Connect with us

Talk show

La strada dei miracoli, la puntata del 2 febbraio in diretta

Nuovo appuntamento con il programma condotto su Rete 4 da Safiria Leccese

Pubblicato

il

Nuovo appuntamento con il programma condotto su Rete 4 da Safiria Leccese
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

{module Google ads} 

Collegamento con San Giovanni Rotondo. La salma di Padre Pio partirà domani per Roma in occasione del Giubileo. La decisione è stata presa da Papa Francesco. Un’assoluta novità, dato che il corpo del frate santo di Pietrelcina è rimasto, dopo la sua morte, sempre in Puglia. 

La strada dei miracoli Safirial 2 febbraio

L’apertura è dedicata a Papa Francesco, un pontefice che con la sua semplicità è riuscito a far breccia nel cuore dei credenti. Ci si chiede: c’è un segno miracoloso nel suo cammino? A Buenos Aires, mentre era vescovo, un’ostia si è trasformata in carne. Bergoglio ha già dichiarato in passato che per lui i miracoli esistono. 

Nel servizio si ripercorrono i possibili prodigi collegati al Pontefice: l’ultimo, forse, è quello legato ad una bambina americana, che il Papa ha baciato sulla fronte a Philadelphia. La piccola, malata, da quel momento, sembra che stia meglio. 

La strada dei miracoli papa 2 febbraio

La corrispondente dagli Stati Uniti si è recata a casa dei genitori della piccola per intervistarli. “L’ha baciata esattamente nel punto in cui aveva il tumore“, dice il papà. Per lei non c’erano speranze, a causa di un tumore giudicato inoperabile al cervello. “Feci un sogno: vidi in cima alle scale Papa Francesco e Santa Gianna che aspettavano la mia bambina. In quei giorni il Pontefice doveva venire a Philadelphia ed andammo lì per incontrarlo“, dice la mamma. 

Dopo l’incontro con il Papa, dice la donna, il tumore è regredito. La coppia crede che il Papa abbia intercesso presso Dio per salvare da morte certa la piccola. L’argomento è delicato, giustamente la conduttrice definisce “prodigioso” l’accaduto. 

La strada dei miracoli gianna 2 febbraio

Altra esclusiva, con l’intervista ai coniugi Martini. I due hanno avuto una figlia, che prima di nascere era stata benedetta dal Pontefice. Gli sposi parlarono brevemente con il Papa suggerendogli di dare lui il nome alla bimba. Bergoglio li invitò a chiamarla Maria. Safiria Leccese parla con i genitori della piccola, che oggi compie 16 mesi.

La strada dei miracoli martini 2 febbraio

Perché Bergoglio ha scelto di chiamarsi Francesco? Lui stesso ha raccontato che al momento della sua elezione, il cardinale che gli stava accanto gli disse: “Non dimenticarti dei poveri“. E allora, il succssore di Ratzinger decise di scegliere il nome del Santo d’Assisi.

Qui comincia la storia del patrono d’Italia, protagonista del secondo blocco della trasmissione. La sua vita ricostruita tramite immagini della fiction di qualche anno fa con Raoul Bova, mentre l’inviata Alessandra Borgia è nella località umbra, nei luoghi più significativi della sua esitenza. Occasione anche per raccontare quella di Santa Chiara, che è la patrona della televisione.

La trasmissione mostra un documento inedito su nuovi miracoli di San Francesco. Si tratta di una pergamena, nelle mani di uno storico francese. Si tratta di appunti di Tommaso da Celano, biografo del Santo. Tra i prodigi, la resurrezione di un giovane, Gerlandino, schiacciato da una pressa durante la vendemmia.

Ci sono anche dettagli sulla vita personale del Santo: si vestiva con una tunica povera, quando c’era un buco sul vestito, lo rifaceva con la corteccia degli alberi o delle erbe. 

La strada dei miracoli miracoli 2 febbraio

Le stimmate che Francesco ricevette sono le uniche riconosciute dalla Chiesa. È il settembre del 1224 e ciò avvenne sul monte Verna, dove il religioso salì per pregare. Gli studiosi hanno parlato di quell’episodio in modo divergente. C’è l’alternanza tra le parole di una storica, che contestualizza l’accaduto, e immagini di fiction, che rendono più accattivante il servizio. 

La strada dei miracoli bova 2 febbraio

Safiria Leccese intervista la messicana Suor Graciela. Un passato di soprano per lei, poi trasformatasi in monaca francescana. Andò in vacanza in Italia, ad Assisi. In quel periodo la donna era in profonda crisi personale e voleva mollare tutto. Pregò San Francesco alla Porziuncola. Da lì è iniziato il percorso che l’ha portata ad indossare l’abito di suora. Adesso è molto attiva nel sociale e aiuta i giovani a cantare. 

La strada dei miracoli graciela 2 febbraio

Alessandra Borgia mostra ai telespettatori la cella in cui visse e morì San Francesco. Sembra però esserci qualche piccolo problema nella diretta, con qualche disattenzione nello spegnimento dei microfoni della conduttrice. Anche nella prima parte la Leccese è andata in onda prima di quanto se lo aspettasse.  

La strada dei miracoli cella 2 febbraio

Poi, le telecamere vanno a Subiaco dove c’è l’unico ritratto del Santo mentre era in vita. Un bel colpo, l’argomento è stato affrontato in maniera ampia e con degli spunti interessanti. 

La strada dei miracoli ritratto 2 febbraio

Momento intervista ad Annalisa Minetti, che già era stata ospite al programma in passato. È accompagnata dalla mamma, Filomena. Anche l’altra figlia della donna ha lo stesso problema della cantante. Le due sorelle si sono supportate in ogni momento, con l’aiuto della mamma. Filomena è corretta dalla figlia quando dice che quella di Annalisa è una “malattia“. La Minetti preferisce chiamarla “percorso“. 

Filomena Minetti racconta che, nei primi momenti della malattia della figlia, dice di aver visto accanto al suo letto Giovanni XXIII che la tranquillizzò. Il papà della cantante invece pare che vide la Vergine, che come il Pontefice lo rassicurò circa la malattia di Annalisa.

La Minetti nelle sue parole mostra tutta la sua determinazione e la sua voglia di vivere, la stessa mostrata nella sua precedente apparizione al programma. Un bel colloquio, con le due ospiti che simpaticamente battibeccano tra loro.

Annalisa Minetti è anche iscritta all’università: nei prossimi giorni sosterrà un esame di informatica. Parla del figlio, con cui ha un rapporto molto intenso. Chiusura con un brano cantato dall’intervistata. 

La strada dei miracoli minetti 2 febbraio

Collegamento con Medjugorje, dove c’è Paolo Brosio che oggi ha assistito all’apparizione della Madonna ad una veggente. Oggi per il giornalista è un momento importante: sono trascorsi 6 anni esatti dall’inizio del suo periodo di conversione

Le telecamere c’erano, seguendo attentamente il volto della donna, Mirjana, durante la sua estasi. La Madonna le avrebbe detto che i fedeli devono pregare con costanza per avere amore e pazienza. Cecchi Paone, come già esposto molte volte, è molto scettico su quanto visto. Brosio, ovviamente, la pensa in tutt’altro modo ed il dibattito, finora assente, si accende. A fermarli è solo la pubblicità.

La strada dei miracoli brosio 2 febbraio

L’approccio alla questione dei veggenti di Medjugorje è anche scientifico. In un servizio vengono mostrati gli esami cui sono stati sottoposti da medici specializzati. Il tema è già stato affrontato in un puntata di qualche tempo fa. Ad ogni modo, i test medici hanno dimostrato che i veggenti, quando dicono di vedere la Vergine, entrano in uno stato di trance. Nel filmato sono intervistati anche i medici che hanno fatto parte dell’apposita commissione che li ha esaminati. 

La questione è aperta, tra studiosi che affermano che le visioni siano il frutto dell’attività del cervello e chi invece è più aperto alla possibilità di eventi straordinari. Cecchi Paone etichetta i veggenti come dei “geniali truffatori“. Brosio: “Medjugorje è la sorgente di spiritualità più importante del mondo“. Inutile dire che i due battibeccano con animosità

La strada dei miracoli estasi 2 febbraio

In studio c’è il professor Mattalia, che ha fatto parte della commissione. Il fatto che sia gastroenterlogo suscita il riso di Cecchi Paone. Un commento irrispettoso, che giustamente Safiria Leccese fa notare al giornalista. Lui però non accetta l’appunto e le dice che deve lasciarlo libero di ridere perché non accetta che un medico che non si occupa di un’altra materia abbia potuto studiare casi del genere. 

Finalmente Mattalia parla, sostenendo che ha sempre studiato questi fenomeni in modo collaterale al suo lavoro. Spiega i risultati della sua attività, aiutato da specialisti del settore. “Prima di venire a sparare a zero, bisogna documentarsi“, ammonisce il medico. Aggiunge: “Uno stato psicofisico del genere può essere ricondotto ad una situazione di estraneità dalla realtà circostante“. E continua: “Non possiamo dire che vedano effettivamente la Vergine, ma si possono escludere che ci fossero situazioni patologiche, tra cui l’assunzione di droghe. Per quello che riguarda i nostri studi, la loro non è una frode“. 

La strada dei miracoli mattalia 2 febbraio

Don Mazzi dice che, a prescindere da apparizioni mariane o meno, ammette che i fedeli tornati da Medjugorje hanno una carica spirituale unica e che lui stesso invidia. Anche la Giacobini non si esprime: “Le sicurezze non esistono né nell’uno e nell’altro lato“. Banzato: “Da credente, aspetto il giudizio della Chiesa“. Polidoro:Il problema di questi studi è che non vengono mai pubblicati da una rivista scientifica di livello“. 

La strada dei miracoli mazzi 2 febbraio

Lo psichiatra Tonino Cantelmi cerca di dare una spiegazione su ciò che può accadere nella testa dei veggenti di Medjugorje durante le loro presunte apparizioni. Al momento della visione, si disattiva l’area del cervello dell’orientamento, per cui si perdono i contatti con l’esterno.

Si attiva l’area associativa dell’attenzione che creerebbe immagini autonome indipendenti dall’esterno. Ciò non vuol dire, secondo il medico, che tutte le esperienze siano suggestione: “Il nostro cervello è predisposto all’incontro con il trascendente“.

Ne segue un altro breve dibattito, meno acceso rispetto al primo, ma in cui gli ospiti ripetono, argomentandole, le loro posizioni sul tema. Colpo di coda di Cecchi Paone, che con ironia saluta Brosio: “Ma perché non ti fai prete?“.

La strada dei miracoli cantelmi 2 febbraio

Nuovo collegamento da San Giovanni Rotondo. Le spoglie di San Pio da Pietrelcina partiranno domani alla volta di Roma. L’arrivo in Capitale è previsto per le 15.00. 

L’attenzione all’attualità è evidente sull’argomento che chiude la trasmissione. Le telecamere sono andate al family day a Roma, con interviste ai partecipanti alla manifestazione. La domanda che si fa è: giusto che anche i sacerdoti si sposino? In studio un ex sacerdote, Ernesto Miragoli, ora sposato con tre figli e l’ex Fra Cionfoli in collegamento. 

La strada dei miracoli prete 2 febbraio

Fra Cionfoli ha abbandonato la veste talare e dice la sua: “Non credo che far sposare i preti sia una soluzione giusta, perché la famiglia prevede impegni che toglierebbero del tempo al loro ministero“. Don Davide Banzato pensa che prima di tutto bisogna capire se si è chiamati al celibato oppure no. 

La strada dei miracoli banzato 2 febbraio

C’è qualcuno che nella Chiesa è favorevole al matrimonio per i sacerdoti: è il sacerdote romano Giovanni Cereti, che ha chiesto al Papa di riammettere al ministero coloro che sono stati costretti ad abbandonare l’abito talare dopo essersi sposati. “Sarebbe il superamento di una legge ecclesiastica e non di un diritto divino“, afferma. E anche i suoi parrocchiani dimostrano, almeno quelli intervistati, di essere d’accordo con lui. 

Cecchi Paone è favorevole, citando anche la sua personale esperienza: il giornalista infatti da giovane fu fidanzato con una svedese, che poi ricevette la vocazione ed ora è un pastore luterano.

Ernesto Miragoli si innamorò di una donna mentre era sacerdote. Dopo un periodo di riflessione decise di lasciare il ministero. “Auspico che il Papa non  escluda dalla sua agenda il discorso del celibato facoltativo“. Don Mazzi: “Il celibato o meno non risolve del tutto il problema dei preti, ma una grande parte sì. La crisi attuale dei sacerdoti è molto più profonda oggi“.

Un argomento di attualità che si rivela ricco di spunti di riflessione: proprio per questo era meglio collocarlo in scaletta prima e non a conclusione del programma.

La strada dei miracoli cereti 2 febbraio

Termina qui La strada dei miracoli. Prossimo appuntamento martedì 9 febbraio, sempre su Rete 4, alle 21:10.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nasco a Napoli nel 1989, ma la mia città è San Giorgio a Cremano, la stessa di uno dei miei miti: Massimo Troisi. Gli studi mi hanno portato a Roma, dove mi sono laureato in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione alla Sapienza. Sono giornalista pubblicista. Il varietà è il mio genere preferito, sia in tv che in radio. A ruota seguono serie tv e quiz. La mia passione è il Festival di Sanremo: da piccolo fantasticavo di cantare sul palco dell'Ariston, ora mi limito a sognare di condurlo!

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Talk show

Non è l’Arena 27 ottobre: dal Green pass al reddito di cittadinanza- anticipazioni

Tutte le anticipazioni sulla puntata del talk show condotto da Massimo Giletti in diretta su La7 in prima serata.

Pubblicato

il

Non è l'Arena 27 ottobre 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non è l’Arena torna con la puntata di mercoledì 27 ottobre 2021 in onda in diretta alle 21:15 su La7. Al timone Massimo Giletti.

Molti gli argomenti di cui si occupa anche questa sera il giornalista e conduttore. Si va dal Green Pass ai certificati medici per malattia, passando per i no vax. Poi spazio all’economia: si parlerà di reddito di cittadinanza e pensioni, argomento molto sentito negli ultimi giorni per il braccio di ferro tra Governo e sindacati. Infine approfondimento sull’inchiesta dei rifiuti tossici in Toscana.

Non è l'Arena 27 ottobre 2021 anticipazioni

Non è l’Arena 27 ottobre 2021 – anticipazioni

Nuovo appuntamento oggi, mercoledì 27 ottobre, con “Non è l’Arena” il programma di Massimo Giletti in onda in diretta alle 21:15 su La7.
In primo piano il Green Pass: mentre si fa sempre più concreta l’ipotesi di una terza dose per tutti continuano le manifestazioni contro la carta verde e la piazza di Trieste è in attesa di una risposta dal governo per la sua abolizione. A discutere sull’argomento ci sarà in collegamento il portuale triestino Fabio Tuiach, ex campione di pugilato ed ex consigliere comunale di Forza Nuova, leader della protesta no pass che ha contratto il Covid.
In studio tornerà Mariano Amici, medico no Vax di Ardea sospeso dal servizio per non essersi vaccinato. Si parlerà anche del boom dei certificati medici per malattia dal primo giorno dell’entrata in vigore del Green Pass. Per il dibattito Luca Telese, Vauro e Francesca Fagnani.Non è l’Arena 27 ottobre
Tra gli argomenti centrali della puntata il reddito di cittadinanza e le pensioni. Come cambieranno?
Se ne parlerà con Claudio Durigon, Luigi Scordamaglia, Gianluigi Paragone e Alessia Morani.

Inchiesta rifiuti Toscana

Non si ferma l’inchiesta di Giletti e la sua squadra in Toscana sullo scandalo del depuratore e dei fanghi tossici nascosti nei sottofondi stradali. Chi doveva garantire la salute dei cittadini lo ha fatto davvero?
In collegamento il comitato No Keu formatosi all’indomani dell’inchiesta della Dda che si batte per ottenere delle risposte sulla vicenda. In studio Danilo Lupo e Agnese Pini, direttore de La Nazione.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Talk show

La versione di Fiorella in seconda serata su Rai 3 – anticipazioni

Nuovo appuntamento in seconda serata con la cantautrice romana in onda il lunedì, il giovedì e il venerdì.

Pubblicato

il

La versione di Fiorella Rai 3
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Fiorella Mannoia è la protagonista della seconda serata di Rai 3, tre volte a settimana con “La versione di Fiorella”, in onda dal 25 ottobre, alle 23:15 ogni lunedì, giovedì e venerdì.

Fiorella Mannoia torna alla conduzione dopo La musica che gira intorno, andato in onda su Rai 1 il 15 e il 22 gennaio 2021.

La versione di Fiorella Rai 3 format

La versione di Fiorella – anticipazioni

Il programma prende spunto da Almanacco del Giorno dopo, lo storico programma di Rai 1 andato in onda tra la metà degli anni ’70 e la metà degli anni ’90, per darne una nuova versione, in cui si racconteranno eventi accaduti nello stesso giorno della messa in onda, ma in altri anni e in altre parti del mondo, festeggiando anche i compleanni e le ricorrenze di quella data.

La versione di Fiorella Rai 3 ospiti

Format

Ogni puntata avrà degli ospiti che interverranno nel racconto portando la loro testimonianza diretta o indiretta dei fatti del giorno.  La musica e i filmati di repertorio saranno gli elementi principali del racconto. Ma ne ‘La versione di Fiorella’ le cose a volte si ribalteranno e così gli ospiti si troveranno ad avere ruoli insoliti. Attori che si divertiranno a cantare e suonare e cantanti che diventeranno interpreti di storie.

Gli ospiti della prima puntata saranno Sigfrido Ranucci, Caparezza e Gennaro Esposito. Oltre alla sua band, ad accompagnare Fiorella in questa avventura ci saranno l’autore e comico televisivo Stefano Rapone e la filosofa e scrittrice Ilaria Gaspari.

La versione di Fiorella Rai 3 puntate

La versione di Fiorella – ospiti 28 e 29 ottobre

Nella seconda puntata, in onda giovedì 28 ottobre, tra gli ospiti anche Willie Peyote mentre a chiudere la settimana, venerdì 29 ottobre ci saranno Fulminacci e Claudio Santamaria.
La versione di Fiorella è una produzione Rai 3 e Friends&Partners. La regia del programma è affidata a Flavia Unfer mentre il team autorale è composto dalla stessa Fiorella Mannoia, Giovanna Salvatori, Massimo Martelli, Pietro Galeotti, Antonio Pascale, Simone Di Rosa e Carlo Di Francesco, che ne cura anche la direzione musicale.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Talk show

Non è l’Arena 20 ottobre: dall’inchiesta sul sistema Salerno al mondo degli escort – anticipazioni

Tutte le anticipazioni sulla puntata del talk show condotto da Massimo Giletti in diretta su La7 in prima serata.

Pubblicato

il

Non è l'Arena 20 ottobre anticipazioni
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non è l’Arena torna con la puntata di mercoledì 20 ottobre in onda in diretta alle 21:15 su La7. Al timone Massimo Giletti.

Molti come al solito gli argomenti di cui si occupa anche questa sera il giornalista e conduttore. Si va dalla protesta dei lavoratori no Green Pass ad un argomento abbastanza scottante di cui si parla molto poco: si tratta dei cosiddetti escort.

Non è l'Arena 20 ottobre

Non è l’Arena 20 ottobre – anticipazioni

Giletti ad inizio puntata dopo aver dato uno spazio ai risultati delle recenti elezioni amministrative, si ferma a discutere e riflettere sulla protesta dei lavoratori no Green Pass. Fino a che punto si spingerà tale sollevazione che ha interessato tutta Italia ma soprattutto la città di Trieste?

Per il quarto giorno consecutivo i contrari alla certificazione verde si sono dati appuntamento in piazza Unità a Trieste, dopo che sono stati effettuati gli sgombri nella zona del Porto.

Da sottolineare le difficoltà nel pomeriggio di lunedì con forti ripetuti momenti di tensione tra i manifestanti e le forze dell’ordine.

Ricordiamo anche che il movimento triestino no Green Pass ha deciso di creare un vertice chiamato Coordinamento 15 ottobre. La data è stata scelta perché proprio dal 15 ottobre è diventato obbligatorio l’uso del Green Pass nei posti di lavoro.

Nella piazza di Trieste sono arrivati anche no Green Pass da altre città e regioni italiane Grazie soprattutto al tam tam che è stato o effettuato sui social ma soprattutto su TelegramGiletti infatti si collega in diretta dalla piazza di Trieste. La città è diventata oramai simbolo di questa battaglia. A discuterne in studio ci sono Sandra AmurriGuido CrosettoCarlo CalendaTommaso CernoMomi El Howi e Marco Liccione.

Non è l'Arena 20 ottobre escort

Inchiesta sistema Salerno

Un altro argomento importante di cui si occuperà questa sera Massimo Giletti è quanto sta accadendo nella città di Salerno. Uomini molto vicini al governatore della Regione Vincenzo De Luca sono al centro di un’inchiesta sui presunti affidamenti di appalti nel comune di Salerno in favore di cooperative che, in cambio, avrebbero portato pacchetti di voti.

A discuterne in studio ci sono Nello TrocchiaMichele Sarno e Peter Gomez.

Un altro argomento interessante e di attualità è un viaggio fatto da Massimo Giletti e dai suoi ospiti nel mondo della prostituzione maschile. Si tratta di una realtà della quale si parla molto poco perché nessuno ne vuole discutere.

Un argomento che vive nell’ombra ma su quale ha acceso un faro la storia del caso Morisi. A discuterne in studio ci sono Vladimir Luxuria e Luca Borromeo un escort professionista.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it