degna erede di The Crown.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Soap e serie tv

Poirot Testimone silenzioso su Top Crime – trama, cast, finale

Il detective belga dovrà risolvere un caso di omicidio apparentemente legato a questioni ereditarie.

Pubblicato

il

Poirot Testimone silenzioso film Top Crime
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Top Crime propone oggi il film dal titolo Testimone silenzioso che fa parte del più ampio ciclo dedicato al detective belga Hercule Poirot.

La produzione è della Gran Bretagna, l’anno di realizzazione è il 1996 e le atmosfere sono tra il giallo e il poliziesco. La durata è di un’ora e 43 minuti.

Poirot Testimone silenzioso film attori

Poirot Testimone silenzioso – regia, protagonisti, dove è girato

La regia e di Edward Bennett. Protagonista principale è David Suchet nel ruolo del detective belga Hercule Poirot. Accanto a lui il capitano Arthur Hastings e Miss Lemon a cui danno il volto Hugh Fraser e Pauline Moran. Presente anche Philip Jackson nel ruolo dell’ispettore capo Japp.

Le riprese si sono svolte in Inghilterra, in particolare a Keswick nella Contea della Cumbria.

La produzione è della LWT in collaborazione con Carnival Film & Television e ITV Productions. Il titolo originale è Poirot: Dumb Witness.

Poirot Testimone silenzioso film dove è girato

Poirot Testimone silenzioso – trama del film in onda su Top Crime

Hastings è invitato dal suo amico Charles Arundel ad essere presente quando cerca di battere un record di velocità sull’acqua sul lago Windermere, ma il motore della sua barca si guasta. Ad un successivo ricevimento nella tenuta della zia benestante di Charles, Poirot e gli altri ospiti assistono al suo rifiuto di continuare a sottoscrivere il costoso hobby di Charles, e lui la minaccia. Più tardi, quando lei rimane quasi uccisa in uno strano incidente che coinvolge il suo fox terrier Bob, confida a Poirot che sospetta che un membro della famiglia stia cercando di ucciderla per ottenere parte del suo patrimonio. Il detective le consiglia di diseredare i suoi parenti avidi e di nominare un amico come beneficiario.

Spoiler finale

Nonostante questa precauzione, la donna muore improvvisamente in circostanze discutibili, ma le autorità locali si rifiutano di autorizzare un’autopsia. Sospettando che si tratti di un crimine, Poirot si affida al suo ingegno e al cane Arundel, che rimane un testimone silenzioso dell’omicidio.

Poirot Testimone silenzioso film finale

Poirot Testimone silenzioso – il cast completo

Di seguito il cast del film Poirot Testimone silenzioso e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori

  • David Suchet – Hercule Poirot
  • Philip Jackson – Ispettore Japp
  • Ann Morrish – Emily Arundel
  • Patrick Ryecart – Charles
  • Kate Buffery – Theresa
  • Paul Herzberg – Jacob
  • Julia St John – Bella
  • Norma West – Wilhemina
  • Jonathan Newth – Dr Grainger
  • Pauline Jameson – Isabel Tripp
  • Muriel Pavlow – Julia Tripp
  • Pat O’Toole – Sarah
  • Geoffrey Freshwater – Sgt Keeley
  • Jestyn Phillips – Steward
  • Tobias Saunders – Alexis
  • Layla Harrison – Katya
  • Stephen Tomlin – Vicar
  • Tim Williams – Americano
  • Sarah Stephenson – Mrs Finch

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Soap e serie tv

Fino all’ultimo battito quarta puntata: anticipazioni trama e cast

Tutti gli eventi che accadono nella quarta puntata della serie interpretata da Marco Bocci nel ruolo del protagonista.

Pubblicato

il

Fino all’ultimo battito quarta puntata
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rai 1 propone oggi la quarta puntata della serie tv Fino all’ultimo battito. Costituita da sei puntate va in onda ogni giovedì in prima serata alle 21:20. Ogni appuntamento ha la durata di un’ora e 40 minuti.

Le atmosfere sono drammatiche, la produzione è italiana e l’anno di realizzazione è il 2020.

Fino all’ultimo battito quarta puntata attori

Fino all’ultimo battito quarta puntata – regia, protagonista, dove è girato

La regia è di Cinzia Th Torrini. Protagonisti della serie sono Marco Bocci e Bianca Guaccero nei ruoli rispettivamente di Diego Mancini e Rosa. Nel cast anche Fortunato CerlinoLoretta Goggi Violante Placido.

Le riprese si sono svolte in Puglia in diverse location tra Bari e zone limitrofe. Alcuni set hanno avuto come location anche la città di Cosenza in Calabria.

La produzione è della Eliseo Multimedia di Luca Barbareschi per Rai Fiction.

Dove eravamo rimasti

Nella terza puntata andata in onda sette giorni fa, i telespettatori hanno visto come Cosimo Patruno era riuscito a far scagionare Diego Mancini da tutte le accuse del pubblico ministero. Tutto questo grazie ad un piano studiato nei minimi dettagli e per il quale il cardiochirurgo è ancora più in debito con il boss.

Quando Patruno si sente male, Rosa decide di chiamare Diego Mancini. Il medico dovrà fargli una trasfusione di sangue per salvargli la vita. Elena intanto viene a sapere che sua figlia Anna sta aiutando Mino Patruno ad organizzare una campagna sui social.

Fino all’ultimo battito quarta puntata dove è girato

Fino all’ultimo battito quarta puntata – trama

La trama della quarta puntata è incentrata soprattutto su Diego Mancini e Rosa. I due si sono scambiati un bacio ed Elena che ha visto tutto, affronta il compagno.

Diego confessa di aver sbagliato e fa credere ad Elena che si sia trattato di un momento di debolezza. Lui in ogni caso sa che la situazione non è come l’ha descritta alla sua compagna. La conseguenza è che Elena non vuole più sposarlo.

La mattina successiva i due vengono costretti dalla famiglia ad acquistare l’abito che Anna dovrà indossare per il matrimonio. Solo all’ultimo momento Diego si rende conto che il negozio dove sta entrando con Elena, è quello di Rosa. È inevitabile in questo modo l’incontro tra le due donne. Elena infatti riconosce Rosa, ma solo come la nuora del boss e la madre del ragazzo che piace ad Anna e indignata abbandona il negozio.

Come se non bastasse il dottore viene convocato nel cuore della notte da Cosimo Patruno. Infatti il boss ha scoperto chi manomette le sue medicine.

Fino all’ultimo battito quarta puntata finale

Fino all’ultimo battito quarta puntata – il cast completo

Di seguito il cast della serie Fino all’ultimo battito e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori

  • Diego Mancini – Marco Bocci
  • Elena Ranieri – Violante Placido
  • Rosa Clemente – Bianca Guaccero
  • Margherita – Loretta Goggi
  • Cosimo Patruno – Fortunato Cerlino
  • Rocco Monaco – Michele Venitucci
  • Nicola Calogiuri – Francesco Foti
  • Cristina Basile – Francesca Valtorta
  • Anna Monaco – Gaja Masciale
  • Mino Patruno – Michele Spadavecchia
  • Paolo – Giovanni Carone
  • Vanessa Coppi – Emanuela Minno
  • Domenico Mazzancolla – Brando Rossi
  • Cannavota – Angelo Pignatelli
  • Vincenzo Patruno – Mimmo Mancini
  • Bashir Jajal – Mohamed Zouaoui
  • Berg Martin – Ralph Palka
  • Vito Rizzi – Vanni Bramati
  • Matteo Russo – Pierluigi Corallo
  • Mimma Rinaldi – Tiziana Schiavarelli
  • Anestesista – Antonella Bavaro
  • Don Claudio – Ignazio Oliva
  • Manlio De Costanzo – Gianluca Mastrorocco
  • Santoro (Ispettore Capo) – Giandomenico Cupaiolo
  • Pansini (Magistrato) – Alessia Giuliani
  • Renato Coppi – Ivano Picciallo
  • Vanessa Coppi – Emanuela Minno

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it