Purché finisca bene | Non ho niente da perdere | personaggi, trama e curiosità


Purché finisca bene | Non ho niente da perdere | personaggi, trama e curiosità. Si tratta di un tv-movie basato su una malattia classica dei nostri tempi: l'ipocondria, la paura immaginaria di essere malati e di non poter sopravvivere.


Martedì 15 gennaio su Rai 1 in prima serata alle 21:25 va in onda il terzo TV movie del ciclo Purché finisca bene. Il titolo è Non ho niente da perdere. La regia è affidata a Fabrizio Costa, la realizzazione è della Pepito Production di Maria Grazia e Giuseppe Saccà per Rai Fiction.

Nel cast recitano i seguenti attori: Carolina Crescentini (Camilla), Edoardo Pesce (Ettore), Sergio Assisi (Mr Curry), Ilaria Genatiempo (Marta), Ninni Bruschetta (Valdorsi), Michele Venitucci (Andrea), Dario Cassini (Marzaduri), Marco Cassini (Filippo) e Margherita Vicario (Federica).

Le riprese si sono svolte a Villa Cimena, un edificio unico nel suo genere, tra i gioielli più singolari della collina torinese. È unica perché in Piemonte non esistono altri monumenti di stile palladiano. L’architetto Palladio nel XVI secolo realizzò edifici spettacolari neoclassici in Veneto. Purtroppo attualmente la Villa non è visitabile perché chiusa al pubblico. Spettacolare il bosco che la circonda e l’immenso giardino. Si trova a mezz’ora da Torino nel comune di San Raffaele Cimena.

Non ho niente da perdere | trama

La protagonista è Camilla, una giovane donna realizzata nella vita e nel lavoro ma con un grosso handicap: è ipocondriaca. Crede di essere sempre affetta delle più strane malattie e perciò è invisa ai colleghi e persino alla sorella Marta. Invece il padre ha un atteggiamento di troppa disponibilità nei suoi confronti e la accontenta il tutto.

Camilla con il padre lavora in una villa storica nelle campagne torinesi dove la giovane donna è cresciuta insieme alla famiglia.

Camilla ha alle spalle un rapporto sentimentale fallito: infatti 10 anni prima è stata lasciata da Andrea che le aveva comunicato di essere in fin di vita.

Per tale motivo è caduta nell’ipocondria fino a quando un giorno, durante un controllo di routine si scopre una possibile patologia che dovrebbe essere approfondita.

Prima di avere il responso definitivo della malattia da cui sarebbe affetta, Camilla torna nel castello di famiglia dove si sta preparando il matrimonio di Filippo, figlio dell’imprenditore Marzaduri re dei pesticidi. Ad occuparsi della cerimonia c’è il wedding planner Mr Curry che molto presto si scopre essere il capo di una banda di eco terroristi. Durante il ricevimento sequestra gli invitati con una serie di conseguenze anche abbastanza gravi.

In questo frangente Camilla riceve dall’ospedale una drammatica notizia: le restano pochi mesi di vita. In effetti però i suoi esami clinici sono stati scambiati con altri.

La donna sotto shock viene coinvolta in un’operazione per liberare Ettore, la guardia del corpo di Marzaduri.

Si viene poi a sapere che Ettore è stato allontanato dal corpo dei Carabinieri dopo un incidente durante la sua missione in Iraq. Nasconde però un trauma di cui non ha mai fatto parola nessuno.

Stranamente Camilla ed Ettore cominciano ad essere attratti anche sentimentalmente. La giovane donna nel piano di liberazione si espone in prima persona perché è convinta di avere pochi mesi di vita.

L’attrazione per Ettore le fa capire che potrebbe aprirsi ad una nuova vita sentimentale. Purtroppo per lei non sarà possibile perché incombe la fine immediata.

Quando però l’operazione a cui stava partecipando si è conclusa, trova sul cellulare messaggi dall’ospedale che la confortano: lei non ha nessuna malattia, le sue analisi erano state scambiate.

Adesso vorrebbe iniziare un vero rapporto con Ettore.



0 Replies to “Purché finisca bene | Non ho niente da perdere | personaggi, trama e curiosità”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*