Chi l’ha visto?, 13 maggio 2020, la scomparsa di Mirella Gregori


Chi l'ha visto, il programma di approfondimento di Rai 3 si concentrerà sulla storia di Mirella Gregori


Questa sera, 13 maggio 2020, alle ore 21.15 su Rai 3 andrà in onda una nuova puntata di Chi l’ha visto. Il programma di approfondimento si concentrerà sulla storia di Mirella Gregori. Saranno infatti rese pubbliche tre intercettazioni inedite di un uomo che ha telefonato alla famiglia.

Chi l’ha visto?, 13 maggio 2020, diretta puntata

Inizia il programma. Il primo caso della serata è quello di Emanuele Scieri. Sono passati 21 anni dalla sua morte, per la procura militare il ragazzo è stato ucciso dai suoi superiori. Sua mamma Isabella non riesce ad accettare la brutalità dell’accaduto, spera che presto si possa avere giustizia per suo figlio. Il corpo di Emanuele è stato abbandonato per tre giorni sotto il sole d’agosto. I suoi assassini l’avrebbe obbligato a salire su una torre e l’avrebbero colpito calciandolo con gli scarponi.

Uno degli indagati è stato intercettato, mentre confessava di aver fornito alla procura degli stivali alternativi, mai messi. Gli scarponi vecchi li ha invece buttati.

Chi l’ha visto?, la storia di Benito

Si passa a parlare della morte di Elvira. Veronica Briganti incontra nuovamente il suo compagno Benito, che la scorsa settimana aveva raccontato gli ultimi giorni della vittima. In seguito alla messa in onda della puntata, l’uomo ha ricevuto molti messaggi di solidarietà.

Benito stavolta si confida, ricorda episodi della sua infanzia e giovinezza che l’hanno portato a fare scelte che si sono poi rivelate sbagliate.

“Non ho continuato a studiare perchè mi interessava la vita…mi interessava avere la vespetta, mi buttavo con le ragazze. Mi interessava fare questa vita così, ma per farla dovevi avere i soldi in tasca. Allora ho fatto studio professionale per guadagnare e lavoravo di notte, facevo il fornaio. Dormivo dalle 3 alle 8, all’epoca ne avevo di energie” – dice.

Un giorno però Benito rimane fuori casa insieme alla mamma e per tentare di rientrare nell’abitazione al primo piano si arrampica. Cade battendo la testa e da allora la sua vita cambia, non si sente più lo stesso. Viene bullizzato dai compagni, che lo picchiano e gli rompono persino il naso.

Questo insieme di cose lo influenza profondamente ed è costretto a dire addio all’infanzia ed ai sogni. Resta solo nella sua casa in mezzo al bosco, con gli animali a cui badare ed i campi da coltivare.

Chi l’ha visto?, la relazione con Elvira e la solitudine

Anni dopo conosce Elvira e si lega profondamente a lei, ma la donna deve lavorare e si trasferisce in altre città. Benito la richiama spesso, ma dopo sei mesi che è da solo conosce un’altra donna, una signora che va a casa sua per collaborare alla vendemmia. Con lei instaura una relazione che durerà 3 anni, ma continua a vedere saltuariamente anche Elvira. Le due donne si scontrano duramente.

Quando Benito viene lasciato dalla fidanzata, Elvira lo consola, tra i due c’è grande affetto: “Il tradimento nella nostra relazione era quasi sottinteso. Andare a dormire da soli la sera è quasi un incubo”.

Ora che Elvira non c’è più, Benito è solo. La sera va a dormire e ascolta una cassetta di Mina o di De Andrè.

Chi l’ha visto?, la scomparsa di Greta

Filomena Rorro è a Poggiarello (PG), una località boschiva vicino Foligno. Ieri Greta, una bimba di 3 anni, si è incamminata nel bosco insieme ai suoi tre cani. E’ arrivata ad una villa disabitata dove purtroppo è caduta nella piscina ed ha perso la vita. Il corpo è stato ritrovato grazie ai cani, che devono anche aver provato a salvare la bimba. All’arrivo dei carabinieri avevano infatti il pelo bagnato.

Gli abitanti della località sono increduli e non riescono a capire come sia possibile che la piccola Greta abbia percorso da sola 2 km nel bosco. Prima della scomparsa la bimba era a casa del nonno con la mamma e la zia. Era poco dopo pranzo ed era in giardino a cantare e giocare con i suoi cani.

Il custode della villa non era sul luogo nel momento del tragico evento, ma ritiene sia impossibile che Greta sia entrata da sola. Secondo lui deve essere per forza stata accompagnata da qualcuno.

Chi l’ha visto?, la tragica morte di Arianna

Giuseppe lavora in un supermercato. Dopo aver ascoltato la storia di Arianna Flagiello, giovane che ha perso la vita “cadendo” dal balcone, ha deciso di fornire la propria testimonianza. La morte di Arianna, avvenuta nel 2015, fu ritenuta un suicidio, ma poco dopo gli inquirenti capirono che c’era qualcosa di più dietro all’accaduto.

Le indagini portarono a capire che il compagno di Arianna, Mario, la picchiava e la maltrattava anche psicologicamente e verbalmente. La definiva brutta, grassa, la criticava sotto ogni aspetto, facendola sentire un fallimento, la umiliava. Esigeva che lei gli desse tutti i soldi che guadagnava. La sera della morte di Arianna, l’uomo l’avrebbe istigata a lanciarsi dal balcone al quarto piano o forse peggio.

Mario nega tutte le accuse, ma Giuseppe racconta di averlo visto mentre calciava violentemente Arianna dietro la schiena. L’uomo era rimasto basito in quel momento, ma non era intervenuto perchè era successo tutto molto velocemente.

La famiglia e gli amici di Arianna raccontano di aver assistito a scene di violenza, di aver sentito Mario che schiaffeggiava la ragazza. Sono molti gli episodi che portano a pensare che quello di Arianna non sia affatto un suicidio volontario.

Chi l’ha visto?, Gennaro è ancora vivo?

Gennaro è un pizzaiolo, lavora ed abita con il padre a Genova. Dopo che il genitore va in pensione, l’attività chiude ed il ragazzo diventa confuso, fragile. La sorella Eugenia racconta la sua scomparsa.

Un giorno di giugno, Gennaro ha lasciato un biglietto in cui salutava la famiglia dichiarando di voler andare in Germania, a Berlino, per il funerale di un amico. Non c’era però alcun amico morto ed il ragazzo non è mai più tornato. Quando è partito, Gennaro aveva con sé uno zaino con qualche vestito e pochi soldi.

Fino a dicembre è rimasto in contatto con la famiglia, raccontando di essere in Germania, poi non si è più fatto sentire. Il suo cellulare è sempre spento.

A gennaio una multa fa sperare alla famiglia che Gennaro sia ancora vivo. Il ragazzo è stato multato per aver viaggiato su un treno pur non avendo il biglietto. Sarà stato davvero lui o qualcuno si è impossessato dei suoi documenti?

Chi l’ha visto?, l’omicidio di Fabio

Fabio è uscito di casa con le pantofole, come chi deve ritornare di lì a poco. Da allora sono passati due mesi però e la sua famiglia non ha notizie di lui.

Un uomo, Andrea, è stato intercettato mentre raccontava ad un amico di essere stato pagato per uccidere un “ragazzino” e di aver fatto sparire il corpo. Andrea è stato poi arrestato perchè era in possesso del motorino di Fabio.

La mamma di Fabio non riesce a capire come sia potuto accadere. Suppone che suo figlio sia stato attirato in una trappola da qualcuno che lui credeva suo amico. Chiede aiuto per scoprire la verità sulla morte di suo figlio e per ritrovare il corpo.

Chi l’ha visto?, la scomparsa di Mirella Gregori

Si passa a parlare del caso di Mirella Gregori. Un uomo telefonò al bar della sua famiglia dopo la scomparsa della ragazza. Ascoltiamo le intercettazioni in cui l’uomo esorta i familiari a chiedere al Presidente della Repubblica di fare un appello pubblico.

La sorella svela che al momento non c’è nessuno che indaga sul caso di Mirella, eppure tanti sarebbero gli indizi da analizzare. “Dopo 37 anni sono ancora qui a cercare mia sorella. Abbiamo il diritto di scoprire cosa le è accaduto” – dice la donna.



0 Replies to “Chi l’ha visto?, 13 maggio 2020, la scomparsa di Mirella Gregori”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*