Popolo sovrano | conferenza stampa in diretta | le dichiarazioni dei protagonisti


Popolo sovrano | conferenza stampa | le parole dei protagonisti. La presentazione del programma di attualità e approfondimento realizzato da Rai2 in collaborazione con Fremantle


Popolo Sovrano è un programma realizzato da Alessandro Sortino che si occuperà anche della conduzione insieme ad Eva Giovannini con la partecipazione di Daniele Piervincenzi. La prima puntata sarà trasmessa giovedì 14 febbraio alle 21.20. Il programma è stato fortemente voluto da Carlo Freccero sulla rete da lui diretta. Prenderà il posto di Nemo – Nessuno escluso.

Ecco le dichiarazioni degli intervenuti alla conferenza stampa

prima di passare alle parole viene proiettato un video che riassume i servizi dela prima puntata dei quali si occuperà Popolo Sovrano.

Dopodiche sul proiettore apare il primo articolo della Costituzione italiana.

Alessandro Sortino :” Sono emozionato pensando al lancio del programma che avverrà giovedi. Il direttore di Rai 2 qualche tempo fa mi ha chiamato e mi ha detto che Enrico Lucci si sarebbe occupato di un programma tutto suo e che Nemo non sarebbe più andato in onda perchè sarà sostituito con un programma figlio di esso ma distaccato. Noi siamo abituati ad entrare in posti dove gli altri non vanno. Vogliamo far parlare i politici di cose concrete. Per questo programma non ci vuole un grande conduttore che canta la solita messa ma qualcuno che sia più vicino al pubblico. Io ci voglio mettere la faccia. Ho un socio narratore, Daniele Piervincenzi ed una persona che condurrà il confronto, Eva Giovannini”.

Eva Giovannini :”Io condurrò un confronto che deve essere civile e non deve denigrare nessuno, nemmeno politicamente parlando. Come dice Alessandro noi dobbiamo cercare di restare all’interno di un perimetro sempre nel rispetto del confronto e del duello civile”.

Daniele Piervincenzi :” Devo molto ad Alessandro Sortino che mi ha riesumato. Io ero stato messo un po’ in ghiacciaia dopo Ostia ma io voglio occuparmi degli ultimi. Spesso i politici a forza di sedersi nei salotti televisivi si scordano della situazione dei cittadini. Noi vogliamo intervenire al fianco dei dimenticati. Siamo tornati ad occuparci dell’ex penicillina perchè abbiamo scoperto che molte persone che vivevano la si sono disperse”.

Interviene il responsabile dei programmi informativi di Rai 2 Gabriella Oberti :” Sono fiduciosa per questo programma che è una costola di Nemo, un prodotto che già ci ha fatto raggiungere grandi risultati”.

La parola passa al direttore generale dei contenuti di Fremantle, Eugenio Bonacci :” Si tratta di una sfida per noi, sia di squadra che di contenuto e la cosa più bella è il senso di responsabilità che c’è su ciò che si fa”.

Le domande dei giornalisti

Come sarà impostato il programma?
Alessandro Sortino :” Il programma sarà in diretta e ci sarà un pubblico di fronte. Io e Daniele porteremo avanti il dibattito, guidati da Eva.
Spesso succede che un politico svia dai temi centrali, come farete a non farlo accadere?
Alessandro Sortino :” Non sarà possibile perchè saranno solo una o due persone dunque non si può non trattare i temi che saranno messi in discussione.”
Popolo Sovrano programma populista?
Alessandro Sortino :”Io odio gli ismi, voglio liberare il Sovrano dal sovranismo e la comunità dal comunismo.”.
Eva Giovannini :” Se noi incardiniamo il racconto televisivo facendo capire che popolo non è una parola singolare già questo fa passare il messaggio”.
Possiamo sapere chi ha accettato la sfida?
Alessandro Sortino:” No, perchè non è stata ancora accettata a pieno da nessuno, ci sono stati dei mezzi si, dei no e dei forse”.
La conferenza stampa termina qui


0 Replies to “Popolo sovrano | conferenza stampa in diretta | le dichiarazioni dei protagonisti”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*