Spot in TV | Stefano Accorsi insegue se stesso per Peugeot 208


Spot in TV | Stefano Accorsi insegue se stesso per Peugeot 208. L'attore italiano rinnova la collaborazione con la casa automobilistica partecipando alla nuova campagna insieme a Debora Franchi. L'analisi dello spot


L’ultimo spot in ordine cronologico è il nuovo dedicato alla Peugeot 208, in onda da poche settimane e realizzato dall’agenzia Havas Milan.

È ambientato a Roma, prima fuori dal Museo dell’Ara Pacis, poi per le strade della capitale. Inizia con Stefano Accorsi che scende le larghe scale esterne del museo, vestito in modo casual, con giubbotto di pelle, dolcevita e pantaloni neri. Sulla strada c’è il parcheggiatore ad attenderlo per consegnargli le chiavi della Peugeot 208 che ha provveduto a fargli trovare pronta.
Appena sale sull’auto, però, un altro Stefano Accorsi si palesa al concierge. Stavolta è il vero Accorsi, in classico smoking nero. Probabilmente, ha partecipato ad una serata, visto che tutti lì fuori sono eleganti – a dicembre, l’attore ha realmente presentato all’Ara Pacis la proiezione di “Una giornata particolare”, film con Sophia Loren e Marcello Mastroianni, in occasione della mostra dedicata a quest’ultimo –  e si aspetta, a sua volta, di trovare la vettura ponta.

“Se lei è qui, chi è quello?”, gli chiede il parcheggiatore incredulo mentre Accorsi grida “La mia macchina!”. Ai due, attoniti, non resta guardare l’impostore filare via a bordo della 208. Ma Stefano Accorsi non demorde e chiede in prestito l’auto per inseguire il ladro.
Non a caso, è un’altra Peugeot 208, con cui ingaggia una sfida notturna per le strade di Roma che sembra divertirlo, mentre, a completare l’atmosfera, fa da sottofondo la canzone “Run boy run” dei Woodkid. Quando riesce ad affiancare la macchina, grazie ad un semaforo, è confuso nel vedere il suo doppio alla guida.

Il mistero è subito svelato: il ladro cala la maschera e si rivela una donna sorridente. È Camilla, la portiera dell’hotel Car Valet interpretata da Debora Franchi, già protagonista del primo episodio dello spot, in onda sul finire del 2018. In quell’occasione, aveva provato una sortita simile, ma più goffamente e senza riuscirci. Non è una vera ladra, semplicemente non riesce a resistere al fascino della nuova Peugeot 208, equipaggiata con sistemi tecnologici di ultima generazione.

“Ancora tu? Ma perché non te la compri?”, le dice Stefano Accorsi da dentro l’abitacolo. Lei, però, invece di rispondere, approfitta del verde al semaforo e scatta per continuare la fuga. L’attore raccoglie la sfida: “Ah sì, eh?” e si lancia di nuovo all’inseguimento, sorridendo.
Lo spot si chiude così, mentre una voce fuori campo chiosa: “Impossibile resistere a Peugeot 208”.

Non è difficile immaginare che ne vedremo il prosieguo in altre pubblicità. Del resto, la Peugeot ha dedicato un hashtag eloquente alla sua campagna: #Mission208. Richiama nemmeno troppo velatamente una missione in stile spy story, di cui questo spot, intitolato “Scopri chi è l’impostore”, sembra essere solo un episodio.
Anche perché, la partecipazione prolungata di Stefano Accorsi riesce a facilitare un’impostazione del genere e a farla apparire del tutto naturale, grazie alla familiarità dell’attore con la narrazione cinematografica delle storie, anche agli occhi del pubblico.

La collaborazione funziona, oltretutto, perché Accorsi è in grado di ammantare il marchio Peugeot di un fascino e di un’eleganza che l’azienda francese ha probabilmente cercato nel design delle sue ultime auto, ma che a pochi verrebbe in mente di associare a vetture, tutto sommato ordinarie, come la Peugeot 208.
La bravura sta nel rendere tutto ciò credibile, anche al cospetto di idee di fondo (come quella alla base di questo spot) non proprio geniali o particolarmente innovative.



0 Replies to “Spot in TV | Stefano Accorsi insegue se stesso per Peugeot 208”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*