Connect with us

Informazione

Figli del destino | conferenza stampa | le dichiarazioni dei protagonisti

Figli del destino | conferenza stampa | le parole dei protagonisti. La presentazione della serie tv in onda su Rai 1 che racconta la persecuzione degli ebrei attraverso la vita di quattro bambini che oggi sono persone adulte e sono fortunatamente scampate all'eccidio.

Pubblicato

il

Figli del destino | conferenza stampa | le parole dei protagonisti. La presentazione della serie tv in onda su Rai 1 che racconta la persecuzione degli ebrei attraverso la vita di quattro bambini che oggi sono persone adulte e sono fortunatamente scampate all'eccidio.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ecco le dichiarazioni degli intervenuti alla conferenza stampa

Una volta fatti gli onori di casa e presentati alcuni degli artefici della fiction, la parola passa alla direttrice di Rai-fiction, Eleonora Andreatta :” figli del destino si sposa bene con la produzione Rai fiction che si lega al nostro passato guardando al nostro presente. Il ricordare attraverso la memoria quei fatti, aiuta a far tornare tutto alla mente. La narrazione inizia nel 1938 e racconta delle leggi raziali e del loro inasprimento graduale. Il linguaggio è quello della docu-fiction che permette di raccontare il passato di storie vere, portando nel presente tramite la costruzione filmica, la storia dei bambini con la testimonianza degli adulti che ricordano. Liliana Segre dice che il tempo lenisce e permette di guardare a quell’epoca riuscendo a riprodurre i fatti. Vengono messe in scena quelle che secondo Lia Levi sono le vessazioni minori, ovvero i diritti di base minati dalla dittatura.
La produzione è stata proposta da Rossini. L’intento era raccontare la storia con pudore ma senza omettere nulla”.

Marco Spagnoli :” ringrazio tutti per la fiducia nell’accordare questo progetto. Mentre Foà si liberava insieme ai napoletani, Liliana Segre stava andando ad Auschwitz. Tutto nello spazio di un freccia rossa.
Noi vogliamo raccontare la storia secondo quattro punti di vista diversi. Si tratta di una storia di quattro bambini italiani che non sapevano di essere ebrei. Abbiamo cercato di offrire anche un senso di compassione”.

La senatrice Liliana segre ha mandato un contributo filmato, non potendo presenziare alla conferenza. : “ringrazio la Rai per aver raccontato la storia. Superata la paura di emozionarsi troppo ho capito l’obiettivo della Rai di narrare
il destino di questi quattro bambini che attraverso le loro storie hanno raccontato la brutalità di quella vita per privileggiare il bene”.

Tullio Foà :” Noi napoletani abbiamo avuto fortuna che grazie ai partigiani la Campania si è liberata da sola. Siamo stati il primo paese al mondo che si è liberato dai nazzisti senza aiuto di eserciti. La mia storia è quella di un bimbo di 5 anni che ha ricevuto degli aiuti. Noi non potevamo andare a scuola ma grazie all’organizzazione di Napoli ed al professor Amedeo Murro abbiamo potuto frequentare le lezioni.
Il professor Murro creò delle classi speciali e mi inserì nella classe nonostante avessi un anno di meno rispetto a quanto consentito.
Un’altra persona che ci aiutò fu Marcello Magrì che si intestò le utenze e gli affitti al posto della mia famiglia, così da permetterci di sparire nel nulla. Il momento piu bello è stato quando sono entrato nella scuola pubblica, quindi non più di nascosto. In quel momento ho riacquistato la mia libertà e dignità”.

Lia Levi : Io facevo la prima elementare a Torino e vennì cacciata. Iniziò l’epopea negativa della mia famiglia. Mio padre fu licenziato e noi dovemmo trasferirci, prima a Milano e poi a Roma. Le persecuzioni subite vanno divise in due fasi : prima eri un cittadino di seconda classe poi dopo l’ingresso dei tedeschi a Roma la situazione diventò catastrofica. Io ero più adulta ed iniziai a capire il rischio delle atrocità. A Roma ci salvammo grazie al patto dell’oro. I tedeschi non avrebbero deportato nulla in cambio di 50 kg d’oro. La ma famiglia era scettica e decise di portare me e le mie sorelle ad un collegio di suore..

Alla domanda “quanto è importante continuare a raccontare questa storia ?” Lia risponde :”è molto importante. io non capisco come personalità note dello stato possano crederle manifestazioni superficiali. La memoria non è ricordo ma elaborazione. Se il nostro presidente della repubblica ha dato impoortanza alla ricorrenza degli 80 anni è perchè qualcuno ha riconosciuto le colpe degli italiani”.

Tullio Foa : “parlare è importante. Nelle scuole spesso mi chiedono se mi voglio vendicare. io rispondo che non mi appartiene”.

Al produttore Mario Rossini viene chiesto se si è trattato di una produzione complessa: “il lavoro svolto è stato probabilmente più complicato di un film dato che abbiamo dovuto fare lunghe ricerche di repertorio. La voce narrante è di Neri Marcorè. Quando racconti dei bambini che si sentivano dire di non poter andare a scuola perchè erano ebrei, è come ricevere un pugno nello stomaco”.

La parola passa anche agli attori presenti oggi . Il primo ad intervenire è Massimo Poggio :” grazie a tutti per avermi dato la possibilità di partecipare a questo progetto molto importante. Vorrei evidenziare l’importanza di ascoltare le storie da chi ha vissuto di persona queste assurde vicende. Da un punto di vista attoriale, interpretare un ruolo così drammatico implica l’essere molto cauti e delicati. Essendo diventato padre l’anno scorso ho cercato di mettere a servizio di questa storia, la meravigliosa vicenda capitata nella mia vita”.

Massimiliano Gallo : “il mio personaggio, il commissario Pace, rappresenta l’importanza della bontà che può essere di aiuto per un’altra vita. Ringrazio Marco Spagnoli per avermi coinvolto in una cosa così bella”.

Patrizio Rispo :” ringrazio la regia per avermi fatto fare il preside e non il bidello, almeno cambiamo ruolo ogni tanto-. Io sono fortunato ad essre ben voluto, poiche la gente mi ferma per strada e mi pone delle domande dato che c’è troppa ignoranza in giro”. A proposito delle brutalità narrate nella fiction, dice :“a me non fa paura il dittatore o le SS ma i piccoli personaggi che hanno avuto dei ruoli, l’uomo che ha accompagnato al confine Liliana Segre o i bambini che le hanno girato le spalle”.

Interviene nuovamente Eleonora Andreatta :” sono contenta che Rai-fiction permetta di mostrare ad un pubblico adulto delle vicende che non si conoscono e a riporate alla luce dei temi come il disgregamento sociale.
noi abbiamo consentito alle scuole la visione dei nostri prodotti. Questa docu-fiction farà parte di un progetto in memoria della shoah”.

su richiesta della produttrice vengono ringraziati i bambini protagonisti che si alzano in piedi e ricevono molti applausi.

Le domande dei giornalisti

 

1. come si sono approcciati i ragazzi con i registi e cosa hanno pensato della pagina storica di questo paese?

Chiara Bono : ” è un’esperienza assurda sia a livello storico che attoriale. è inimmaginabile pensare che siano state vissute queste vicende”.

Giulia Roberto :” è stato molto difficile interpretare questi ruoli perchè non è pensabile che siano accadute davvero queste storie ma grazie ai produttori abbiamo potuto dare il nostro meglio.

Catello Alfonso Di vuoio :“mi sono preparato prima di girare e mi sono documentato a casa perchè mi piace la storia”.

Lorenzo Ciamei :” è stata un’esperienza molto bella ed emozionante”.

 2.  che tipo di lavoro è stato fatto con i bambini??

  Marco Spagnoli : “li abbiamo incontrati tutti e abbiamo scelto quelli che avessero più contiguità. Il grande lavoro lo ha fatto Francesco Miccichè. Noi non volevamo caricare i bambini di aspettative ma fargli interpretare al meglio i loro personaggi per offrire un messaggio al popolo.
i ragazzi sono stati bravi ad aiutarci a non far capire mai allo spettatore cosa stesse per accadere.”

Dopo questa risposta si chiude la conferenza stampa. L’appuntamento con Figli del destino è rimandato a mercoledì 23 gennaio, in prima visione.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giornalista pubblicista che nel corso degli anni si è cimentato negli ambienti di : calcio, spettacolo e Wrestling. So relazionarmi con tutti e sono sempre disponibile ad ascoltare l'opinione degli altri. Ho avuto esperienze organizzative e mi sono trovato a mio agio. Direttore,News broadcaster ed editorialista per un sito di Wrestling.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazione

Melaverde 25 luglio tra le provincie di Cuneo e di Trento

Tutte le anticipazioni sulla tappa odierna del programma condotto da Ellen Hidding e Vincenzo Venuto su Canale 5.

Pubblicato

il

Melaverde 25 luglio
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Melaverde torna domenica 25 luglio con la nuova puntata in onda alle 11.55 su Canale 5. I due conduttori on the road, Ellen Hidding e Vincenzo Venuto sono come sempre alla ricerca delle eccellenze del nostro Paese nei settori agricolo e agro alimentare. Ecco le anticipazioni della tappa odiena, dopo quella della scorsa settimana.

Melaverde 25 luglio in provincia di Cuneo

Questa settimana Melaverde raggiunge la provincia di Cuneo, per raccontare la frutticoltura. Che la “Granda”, così è chiamata la provincia del cuneese, avesse una tradizione legata alla frutta, lo abbiamo già raccontato parlando di kiwi, mele, pere e pesche.
Ma questa terra grazie alle sue condizioni climatiche favorevoli, accoglie anche impianti di ultima generazione dedicati a due frutti che non mancano mai sulle nostre tavole estive: Albicocche e Ciliegie.
Il programma inizia conoscendo la storia di queste coltivazioni che, da produzioni destinate al consumo domestico, si sono trasformate in tecnologici impianti dove cooperative organizzate di frutticoltori curano e seguono i frutti dal campo fino all’arrivo sulle nostre tavole.
Conosceremo una particolare varietà di albicocca: la Tonda di Costigliole che grazie ad un progetto di recupero sta tornando in questa terra. Poi Melaverde fa conoscere un’azienda che trasforma la frutta in prodotti destinati a gelaterie e pasticcerie di tutta Europa.
Non mancherà un passaggio in cucina fra tradizione e innovazione dove Albicocche e Ciliegie si esprimono al meglio con i dolci, ma possono avere un ruolo interessante anche in ricette salate. Avete mai pensato di abbinare l’albicocca al rosmarino?

Riserva di Biosfera nella Valle di Ledro

Melaverde si avventura, poi in una particolare valle trentina incastonata tra il lago di Garda e le Dolomiti: Una lingua di terra che grazie alla sua posizione geografica racchiude innumerevoli ambienti naturali che accolgono biodiversità straordinarie e specie uniche che vivono solo in questo territorio.

In questa puntata conosceremo la Valle di Ledro. In questa lingua di terra incontaminata la conservazione delle biodiversità convive con lo sviluppo sostenibile delle attività agricole dell’uomo che con la sua presenza da sempre ricopre un ruolo fondamentale.

Ed è proprio grazie a questo rapporto di reciproco scambio tra uomo e natura che nel 2015 la Valle di Ledro è diventata una riserva di biosfera Unesco. Inizieremo incontrando Stefano che con le sue api favorisce l’impollinazione seguendo le fioriture in tutta la Valle.

Conosceremo poi Giuliano che alleva capre e galline libere di pascolare e scorrazzare tra pascoli e sottobosco e scopriremo che cosa è una riserve di biosfera dove si sviluppano progetti utili per il monitoraggio e la salvaguardia di questi ambienti unici.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021, I programmi in onda

Su Raidue va in onda il programma Sport: il circolo degli anelli dedicato alle Olimpiadi di Tokyo. Italia 1 propone la replica di Colorado.

Pubblicato

il

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021. Rai 1 trasmette il film Metti la nonna in freezer con Miriam Leone e Fabio De Luigi. Nove invece ripropone il reality Cambio Moglie con le famiglie Pilato e Battain.

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021, Rai

Su Raidue, alle 21.05, Sport: il circolo degli anelli. Alessandra De Stefano fa il punto sulla seconda giornata delle Olimpiadi di Tokyo commentando con i suoi ospiti i risultati delle principali gare di oggi. Tra le altre, le finali della scherma, fioretto femminile e spada maschile, e il debutto della Nazionale maschile di basket contro la Germania.

Su Raitre, alle 21.20, serata di viaggi con Kilimangiaro Estate. Camila Raznovich ospita lo scrittore Paolo Cognetti e il regista Dario Acocella. Inoltre, Anne De Carbuccia, regista franco-americana che viaggia per i luoghi più remoti della terra per documentare animali e culture a rischio d’estinzione. In scaletta anche servizi realizzati in Costa Rica, Turchia e nello Yemen.

Programmi Mediaset, Nove

Su Italia 1, alle 21.20, il varietà Colorado. Rivediamo la quinta puntata dello show trasmesso nel 2019 e condotto da Belen Rodriguez e Paolo Ruffini, affiancati da Gianluca “Scintilla” Fubelli e i PanPers. Ospite della serata, Maurizio Battista, che propone un monologo sui rapporti familiari. Inoltre, il mago e mentalista Raffaello Corti.

Su Nove, alle 21.25, il reality Cambio moglie. La vita della famiglia Pilato è tutta all’insegna dello sport, mentre la passione dei Battain è… il divano del salotto. Ma quando le mogli Erika e Martina si scambieranno, avranno la possibilità di sperimentare vite completamente diverse.

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021 metti la nonna in freezer

I film di questa sera domenica 25 luglio

Su Raiuno, alle 21.25, il film commedia del 2018, Metti la nonna in freezer con Miriam Leone. Claudia lavora come restauratrice ma non riesce a guadagnare molto denaro. Riesce però a vivere grazie al sostentamento economico della nonna. Quando quest’ultima muore, Claudia pensa di surgelare il cadavere per continuare a prelevare mensilmente la sua pensione.

Su La7, alle 21.30, il film western del 1995, di Sam Raimi, Pronti a morire, con Sharon Stone. Herod, un uomo malvagio che spadroneggia nel paese di Redemption, organizza un torneo tra i migliori pistoleri del West. Tra i concorrenti c’è Ellen, una ragazza coraggiosa che ha una vendetta da compiere.

Su Tv8, alle 21.30, il film commedia del 2002, di B. Sonnenfeld, Men in Black II, con Tommy Lee Jones, Will Smith. Un’astronave con a bordo l’aliena Sarleena atterra a New York con intenzioni ostili. Per fermarla, l’agente J richiama in servizio K, che ha lasciato da anni i Men in Black.

Su 20 Mediaset, invece, alle 21.00, il film di fantascienza del 2005, di Michael By, The Island, con Ewan McGregor, Scarlett Johansson. 2019. Dopo un disastro ecologico che ha devastato la Terra, Lincoln e Jordan scoprono di essere cloni di uomini ricchi ai quali forniranno gli organi in caso di bisogno.

Su Iris, alle 21.00, il film drammatico del 2013, di Baz Luhrmann, Il grande Gatsby, con Leonardo DiCaprio, Carey Mulligan. Long Island, 1922. Il giovane Nick Carraway conosce il misterioso milionario Jay Gatsby e lo aiuterà a incontrare sua cugina Daisy della quale il magnate è da sempre innamorato.

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021 il negoziatore

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021, Paramount, Sky

Su Paramount Network, alle 21.10, il film thriller del 1998, di F. Gary Gray, Il negoziatore, con Samuel L. Jackson. Sospettato di omicidio, l’agente Danny Roman, specializzato nel ruolo di mediatore, si barrica in ufficio prendendo degli ostaggi. Viene allora convocato un altro negoziatore, Chris Sabian.

Su Sky Cinema Due, alle 21.15, il film drammatico del 2015, di Matt Brown, L’uomo che vide l’infinito, con Dev Patel. E’ la storia del matematico autodidatta Srinivasa Ramanujan. Grazie al professore inglese G.H. Hardy lasciò l’India per frequentare il rinomato Trinity College di Cambridge.

Su Sky Cinema Family, infine, alle 21.00, il film commedia del 2003, di Steve Carr, L’asilo dei papà, con Eddie Murphy, Jeff Garlin. Dopo aver perso il lavoro, i pubblicitari Charlie e Phil non riescono più a pagare la costosa retta della scuola privata dei figli. Decidono allora di aprire un loro asilo nido.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Linea Blu 24 luglio: Donatella Bianchi alla scoperta del Mediterraneo

La conduttrice racconta la storia e le bellezze paesaggistiche e marine del Mar Mediterraneo, culla della nostra civiltà.

Pubblicato

il

Linea Blu 24 luglio Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sabato 24 luglio Donatella Bianchi torna in video con una nuova puntata di Linea Blu. L’appuntamento è alle ore 14:00 su Rai 1. Dopo aver visitato l‘Asinara, la conduttrice perlustra il Mar Mediterraneo.

Linea Blu 24 luglio, Mar Mediterraneo

Nella puntata del 24 luglio Donatella Bianchi si occupa del Mar Mediterraneo, che in alcuni punti raggiunge i 5 metri di profondità. Nel corso dei secoli ha subito numerose trasformazioni a causa dello spostamento delle placche litosferiche, dei venti e delle correnti marine. Gli eventi hanno infatti modificato la propria morfologia dando origine a coste e paesaggi di grande suggestione.

Il Mare Nostrum inoltre è da sempre considerato la “culla” delle più importanti civiltà. Essendo un importante punto strategico per gli scambi commerciali  è stato conteso da numerose popolazioni. I Romani, i Greci e i Fenici hanno infatti spesso colonizzato i territori che si affacciano sulle sue coste. Per millenni il Mare è stato solcato non solo da navi mercantili, ma anche da imbarcazioni da pesca e per il trasporto di persone.

Oltre ad essere ricco di storia, il Mediterraneo è anche un ambiente ricco di biodiversità. Qui infatti vivono il 7.5% delle specie marine mondiali. La densità per area è circa dieci volte superiore alla media dell’intero pianeta.

Si possono ammirare, tra gli altri, non solo le grandi cernie ma anche la Lampuga, Merlano, Passera di Mare e la Triglia di Scoglio. Nei fondali invece crescono rigogliosi i coralli, le spugne marine, le Cimodocee e le Posidonie. Per quanto riguarda i volatili è spesso circondato da Gabbiani, Diomedee e Berte che cercano di pescare nelle sue acque.

Linea Blu 24 luglio Mediterraneo

Il bacino del Mediterraneo

Il bacino del Mediterraneo è un’area densamente popolata. Sono infatti oltre 500 milioni gli individui che vivono nelle nazioni che si affacciano su di esso, suddivise nei tre continenti, Europa, Africa e Asia. Tra queste Francia, Spagna, Egitto, Cipro, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Slovenia, Libia, Malta, Libano, Turchia, Tunisia e tante altre.

Le zone attorno al Mediterraneo richiamano ogni anno migliaia di turisti, amanti delle spiagge incontaminate, delle grotte marine e delle acque cristalline. E’ inoltre la meta favorita per gli appassionati delle attività subacquee. In molti hanno trovato nel Mediterraneo il proprio angolo di paradiso.

Linea Blu, Fabio Colivicchi, Mazara del Vallo

Donatella Bianchi però dedica spazio anche Olimpiadi di Tokyo, che si svolgono dal 23 luglio all’8 agosto. Ospita il giornalista Fabio Colivicchi che illustra ai telespettatori i velisti italiani che sono in gara. Sono Elena Berta, Bianca Caruso, Giacomo Ferrari, Giulio Calabrò, Silvia Zennaro, Ruggero Tita, Caterina Marianna Banti, Marta Maggetti e Mattia Camboni.

Questa settimana Fabio Gallo si trova a Mazara Del Vallo. Sale a bordo di un’imbarcazione per raccontare tutte le fasi della pesca e della lavorazione del tipico Gambero Rosso della zona.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it