L’amica geniale | 4 dicembre | Le metamorfosi e La smarginatura


L'amica geniale | 4 dicembre | Le metamorfosi e La smarginatura. Seconda puntata della serie tratta dal primo romanzo della quadrilogia della scrittrice Elena Ferrante.


Seconda puntata questa sera della serie coprodotta dalla HBO L’amica geniale. L’appuntamento è su Rai 1 in prima serata con due nuovi episodi i cui titoli sono rispettivamente Le metamorfosi e La smarginatura.

Ricordiamo che i canoni standard della serialità, oltre i nostri confini, sono della durata di 50 minuti per ogni puntata. In Italia vengono dunque trasmessi due episodi per arrivare ai 100 minuti che rappresentano la prima serata.

Questa sera i telespettatori vedranno le due protagoniste adolescenti. Lila Cerullo ed Elena Greco non sono più interpretate dalle due bambine che hanno dato loro il volto nella puntata di esordio e che erano rispettivamente Ludovica Nasti ed Elisa Del Genio.

Nella puntata odierna fanno il loro esordio Gaia Girace che interpreta Lila adolescente e Margherita Mazzucco che dà invece il volto ad Elena.

L’amica geniale | Le metamorfosi | trama

Come abbiamo visto nella puntata precedente Elena aveva ottenuto dai genitori il permesso di continuare a studiare. Ma non riesce facilmente ad ottenere voti al di sopra della sufficienza.

Lila che invece era stata tolta dalla scuola dai genitori, adesso lavora nel calzaturificio del padre. La ragazzina aiuta però l’amica del cuore soprattutto nel latino. Ma non rinuncia alla sua passione per i libri. Ed infatti il quartiere viene a conoscenza che è stata lei ad avere letto in breve tempo, tutti i libri contenuti nella biblioteca, dal primo fino all’ultimo.

Con la morte di don Achille Carracci, il rione viene adesso gestito dai Solara, proprietari del bar pasticceria.

Gli anni sono trascorsi ed Elena sta sbocciando: il suo corpo è quello di un adolescente, ma ancora non ha la bellezza ed il fulgore che arriveranno presto. A scuola fa fatica a concentrarsi e prende purtroppo brutti voti. Non riesce neanche ad uscire spesso con Lila che lavora incessantemente nel calzaturificio del padre.

La ragazzina si è convinta che l’unico modo per uscire da una situazione così degradata è elevarsi culturalmente ed economicamente in qualunque modo possibile. La lettura dei libri trovati in biblioteca le ha dato una conoscenza maggiore. Così riesce ad aiutare Elena che, alla fine delle scuole medie, risulta la migliore della classe.

Alla fine dell’episodio Lila viene premiata dal responsabile della biblioteca come lettrice più assidua. E vince un consistente premio in denaro.

L’amica geniale | La smarginatura | trama

Lila è diventata una splendida adolescente. Perfino Marcello Solara e Stefano Carracci sono attratti dalla sua bellezza. La ragazzina continua a frequentare Elena che nel frattempo si fidanza con un suo compagno di scuola, un giovane non maturo e senza nessuna qualità. Ma il suo cuore è rimasto sempre ancorato a Nino Sarratore.

Elena si iscrive al ginnasio e frequenta di meno Lila, che rimane però il suo punto di riferimento nonostante i loro incontri si siano dilatati. Lila sembra più intelligente di Elena e la sua bellezza fa trepidare il cuore di tutti i ragazzi del rione. La giovanissima però non ha nessuna intenzione di fidanzarsi.

Si avvicinano le festività di fine anno. E Lila per non rimanere sola accetta l’invito di Stefano Carracci, il figlio di don Achille di trascorrere insieme il Capodanno. Il ragazzo ha nei confronti di Lila un atteggiamento molto corretto.

La notte di Capodanno passa in maniera piacevole inizialmente. Ma si conclude con un episodio che ferisce molto la stessa Lila.

Elena comincia a non avere più molta fiducia in sé stessa e si fidanza con Gino.

Ricordiamo che la prima puntata ha avuto un vero e proprio boom di ascolti: il 29,3% di share.



0 Replies to “L’amica geniale | 4 dicembre | Le metamorfosi e La smarginatura”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*