logo


Nicola Piovani

 La musica colta in TV: perché finisce nelle ore piccole? E’ la domanda di sempre, che rivolgiamo al Premio Oscar Nicola Piovani che è il protagonista su Rai5 in prima serata di "La cometa musicale di Piovani". Sì, perché Piovani è un compositore ‘liminare’, che sfiora la soglia, sta sul limitare dei due confini invisibili e perpetumente ondeggianti fra la musica classica e l’altra, la musica leggera, oggi definita pop, di cui non di rado egli – nelle colonne sonore, nella musica da concerto, nelle canzoni - cattura eco, sonorità, ed anche stilemi.



D’altro canto la personalità di Piovani non ama le barriere, la separazione netta – per lui inesistente - fra due mondi che appartengono entrambi all’universo dei suoni. Forse per questo Piovani è amato, seguìto, ascoltato: e la sua musica non finisce nei ghetti degli ascolti in TV a notte fonda, c’est à dire nei non-ascolti, perché la gente che lavora (ma anche chi è disoccupato) a quell’ora va a dormire.

Nelle sue opere c’è qualcosa di grato, di consueto, di familiare: attorno a Piovani si raccolgono i giovani, come attorno a Giovanni Allevi. Infatti sono due esponenti – specie Allevi – anche della musica di stampo classico (il secondo gradisce di esser definito ‘nuovo Mozart’), in cui affiorano elementi di matrice diversa, inconfondibilmente pop, come i sound ripetitivi,  che attirano la componente giovanile degli ascoltatori.

piovani noa

Nicola Piovani con Noa

Nicola Piovani con NoaMa ecco che alla domanda del cosa fare per evitare il confinamento della classica in TV nelle ore piccole, Piovani risponde in modo sorprendente: “Quello che fa la differenza è molto semplice da scoprire: ciò che prevale è l’audience, la sovranità dell’audience. E’ questa che decide, è il seguito di pubblico. Il discorso vale per tutto il resto, per l’ambito dello sport, della moda, dell’arte, della cronaca, della politica. Quante volte una notizia importante non arriva affatto in TV, a vantaggio di altre meno impegnative. La TV dipende dall’audience, specialmente quella generalista”.

Ma davvero nel determinare l’audience non c’entra la difficoltà del linguaggio della musica? “Io ho assistito sempre ad un successo assoluto fra i giovani, dinanzi alle composizioni di Beethoven o di Verdi, in concerto. Il linguaggio musicale non è difficile come si pensa”.

 

La piovani caricatura di fellini

 

La caricatura di Piovani fatta da Federico Fellini

Però lo è indubbiamente quello della musica contemporanea… “No, non accetto questa differenziazione. Anche per la musica di Evangelisti, Sciarrino o Xenakis è solo un  problema di ascolto, di capacità di ascolto. La scuola pubblica è una vergogna in tal senso, quanto ad indifferenza per l’assenza di insegnamento musicale nei licei, dove si studiano Dante, Shakespeare, Einstein, ma nulla di Bach, di Verdi, di Stravinskij”.

Infatti, forse, se fin da bambini…  “E’ risaputo che il fanciullo nei primi anni di vita recepisce in modo straordinario: l’ascolto dei compositori contemporanei, della chitarra elettrica e di altri suoni della musica di oggi, lascerebbero in lui tracce indelebili, che lo guiderebbero nell’età adulta. La scuola è responsabile”.

parco della musica

Parco della Musica

Lo afferma anche la voce possente di Uto Ughi, che si richiama tuttora alla ‘sorpassata’ scuola pubblica, dove ti insegnavano che in greo έβην  è l’aoristo forte di βαίνω e vuol dire ‘io andai’, in modo tale che non te lo dimenticavi più, nemmeno a 80 anni. Comunque niente steccati, la musica - come la danza - è una. Se chiediamo ancora a Nicola Piovani quale realtà, anche nel suo campo, è per lui oggi più pericolosa, risponde: “L’intolleranza”.  
                                                            

Ultima modifica Lunedì, 08 Febbraio 2016 10:29
Paola Pariset.

Giornalista, specializzata nell'ambito dell'arte della musica, della danza e non solo.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo