Connect with us

Spot in TV

Spot in TV | Rocco Siffredi testimonial del black friday Unieuro

Spot in TV | Rocco Siffredi testimonial del black friday Unieuro. Analisi della campagna promozionale in onda attualmente in tv.

Pubblicato

il

Spot in TV | Rocco Siffredi testimonial del black friday Unieuro. Analisi della campagna promozionale in onda attualmente in tv.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Serviva un’idea facilmente spendibile presso il grande pubblico, leggera ma efficace nel catturare attenzione, senza troppe implicazioni sul significato di questo o quel messaggio. E Rocco Siffredi che gioca con i doppi sensi lo è. Bisogna solamente stuzzicare l’attenzione della platea più ampia possibile di potenziali acquirenti, affinché sappiano del “Black Roc Friday” e delle offerte loro riservate. Nulla di più, nulla di meno.

Il pornoattore e la sua famiglia sono così diventati i protagonisti della serie di 14 spot totali – in onda fino al 26 novembre, con durate di 15 e 30 secondi – con cui la catena promuove il suo “lungo” (appunto) “Black Roc Friday”: quindici giorni di acquisti a buon prezzo.

L’anteprima è una sorta di trailer, con una grossa sedia girevole rivestita in pelle, posta in un salotto avvolto dal buio pesto. Ripresa di spalle, cela Rocco Siffredi.
La sedia si gira dopo pochi secondi e svela l’attore, vestito con una giacca nera di pelle, Rayban scuri e il volto contratto in posa da duro. Un’immagine sottolineata dalla musica rock.
Siffredi stringe i pugni poggiati sui braccioli e li apre mostrando in uno una pastiglia di Viagra, nell’altro l’equivalente marchiato Unieuro, per sottolineare come la catena generi lo stesso effetto se dalla camera da letto ci si sposta in un punto vendita di elettrodomestici per gli sconti del “Black Roc Friday”.

Nel primo spot vero e proprio, Rocco Siffredi è a letto in intimità con sua moglie: lei, ad un certo punto, si rivolge alla telecamera e dice: “Quest’anno, da Unieuro, il black friday arriva prima”. Poi interviene lui: “Si, ma dura di più. Molto di più” e ammicca all’obiettivo rimarcando la parola “molto”.
La sequenza si chiude con i due in procinto di uscire di casa per andare in un punto vendita Unieuro ad usufruire delle offerte domenicali.  L’ultima battuta è ancora dell’attore: “E tu che fai, non vieni?”.

https://www.youtube.com/watch?v=jJnOI6tevnE

Il figlio di Rocco Siffredi è protagonista, insieme al padre, del secondo, del terzo e del quarto spot.
In uno, Rocco Siffredi è alle prese con un selfie “acrobatico” – un modo per far capire che quello smartphone è tra i prodotti in offerta – e tende ad assumere le tipiche pose giovanili da autoscatto. Suo figlio passa nella stanza e gli dice: “Papà. Hai una certa età”.

Anche per pubblicizzare un notebook, Rocco Siffredi viene preso in giro da suo figlio per la sua scarsa conoscenza tecnologica. Mentre armeggia con il pc, suo figlio entra in salotto e dice: “E dai, papà! Si accende così”

https://www.youtube.com/watch?v=-pajhhU5Bdc

In un altro, il padre prende la sua rivincita. Mentre è disteso sul divano, chiama suo figlio per condividere insieme lo stupore per uno smartwatch nuovo di zecca (che in realtà non indossa), ma appena suo figlio si avvicina, scatta il “paga la mossa”.
È una presa in giro molto in voga tra i ragazzi – qualche mese fa era una vera moda – che consiste nel richiamare l’attenzione di qualcuno su un presunto oggetto o una situazione specifica, in realtà con l’unico scopo di catturare il suo sguardo su un semplice tondino fatto con il pollice e l’indice della mano, a mo’ di “Ok”. Se la vittima guarda il tondino e cade nell’inganno, deve pagare un pegno.
Lo spot si chiude con il giovane che esce dalla stanza senza dire nulla e Siffredi, divertito, che ripete “Paga la mossa!”.
Nel quinto e ultimo spot andato in onda finora, Rocco Siffredi e sua moglie si stanno preparando per una serata galante. Lui continua a stirare il papillon con un ferro a caldaia e rischia di fare tardi. Sua moglie lo esorta: “Rocco, dai! sei peggio di una donna”. L’attore, senza dire nulla, si gira verso l’obiettivo con gli occhi sgranati, sconvolto per la frase che evidentemente nella sua testa è un affronto.

https://www.youtube.com/watch?v=mHbBoyL4tRE

Rocco Siffredi è riuscito ad affermarsi, negli anni, come star del cinema porno, ma anche come personaggio simpatico, autoironico, capace di bucare lo schermo con naturalezza nelle ospitate televisive.
Secondo molti, ha contribuito alla rimozione senza forzature delle ultime barriere moraliste che ancora bloccavano i discorsi sulla pornografia.
Per altri – più maschilisti – è un vero idolo semplicemente perché è riuscito a trasformare la continua disponibilità femminile in un lavoro.
Di converso, in tanti lo hanno criticato per alcune affermazioni quantomeno ambigue riguardanti le donne e la violenza sulle donne.
Tuttavia,  Siffredi è in grado di generare reazioni tendenzialmente positive presso un pubblico piuttosto vasto, come dimostra la buona accoglienza ricevuta dagli spot sui canali social di Unieuro.
È questo, forse, il motivo principale per cui dalle parti della catena di elettrodomestici hanno pensato a lui.
Nel dubbio, tutto è stato neutralizzato con l’atmosfera famigliare e serena di Casa Siffredi sulla quale è stato realizzato anche un reality. Un’atmosfera che, va detto, è il volto più riuscito della campagna pubblicitaria, perché fa traspare ironia e affiatamento spontanei.

In ogni caso, il problema di questa serie di spot non è che il protagonista sia un pornoattore, né che ci siano riferimenti sessuali. Il guaio vero è che questi riferimenti sono banali, scontati, prevedibili, logorati da anni di utilizzo. Può capitare che in alcuni casi strappino un sorriso, ma nulla di più.

Rocco Siffredi è uguale a sé stesso in tutte le pubblicità – ormai molte – a cui ha dato volto negli anni. E che si tratti di patatine, di voli aerei o elettrodomestici, le battute su cui si reggono le sue partecipazioni si basano sempre sulle stesse allusioni.

Per il pornoattore non è un problema, lui recita Rocco Siffredi. Ma davvero per la comunicazione dei brand continua ad essere così innovativo, nonostante la recitazione scontata?


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spot in TV

Spot in Tv: Luca Ward promuove il turismo in Sardegna

Luca Ward è la voce narrante della pubblicità istituzionale volta a promuovere il turismo sull'Isola nel periodo estivo.

Pubblicato

il

Spot Sardegna 2021 Sicuri di sognare
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sulle reti Rai è attualmente in rotazione lo Spot 2021 della Regione Sardegna. La pubblicità è diretta dal regista cagliaritano Andrea Iannelli. La durata è 34 secondi.

Prossimamente lo spot verrà trasmesso sulle Reti Mediaset e nelle Stazioni delle principali città italiane. Ma anche nelle reti di porti e aeroporti. Verrà inoltre tradotto in inglese, francese e tedesco per favorirne la diffusione anche a livello internazionale.

Il testimonial è il doppiatore Luca Ward che interpreta il ruolo di narratore. Ma non è la prima volta che presta la propria voce anche ad uno spot. In passato ha infatti pubblicizzato marchi di profumi, prodotti alimentari fino a promuovere i servizi delle Ferrovie dello Stato.

Spot Sardegna 2021 mare torre medievali

Spot Sardegna 2021 Sicuri di sognare: presentazione dello Spot

Il Presidente di Regione Christian Solinas ha scelto di realizzare un spot per esortate gli spettatori a visitare la Sardegna per le vacanze estive. Si tratta di un‘iniziativa per rilanciare il settore del turismo, che assieme a tanti altri, ha risentito maggiormente degli effetti negativi della pandemia. L’emergenza sanitaria infatti, nell’ultimo anno e mezzo, ha ridotto drasticamente gli spostamenti per evitare, il più possibile, di veicolare il virus.

Fortunatamente grazie alla riduzione dei contagi e alla percentuale in crescita di cittadini che stanno ricorrendo alla vaccinazione, il settore turistico è in graduale ripresa.

Con il claim Sicuri di sognare, gli ideatori dello spot intendono trasformare la Sardegna nella meta ideale per trascorrere qualche giorno di vacanza. La raccontano infatti come un territorio ricco non solo di bellezze paesaggistiche ma anche di storia e di tradizioni.

La pubblicità diventa un’espediente per esortare i turisti italiani a rimanere nel proprio Paese per far ripartire l’economia. Si trasforma invece in un invito per i turisti stranieri a tornare nuovamente in Italia. La Sardegna inoltre, come altre regioni, si sta organizzando per accogliere in sicurezza i visitatori.

La Regione ha scelto come voce narrante dello spot Luca Ward in quanto per il suo caratteristico timbro vocale conferisce allo spot un’atmosfera che rievoca quella cinematografica.

Spot Sardegna 2021 Chiesa san Paolo Olbia

Il racconto dello spot

Lo spot cerca di mettere in risalto alcune caratteristiche peculiari del territorio sardo. Si inizia dalle spiagge, che sono circondate dal mare cristallino. Rappresentano una meta ideale non solo per i bagnanti ma anche per gli appassionati di sport acquatici. Appare infatti un surfista che tenta di superare le onde.

L’attenzione si sposta successivamente sul paesaggio montuoso. In Sardegna è infatti possibile avventurarsi in percorsi di trekking o visitare luoghi incontaminati.

Nella terza parte invece la pubblicità si sofferma sul patrimonio storico-architettonico della Regione. Mostra, ad esempio, le torri di avvistamento sul mare e la Chiesa di San Paolo ad Olbia. La particolarità è che la cupola è rivestita da maioliche a mosaico con colori contrastanti.

Nell’ultimo segmento lo spot dedica spazio infine al folklore mostrando un uomo che indossa una delle tipiche maschere sarde. Ma anche alle tradizioni gastronomiche con le immagini del Pane Carasau in cottura nel forno a legna.

A rendere ancora più suggestivo il racconto è la voce fuoricampo di Luca Ward, che serve a rafforzare i concetti di unicità e bellezza.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Spot in TV

Spot Barilla 2021: la pasta come elemento di comunicazione

Nella nuova campagna pubblicitaria la storica azienda parmense specializzata nella produzione di pasta racconta degli episodi di quotidianità puntando l'attenzione sulle emozioni.

Pubblicato

il

Spot Barilla 2021 Un gesto d amore
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sono in rotazione sulle reti generaliste i nuovi spot della Pasta Barilla 2021.

Le pubblicità sono dirette da Saverio Costanzo, che ha realizzato L’Amica Geniale. E’ la fiction tratta dai best sellers di Elena Ferrante. La campagna precedente della Barilla era invece affidata a Sergio Rubini, Daniele Luchetti e Alessandro Genovesi.

Spot Barilla 2021 famiglia

Barilla 2021: presentazione dello Spot

La Pasta Barilla è solo uno dei marchi dell’omonimo gruppo che ha sede a Parma. E’ nato nel 1877 per volere di Pietro Barilla, che inizialmente possedeva solo un piccolo panificioMolti anni dopo, nel 1910, riuscì a trasformare l’attività in una vera e propria azienda con l’apertura del primo stabilimento. 

La pasta è uno dei piatti più apprezzati dagli italiani che la consumano regolarmente più volte a settimana. Oltre ad essere un alimento cardine della Dieta Mediterranea per i suoi valori nutrivi, è un prodotto che si presta alla preparazione delle ricette più variegate.

Molte aziende del settore si stanno anche specializzando nella produzione di diverse varianti per rispondere alle esigenze dei consumatori.

La Barilla, oltre a preservare la tradizione, è tornata a valorizzare il Made in Italy con l’utilizzo di materie prime autoctone dopo le polemiche sulla provenienza estera del grano.

Pasta Barilla: Un gesto d’amore

Con il claim Un gesto d’amore l’azienda vuole illustrare come la pasta può trasformarsi in un elemento comunicativo quando non riusciamo a trasmettere agli altri le sensazioni che proviamo.

Ha scelto così di puntare sull’aspetto emozionale della condivisione di un pasto. Intende infatti dimostrare che è possibile comunicare, ciò che non si riesce ad esprimere con le parole, anche attraverso la preparazione di un piatto.

Gli autori della pubblicità hanno scelto di raccontare le attuali famiglie italiane, con le loro differenti caratteristiche. In tal modo gli spettatori possono identificarsi in ogni singola storia.

La colonna sonora dello spot è Hymne di Vangelis che la Barilla ha proposto innumerevoli volte, con diversi arrangiamenti. Serve per creare un trait d’union tra passato e presente della storia del marchio.

Spot Barilla 2021 coppia

Barilla 2021: il racconto degli Spot 

Per la nuova campagna pubblicitaria Barilla ha realizzato alcuni spot che si stanno alternando sulle reti generaliste. Gli autori, attraverso il linguaggio cinematografico, raccontano alcune storie di quotidianità familiare. Le scene sono prive di dialoghi per mettere in risalto le emozioni dei protagonisti. 

Nel primo racconto un adolescente torna a casa dopo gli allenamenti in palestra. Si accomoda sul divano senza proferire parola perché è giù di morale. I genitori non indagano su quanto accaduto ma cercano di dimostrare la propria comprensione attraverso un piatto di pasta. L’episodio si chiude con i loro sguardi di complicità.

La protagonista della seconda storia è una donna in carriera. Ha appena affrontato una complicata giornata di lavoro e sembra essere molto preoccupata. Il suo compagno però tenta di rasserenarla preparandole per cena un gustoso primo di pesce. Attraverso il gesto cerca di farle comprendere che tutte le difficoltà possono essere superate.

Cambio di ambientazione per il terzo episodio, che si svolge in un ristorante. Un cuoco è impegnato ai fornelli per preparare le ordinazioni sotto l’occhio vigile del cameriere che è pronto a servirle ai tavoli. Il protagonista ha portato con sé il figlio perché, probabilmente , non aveva nessuno a cui affidarlo. Il bambino, che si trova in un angolo della cucina, è visibilmente annoiato. Il genitore si avvicina a lui porgendogli una porzione di fusilli per ingannare l’attesa.

Spot Barilla 2021 padre e figlio

Gli altri episodi dello spot

Nel quarto racconto invece un giovane accetta l’invito a cena dei genitori. Saluta tutti i famigliari tranne il padre che preferisce ritirarsi in cucina. E’ chiaro che, in passato, hanno avuto qualche incomprensione. Il figlio però decide di raggiungerlo per un confronto ma non riesce ad iniziare una conversazione. Così il genitore, per stemperare la tensione, gli porge della pasta per controllarne lo stato di cottura.

Nell’ultimo episodio una famiglia sta pranzando nel terrazzo della propria abitazione assieme ad alcuni amici. Al tavolo sono presenti quattro adulti ed un bambino che osserva scrupolosamente il piatto destinato a qualcuno che non si è presentato. Il piccolo protagonista decide di rientrare per raggiunge la sorella, che si trova nella sua stanza, con due porzioni di pasta. Preferisce mangiare insieme lei anziché con gli altri commensali.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Spot in TV

Spot in tv: Gerry Scotti diventa testimonial per Brancamenta

Gerry Scotti è il nuovo testimonial della storica azienda milanese specializzata nella produzione di distillati.

Pubblicato

il

Spot Brancamenta 2021 Gerry Scotti
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sulle reti Mediaset è in rotazione lo spot Brancamenta 2021. La pubblicità è diretta da Ago Panini, regista di numerosi videoclip musicali.

Il testimonial è Gerry Scotti, ormai un volto noto anche in ambito pubblicitario. Nel corso degli anni infatti ha pubblicizzato numerosi prodotti, dal campo dell’alimentazione al settore energetico.

Spot Brancamenta 2021 protagonista

Spot Brancamenta: presentazione dello Spot

Brancamenta è uno dei liquori prodotti dai Fratelli Branca Distillerie. L’azienda è stata fondata nel 1845 a Milano da Bernardino Branca.

Per la nuova campagna pubblicitaria l’azienda ha deciso di celebrare il 50° anniversario dello spot, trasmesso nel 1971, che ha reso popolare il marchio. Ha scelto infatti di rievocarne le atmosfere riproponendo il classico bicchiere di ghiaccio che è diventato il simbolo del Brancamenta. 

Con il claim Have a nice day l’azienda mira ad esaltare la qualità e le caratteristiche uniche del liquore. Il prodotto può essere ideale per le serate trascorse in compagnia. Ma essendo una bevanda ad alta gradazione alcolica va necessariamente consumata con moderazione.

Brancamenta ha scelto come protagonista Gerry Scotti perché è in grado di raggiungere un pubblico trasversale. Grazie alla sua ironia riesce a trasmettere una sensazione di normalità in uno scenario dalle caratteristiche surreali. La durata dello spot è di 60 secondi.

Spot Brancamenta 2021 Scotti

Spot Brancamenta: il racconto dello spot

Lo spot Brancamenta 2021 è stato girato a Milano, dove ha sede l’azienda produttrice. In apertura della pubblicità Gerry Scotti è sul terrazzo della propria abitazione per una riunione informale con il team di lavoro. Una degli ospiti propone al gruppo un momento di pausa e chiede al padrone di casa se può offrire loro qualcosa da bere.

A sorpresa Gerry Scotti esce di casa ritrovandosi tra le montagne, avvolto in un’insolita tempesta di neve. Pur di esaudire il desiderio degli ospiti è pronto ad affrontare le condizioni climatiche avverse. Il conduttore tenta di recuperare una bottiglia di Brancamenta nascosta nel terreno. Quando riesce però ad estrarla rimane all’interno di una lastra di ghiaccio.

Una volta rientrato in casa Scotti raggiunge prima il soggiorno e poi si sposta in cucina. Munito di martello e scalpello, inizia ad imitare gli stessi gesti dello spot del 1971. Riesce infatti a ricavare dal ghiaccio il celebre bicchiere, dove versa una quantità contenuta di prodotto. Aggiunge poi della menta piperita e qualche cubetto di ghiaccio per evidenziare le caratteristiche tipiche di freschezza del Brancamenta.

Dopo aver offerto il drink agli ospiti, uno di loro nota della neve che si è depositata sulla sua giacca. Scotti svia l’argomento con ironia rispondendo con il classico Brrr!, il tormentone del liquore Brancamenta.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it