Pippo Baudo, la cultura si fa spettacolo, Rai Storia celebra gli 80 anni del conduttore


Una serata speciale che celebra gli 80 anni del personaggio simbolo della nostra televisione e va in onda su Rai Storia


{module Pubblicità dentro articolo}

Lo speciale è più di un lungo excursus nella vita professionale e nella carriera televisiva di Baudo, entrato in Rai nel 1960 dopo un provino fatto con Antonello Falqui e Lino Procacci. E’ un vero e proprio film pieno di sorprese e di colpi di scena.

Intanto nella televisione baudiana non c’è solo lo spettacolo “puro”, il varietà, il “sabato sera” targato Rai, le due Canzonissime, le numerose lotterie Italia, i dodici Festival di Sanremo, le “serate d’onore” da Montecatini Terme, i tanti game show condotti su Raiuno e Raitre e le centinaia di domeniche pomeriggio di Raiuno che portano la sua firma. Pippo Baudo ha attraversato nei suoi programmi – soprattutto quelli della domenica pomeriggio – i temi difficili della storia contemporanea e della cultura, dando spazio a libri, spettacoli teatrali, film d’autore, e conducendo preziose interviste a scrittori, registi, attori.

A seguire, alle 22.30 sempre su Rai Storia, obiettivo su “Fantastico 7” per la serie “Varietà”, il programma di Rai Cultura che racconta, con un approccio storico, i varietà trasmessi tra gli anni Settanta e Novanta. In onda dal 1979, lo show del sabato sera “Fantastico” ha un successo sorprendente e lancia molti nuovi volti dello spettacolo. Eppure l’edizione del 1986, la settima, è piena di polemiche e costa addirittura il posto in Rai al suo conduttore Pippo Baudo. Lo sketch del trio Lopez, Solenghi, Marchesini sull’Ayatollah Khomeini fa rischiare una crisi internazionale con l’Iran; Beppe Grillo se la prende con il partito di Bettino Craxi e Pippo Baudo, già icona della tv italiana, viene accusato dall’allora presidente Rai Enrico Manca di essere nazionalpopolare. A “SuperPippo” non resta che lasciare la Rai per emigrare alla Fininvest. A raccontare questa rocambolesca edizione Pippo Baudo, Luca Sabatelli, Nino Frassica, Antonio Dipollina e Giorgio Simonelli.

baudo 1

A seguire, alle 23.00, una sintesi della puntata d’esordio di “Fantastico 7”, trasmessa da Rai1 alle 20.30 di sabato 4 ottobre 1986, con la partecipazione di Tina Turner, Ornella Vanoni, Riccardo Cocciante e Gigi Proietti.

{module Pubblicità dentro articolo}

Ma il compleanno di Baudo è anche sul web con lo Speciale “Auguri Pippo Baudo”. All’indirizzo web www.raistoria.rai.it/categorie/auguri-pippo-baudo/1414/1/default.aspx sono presenti numerosi contributi video e fotografici: i suoi esordi e una gallery dedicata al suo primo successo televisivo Settevoci del 1966 (50 anni quest’anno), di cui non è rimasta nessuna registrazione Rai. E ancora, le interviste a personaggi della cultura e del cinema come François Truffaut e Fanny Ardant in una Domenica in del1982, all’artista, mimo e coreografo britannico Lindsay Kemp, ma anche lo storico scherzo fatto a Mike Bongiorno con Alberto Lupo e Corrado nella famosa trasmissione Teatro 10. E poi dal Fantastico 7 del 1986 la presentazione del giovane trio Lopez, Marchesini, Solenghi.

Molti altri personaggi saranno presenti, da Raffaella Carrà ad Alberto Sordi, da Carlo Verdone a Ugo Tognazzi.



0 Replies to “Pippo Baudo, la cultura si fa spettacolo, Rai Storia celebra gli 80 anni del conduttore”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*