Tù Sì Que Vales, puntata dell’ 11 novembre: lite Venier-Mammucari


Settima puntata per l'edizione 2017 di Tù Sì Que Vales, lo show del sabato sera di Canale 5. Ospiti della serata, Massimo Giletti e Riki.


Il conduttore, ex volto Rai, è intervenuto in vista del debutto su La7 con Non è l’Arena.
Alla conduzione Belén Rodriguez e Martin Castrogiovanni; in giuria Maria De Filippi, Gerry Scotti, Rudy Zerbi e Teo Mammucari. A rappresentare la giuria popolare in studio, Mara Venier. E proprio tra la Venier e Mammucari si è scatenato un acceso litigio.

Abbiamo seguito il programma in diretta, in onda sulla rete ammiraglia del Biscione a partire dalle 21.10. Ripercorriamo quanto avvenuto.

Si comincia con le acrobazie al tappeto elastico degli I-Team: le acrobazie “a rischio dell’osso del collo”, De Filippi dixit, valgono al gruppo quattro si.

Tocca a Francesco Addeo, mago e illusionista. Mammucari ironizza: siccome ha scelto la Venier come “valletta”, allora parte già avvantaggiato per non essere scoperto. La performance verte sulla digitopressione: vale, ma Mammucari dice no perché trova di doverlo “castigare” un po’.

Adriano Palmucci canta We are the world, cambiando di volta in volta voce. Dopo poche note, Zerbi sentenzia “ciao”: effettivamente, il concorrente non è né imitatore né cantante. Non vale: Scotti lo ringrazia comunque di aver provato, mentre la De Filippi pensa che sia stata comunque apprezzata la persona.

In attesa della prossima edizione, uno scherzo alla giuria: va via la luce, e un fantasma si aggira per lo studio. Belén scappa, la Venier urla.
Le esibizioni ricominciano con Lutz Eicholtz: l’uomo compie una serie di acrobazie sul monociclo. Termina in bellezza “pedalando” su una fila di colli di bottiglia, con le bottiglie posizionate in verticale.
Zerbi critica gli errori: avrebbe dovuto presentarsi al meglio, come un’eccellenza, invece ha sbagliato. La De Filippi osserva che con le sue defaillance ha reso umano quello che sembra impossibile; Mammucari e Zerbi battibeccano. A Lutz viene offerta la possibilità di ripetere la performance, e stavolta non c’è alcun errore. Vale.

Di rosa vestito, 72 anni di energia, Vincenzo si rivolge direttamente a Gerry Scotti perché gli vuole bene. Balla, ed è subito Scuderia:  Scotti lo testa per un trenino di Capodanno, con tanto di giudici al seguito.

Alain Robert si arrampica sulla Nuvola di Fuksas, all’Eur: non avendo cavi di sicurezza, quando si arrampica sugli edifici di tutto il mondo, spesso i suoi tentativi sono considerati fuorilegge.
Dal microfono si sente il fiato sempre più affaticato, mentre l’uomo sale usando solo una polvere di gesso su mani e piedi. Vale, il pubblico assegna il 98% di consensi.

Si torna dentro lo studio per Annette e Yannick: sui pattini a rotelle, la coppia lascia letteralmente a bocca aperta la giuria per la difficoltà del numero: lui mette la compagna sulla testa, la fa roteare fino a toccare il pavimento. Naturalmente valgono all’unanimità.

Le esibizioni dei concorrenti si interrompono un’altra volta, per lasciare spazio alla seconda parte dello scherzo: sotto il lenzuolo del fantasma c’era l’attore che nelle puntate precedenti aveva tentato di baciare la Venier.

Si va avanti: i Big Bubble Soccer Italia introducono uno sport nato in Norvegia. Indossato un costume a forma di palla trasparente, ogni giocatore deve riuscire a rimanere in piedi, tutto cercando di tirare anche dei calci a un classico pallone. Passano.

Ci spostiamo all’esterno con Loris e Martina: guida spericolata su un’ape, in una sorta di rally alternativo. Valgono, il pubblico dà vota al 95% si.

I Gemelli di Guidonia sono davvero fratelli: si ispirano ai Neri per Caso, di cui cantano un brano a cappella. Ma ci sono pure Shakira e Marco Mengoni, che pure vengono imitati: via via lo sketch si alterna con battute sulla musica italiana.
Piacciono, Mammucari apprezza che siano una famiglia che si diverte insieme. La Venier si arrabbia per un commento di Mammucari, l’ennesimo in cui le dà della stupida, mandandolo a quel paese e urlandogli che il pubblico non lo ama: la Venier esce dallo studio. Intanto il pubblico ha assegnato il 100% di si ai Gemelli di Guidonia.
La poltrona della presidente di giuria popolare rimane vuota: la De Filippi raggiunge la collega dietro le quinte. Poco dopo chiama Mammucari: i due si chiariscono.
Lo show riprende: solo Scotti si alza per mandare il gruppo direttamente in finale.

Antonio Vargas Monitel, a suon di flamenco, interpreta un numero con una sedia. i giudici lo trovano bravissimi, il pubblico gli dà il 74% ma per la Venier è troppo poco. La Venier si lascia anche scappare che antonio è un “figo”: Zerbi è quasi commosso da da tanto amore per l’arte.

Matteo Girardi, chef, presenta dei piatti da assaggiare. Preferisce non dire quali siano gli ingredienti: siccome la premessa è sulla scarsità di materie prime nel pianeta, la De Filippi non si fida e preferisce non assaggiare. Mammucari pensa subito che il ripieno della pasta siano insetti: Zerbi gli risponde che “magari, fossero solo grilli”.
Scotti, Venier, Zerbi e Mammucari procedono all’assaggio: il sapore è buono. Al termine lo chef svela l composizione dei piatti: locuste, formiche saltate con un verme sudafricano, grillo.
Bella provocazione per Scotti, Zerbi ringrazia per la possibilità di conoscere qualcosa di nuovo; Mammucari spera di morire presto, prima che si presenti il problema della sostenibilità. Vale.

Sospese in aria, appese alla fune, Charlotte ed Emma fingono di farsi i dispetti: le acrobazie diventano pretesto per uno sketch divertente: valgono.

È la volta di Pierpaolo: azzarda Perdere l’amore, fallendo clamorosamente. La De Filippi è contenta che abbia un’altra professione.

Incanta la danza della giovanissima Cosmary Fasanelli: la ragazza vale, con la raccomandazione di continuare a coltivare il suo talento.

Walter racconta di quando il fratello gli diceva che per fare quello che si vuole, bisogna fare quel che non si è mai fatto: incoraggiato, mollò tutto per l’animazione turistica e il palco. Il monologo è incentrato sul credere in se stessi, a cui unisce un gioco di prestigio: il filo che usa è associato alla vita.
La giuria apprezza: vale.

Il prossimo in scaletta è Nicola Ielpo, arrivato per ballare Billie Jean di Michael Jackson. Gerry Scotti passa immediatamente al reclutamento in Scuderia.

Entrano saltellando i The Misfits Stunt Crew: pochi secondi, e uno spacca una chitarra in testa all’altro. La performance consiste nel farsi male: schiacciarsi la lingua in una trappola per topi, cadere da una scala a pioli.
La De Filippi non apprezza questo genere di spettacoli, perciò tenta di fermare l’esibizione. Mammucari rispetta il genere di “arte”, ma la collega non capisce dove stia l’arte: Mammucari le spiega che, in fondo, bisogna nascerci per riuscire a divertirsi in un simile modo. Zerbi ha sofferto guardandoli. Non passano.

Federico Mello, giornalista, si presenta senza un vero talento: mostra delle scritte che ha fotografato sui muri, tutte caratterizzate da ironia o significati profondi. Passa, il pubblico gli assegna il 92% di no.

David Pereira unisce danza e ginnastica artistica: grande eleganza nei movimenti, utilizza un carrello della spesa che non si muove nonostante i tanti contorsionismi. Vale all’unanimità.
Giuseppe Lanotte imita Adriano Celentano, ma con scarsi risultati. Non vale.

The Hoppers, trio swing, divertono e portano allegria nello studio. Simpatici come un cartone animato per Scotti, non convincono solo Mammucari. Zerbi vorrebbe capire il motivo reale del no: il giurato gli risponde che lì arrivano i fenomeni, perciò c’è di meglio. Passano comunque, promossi dall’88% della giuria popolare.

Spettacolo puro Johnny Filion: surreale, unisce la giocoleria alla mimica da clown. Si diletta con un cactus e un martello, tiene in equilibrio un fiammifero sul naso, suona la batteria mentre sta attento a non far cadere un piatto con sopra un cagnolino di peluche.

A mezzanotte passata, ecco Riki: uscito dalla passata edizione di Amici, gli viene consegnato il terzo disco di platino. Il ragazzo canta, poi corre ad abbracciare Zerbi commosso.

Impressiona Melodie Lamoreux, che maneggia fino a sei cerchi insieme: l’abilità è tale che, in alcuni momenti, i cerchi rallentano la velocità e sembrano fermi. Vale, 96% di si da parte del pubblico
Ci spostiamo all’esterno per i Jetsurf Team: il gruppo esegue acrobazie in acqua con un oggetto simile a un surf, ma comandato a mano con un dispositivo. Valgono.

Equilibrista sul filo indossando i tacchi: la “signora” della Compagnia Autoportante ci riesce, per poi raccontare una storia d’amore ballando insieme al compagno. I due valgono.
Quando Sebastian Matt entra, sembra che sia un mago: i continui errori invece, svelano presto che si tratta di uno sketch comico. Passa, nonostante il no di Mammucari.
Segue una breve successione di concorrenti scartati, tra cui uno che ha finto di suonare un battipanni.

In conclusione, il premio speciale: va a Massimo Giletti,che introduce una storia di diversità e solidarietà: quella dei minori arrivati in italia come immigrati, la cui narrazione è affidata alla compagnia Linee D’Ombra. Il conduttore non manca di ricordare il debutto di domani sera.

La puntata finisce qui, l’appuntamento è per sabato prossimo.



0 Replies to “Tù Sì Que Vales, puntata dell’ 11 novembre: lite Venier-Mammucari”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*