The Voice 2: i nostri giudizi sulle esibizioni della terza puntata


Le valutazioni sulle performance della terza puntata di audizioni


 

Ad aprire le danze è Francesco con “Cough Syrup” dei Young The Giant. Non molto distante dall’originale a dire la verità, ma ben tre coach si voltano: Piero Pelù, Raffaella Carrà e J-Ax. La scelta di Francesco ricade sulla showgirl.

Anche Alessandra dei Jalisse tenta la carta di “The Voice”. Il brano con cui spera di convincere i giurati è “Io canto”, ma – inaspettatamente – regala una performance inferiore alle aspettative. Le quattro sedie restano immobili e la cantante non supera il provino.

Sasha si misura con “Nothing’s Real But Love” di Rebecca Ferguson. Anche in questo caso c’è un’aderenza abbastanza evidente con la versione originale. Le due donne della giuria però le danno fiducia e la vogliono in squadra. A spuntarla è Noemi.

Valeria canta “One And Only” di Adele con una bella energia e trasporto che inducono il rapper e la Carrà a premere il pulsante. La ragazza si unisce alla squadra di J-Ax.

Giuseppe ha il coraggio di misurarsi con “Don’t Stop Me Now” dei Queen e non ne esce sconfitto. Certo il paragone con Freddie sarebbe impietoso oltre che fuori luogo, ma il ragazzo dimostra di avere grinta e padronanza del proprio mezzo vocale. J-Ax è il solo a non voltarsi; Raffaella invece è colei che si accaparra questo talento.

Nopemi

Antonio scimmiotta Eminem e la sua “Without Me”. Il rap culturalmente non appartiene alla nostra tradizione e soprattutto quando non è proposto in salsa pop, come molti artisti stanno facendo ultimamente in Italia, emergono tutti i limiti del caso. Inoltre il concorrente sul finale inserisce dei versi composti da lui in italiano, ma risultano incomprensibili. Eliminato.

Elisabetta dà voce all’“Amore disperato” di Nada. La ragazza è molto pop: immagine che buca lo schermo, voce buona e interpretazione fresca. Tutto questo brio molto probabilmente verrà sacrificato presto, nel frattempo la giovane si affida a Piero Pelù.

Mattia e la sua bizzarra versione di “Billie Jean” non passano il turno. Apprezzabile la scelta coraggiosa di stravolgere la canzone ma il risultato non ha lasciato un segno.

Carolina, figlia della speaker radiofonica Anna Pettinelli, si presenta a “The Voice” con “Fallin’” di Alicia Keys. Le capacità tecniche ci sono, così come quella di personalizzare il brano. Solamente Noemi sceglie di non girarsi. Per lei si aprono le porte della squadra di J-Ax.

La giovanissima Giorgia si esibisce sulle note di “Come foglie” di Malika Ayane e fa girare le poltrone di Pelù e Noemi. Un timbro molto riconoscibile, anche se a volte troppo roco. La ragazza sceglie come suo mentore Noemi.

Esther incanta con “Stay” di Rihanna. Timbro caldo e originale che viene fuori con grande naturalezza. Si voltano tutti tranne J-Ax, e la ragazza, fortemente contesa dagli altri tre giudici, sceglie Piero Pelù.

È poi il turno di Benedetta, sorella della cantante Valentina Giovagnini scomparsa nel 2009. La ragazza “spettina” la giuria con “Blues In The Night”. La sua voce è in grado di toccare vette molto alte, ed è intrisa di grinta e sensualità. Tutti la vorrebbero in squadra, ma Benedetta opta per il Team Pelù.

Pelù a The Voice 2

Sin dall’attacco, l’esibizione di Dario sulle note di “Sei solo tu” rivela il suo grande difetto: sembra un’imitazione di Nek. Anche i coach sono dello stesso pensiero, infatti nessuno si gira.

Federica porta sul palco “Una poesia anche per te” di Elisa. Tecnicamente inattaccabile e sicura nell’esecuzione, ma forse siamo davanti ad una voce molto classica e non così unica nel panorama musicale italiano. Pelù e Noemi schiacciano il pulsante e la concorrente decide di affidarsi al coach dalla chioma rossa.

Maria Afrodite canta “Do What U Want”, una delle canzoni più recenti di Lady Gaga. Non sempre a tempo, a tratti stonata. Ancora acerba. La ragazza viene eliminata.

Versione piano e voce di “Anche per te” di Lucio Battisti per Andrea. Interpretazione personale e convincente, vocalità matura, anche se considerando i talenti più estroversi e spettacolari visti finora non avrà vita facile nel programma. L’unica a volerlo è Noemi.

Debby Lou propone “Black Velvet” convincendo J-Ax e Noemi. Avrebbe forse potuto dare di più, soprattutto nella prima parte in cui sembrava frenata. La ragazza entra a far parte del team del rapper.

Mercoledì prossimo alle 21.00 assisteremo al quarto round delle audizioni al buio.

 

 

 

 

 



0 Replies to “The Voice 2: i nostri giudizi sulle esibizioni della terza puntata”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*