La mafia uccide solo d’estate 2 | puntata 17 maggio | traffici di droga e appalti truccati


La mafia uccide solo d'estate 2 | puntata 17 maggio | traffici di droga e appalti truccati. Il quarto appuntamento la serie punta l'attenzione su avvenimenti apparentemente normali come l'incendio di alcuni Pupi siciliani in un negozio. Il fatto si rivelerà invece un avvertimento di Cosa Nostra.


Continua l’appuntamento con la seconda stagione de La mafia uccide solo d’estate. Questa sera giovedì 17 maggio alle 21:15 su Rai 1 va in onda la quarta puntata. Nel cast ci sono Claudio Gioè, Anna Foglietta, Francesco Scianna, Edoardo Buscetta, Dario Aita, Angela Curri e Nino Frassica nel ruolo di un prete legato alla mafia. La voce fuori campo che racconta agli spettatori quanto sta accadendo è quella di Pierfrancesco Diliberto in arte Pif.

Come al solito vanno in onda due episodi che compongono le puntate settimanali.

La mafia uccide solo d’estate 2 | settimo episodio

Le prime immagini mostrano una Palermo sconvolta dalla scomparsa di Piersanti Mattarella (fratello dell’attuale Presidente della Repubblica). L’omicidio da parte di Cosa Nostra ha lasciato la città letteralmente sgomenta e in preda ad un senso di ribellione che non riesce però a concretizzarsi.

Lorenzo (Claudio Gioè), che nel frattempo ha finalmente coronato il suo sogno di lavorare alla Regione, un giorno mettendo a posto alcuni documenti trova un fascicolo sospetto. Si tratta di appalti che non sono stati gestiti con traspèarenza e allora decide di indagare per proprio conto per capire quanto è accaduto. Lorenzo però chiede aiuto a Marina (Claudia Gusmano). Il capofamiglia dei Giammaresi spera che in due si possa cercare qualche indizio in più per venire a capo della questione. Intanto però più trascorre il tempo che Lorenzo e Marina passano insieme, più l’intensità del loro rapporto aumenta. Ognuno non ne parla con l’altro quasi per una forma di timore.

Massimo (Francesco Scianna) intuisce che, nonostante non abbia fatto nulla per essere coinvolto in un pericoloso traffico di droga, vi si trova però invischiato fino al collo. Salvuccio (Edoardo Buscetta) nel frattempo ha scoperto la presenza di alcuni Pupi bruciati nel negozio dove lavora. Non sa però che dietro questo fatto apparentemente banale si nasconde una storia di mafia.

La mafia uccide solo d’estate 2 | ottavo episodio

Salvuccio dopo aver riflettuto sulla presenza dei Pupi bruciati, decide di scoprire, con l’aiuto dei suoi amici, se il padrone del negozio è in qualche modo legato alla mafia. Il giovane sospetta che il suo datore di lavoro possa essere taglieggiato da Cosa Nostra e in particolare si sia rifiutato di pagare il pizzo. In effetti il suo timore corrisponde a verità e decide così di denunciare quanto ha scoperto alla polizia locale.

Intanto Lorenzo ha fatto molte indagini sul dossier che aveva trovato e decide di parlarne con il suo superiore, ma non trova nessuna collaborazione, al contrario viene fortemente scoraggiato nell’andare avanti.

Allora prende una decisione importante con l’aiuto di Marina: sceglie di denunciare in forma anonima tutti gli appalti truccati di cui è venuto a conoscenza. Manderà notizie ai principali giornali locali certo che, una volta venuti a conoscenza di fatti così gravi, i cronisti continueranno le indagini per proprio conto.

Infine l’episodio si chiude con Massimo che cerca in tutti i modi di far partire l’ultimo carico di droga. Non sarà molto facile ed infatti il piano non andrà in porto. Le conseguenze le scopriremo nella puntata successiva di giovedì 24 maggio.



0 Replies to “La mafia uccide solo d’estate 2 | puntata 17 maggio | traffici di droga e appalti truccati”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*