Chi l’ha visto? diretta 18 settembre 2019, dalla novantenne violentata ai figli strappati di Bibbiano


Secondo appuntamento con Chi l'ha visto?, condotto da Federica Sciarelli. Nuove inchieste sullo scandalo di Bibbiano e sulla morte di Annamaria Sorrentino.


La 32esima edizione del format d’informazione che va in onda rigorosamente in diretta, dallo Studio 2 di via Teulada, per mostrare al pubblico che lo segue immagini di repertorio e video amatoriali su persone scomparse da tempo con la speranza che qualcuno chiami in diretta fornendo dettagli o aiuto prezioso per ritrovarle.

Ricordiamo che è possibile interagire con il programma attraverso il seguente numero di WhatsApp: 3453131987. O riferirsi agli indirizzi di posta elettronica ed al centralino, che sono rispettivamente 8262@rai.it e 068262.

Nella prima puntata, 11 settembre 2019

Nella scorsa, e prima puntata di stagione, andata in onda l’11 settembre 2019, la conduttrice Federica Sciarelli, insieme all’ inviato speciale, Pablo Trincia, ex Iena di Mediaset, ha fatto il punto della situazione sul caso dell’omicidio di Piacenza, in cui Elisa Pomarelli, la ventottenne  è stata uccisa e sepolta in provincia di Piacenza in Emilia Romagna, da Massimo Sebastiani. Un altro argomento di cui si è occupa è lo sviluppo sull’inchiesta di Bibbiano.

Anticipazioni sulla puntata

Questa sera, Federica Sciarelli tornerà a parlare dell’inchiesta su Bibbiano, con nuovi documenti inediti e altre testimonianze su come riuscivano a strappare i bambini alle loro famiglie nei casi al centro dell’indagine Angeli e Demoni, argomento trattato anche nella scorsa edizione. 

La trasmissione proseguirà con l’intervento di Angela Lucanto, portata via dalla sua famiglia, quando aveva solo sei anni, per colpa di un errore giudiziario. Il padre, accusato di violenze, è finito in carcere, innocente. Per poi essere assolto, ma la ragazza finita in affidamento e non è più potuta tornare dalla sua famiglia.Una tragica storia da cui ha preso ispirazione la fiction con Sabrina Ferilli L’amore strappato.

A tra poco con la diretta.

Federica Sciarelli inizia il programma annunciando una convalida di arresti a Messina, riguardo una violenza sessuale da parte di due ragazzi minorenni, rispettivamente di 14 e 17 anni, nei confronti di una donna di 90 anni. In studio siamo in collegamento con Monica Briganti, per cercare di capire che è successo. In compagnia del capo delle volanti, il dottor Puglisi, un caso allucinante di violenza, avvenuto sabato scorso di pomeriggio; due ragazzini minorenni, amici del nipote, sono andati a casa della signora e le hanno rubato un mazzo di chiavi, dopo essere usciti, sono ritornati dalla signora. Hanno citofonato, l’anziana fidandosi di nuovo, li ha fatti entrare ma  è stata picchiata, derubata, e violentata.

Hanno rubato pochissime cose. Intorno alle 18:45, la figlia della vittima ha chiamato la polizia. I carabinieri giunti in casa hanno trovato una scena raccapricciante la signora distesa al suolo. Nonostante ciò, ha indirizzato subito le forze dell’ordine nella direzione giusta, perché ha riconosciuto subito le foto dei suoi aggressori. Il caso è stato risolto per la prontezza della vittima. Commissario: “Li abbiamo trovati per strada, e grazie alle indicazioni della signora, la volante era a caccia, e li ha individuati, i due erano piuttosto affannati, trafelati per la corsa fatta, sono stati sottoposti a perquisizione sul posto, il 17 anni è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico, con tracce di sangue, e ha opposto resistenza al pubblico ufficiale”.

La conduttrice fa riferimento ad una diapositiva trovata sul web: “resisti cercheremo di farti uscire al più presto”. Federica: “Se non è un messaggio da parte dei genitori ditelo, chiederemo scusa”. In studio non possono mostrare le fotografie, essendo minorenni. La signora ha avuto una grande forza d’animo, ed è fuori pericolo.

Un nuovo caso viene introdotto, anzi un’emergenza: è scomparsa una signora di 89 anni Amina, da Ponte di Nona. La figlia Laura è preoccupata: “è possibile che abbia accettato un passaggio sbagliato. Federica ho camminato tanto, è stata al bar dal giornalaio, e poi ha preso un autobus lo 051. E’ scomparsa da venerdì, chiunque abbia notizia fatecelo sapere”.

Ci spostiamo sul caso di Annamaria Sorrentino, uccisa dal marito Paolo. Una bellissima ragazza sordomuta, con il sogno di partecipare a concorsi di bellezza, a cui ha rinunciato per la gelosia dello sposo. Annamaria alle 15:30 del pomeriggio del 14 agosto viene lanciata dal balcone. Una dei partecipanti nella chat per sordi, in cui aveva conosciuto anche Paolo ha avvertito la madre dell’accaduto. La spiegazione del marito: “si è buttata dal balcone perché era nervosa”. Dopo due giorni di coma, Annamaria muore. Giorni prima una testimone, dichiara di aver sentito litigare già da giorni. Che cosa stava succedendo, tra Paolo, Annamaria ed i loro amici?

Gli amici della vittima, hanno raccontato alla madre, al fratello e alla sorella, che qualche hanno fa la ragazza incinta da qualche mese perse il bambino, perché veniva picchiata. L’inviato Giuseppe Pizzo è riuscito ad incontrare Paolo: “tu le hai fatto del male quel giorno?”. Paolo: “io pensavo che fosse l’amante di Salvatore, abbiamo discusso, ero geloso, perché era una bella ragazza”. Il marito ha quindi spiegato che la moglie ha deciso di buttarsi dal balcone, mentre stava litigando con il suo amico Salvatore, ammette che era molto geloso, e di averla picchiata.

Ai parenti di Annamaria, la versione di Paolo e dei suoi 5 testimoni non quadra.

Giovanni Casale, 44 anni, scomparso dal 24 agosto. La conduttrice è in collegamento al telefono con la sorella Antonella. Dalla Calabria potrebbe aver preso un treno, ed essere arrivato a Roma, Torino, o essere ritornato in Sicilia. Segni particolari: ha un problema al braccio,  e a livello motorio nel camminare. Antonella fa un appello: “è un ragazzo buono, e non pericoloso, non ha documenti, né cellulare, e ne soldi, non paga il biglietto del traghetto, è entrato dall’uscita, porta le scarpe medico-correttive, ha una borsa a tracolla bianca  e blu a forma cubica”. 

Massimo Torregrossa, 51 anni, scompare da Catanzaro il 13 agosto. Ha tolto la tonaca per indossare abiti civili per amore. Decide di dedicare la sua vita alla chiesa, fino a quando si innamora, ed abbandona il sacerdozio. La sorella: “noi abbiamo appoggiato la sua scelta”. Dal matrimonio sono passati 10 anni, funzionario amministrativo, una delle sue passioni è cantare in un coro. Una vita tranquilla, ma martedì 13 agosto, non si presenta a lavoro, Massimo dice che sta poco bene. La famiglia di Massimo scopre tramite un collega di lavoro della sua scomparsa, e di problemi relativi al suo matrimonio.

La sua auto, un’Alfa 147 è stata ritrovata il 21 agosto, all’interno c’era il bloccasterzo, chiusa, ed era vicino ad un hotel, ma non risulta che ne sia stato ospite. Un testimone è convinto di aver visto Massimo presso la stazione ferroviaria di Tropea, pare avesse litigato con la moglie.

Riguardo al caso di Giovanni Casale, arriva una segnalazione in studio, pare che sia stato ritrovato nei pressi di un supermercato, tutti i testimoni sono sicuri che si trovi in Via Renaccia, a Napoli.

Zona Casalotti, questa signora si è allontanata intorno all’una di notte, la figlia svegliandosi alle 5.30, non l’ha più ritrovata.

Maria Antonietta, è la donna a cui il marito ha dato fuoco. Mentre lui le gettava la benzina è riuscita ad avvertire i Carabinieri: “Nel mio cuore, a livello cristiano l’ho perdonato”. Federica: “è una donna forte, le donne non devono essere crocerossine, anche un solo schiaffo, è uno schiaffo di troppo”. Maria Antonietta: ” voglio guarire ed andare nelle piazze, la forza di denunciare il mio marito è stato quando ha dato uno schiaffo a mia figlia, se una donna prima non denuncia, è perché pensa di farcela, di aiutarlo, noi donne dobbiamo capire che dobbiamo essere rispettate e  chi ti alza le mani non ti vuole del bene”.

Enrico Prosperi, è scomparso da Grossetto, dal 14 settembre 2019, non ha documenti, ha lasciato a casa le chiavi ed il suo cagnolino con cui passeggiava sempre. Molti testimoni dicono di averlo avvistato, ma ancora  nessuno è riuscito a fermarlo.

Ritorniamo, al caso di Giovanni, scomparso, il 24 agosto, ma oggi è stato ritrovato, a Napoli. Il comandante dei vigili, è già intervenuto, i telespettatori di Chi l’ha visto, hanno collaborato per un bellissimo lieto fine. La sorella Antonella, si appresta  a raggiungere il fratello.

La dottoressa Anna Rita Verardo, presenta la macchinetta dei ricordi. Questa macchinetta è stata usata per il caso di Bibbiano. Il bambino numero 4, finisce in affidamento, il padre è accusato di violenza sul figlio, ma nella famiglia affidataria il bambino verrà realmente abusato. Il bambino è stato sottoposto alla macchinetta dei ricordi: ” mi picchia nel sedere, e sulla faccia, mi fa più paura quando mi picchia, non il sesso”.

La dottoressa Verardo: “i bambini molto traumatizzati spesso non sanno elaborare le emozioni. La macchinetta è un ausilio, un accessorio che può o non può essere utilizzato”. 

La mamma affidataria del bambino numero 4, si rivolge agli assistenti sociali, non c’è la fa più, il bambino non vuole fare i compiti, e gli specialisti attribuiscono la colpa al padre, a causa dell’abuso subito.

Il bambino ammette di essere stato picchiato, ma mai di aver subito un abuso. Nel 2018 il Pubblico Ministero, chiede l’archiviazione del caso. Il giudice decide per l’archiviazione, gli abusi da parte dei genitori non sono mai avvenuti, tranne che nella famiglia affidataria.

Seguiamo adesso il caso di Angela Lucanto, la sua vita cambia il 24 novembre 1995, portata in orfanotrofio, perché il padre è in carcere, con l’accusa di pedofilia. Una cugina con problemi psichiatrici lo accusa di aver subito degli abusi. La psicologa, chiede ad Angela di disegnare un fantasma, che pare avere una forma fallica, e conferma così la loro teoria. I disegni sono stati modificati con dettagli da parte dell’assistente sociale. Presto il padre però venne assolto, perché il fatto non sussisteva, e alla ragazza non venne mai data la possibilità di ritornare dai genitori. Angela: “vorrei che le persone che hanno lavorato al mio caso, tutti si facessero avanti, mi dessero delle spiegazioni”.

Lorenzo Burani, è stato ammazzato sei anni fa a colpi di pistola, a Bibbiano. Valeria per il dolore ha perso il bambino in grembo, e si è ritrovata a crescere la sua bambina. L’associazione Angeli e Demoni hanno tentato di portarle via la bimba, invece di aiutarla. Non ha potuto denunciare, altrimenti la figlia sarebbe stata allontanata per due anni in una casa famiglia. Valeria ha vinto la sua battaglia: “dopo due mesi mio padre morì”.

Un ex educatore pubblico, racconta ciò che veniva insegnato ai corsi dell’associazione: “in queste lezioni, si studiavano le tecniche per trasformare un comportamento di naturalezza di un bambino, in comportamenti anomali di abuso. Un metodo per applicare dei protocolli, affinché il bambino ammetta che la madre o il padre siano cattivi.

La conduttrice, mostra le foto di alcune persone scomparse. Mirko Repetti, scomparso ieri a Roma

Scomparso Vicenzo Lazzari, non ha il cellulare, prende dei farmaci.

Scomparso Paolo Rio, ricoverato in ospedale per una botta in testa è ancora in vestaglia e ciabatte.

Riccardo Marino 73 enne scompare il 22 luglio da Etnea, Catania. Sposato con Vita, ha cinque figlie, e si occupava di costruzione. Maurizio, il figlio: “è un esperto del calcestruzzo, è chiamato anche per la costruzione del Ponte Morandi”. Da tempo accusava problemi di memoria, sembra essersi allontanato con un amico, di cui non si conosce l’identità. Porta un borsello adidas rosella, della figlia.

Gianfranco Muscò riceve continue minacce dagli aggressori che hanno fatto irruzione nella sua villetta, probabilmente per divergenze ereditarie.

Scomparsa Xiaolan Zhou, parla poco l’italiano e ha 3 bimbi in Cina.

Scomparso Balal Kahliad Qatabi, doveva prendere un volo da Fiumicino per New York, ma si è sentito male ed è stato ricoverato ad Ostia, da lì si sono perse le tracce.

Marco, allontanatosi da una casa famiglia, forse per raggiungere una fidanzatina, ha solo 15 anni, ed è scomparso.

Termina la puntata in diretta di Chi L’ha visto?.



0 Replies to “Chi l’ha visto? diretta 18 settembre 2019, dalla novantenne violentata ai figli strappati di Bibbiano”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*