Ritorno al futuro- 30 anni dopo, stasera su DMax


Il compleanno della pellicola che fu un cult degli anni Ottanta

 Oggi, 21 ottobre 2015 è una data importante per il film Ritorno al futuro: riandando indietro al secondo capitolo della trilogia omonima, questo era il giorno in cui Doc Brown (intepretato da Christopher Lloyd) e Marty McFly (Michael J. Fox) arrivano nel futuro con la loro Delorean. Naturalmente, negli anni in cui fu girato il film non c’erano Internet, personal computer, smartphone, iPad o CD.

Sono trascorsi 30 anni dall’uscita della pellicola nelle sale cinematografiche. E oggi, mercoledì 21 ottobre alle ore 22:55 DMax propone “Ritorno al futuro- 30 anni dopo”, lo speciale che ci fa vedere la tecnologia usata nel secondo episodio della saga. La singolarità dello speciale è che verifica finalmente quanto Robert Zemeckis ha correttamente previsto e quanto, invece, sovrastimato.

Steven Spielberg ha prodotto nel 1985 il primo Ritorno al futuro: l’incasso del film, rivelatosi un enorme successo al botteghino con 322 milioni di dollari, porta a due sequel. Nel 1989, nel secondo episodio della saga, il protagonista Marty McFly viaggia nel futuro, un futuro che diventa un mito per un’intera generazione. Il futuro visitato nel film è il nostro presente.
Intere generazioni sono cresciute con questo cult degli anni ’80 e oggi si scopre che le invenzioni del film non erano così lontane dalla realtà: automobili con il pilota automatico, schermi ultrapiatti, proiettori olografici e realtà virtuale.

Nello speciale di un’ora si metterà a confronto il mondo concepito dal regista Robert Zemeckis e dallo sceneggiatore Bob Gale con il mondo di oggi, quello del 2015.

“Una fonte di ispirazione che spinge ad inventare cose nuove” dice Bob Gale, sceneggiatore e co-produttore del film.
“Credo che abbiamo proposto una previsione accurata al 50% del futuro – afferma il regista Robert Zemeckis – il film tocca alcune fantasie universali che in fondo sono comuni a tutti”.

Il mondo di oggi è paragonabile a quello futuristico mostrato nel film? Siamo in grado di volteggiare sui “volopattini”? Gli animali usano internet? Esistono le scarpe con gli “autolacci”?

Ritorno al futuro  il cui titolo originale è Back to the Future è interpretato da Michael J. Fox e Christopher Lloyd.

Il primo episodio della trilogia omonima, è considerato un’icona del cinema degli anni ottanta e ha riscosso un enorme successo a livello internazionale. La pellicola ha ricevuto il premio Oscar al miglior montaggio sonoro.

Nel 2007 è stato scelto per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

In occasione del suo 25º anniversario, il 27 ottobre 2010 il film è stato riproposto per un solo giorno nelle sale cinematografiche italiane. La stessa cosa accade oggi 21 ottobre 2015.



Potrebbe interessarti anche:


0 Replies to “Ritorno al futuro- 30 anni dopo, stasera su DMax”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*